23 Ottobre 2014
di News, Interviste
Condividi su:
23 Ottobre 2014

NEW GENERATION: INTERVISTA A YLENIA LUCISANO

La cantautrice Ylenia Lucisano ci parla di se stessa, dei nuovi progetti e del suo Piccolo Universo, svelandoci il prossimo singolo a ottobre: l'intervista!

Condividi su:

“Vi svelo tutte le anime del mio Piccolo Universo”

Arriva su All Music Italia una giovane cantautrice di origini calabresi (ma milanese d’adozione!) che in questi mesi abbiamo seguito con molto interesse ed entusiasmo, perché siamo certi che in futuro sentirete molto parlare di lei e del suo talento: il suo nome è Ylenia Lucisano ed esattamente lo scorso 15 aprile, è uscito il suo primo lavoro discografico, l’album di debutto Piccolo Universo, per Bollettino Edizioni Musicali (distribuito da Artist First), nonché argomento principe della nostra chiacchierata.

Fresca vincitrice del Premio Lunezia 2014 nella categoria Nuove Stelle, Ylenia mira con determinazione nuovi orizzonti artistici: ci ha svelato in esclusiva l’imminente rilascio di un nuovo singolo (lo scoprirete leggendo più avanti!) ed è al lavoro sul secondo album, ma i progetti in cantiere sono tanti.

…Non vi anticipiamo altro, buona lettura!

COVER_PiccoloUniverso

Ciao Ylenia, siamo molto contenti di averti ospite su All Music Italia per la nostra rubrica New Generation!
Come stai? Cosa stai facendo in questi giorni? Sappiamo che venerdì prossimo, 17 ottobre, hai un impegno molto importante… (Questa intervista è stata realizzata qualche giorno prima del 17 ottobre .Nda)

Grazie mille! Sto bene, sto già lavorando a nuovi progetti in realtà: dopo aver mosso il primo passo, devi continuare a evolverti e a scrivere. Sto pensando al mio secondo disco, ai testi, alle eventuali collaborazioni.
Venerdì ho un impegno molto importante, è vero, mi esibirò a Novara per l’ Amore Disperato Festival e sono felice di essere stata scelta: sarà una serata all’insegna delle donne e avrò l’opportunità di condividere il palco con la grande Nada, veramente un simbolo della musica femminile in Italia.

Hai vinto il Premio Lunezia 2014 nella categoria Nuove Stelle col tuo album d’esordio che s’intitola Piccolo Universo, ecco… tutto quadra a pennello!
Pensi che il mestiere dell’artista rientri nella tua mappa natale?

Guarda, rientra assolutamente: sono nata in una famiglia di artisti uomini, chi fa l’attore, chi canta, chi scrive… l’amore per l’arte è intrinseco, dev’essere nel DNA.
Mi sono appassionata prima al canto, poi alla scrittura. Ho capito che volevo costruirmi una strada e che la mia non era stata solo una fissa adolescenziale: così dalla mia Calabria mi sono trasferita a Milano per concretizzare il sogno, poter vivere di musica, cosa che adesso è praticamente impossibile, soprattutto per chi come me sta iniziando. E’ difficile per chi è un big, figuriamoci per chi è emergente… Però non demordo, tutte le gratificazioni che ricevo mi aiutano a tenere duro e a continuare il mio percorso.

Cosa ha rappresentato per te vincere quest’ambito riconoscimento?

E’ stato un premio per me e per tutte le persone che hanno lavorato con me ad oggi, dall’arrangiatore Silvio Masanotti, al produttore Riccardo Vitanza, a chi ha fatto i video, a chi ha suonato gli strumenti del disco… è stato un lavoro fatto col cuore, al di là di qualunque altra aspettativa o motivazione legata al budget ad esempio, che c’è da dire, non era altissimo.

Quanto tempo ti ha portato via la realizzazione dell’album?

Guarda, si potrebbe dire che il lavoro sia iniziato da 5 anni a questa parte, perché molte canzoni sono nate nel corso di questo arco di tempo. La produzione vera e propria ha preso circa 5 mesi, dal novembre 2013: sono stati curati anche i minimi dettagli, abbiamo lavorato con tranquillità. Sai, quando realizzi il primo disco hai premura che venga in un certo modo, allo stesso tempo cerchi di capire come muoverti, che brani scegliere, non hai ben chiaro cosa il pubblico si aspetti da te… non è come quando sei arrivata al sesto o al settimo album. Se noti, nel disco trovi generi differenti, il folk, il pop, il cantautorale: contiene tutte le anime del mio piccolo universo e non potevo che intitolarlo così.

Piccolo Universo è anche il primo brano in tracklist, che oltre a dare il nome all’intero lavoro, ti ha regalato molte soddisfazioni. Una su tutte è stata l’occasione di cantare un testo di Pacifico, paroliere apprezzatissimo e riconosciuto per aver scritto per cantanti immensi, potremmo citare Gianna Nannini, Malika Ayane, Anna Oxa, Adriano Celentano, Fiorella Mannoia… la lista è lunghissima!

Sì, sono stata onorata di entrare a far parte anch’io di quella lista!
E’ andata così: il mio produttore Riccardo, che nutre un rapporto di profonda stima e amicizia con Pacifico, gli ha fatto ascoltare il disco in fase di pre-produzione, per avere eventualmente un parere e qualche buon consiglio sulla direzione da prendere. Il brano Piccolo Universo già esisteva, anche se non ci convinceva, personalmente non ero molto contenta del testo che avevo scritto; Pacifico ha apprezzato molto la melodia e si è offerto, con mia grande sorpresa, di scrivere delle nuove parole, mettendo a fuoco l’idea embrionale che io avevo pensato per la canzone.

Ci parleresti del videoclip?

Certo, devo dire che Giacomo Triglia (il regista, ndr) è stato proprio bravo a mettere in immagini quello che volevo esprimere attraverso il disco: nella mia sagoma si alternano tutte le “altre me”, tutti gli stati d’animo. Poi naturalmente dietro c’è tutto un lavoro imponente di post-produzione, perché lo abbiamo registrato con la tecnica del green screen, in Calabria, la mia terra in cui ho realizzato anche la clip di Movt Movt, e che mi piace coinvolgere quando posso, nel mio percorso artistico.

Hai detto che Pacifico è riuscito a centrare alla perfezione la tua visione dell’amore. Nel brano canti: “Posso imparare dalle mie paure”.
Di cosa ha paura Ylenia Lucisano?

Ahahah… ce ne sono tante di paure, chi non ne ha! A detta dei miei amici sono una ragazza forte, vivo lontana dalla mia famiglia da 5 anni, mi mantengo da sola e via dicendo, ma ti assicuro che il mio coraggio è direttamente proporzionale alle paure che ho. E sto cercando di superarle… difficile dire quale sia quella che mi attanagli di più! Forse potrei dirti che a volte temo, per via del lavoro che mi son scelta, di restare da sola dal punto di vista affettivo, perché ho dei tempi sempre molto stretti, non sono mai a casa e in più ho un carattere pazzerello. Ma nonostante io non sia molto tradizionalista, spero di trovare la mia anima gemella come tutti, un uomo che mi sappia apprezzare per come sono e che riesca a star dietro ai miei ritmi, benché la cosa non sia semplicissima.

Riscoprirmi vede un’altra presenza importante nel tuo album, in quanto il testo di questa traccia ti è stato regalato dal bravo Daniele Ronda.

Con Daniele c’era un’amicizia da un po’ di tempo: gli ho chiesto se avesse un brano che potesse stare bene all’interno del disco e naturalmente, se volesse concedermi l’onore di cantarlo. Era la prima volta che collaboravamo, tant’è che lui mi ha detto subito: non è automatico che il primo brano che ti darò, andrà bene. E invece…

Ricordo che mentre ero in metropolitana, mi arrivò una sua mail con l’mp3 di Riscoprirmi: la ascoltai con le cuffiette e mi venne da piangere, perché mi emozionai profondamente. Il brano era bellissimo, lo sentivo perfettamente aderente a me e alla mia sensibilità. Poi i suoi contenuti sono molto delicati, a dispetto del fatto che non siano affatto semplici da raccontare, ma Daniele, pur essendo un uomo e tra l’altro molto bello e corteggiato dalle donne, è stato bravissimo in questo, ha usato la giusta dolcezza e mi ha sorpreso molto.

Il brano ha per argomento l’autoerotismo al femminile, che come hai dichiarato tu stessa, rappresenta ancora un tabù per le molte donne.
Perché questa società ci vuole ancora così bigotti e mortificati nella nostra passionalità, laddove questa non segua certi schemi prestabiliti? Come ne possiamo uscire secondo te?

Bella domanda! Come ti dicevo, Daniele è stato molto bravo a immedesimarsi nel punto di vista femminile, che è diverso da quello maschile in quanto quest’ultimo probabilmente percepisce l’autoerotismo con maggiore carnalità, come qualcosa di cui parlare al bar con gli amici. Fortunatamente parlare di “tabù” sta diventando anacronistico, anche se molte donne lo vivono ancora così ed è vero che la società sembra essere rimasta indietro di parecchi decenni per tanti aspetti.

La soluzione? Svecchiare il modo di pensare e dare spazio alla gioventù, in tutti gli ambiti della società e soprattutto in politica. Tra noi giovani parliamo di tutto, ma se nella conversazione subentrano persone più grandi si fa più fatica e certi argomenti non vengono accolti nel giusto modo: questo non va bene, è un peccato.

Riscoprirmi è fra i brani più coraggiosi di Piccolo Universo e perciò lo lancerò presto, entro il mese di ottobre, come terzo singolo: lo merita davvero!

Dunque ci dai una notizia in esclusiva, ne siamo molto felici! Tornando all’album, nella tracklist si notano tre titoli in vernacolo calabrese. Come mai questa scelta artistica? Il dialetto sarà una presenza costante nella tua produzione anche in futuro?

Assolutamente, ho iniziato da un anno a questa parte a scrivere in dialetto e non escludo un giorno l’uscita di un album tutto in calabrese!

A differenza delle altre canzoni dell’album, quei tre titoli non derivano da una scelta, ma più che altro da un’esigenza. E’ nata per prima Movt movt e chi lavorava attorno a me ha apprezzato subito il pezzo e la mia naturalezza nel cantarlo. Forse quelle in dialetto sono le canzoni che han rappresentato la vera fortuna del disco: hanno iniziato a seguirmi molte persone del sud, tanti calabresi che vivono all’estero o in Italia, ma lontani dalla terra d’origine come me. Ed è bello sentirsi dire da queste persone che condividono la mia esperienza e fanno sacrifici come li faccio io, frasi di apprezzamento e di entusiasmo verso ciò che scrivo… E’ una gratificazione prima di tutto umana, oltre che professionale.

Le tracce cui ci stiamo riferendo sono naturalmente A mot e luna, Movt movt e Jett ‘u sal. Mi sapresti definire, con un aggettivo per ciascuna, le tre composizioni? Anche A mot e luna verrà lanciato con un videoclip com’è stato per gli altri?

Allora… vediamo un po’, A mot e luna per me è sensuale: al di là del fatto che a parlare sia una donna molto arrabbiata per l’atteggiamento lunatico del suo uomo, il suo modo di parlargli è molto determinato e sensuale, perché ciò che vuole in definitiva, è attirarlo a sé; Jett ‘u sal è una canzone… divertente! (ride, ndr) Ti trascina a ballare, ecco; Movt movt invece, è una canzone coraggiosa.

Riguardo al videoclip di A mot e luna, almeno per il momento non è previsto, mi piacerebbe molto: si sa, in questo mestiere le cose si programmano giorno per giorno, sicuramente dipendesse da me, realizzerei una clip per ciascuna traccia del disco!

Parlando dell’ottava canzone dell’album, canti che davanti allo specchio (il titolo) non puoi mentire, perché non riusciresti a reggere il tuo proprio sguardo.
Quando sei sul palco ti senti un po’ davanti a uno specchio? Non ti intimorisce l’idea che nel tempo tu possa diventare così famosa e perciò osservata, da essere costantemente sotto pressione (o sotto esame, se vuoi) come i grandi artisti?

Ti dirò, nella vita sono una persona piena di insicurezze, ma sul palco mi sento me stessa, mi scopro molto più forte e a mio agio, perché mi carico con l’energia che mi arriva dalle persone intorno. Sono ben cosciente del fatto che man mano che acquisisci popolarità, aumentano la pressione e gli occhi della gente che ti guarda, ma fa parte del gioco. I riflettori o il gossip non mi spaventano, credo che non mi infastidirebbero più di tanto, poi naturalmente trovarsi nelle situazioni è un’altra cosa. Però non mi dispiacerebbe per niente, nel senso che voglio fare musica e sono pronta ad affrontare tutti gli aspetti di questo mestiere.

Un angelo senza nome chiude la tracklist e contiene il featuring della pianista Giulia Mazzoni.
Come mai l’hai scelto per il finale del disco? Da quanto tempo vi conoscete con Giulia?

C’è una conoscenza pregressa con Giulia e siamo molto legate: anche lei ha da poco debuttato con un disco e, nonostante i nostri lavori siano usciti in tempi diversi, si trattava del primo album per entrambe, perciò abbiamo condiviso la gioia e le emozioni forti che si provano quando produci il tuo album d’esordio, ci siamo sostenute a vicenda.

Giulia si è messa in gioco in Un angelo senza nome: amo questa traccia e ho deciso di chiudere il mio disco con lei, perché secondo me era giusto così. Inoltre, era la posizione migliore per un brano con pianoforte e voce.

Un angelo senza nome inoltre, ha avuto giustizia nell’essere stata scelta come inno dell’associazione benefica dei City Angels: la usano in apertura di ogni loro riunione e io stessa a novembre la canterò per il loro evento a Rimini.

Sei tu che canti e che scrivi le tue canzoni, cosa che di questi tempi (complice forse anche la presenza preponderante di ex talent-ati nel mercato discografico) non accade più così automaticamente come succedeva in passato, e pertanto è vero che in giro si trovano più spesso interpreti in cerca d’autore, che non il contrario.
Detto questo, ti piace di più cantare o scrivere? A chi regaleresti un tuo brano e perché?

Le due cose nascono insieme, faccio fatica a scegliere perché è come se dovessi farlo fra due genitori, oppure fra due miei figli. Sicuramente ho iniziato prima a cantare che a scrivere, ma da quando compongo anche i testi, mi son resa conto di come non possa fare a meno di entrambi gli elementi, che sono complementari fra loro. Nel momento in cui mi arrivano pezzi di altri autori, infatti, non riesco a non dire la mia, perché so che adesso ho bisogno di riconoscermi anche nelle singole parole che canto, mi devono rappresentare.

E’ pur vero che mi sto concentrando di più sulla scrittura in questo periodo, perché è un dono che occorre coltivare tutti i giorni e perché credo che tra le due cose, sia quella che attualmente mi viene meno bene, diciamo. Tant’è che, pur essendoci dei grandi artisti che seguo e mi piacciono come Elisa ad esempio, ora non regalerei a nessuno di loro un mio brano, perché mi sento una spanna indietro e ho bisogno di trovare maggiore sicurezza; in ogni caso ti posso dire che così su due piedi, forse lo darei a un uomo, più che a una donna!

C’è un uomo che ha un ruolo importante nella tua vita, sia artistica che personale. Si chiama Carlo Lucisano, ha curato la produzione artistica di Piccolo Universo, ma prima d’ogni cosa, è tuo padre, il tuo primo sostenitore.
Come riuscite a scindere l’aspetto affettivo da quello lavorativo? Il vostro è un rapporto conflittuale o vi capite al volo?

Beh diciamo che il rapporto affettivo va di pari passo con quello lavorativo, ci lega l’amore per la musica: il condividere gioie e dispiaceri del mio percorso va oltre il normale rapporto padre-figlia. Ho iniziato con lui a fare pianobar, per me è un amico, gli parlo di qualunque cosa, del fidanzato o dei miei altri affetti per dire, perché so che lui capisce profondamente come sono fatta. Inoltre, anche mio padre avrebbe voluto fare il cammino che ho intrapreso io, ma per altre vicissitudini non ha potuto: sarà anche per questo che mi sostiene e non ostacola la mia determinazione, a differenza di come avrebbe fatto magari qualcun altro. E lo stesso mia madre che in principio era scettica, ora dice: l’importante è che tu sia felice!

Nel disco c’è una canzone che si intitola Ti odio e ti amo. Svelaci una cosa che odi e una che ami di te stessa!

Amo la mia capacità di rialzarmi ogni volta che cado e odio… odio odio… aspetta, devo fare una selezione! (ride, ndr) Okay… Ecco, a volte sono un po’ svampita, dimentico le cose e spesso vengo rimproverata per questo, anche se è un difetto che faccio fatica a correggere!

Cosa succederà a Ylenia Lucisano nei prossimi mesi? E nei prossimi anni?

Sicuramente uscirà un singolo, come ormai è trapelato da quest’intervista, ed è Riscoprirmi. Lavorerò al secondo album, veramente non vedo l’ora di iniziare, avrò un nuovo grosso produttore che ha già accettato l’incarico e che scoprirete presto. E poi… e poi vedo nella mia sfera magica, o meglio spero in un evento molto importante, sul quale però non vorrei pronunciarmi per scaramanzia! Quindi… jett ‘u sal!

Chissà se questo evento c’entra qualcosa con l’ultima domanda che stiamo per farti… ad ogni modo, Ylenia, tenterai il Festival di Sanremo quest’anno?

Tenterò!

In tal caso, in bocca al lupo! L’intervista è finita, grazie Ylenia! Siamo al momento dei saluti e ci lasciamo con un nostro must, il giochino musicale: “A chi rompi il disco?”

Ahahah okay! Mi piace!

Vediamo un po’, Ylenia, tu a chi lo rompi il disco fra…

Fiorella Mannoia o Marina Rei?
Ommioddio, le amo entrambe… facciamo Marina Rei!

Gianna Nannini o Carmen Consoli?
Nannini!

Noemi o Annalisa?
Annalisa!

Arisa o Anna Tatangelo?
Tatangelo!

Andrea Bocelli o Claudio Baglioni?
Ehm… conosco di meno Bocelli a livello musicale, dico lui!

Almamegretta o 99posse?
Almamegretta!

Dolores O’ Riordan o Skin?
Porca miseria… Skin! Comunque questo gioco è terribile…

Ben Harper o Eddie Vedder?
Il secondo… Eddie!

Michael Jackson o Freddy Mercury?
Jackson!


In Copertina

Morgan, la lenta agonia di un artista a favore di camera

Qual è la verità su quanto sta accadendo? Morgan è il regista di una complessa trama o è lui stesso vittima dell'intreccio creato dal proprio ego?.

Classifica Spotify Settimana #7: Diodato, Pinguini, Achille Lauro e Fasma portano in trionfo il Festival di Sanremo

Le classifiche Spotify di questa settimana vedono l'approdo in massa dei pezzi che hanno partecipato al Festival di Sanremo con qualche sorpresa.

All Music Italia Awards 2019: ecco i vincitori nelle 6 categorie del premio

Sei categorie, oltre 10.000 voti. Ecco a quali dischi andranno gli All Music Italia Awards 2019.

Classifiche di Vendita FIMI settimana 7: tra i Sanremesi vincono i Pinguini Tattici Nucleari e Fasma

J-ax riesce a resistere più che bene all'ondata degli album del Festival.

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 14 febbraio

Tiziano Ferro, Massimo Ranieri, Ricchi & Poveri e tanti, ma tanti, artisti emergenti nelle nuove recensioni di Fabio Fiume.

RIKI: la risposta del Prof di latino all'insulto omofobico: "il riferimento alla bellezza, oggi uno degli argomenti vigliacchi del bullismo più basso...."

Dopo l'insulto a mezzo social nei confronti del Prof di latino di All Together Now, arriva la risposta di quest'ultimo.

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Il nostro analista dati Davide Maistrello ha analizzato per noi le classifiche di Sanremo per capire quali giurie hanno contribuito alla classifica finale per Campioni e Nuove proposte.

Sanremo 2020: i top e flop del Festival di Amadeus

Ecco il meglio, e il peggio di questo Festival secondo All Music Italia.

SANREMO 2020: PREMIO TESTO & ConTESTO. I testi migliori (e i peggiori) del Festival

Quali saranno i testi (e le singole frasi) migliori e peggiori di questo Sanremo 2020 per il Prof. di Latino di All Together Now?.

Radio Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

ALL MUSIC ITALIA promuove la musica, non vende la pubblicazione di articoli!

A seguito di alcune segnalazioni da parte di artisti emergenti e produttori ci troviamo costretti a ribadire alcuni importanti concetti sulla natura del nostro sito.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Diodato: “Ho fatto tanta gavetta ed è bello che ciò venga riconosciuto”

Videointervista al vincitore del Festival di Sanremo Diodato che con il brano "Fai Rumore" ha conquistato le classifiche. A poche ore dall'uscita dell'album "Che vita meravigliosa".

Videointervista ad Antonio Maggio: da Sanremo a "La Faccia e il cuore"

Antonio Maggio La Faccia e il cuore. Antonio Maggio è tornato quest'anno al Festival di Sanremo dopo la vittoria tra le Nuove proposte del 2013.Quest'anno.

Videointervista a Rancore: “Ho sognato una mela che si stacca dall’albero...”

Rancore è l'ultimo artista in gara previsto nella scaletta del Festival 2020. Lo abbiamo incontrato a poche ore dalla finale per parlare di "Eden".

Videointervista a Junior Cally e i Viito: “Non tutti riescono a capire la differenza tra fiction e realtà”

Dopo le numerose polemiche, Junior Cally ha deciso di far parlare soprattutto la sua musica. "No Grazie" è il brano in gara, mentre "Vado al massimo" di Vasco Rossi la cover.

Videointervista a Elio Cipri, promoter e discografico, da 53 anni al Festival di Sanremo

Promoter, discografico, direttore artistico di importanti progetti... la storia della discografica italiana corre di pari passo alla figura di Elio Cipri .

Sanremo 2020 videointervista a Elettra Lamborghini

La cantante si apre ai nostri microfoni rivelando che alcune critiche l'hanno ferita.

Sanremo 2020 videointervista ai Ricchi e poveri... è Reunion!

Una reunion che parte da Sanremo e continuerà con un singolo, un disco e un concerto evento.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Morgan, la lenta agonia di un artista a favore di camera

Bugo e Morgan. Nell'ultima settimana sui siti internet, nelle riviste e in televisione non si è parlato d'altro. Di Morgan soprattutto (vedi qui).E così, se da una parte abbiamo un artista, Bugo, ferito da quanto successo al Festival di Sanremo, che cerca di far conoscere il suo album, l'ottimo Cristian Bugatti, cercando di lasciar parlare...

News

Mia Martini: "Fammi sentire bella" uno special in tv e un singolo inedito

Il 27 febbraio andrà in onda su Rai 3 uno special dedicato all'indimenticata artista.

Arrivano nuovi sold out per il tour di Brunori Sas

Salgono a tre i sold out del tour prodotto da Vivo Concerti.

Frah Quintale: annunciate le prime date del tour estivo 2020 (Biglietti)

Sono state annunciate le prime 6 date del tour estivo di Frah Quintale, che avrà un anteprima a Milano in occasione del Mi Ami Festival.

Emma Marrone Opening Act del concerto di Vasco Rossi a Imola

Per la seconda volta la cantante avrà la possibilità di aprire un concerto del suo idolo.

Ermal Meta si emoziona nell'omaggiare Mia Martini (video)

Il cantautore, ospite della prima puntata di "Una storia da cantare", si è commosso nell'omaggiare la grande interprete e ha condiviso questa emozione sui social.

Continua la tournée di BLUE, il musical comico, improvvisato e... interattivo

Dopo l'ottimo esordio del Teatro Puccini di Firenze, prosegue la tournée di BLUE, l'innovativo musical che a ogni tappa avrà un ospite speciale.

Giaime racconta canzone per canzone il nuovo progetto, "Mula"

Cinque tracce e quattro featuring con il meglio della scena per il nuovo progetto del giovane rap.

Dente: fuori il 28 febbraio il nuovo album del cantautore

Il nuovo disco arriverà in digitale, cd e vinile a tre anni di distanza dal precedente.

Amici 19 - Mancano solo 3 posti, la rete si stringe in vista del serale

Nella nuova puntata ospita ancge.

All Music Italia Awards 2019: ecco i vincitori nelle 6 categorie del premio

Sei categorie, oltre 10.000 voti. Ecco a quali dischi andranno gli All Music Italia Awards 2019.

Carmen Consoli 25 Anni Mediamente Isterici: ci saranno anche Elisa e Irene Grandi

Salgono a quattro gli ospiti per il concerto evento della cantantessa.

Mostro: "Britney nel 2007" è il nuovo singolo del rapper. In arrivo il disco

Il nuovo album uscirà il 28 febbraio per Honiro Label.

Primo Maggio Next 2020: chiudono il 23 febbraio le iscrizioni al Contest che porta sul palco del Concerto del Primo Maggio

Ecco la giuria del Contest e tutte le fasi che porteranno tre artisti sul palco del Concerto del primo Maggio.

Ultimo in Mali per sostenere i progetti di Unicef Italia

Parte del ricavato del tour negli stadi del cantautore sarà destinato proprio a progetti Unicef in Mali.

Torna "Una storia da cantare". Tra gli ospiti della 1a puntata Bugo ed Ermal Meta

Tre nuovi appuntamenti in onda il 15, 22 e 29 febbraio nella prima serata di Rai 1.

News
dalla discografia

Mariano Fiorito nominato direttore generale di SCF Srl, la principale società di collecting dei diritti discografici

FIMI - Arriva il decreto... il videoclip è una forma d'arte

Giulia Anania firma un nuovo accordo in esclusiva con Warner Chappell Music Italiana

Assomusica: il biglietto nominale non risolve il problema del Secondary Ticketing

Lorenzo Vizzini: l'autore firma un contratto in esclusiva con BMG

Malcky G il più giovane rapper italiano firma un contratto con Universal Music Italia

ALESSANDRA FLORA firma un nuovo contratto da autrice con SUGAR MUSIC

FORTUNATO ZAMPAGLIONE firma con il Gruppo Sugar

Rubriche

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 14 febbraio

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 14 febbraio

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Sondaggi

ALL MUSIC ITALIA AWARDS 2019 – Fase finale

La mosca Tzè Tzè

Le vecchie glorie del Sanremo di Amadeus, tra improbabili reunion e l'ologramma di Nilla Pizzi

Emergenti

Il nuovo singolo di Voodoo Kid è "Tempi alterni"

Camilla Magli omaggia I Cani con una sua personale rivisitazione de "Il posto più freddo"

I Disarmo trasformano le Instagram stories in una canzone con "Pillole 2D"

Gyuse lancia la ballad introspettiva "Imprinting" con sonorità hip-hop e r&b

Generic Animal: è uscito il nuovo singolo “1400”, aspettando l'album “Presto”

Luca Capizzi canta l'amore su WhatsApp in "La notte non ritorna mai"

Classifica Spotify Settimana #7: Diodato, Pinguini, Achille Lauro e Fasma portano in trionfo il Festival di Sanremo

Classifiche di Vendita FIMI settimana 7: tra i Sanremesi vincono i Pinguini Tattici Nucleari e Fasma

Classifica Radio Earone Settimana #7: The Weeknd primi, i Pinguini Tattici Nucleari sul podio

Certificazioni Fimi settimana 6: nuovi riconoscimenti per Salmo e FSK Satellite

Sanremo 2020 classifica passaggi radio Earone: in vetta Elodie, Achille Lauro e Diodato

Classifiche di vendita FIMI: Elodie, con il solo digitale, subito in Top 10. Tra i singoli entra Achille Lauro

Recensioni

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Mina Fossati: Un grande disco che… non mi piace.

Gianna Nannini: La Differenza è ritornare all’essenzialità.

Video

Diodato Intervista Sanremo 2020 Fai Rumore

Valentina Parisse Intervista Sanremo 2020 Nell'estasi e nel fango

Sanremo 2020 Testo & Contesto di Davide Misiano - I testi migliori e i peggiori del Festival

Rancore Intervista Sanremo 2020 Eden

Michele Zarrillo Intervista Sanremo 2020 Nell'estasi e nel fango

Junior Cally Viito Intervista Sanremo 2020 No Grazie

La Rappresentante di Lista Intervista Sanremo 2020

Antonio Maggio Intervista Sanremo 2020 La faccia e il cuore

Elettra Lamborghini Intervista Sanremo 2020 Musica (E il resto scompare)

Ricchi e Poveri Intervista Sanremo 2020 Reunion

Le Vibrazioni Intervista Sanremo 2020 Dov'è

Enrico Nigiotti Intervista Sanremo 2020 Baciami Adesso