Archiviato SANREMO, ALICE PABA riparte da “Te Lo Leggo Negli Occhi”. Ecco il VIDEO e la storia del brano

alice_paba_te_lo_leggo

Torniamo ad occuparci di Alice Paba. L’occasione è il lancio di Te Lo Leggo Negli Occhi, nuovo estratto da Se Fossi Un Angelo, disco della vincitrice dell’ultima edizione di The Voice (QUI la nostra recensione).

Un brano che segna il suo ritorno in scena dopo la sua avventura al Festival di Sanremo, dove ha gareggiato tra i Big in coppia con Nesli.

Un’occasione grande ma rivelatasi di certo non facile. Ad attenderla in riviera un carico di pregiudizi e un ostracismo raramente visti negli ultimi tempi, specie nei confronti di una debuttante dalle spalle poco (o per nulla) coperte.

La sala stampa ostile forse per una “ritorsione” dovuta al supporto ricevuto – suo malgrado – da una penna ben poco amata dai colleghi (come ci spiega QUI  Michele Monina). Una Dolcenera che se pochi mesi fa trionfava entusiasta come coach a The Voice proprio grazie a lei, si è poi distinta per il distacco mantenuto nei confronti del successivo percorso della giovane.

Ma nonostante tutto la nave Paba è stata riportata in acque tranquille. Merito del supporto empatico di Nesli durante il caos festivaliero e del solido staff della giovane, capitanato da Brando.

Oggi Se Fossi un angelo è pronto a cercare nuova linfa, archiviate le vicissitudini sanremesi.

Un nuovo inizio che suona con le note di Te Lo Leggo Negli Occhi. Un brano che esalta la sua stralunata espressività, in una confezione leggera ma ricca di solidità musicale e gusto.

Una canzone che, nonostante la sua indole cantautorale, vede Alice Paba dare il meglio di sé interpretando quanto composto da Mario Vallenari e Mirko Tommasi. Due artisti veronesi che, collaborando in parallelo a numerose avventure individuali (QUI e QUI ne trovate alcuni esempi), si confermano ancora una volta autori pop “conto terzi” di grande livello.

Proprio Tommasi (già autore per Alessandra Amoroso, Valerio Scanu e Davide Mogavero) ci racconta come è nata la canzone:

Te lo leggo negli occhi nasce da un’dea che una notte Mario (Vallenari ndr) mi inviò con l’iPhone.  Mi chiedeva se poteva essere un brano lavorabile. In realtà la canzone non mi convinceva, ma aveva un attacco che mi suonava davvero forte. Quel gesto melodico poi diventò la strofa del pezzo di Alice. Mi misi sotto al volo:  trovai un bel chorus, un testo semplice ma a mio giudizio ficcante. Dopo qualche giorno registrammo il brano.”

La semplicità che veste un messaggio chiaro e per nulla banale:

“Il testo parla di tutte quelle volte che non abbiamo il coraggio di dire a una persona che è importante, che la vogliamo, che non possiamo fare a meno di lei, ma tanto gli occhi non mentono e quando siamo uno di fronte all’altro poi si vede tutto il mondo.”

Mirko ci svela anche come il pezzo sia entrato nel nascente progetto di Alice:

Mario Vallenari stava collaborando in quel momento con Brando, produttore di Alice. Provò ad inviarglielo. A Brando il pezzo piacque immediatamente e decise di metterlo nel disco di Alice, che aveva da poco vinto The Voice. In seguito decisero di usarlo come singolo. Noi fummo felicissimi che lo cantasse lei. Personalmente la trovo meravigliosa, sia nel colore vocale che nel modo di interpretare. È una di quelle voci che ti si piantano dentro.”

Chiude il cerchio un centrato video realizzato da Luca Tartaglia. Il carattere di Alice e il senso del brano esaltati dalla semplicità delle immagini scelte da uno tra i più prolifici e talentuosi registi di clip musicali del nostro paese.

ALICE PABA  – TE LO LEGGO NEGLI OCCHI – VIDEO

Per seguire l’attività di Alice Paba potete collegarvi ai suoi canali social.

QUI la pagina Facebook

QUI il profilo Twitter

QUI il suo canale YouTube

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: