EUGENIO FINARDI direttore artistico del Concerto del Primo Maggio Bologna

primo maggio bologna

Eugenio Finardi sarà per il secondo anno consecutivo il direttore artistico del Concerto del Primo Maggio a Bologna.

“Il lavoro per conquistare il futuro. Una grande festa in piazza a Bologna per celebrare in musica questo prezioso diritto. Perché il lavoro è dignità. Il lavoro è vita”

“Anche quest’anno ho voluto mettere insieme due elementi: l’attenzione all’attualità e l’atmosfera di festa e partecipazione che caratterizza questa città, anche nei momenti più bui: sul palco vedremo quindi avvicendarsi artisti molto diversi tra loro ma ugualmente uniti dalla tenacia nel loro lavoro e in grado di dare a Piazza Maggiore un positivo scossone di energia, confermando il PRIMOMAGGIO BOLOGNA come una tradizione”, così lo stesso Eugenio Finardi (in collaborazione con Arci Bologna) presenta questa nuova edizione, organizzata da CGIL, CISL e UIL.

Concerto-Primo-Maggio-Bologna-Logo

Sul palco di Piazza Maggiore saranno presenti molti artisti tra cui  Dimartino, Dardust e Bandabardò; oltre alla musica, l’attualità sarà protagonista con sorprese ed interventi sul palco.

Andiamo a conoscere nel dettaglio il variegato cast del Concerto:

Osteria del Mandolino: gruppo che attraverso autori illustri, virtuosi musicisti e soprattutto attraverso il ballo vuole far conoscere la musica che si è sviluppata in Italia da metà 800 fino ai giorni nostri;
Ladri di Carrozzelle: la diversità non è un limite neanche per il rock;
Mulini a Vento: si definiscono una band di “musica resistente contro l’indifferenza”;
Li Bassi: portano da Torino un groove irresistibile con testi accattivanti, tutti da ballare. Sono anche la sezione ritmica della rock band di Eugenio Finardi;
Sara Loreni: famosa per il NO ad X-Factor, con le sue affascinanti performance live ha dato un nuovo senso al termine “cantautrice”,
Antico: il percussionista siciliano Alfio Antico ha pubblicato lo scorso gennaio l’album Antico prodotto da Colapesce;
Dimartino: mix di alternative e bisogno di ritorno alle origini ed alla tradizione;
Dardust: prezioso e sorprendente progetto tra elettronica e minimalismo di Dario Faini;
Bandabardò: una vera e propria istituzione dei palchi italiani
La Differenza feat Omar Pedrini
i Ridillo

 

 

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: