INTERVISTA AI PERTURBAZIONE: dall’indie a Sanremo

Perturbazione

Oggi All Music Italia intervista il gruppo rivelazione dell’ultimo Festival di Sanremo, gli unici che con il loro brano L’unica rimangono ancora oggi, quattro mesi dopo, tra i più programmati dalle radio italiane: I PERTURBAZIONE.

Qualche mese fa abbiamo recensito il loro ultimo disco, Musica X (clicca QUI per leggere la recensione) ed ora siamo finalmente riusciti a raggiungerli per un’intervista… ma prima un ripasso generale per tutti della loro storia.

In realtà il grande pubblico italiano ha conosciuto questo dinamico gruppo solo quest’anno, ma loro vanno in giro in tutta Italia per concerti dal lontano 1988, anno in cui il gruppo è stato fondato a Rivoli con una formazione leggermente diversa che, degli attuali componenti, comprendeva solo il cantante Tommaso Cerasuolo e il batterista Antonio Rossano Lo Mele.

A loro, qualche anno dopo si sarebbero aggiunti  il chitarrista Gigi Giancursi e il bassista Stefano Milano. Qualche anno dopo il loro suono verrà arricchito prima da Elena Diana (violoncello e pianoforte), quindi dal chitarrista Cristiano Lo Mele, fratello di Rossano (nel 2008 ci sarà un altro piccolo cambio di formazione quando Stefano Milano uscirà dal gruppo e verrà sostituito da Alex Baracco).

Dopo un primo album del 1998, Waiting to happen, cantato tutto in inglese, il gruppo sceglierà di cantare testi in italiano già con il secondo lavoro, l’EP 36.

Il primo successo arriva nel 2002 con l’album In circolo, da cui saranno estratti i singoli Il senso della vite e Agosto.

Perturbazione - In circolo copertina

Perturbazione – In circolo copertina

Quest’ultimo in particolare, riscuoterà un buon successo e il video, girato completamente in animazione, vincerà il Videoclipped the Radio Stars, uno dei riconoscimenti più importanti nell’ambito dei video musicali. Tra l’altro nel 2012 In circolo è stato inserito dalla rivista Rolling Stone Italia tra i 100 dischi italiani più belli di sempre.

La strada che segue è costellata di successi e vittorie sempre più grandi: il contratto con la Mescal (etichetta che tra gli altri ha lanciato Subsonica e Afterhours), la vittoria al Mei, il tour da loro ideato Le città viste dal basso, fino alla consacrazione nazionale quest’anno sul palco di Sanremo.

Noi di All Music Italia nel turbinio del post Sanremo, li abbiamo inseguiti per qualche mese e finalmente siamo riusciti a scambiare quattro chiacchiere con Gigi Giancursi, per un’intervista molto interessante che vi proponiamo di seguito.

INTERVISTA AI PERTURBAZIONE

Durante le serate del Festival a cui avete partecipato, si sono moltiplicate sui social vere e proprie dichiarazioni d’amore nei vostri confronti da parte dei vostri seguaci: non solo apprezzamenti, ma un coinvolgimento quasi totale all’evento. Che tipo di rapporto avete con i vostri fan? Quanto importante lo ritenete?

Il nostro gruppo è cresciuto negli anni pre-sanremesi con il vecchio e sempre funzionante metodo del porta a porta. Se si esclude la parentesi fortunata di Agosto, il pubblico che avevamo era cresciuto di pari passo con il numero dei concerti. Abbiamo sempre cercato di rispondere a tutti. Un gruppo musicale non è niente se non ha ascoltatori. E poi è un bellissimo pretesto per conoscere altre persone. Per questo l’ondata emotiva che ci ha colpito durante il festival è stata davvero avvolgente.

Dopo un periodo di “incazzatura” con le major, a seguito della rottura con la vostra etichetta e l’album “Del nostro tempo rubato”, quali sono oggi, a quattro mesi dal Festival di Sanremo, le vostre considerazioni rispetto al sistema delle case discografiche italiane, soprattutto in un contesto così saturo come quello della kermesse?

Le case discografiche non svolgono più il ruolo che dovrebbero avere, cioè essere talent scout, scoprire e investire su artisti nuovi. Oggi il ruolo del talent è lasciato alla tv e al pubblico votante. Il risultato è che non si orientano più i gusti, ma si assecondano in una spirale che può essere solo annichilente.

Dieci anni e sei tentativi falliti per portare in gara la vostra musica al Festival. Potendo scegliere oggi, c’è una canzone che avreste voluto suonare per la prima volta proprio su quel palco?

È come chiedere a un plurigenitore quale sia il figlio a cui vuole più bene.

Ascoltando il vostro ultimo disco “Musica X”, si ha come l’impressione di sfogliare un quotidiano, per la varietà, l’attualità e la centralità dei temi trattati. È una scelta precisa o una casualità creativa? La musica può servire ancora a far riflettere chi ascolta?

Le canzoni non devono solo essere evasione fine a se stessa, ma dei messaggi lanciati in bottiglia che qualcuno raccoglierà prima o poi. Prendi Blackbird dei Beatles. Per qualcuno la canzone si riferiva al movimento dei neri, per altri incomprensibile. Ma prova a leggerne il testo in un momento di crisi tua personale. Il messaggio uscirà dalla bottiglia e lo farai tuo. Noi, nell’affrontare la scrittura di una canzone, ci rivolgiamo al mondo che abbiamo intorno. I nostri messaggi non sono un tentativo di convincere o fare riflettere qualcuno, ma in un certo senso mettere in luce alcune complessità.

Il vostro sound si è evoluto negli anni, ma allo stesso tempo ha mantenuto una forte e precisa identità, che vi contraddistingue e vi rende riconoscibili in mezzo a tanti. Quanto è importante per voi il rinnovamento? È giusto assecondare le mode (musicali) del momento in cui si scrive?

Per noi è sempre stato fondamentale riconoscerci nella musica che facciamo. Ora è impossibile che un gruppo di persone permanga uguale a se stesso nell’arco di così tanti anni. Sperimentare nuove sonorità con cui vestire le canzoni è un modo per tenere accesa la curiosità attraverso nuovi stimoli.

Siete approdati al Festival in sordina, come lo scorso anno accadde per i Marta sui Tubi, riscuotendo ampi e importanti consensi. Per quale motivo secondo voi, le televisioni, malgrado i risultati evidenti, fanno ancora fatica ad accogliere artisti di nicchia nelle proprie prime serate e preferiscono centellinarne uno all’anno?

I personaggi già conosciuti sono l’usato garantito. Vale qui lo stesso discorso sulle case discografiche fatto sopra. Non si ha più la voglia né ci si prende il rischio di sperimentare, perché l’attività del talent scouting non è più contemplata.

Come nasce una collaborazione con i Perturbazione? Tra le molte che avete realizzato qual è quella che vi è rimasta più nel cuore?

Ogni collaborazione ha una storia a sé stante. Potremmo citare quella con lo scomparso Gipo Farassino, che arrivava direttamente da un’altra epoca. Ci parlava di impresari, di night, di concerti a Baghdad, di un mondo quasi fantascientifico per noi che arriviamo da un percorso indipendente. Oppure la meravigliosa sinergia che si è creata con Andrea Mirò. Una musicista eccezionale, una persona meravigliosa nonché oramai per noi, prima di tutto un’amica. E soprattutto Syria. Lei si è avvicinata a noi quando non ci conosceva nessuno, mentre spesso gli artisti tendono a ricercare collaborazioni solo quando sono utili.

E quest’estate? Quali sono gli appuntamenti da segnare in agenda?

Toccheremo un bel po’ di posti e siamo già in moto. Potrete trovare sul nostro Facebook tutte le date.

Perturbazione tour 2014

Come sta la musica italiana? Si vendono pochi dischi, questo si sa, ma ne escono tanti. C’è qualcuno tra i giovani emergenti che vi piace particolarmente?

Proveniamo da un mondo che pullula di artisti persino non più giovani ma con una discografia alle spalle, sempre prodotta con pochi mezzi a disposizione. Fatevi un giro sul portale Rockit.it, armatevi di curiosità. Ne troverete a bizzeffe.

Chiudiamo le nostre interviste sempre con un gioco da prendere con molta ironia, simile a quello della “torre”: a chi rompi il disco?

Subsonica o Afterhours?
Levante o Maria Antonietta?
Negramaro o Modà?
Francesco Sarcina o Francesco Renga?

No, no… Con quello che costano non li rompo e li rivendo all’usato!

Ringraziamo Gigi (e tutti i membri de I Perturbazione) per la disponibilità e per aver trovato il tempo per rispondere alle nostre domande in furgoncino tra uno spostamento tra una data e l’altra del loro tour.

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album dei Perturbazione in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon.

  Sono nato a Roma nel 1987, ed è qui che ho deciso di tornare dopo qualche anno di vagabondaggio per studio e lavoro. La musica è la mia passione vera; da sempre ho avuto l’esigenza di ascoltare, scoprire ed esplorare generi ed artisti diversi. La mia vena critica e quella polemica mi hanno portato su All Music Italia dove recensisco i dischi italiani in uscita più interessanti.
segui su: