ELENA ARAVEICEI e GABRIELLA MASSA: altri talenti italiani nei talent del mondo

elena_araveicei_xfactor_gabriella_massa_thevoice

All Music Italia vi racconta oggi l’avventura di altri due talenti, due voci femminili legate al nostro paese, che hanno saputo guadagnarsi l’attenzione in un talent all’estero. Vi parliamo di Elena Araveicei 16 anni, che dopo Io Canto è stata protagonista delle selezioni di XFactor Romania e di Gabriella Massa, 35enne di orgini italiane, che è entrata a The Voice of Holland con una blind audition molto italiana.

Elena Araveicei è una ragazza italo-rumena residente a Pistoia, già protagonista nel 2013 del talent condotto da Gerry Scotti su Canale 5 Io Canto, quando quindicenne riesce a raccogliere numerosissimi consensi dal pubblico tanto da arrivare, con il video della sua versione di Piccolo uomo di Mia Martini a guadagnare la chart dei video più visti del portale di Mediaset.

Nei mesi scorsi la giovanissima Elena è stata protagonista delle audizioni per partecipare a XFactor Romania, nella stessa edizione che ha visto l’Italia protagonista con il terzo posto di Alessio Paddeu (clicca qui per saperne di più) oltre che con la partecipazione di Monica Anghel Sannino. Un’audizione che vede la giovane toscana di origine rumena raccontarci la sua storia, con le preoccupazioni legate alla scarsa conoscenza della lingua rumena a favore di un fluente italiano caratterizzato dalla cadenza toscana, in un tenero e divertente dialogo con il padre, protagonista della clip di presentazione.

 

Timori che si sciolgono quando è il momento di cantare, con un’interpretazione di If I Ain’t Got you di Alicia Keys che mette in luce le grandi qualità vocali della giovane interprete, in un’esibizione capace di convincere i tre giudici che le regalano l’emozione e la soddisfazione di un triplice consenso.

Un risultato vincente che, nonostante il suo percorso non la abbia condotta alla fase finale del programma romeno, lascia intravedere un roseo futuro per la cantante toscana, forte anche di un lunghissimo percorso da costruire data la giovanissima età che potete seguire sulla sua pagina ufficiale Facebook (QUI).

In Olanda invece gli spettatori della locale versione del talent The Voice hanno potuto godere di una Blind Audition dal forte sapore nostrano, grazie a Gabriella Massa, ragazza 35enne nativa del sud dell’Olanda ma dalle forti radici italiane, una famiglia che le ha donato un mix di sangue sardo/calabrese e una forte passione per la cultura e la musica italiana.

Una passione che la ha portata a guadagnarsi un posto nella competizione di The Voice of Holland non solo presentando un brano di Laura Pausini, ma precedendo l’esecuzione dello stesso con un breve monologo in italiano che sottolinea l’amore per la musica, incuriosendo i coach olandesi e conquistando i tre che hanno deciso di voltarsi sul finale dell’esecuzione di Strani amori.

 

 

Il lasciapassare per la gara canora, che ha visto Gabriella entrare prime nel team di Marco Borsato, artista di origini italiane molto noto in Olanda anche per le cover di classici italiani presentate sul mercato discografico olandese, salvo poi migrare nel team di Ali B (rapper di origini marocchine) che la sceglie dopo averla vista  perdere una battle con Borsato, squadra dove resta fino all’eliminazione giunta al secondo Live show. Per conoscere meglio il talento di gabriella Massa potete collegarvi alla sua pagina ufficiale Facebook (QUI).

Altri due esempi di come la musica e il talento italiano siano sempre più apprezzati all’estero, un segnale che dovrebbe incoraggiare l’investimento e la crescita di attenzione sui talenti emergenti del nostro paese, una risorsa viva più che mai, capace di essere convincente anche oltre i confini nazionali.

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: