SANREMO 2016: i giochi stanno per chiudersi, quali BIG sceglierà CARLO CONTI?

sanremo2016big

C’è gran fermento in queste settimane tra gli artisti italiani. Il motivo come sempre è riconducibile al Grande Evento: il Festival di Sanremo.
Mancano ormai poco meno di due mesi e mezzo all’inizio del Festival della canzone italiana e, come ogni anno, decine di artisti si sono messi in fila per conquistare uno degli ambiti posti sul palco dell’unica manifestazione musicale italiana che può regalare una grande visibilità, la più grande promozione per un album in uscita, e persino defibrillare un disco che non decolla.

Tutto dipende dalle canzoni” ha affermato nelle scorse settimane Conti… e a quanto pare il livello dei brani presentati è così alto che, come l’anno scorso, si è trovato costretto a portare il numero dei Big in gara a 20 (vedi qui). I tanti che hanno presentato un brano conosceranno il proprio destino domenica 13 dicembre durante L’Arena di Massimo Giletti in onda su Rai 1. E con così poco tempo rimanente è ovvio che il direttore artistico avrà ormai un quadro abbastanza chiaro della situazione e per molti di loro i giochi potrebbero essere già chiusi.

Prima di lanciarci con le nostre considerazioni riguardo al cast di Sanremo 2016 è necessario sottolineare che nessuno qui o in altri siti detiene la sfera magica; nessun giornalista o blogger è a stretto contatto con Carlo Conti e, anche se lo fosse, di sicuro il presentatore non si farebbe sfuggire nulla al riguardo. Quindi nessuno di noi potrà sapere l’effettivo cast fino al prossimo 13 dicembre né prevedere alcune incognite (vedi l’anno scorso I Soliti idioti e la Coppia Di Michele/Coruzzi).
Detto questo, gli artisti che citeremo (meno di una trentina) non sono frutto di un elenco buttato a caso, ma risultato di considerazioni, chiacchierate con gli addetti ai lavori, voci di corridoio e qualche certezza arrivata qua e là.

Partiamo da quello che dovrebbe essere il colpaccio del Carletto nazionale. Sembra ormai quasi certa la presenza al Festival di Alessandra Amoroso, l’unica artista proveniente da un talent show con all’attivo una carriera che procede senza grosse difficoltà (e senza bisogno del Festival va detto) da ormai sette anni.
Tutti i direttori artistici sanremesi hanno cercato la cantante negli scorsi anni ma nessuno è riuscito a convincerla, nonostante lei abbia manifestato la voglia di salire prima o poi su quel palco. Oggi per Alessandra, con un nuovo album in uscita, e un disco in spagnolo in promozione in Sudamerica che sta dando buoni risultati, potrebbe essere arrivato il momento giusto.

alessandraamoroso

C’è poi un altro nome a cui Conti ha fatto la corte in queste settimane, un artista che fa parte della storia della nostra musica e che mai ha calcato il palco del Festival come concorrente in gara: trattasi di Edoardo Bennato fresco della pubblicazione di un nuovo lavoro discografico (davvero ottimo tra l’altro) che, purtroppo, non sta riscuotendo in classifica i giusti meriti.
Si sa, il presentatore ha dimostrato di avere due pallini fissi in testa: portare a Sanremo artisti che non sono mai saliti sul palco dell’Ariston o riportarne altri che mancano da molto tempo.

Rimane in pole position Suor Cristina (o Sister Cristina, com’è conosciuta all’estero), che per certo un brano alla commissione sanremese lo ha presentato, come rivelato proprio al nostro sito in una recente intervista. Non prendiamoci in giro, la suora vincitrice di The Voice è senza dubbio un personaggio che, televisivamente parlando, potrebbe attirare la curiosità dei media, del pubblico generalista di Rai 1, e probabilmente anche di quello internazionale che l’ha conosciuta grazie alla blind audition del talent show che ha fatto il giro del mondo. E poi permettetemi, ma io rimango tuttora molto curioso di conoscere chi curerà lo styling della signorina Scuccia.

suorcristina

Veniamo ad un’artista che sarà quasi certamente sul palco dell’Ariston e che, come del resto è avvenuto lo scorso anno, farà discutere parecchio il popolo del web. Trattasi di Bianca Atzei, l’interprete su cui, da alcuni anni a questa parte, la Baraonda/Rtl 102.5 punta di più. Bianca canterà una canzone di Gianluca Grignani e lo farà in duetto proprio con il cantautore milanese come All Music Italia vi aveva anticipato per primo settimane fa in questo articolo ripreso poi da diversi altri siti. Entrambi hanno già partecipato al Festival lo scorso anno ma si sa, i duetti piacciono al pubblico del Festival, e Conti ha dimostrato di apprezzare Bianca inserendola con grande sorpresa di tutti tra i Big.

atzei

Prepariamoci anche al ritorno della vincitrice di Sanremo 2014, Arisa. La cantante che quest’anno ha ricoperto il ruolo di valletta al Festival è stata fortemente voluta da Conti e non si è fatta di certo desiderare. Così, dopo aver conosciuto negli scorsi mesi lati inediti di lei attraverso i social e la televisione (Arisa cuoca, Arisa zia, Arisa scalatrice, Arisa valletta, Arisa trucco e parrucco…) finalmente potremo tornare ad ascoltare Arisa che canta.

arisa

Passiamo ad un nome che dovrebbe mettere d’accordo tutti per storia, classe e appeal: la diva della musica italiana Patty Pravo. La cantante ha pronto un disco che vanta firme importanti e variegate (da Gianna Nannini a Tiziano Ferro, da Giuliano Sangiorgi ad Emis Killa), la cui uscita è ferma già da un po’ di tempo. Negli scorsi giorni Patty è stata vista proprio negli uffici di Conti, quindi ci resta solo capire quale, e di chi, sarà il brano presentato.

Fin qui diciamo che, a scanso di sorprese dell’ultimo momento, dovremmo andare abbastanza sul sicuro. Di seguito invece i nomi che hanno “parecchie possibilità” di essere nel cast della kermesse.

Partiamo con l’ex rossa (ora fucsia in stile Winx) Chiara. La cantante, già presente al Festival per due volte in tre anni di carriera, ha presentato con certezza una canzone che avrebbe convinto Conti a riportarla al Festival per il secondo anno consecutivo. Dovremmo poi assistere ad un bel ritorno, quello di Fabrizio Moro. che manca da qualche anno e, nonostante sia impegnato nel ruolo di insegnante ad Amici di Maria De Filippi, sarebbe in un momento propizio per dare una maggior visibilità al suo ultimo disco, Via delle girandole 10 (tra l’altro Moro dovrebbe essere uno dei nomi coinvolti tra gli autori dell’album della Atzei).

chiara

C’è poi Neffa. Qui l’amore è sicuramente reciproco. Nella prima intervista rilasciata da Carlo a Tv Sorrisi & Canzoni dopo la conferma del suo secondo anno alla guida della kermesse, il presentatore ha fatto proprio il nome del cantautore salernitano tra i desiderati. Lo stesso artista, giusto qualche settimana, in contemporanea con l’uscita del nuovo album Resistenza, ha dichiarato di essere intenzionato a tornare al Festival. Se a questo aggiungiamo che purtroppo Resistenza è stato un sonoro flop, è facile che immaginare che il cantautore sia in gara con una bella riedizione dell’album già pronta per essere distribuita nei negozi.

Abbiamo poi una giovane cantante che spesso è stata associata a Sanremo (e pare che ci siano stati almeno due tentativi da parte dell’etichetta negli ultimi anni): trattasi di Francesca Michielin. La cantante è ancora in cerca di una collocazione discografica definitiva visti gli alti e i bassi del suo percorso. Nell’ultimo anno infatti, grazie ad un duetto con Fedez, Francesca è stata riportata prepotentemente al centro dell’attenzione del pubblico, che non è calata con il singolo da solista uscito qualche mese dopo, L’Amore esiste. Differente risultato invece per quel che riguarda i singoli successivi e l’album uscito a fine ottobre, il cui riscontro è stato decisamente tiepido ed ora per la Sony Music mandarla a Sanremo potrebbe essere una priorità.

michielin

Rimanendo in ambito Sony Music (casa discografica che lo scorso anno aveva in gara tra prodotti e distribuiti 9 artisti sui 20 totali) sappiamo con certezza che Lorenzo Fragola ha presentato un brano alla commissione, ma le possibilità di rivedere anche lui per il secondo anno consecutivo dovrebbero essere davvero poche anche per evitare l’effetto “Sanremo 2016 repackaging di Sanremo 2015“. Tra i cantautori ci sarebbe poi Daniele Silvestri, che ha programmato le date del suo nuovo tour legato al nuovo album proprio per il periodo post Sanremo. Nel suo caso tutto dipende dalla canzone, anche se potrebbe essere avvantaggiato dal fatto che Samuele Bersani, contattato da Carlo Conti in persona, dopo aver preso tempo per pensarci su, ha definitivamente declinato l’offerta di tornare all’Ariston. Quindi l’altro antagonista cantautore in casa Sony che potrebbe giocarsi il posto con Silvestri è Federico Zampaglione con i suoi Tiromancino rimasti orfani del fratello Francesco.

Ricordiamo anche Francesco Renga, quel tipo di cantante capace di mettere d’accordo giovani e meno giovani, con un forte appeal sul pubblico femminile. che ha concluso il nuovo album dopo gli ottimi risultati di Tempo reale, uscito a seguito della partecipazione a Sanremo 2014. Difficilmente Carletto se lo farà scappare.

renga

Anche Noemi è intenzionata a tornare a Sanremo dopo l’esperienza come coach a The Voice of Italy. In caso di riscontro positivo per lei sarebbe la quarta volta in gara dopo le partecipazioni del 2010, 2012 e del 2014.
Ma c’è un’altra cantante che potrebbe contendersi teoricamente il posto con lei, un’artista che, data per certa fino a qualche mese fa, è stata poi cancellata dalle varie liste nel web. Parliamo di Giusy Ferreri.
La cantante sta vivendo un nuovo momento d’oro dopo l’inaspettato successo del duetto con Baby K, Roma-Bangkok, canzone vincitrice di ben 5 dischi di platino, ed è al lavoro da diversi mesi (vedi qui) sul nuovo album che la vedrebbe tornare al pop dopo la strada più “sperimentale” dell’ultimo disco. Sappiamo anche che il 4 dicembre uscirà un Best of con alcuni inediti che la Sony ha giustamente impacchettato per sfruttare il successo ritrovato con le giuste tempistiche.
Proprio per questa nuova uscita discografica, tutti pensano che la Ferreri abbia accantonato l’ipotesi Festival, nonostante avesse un brano pronto da presentare a Conti. Ma siamo certi che sia davvero così inverosimile l’ipotesi di far uscire un album di inediti a due mesi dal Best? Chissà, quel che è certo è che in discografia ormai le regole a cui eravamo abituati sono state sovvertite più e più volte.

N.B. Qualche ora dopo l’uscita di questo articolo Giusy Ferreri ha confermato via Adnkronos che non sarà al Festival di Sanremo

syria

Capitolo rap. Da diversi anni il Festival si è aperto al genere che riesce a riscuotere grande successo tra i giovani. In rete si fa spesso il nome di Briga ma, secondo noi, a contendersi quell’unico posto potrebbero essere due artisti. Clementino, che non ha mai calcato quel palcoscenico e da anni esprime il desiderio di salirci nonostante i tentativi andati a vuoto fino ad oggi, e poi Rocco Hunt, che proprio sul palco di Sanremo ha trovato il grande successo vincendo tra i giovani nel 2014. Il nuovo album SignorHunt sta faticando un po’ in classifica quindi una nuova spinta non farebbe di certo male.

Da qui in avanti tutto si fa più nebuloso ed è realmente difficile capire le scelte che farà il direttore artistico fra i nomi presenti in questo “rush finale”.

Partiamo da un nome della vecchia guardia che ha pronto un disco ricco di duetti di spicco (tra cui quello con Mina): Fausto Leali. Si mormora che Conti lo volesse al Festival in duetto con una donna piuttosto che da solista. Del resto Fausto non è nuovo ai duetti su quel palco, da quello vittorioso con Anna Oxa fino a quello con Luisa Corna. C’è poi un’altra giovane cantante che ha presentato con certezza una canzone, ovvero Annalisa. Anche lei però è tra i nomi presenti al Festival del 2015 e questo potrebbe penalizzarla a meno che il pezzo non abbia fatto letteralmente impazzire Conti. Tra l’altro per la cantante si era parlato anche di una possibile partecipazione in duetto, forse con il compagno di scuderia, il rapper Raige, con cui tra l’altro ha già duettato la scorsa estate e il cui disco di esordio in uscita con Warner Music è al momento in stand by.
Restando in ambito Warner Music chi la spunterà tra Alessio Bernabei al suo debutto da solista e Marco Carta? Il secondo ha il disco pronto ormai da diversi mesi e per lui la partecipazione sarebbe quasi vitale in questo particolare momento di stallo. D’altro canto l’occasione di ospitare il debutto da solista di Bernabei per Conti è decisamente ghiotta, soprattutto se la Baraonda deciderà, come è probabile che sia, di presentare i Dear Jack al debutto con il nuovo cantante Leiner. Vogliamo mettere l’adrenalina dello scontro in gara tra la band e l’ex frontman? Dati d’ascolto alle stelle nel target giovane assicurati.

alessiobernabei

Sempre in casa Warner Music ci potrebbe essere un altro “scontro”. Quello che riguarda due donne che festeggiano rispettivamente i vent’anni e i trent’anni di carriera. Parliamo di Syria e di Paola Turci, due artiste che, nonostante la quasi totale lontananza dal piccolo schermo e soprattutto dal palco di Sanremo che le ha lanciate, hanno continuato a portare avanti con coerenza il loro percorso artistico tenendo duro in un periodo non dei migliori per la musica. Ecco, artiste come loro negli scorsi anni sono state scartate al di là della qualità del brano presentato. Per Conti dar loro nuova visibilità su quel palco sarebbe non solo una scelta coraggiosa ma soprattutto un atto di stima verso la musica e chi porta avanti il suo progetto con costanza e sacrificio.

Un’altra donna che al momento necessiterebbe del “trattamento Sanremo” è Dolcenera. Il suo ultimo album, Le Stelle non tremano, nonostante sia stato anticipato da quattro singoli, non ha decisamente raccolto i risultati sperati, ed è uscito dalla Top 100 della classifica Top of Music di Fimi/GfK in meno di due mesi. In ogni caso la cantautrice ha già una ballad perfetta per Sanremo che ha tenuto fuori dall’album come ci aveva rivelato in una recente intervista. Ennesima incognita Valerio Scanu, già presentatosi lo scorso anno e pronto a riprovarci. Il cantante viene da un periodo di massiccia esposizione televisiva a partire dall’Isola dei Famosi per arrivare alla recente vittoria a Tale & Quale Show. Il prossimo Sanremo potrebbe consacrare “definitivamente” la carriera del cantante sardo.

E Benji & Fede? Il loro nome era circolato con insistenza nelle prime settimane per poi sparire lentamente. I due YouTuber, nuovi idoli del teen pop, non possono certo lamentarsi visto il disco d’oro conseguito con l’album di debutto, che però, finite le date instore, sta iniziando a cedere in classifica, chiaro segnale che oltre al pubblico del web servirebbe aggiungere quello che deriva da una grande platea televisiva come il Festival per cementare la popolarità.

benjifede

Tasto dolente, i giovani dello scorso Festival che, come è noto, non hanno brillato nelle vendite. Tra loro si sono sicuramente presentati il vincitore Giovanni Caccamo e Amara.
Qui le ipotesi sono tre:
Ipotesi uno – Carlo Conti decide di non chiamare nessuno di loro al Festival. In questo caso si darebbero due segnali negativi, ovvero l’ammissione che nessuno dei giovani dello scorso Festival abbia lasciato il segno, e l’abbandono di talenti che avrebbero bisogno di sostegno per consacrarsi.
Ipotesi due – in pieno “stile Baudesco” Carlo decide di chiamare di diritto in gara il vincitore Giovanni Caccamo.
Ipotesi tre – Conti sceglie in base alla canzone (come avvenuto nel recente passato per Renzo Rubino preferito ad Antonio Maggio) e porta con sé Amara. Le già citate voci di corridoio raccontano che la nuova canzone della cantautrice toscana lo abbia davvero colpito.

Ulteriori rumor?
Potrebbe esserci spazio per qualcuno di questi nomi: Elio e le Storie Tese (l’ironia non guasta mai e Carlo ha già dimostrato l’anno scorso di apprezzare, inoltre Elio ha chiaramente detto di voler tornare all’Ariston), i Bluvertigo (Morgan sarà coach a The Voice, però potrebbe voler bilanciare il ritorno in tv con un comeback musicale e la canzone ci sarebbe), la coppia ormai più televisiva che musicale D’Alessio/Tatangelo, i probabili vincitori di X Factor, gli Urban Strangers, Loredana Errore in cerca di riscatto umano e professionale e la strana coppia formata da Tonino Carotone e il Piotta (che però hanno smentito una loro collaborazione sul palco di questo Festival) e Niccolò Agliardi, stimato cantautore e autore per Braccialetti rossi, Laura Pausini e molti altri, per cui quel palco sarebbe il coronamento di un ottimo percorso musicale che dura da dieci anni. Altro nome di cui si parla negli ultimi giorni è quello di Matteo Beccucci che si presenterebbe sul palco del Festival con un duetto ancora misterioso.

A Sanremo tutto può succedere, nel bene e nel male, i pronostici possono essere ribaltati da un momento all’altro e quando penso ai direttori artistici impegnati nella chiusura del cast mi viene sempre in mente quella canzone che fa: “Vengo anch’io! No, tu no… e perché? Perché no!“.

Nell’attesa sappiamo conosciamo i nomi dei primi super ospiti italiani: Laura Pausini, Eros Ramazzotti e i Pooh.

  Cresciuto con la passione per la musica dopo l'adolescenza inizia a frequentare il Music Business. Le sue prime esperienze avvengono nel campo dei fan club, nel corso degli anni ne crea e porta al successo diversi. Col tempo affina le sue capacità in vari settori del campo musicale. Tour manager per Barley Arts, Personal Assistant per Syria, Niccolò Agliardi e, per sette anni, con Gianluca Grignani. Di quest'ultimo scrive anche la biografia Rokstar a metà. Dopo essersi cimentato come produttore con l'ex "Amici di Maria De Filippi, Eleonora Crupi con cui incide quattro singoli portandola a duettare al Mediolanum Forum con Laura Pausini a febbraio del 2014 crea e lancia il sito All Music Italia che, in pochi mesi, diventa una realtà consolidata del panorama dell'informazione musicale sul web, tra i siti leader del settore. Da diversi anni è giudice in diverse manifestazioni musicali tra cui il Coca Cola Summer Festival, in onda su Canale 5.
segui su:

  • Pino Voltolini

    Vorrei vedere i NOMADI a San Remo perchè da 52 anni sono la storia della musica italiana e vanno avanti senza alcun apoggio o raccomandazione