2 Dicembre 2016
Condividi su:
2 Dicembre 2016

Conferenza stampa TIZIANO FERRO: Ecco IL MESTIERE DELLA VITA… un disco con molti richiami al passato che si contraddice pur rimanendo coerente

Esce oggi "Il Mestiere della vita" il nuovo e atteso album di Tiziano Ferro. Ieri l'artista lo ha presentato alla stampa. Ecco il resoconto

Condividi su:

Ieri Tiziano Ferro ha presentato alla stampa il suo nuovo album, Il Mestiere della vita, in uscita oggi in tutti i negozi di dischi e nei digital stores (in questo articolo potete trovare tutti i dettagli sugli autori, le canzoni e le differenti versioni in uscita dell’album).
In una lunga chiacchierata l’artista ha risposto alle domande dei giornalisti e blogger presenti raccontando come è nato un disco che vive di contraddizioni, forse poco omogeneo, ma perfettamente in linea e coerente con il percorso musicale di Tiziano con un occhio di riguardo per i suoi primi due album, Rosso relativo e 111.

Ecco il sunto della conferenza stampa.

LA NASCITA DEL DISCO

Con che spirito nasce “Il Mestiere della vita”…

Ho lavorato a questo disco senza la pressione di dover pensare che sarebbero state delle canzoni che sarebbero finite nel disco… forse mi dicevo “queste dovrebbero finire in un disco di un esordiente perché sono cose troppo complesse, diverse…” mi spaventava l’idea che mi stava davvero piacendo quello che stavo facendo… ad un certo punto mi sono svegliato e c’era questo disco. L’unica responsabilità che sento verso le le persone che mi ascoltano ormai da 15 anni è questa, non avere nessun tipo di paura di esporre la mia ricerca personale, mettere in discussione sempre tutto. E´una cosa che all’inizio mi spaventava, è una cosa che in passato mi ha fatto scrivere canzoni a difesa, chiudendomi quasi dietro quelle stesse canzoni. Poi ho iniziato a capire che era una cosa bella, utile anche per me e questo è il primo disco in cui faccio amando questo processo. Il Mestiere della vita è un album che mi ricorda i miei primi due dischi, però con un atteggiamento d’attacco, forse più aggressivo a causa di tutte le cose che sono successe in questi quindici anni.

In questo disco volti pagina, è un periodo più sereno rispetto a quello del precedente album?

L’Amore è una cosa semplice ha gettato le basi per questo disco anche se non avrei mai pensato di fare un album così diverso perché il precedente era quasi registrato in presa diretta, non c’erano programmazioni… ma dal punto di vista del linguaggio aveva già un’apertura all’esterno, raccontavo un atteggiamento della vita meno solitario… Il Mestiere della vita l’ho scritto ricongiungendomi molto alle cose che conoscevo. Non ho mai avuto l’angoscia di ripetere Sere nere, Non me lo so spiegare o Perdono ho sempre vissuto il foglio bianco come un privilegio e come uno spazio da riempire con la fantasia del momento… non sento quella pressione, mi lascio andare a quello che devo dire e adesso probabilmente queste cose le dovevo dire in questo modo.

Il Mestiere della vita è sicuramente un album differente dai precedenti, nessuna paura di destabilizzare il tuo pubblico?

Credo che in questo momento con un po’ di sana presunzione posso permettermi il lusso di fare un disco che ogni tanto si contraddice. Rubo una frase alla mia nuova editrice che è Caterina Caselli.. quando ha ascoltato il disco ha detto: “Sono orgogliosa di te perché tu utilizzi la tua esposizione, il tuo essere pop e conosciuto non per sederti comodo e ripetere un compitino che potrebbe funzionare, ma complichi la vita al tuo fan… gli dai importanza, lo stimi e lo ritieni uno che può ascoltare il disco magari una volta in più, ma ti prendi la possibilità di farlo senza temere che magari il disco non sia la fotocopia del precedente che è andato bene“. Per questo il fatto che sia un disco poco omogeneo non mi preoccupa. Sono sempre io del resto e poi ci sono tanti richiami ai miei primi due album che sono tutt’ora molto amati.

In passato hai scritto brani per altri artisti e hai confessato che alcuni di questi brani non te li sentivi più addosso perché troppo giovanilistici… questo disco ora però va nelle direzione opposta, ti senti ringiovanito? Cosa ti ha fatto cambiare idea?

Hanno contato molto i miei amici, certo dentro di me avevo già delle consapevolezze ma loro sono stati determinanti. Quando facevo ascoltare a loro i brani la mia premessa era sempre “ma non per me eh!” e lo rispondevano “A me sembra figa questa cosa, la dovresti fare tu…” questo è successo con l’80% delle canzoni di questo disco. Evidentemente inconsciamente è una scelta che non ho fatto, è successo e basta ma ho avuto bisogno di essere incoraggiato. Tra le persone che lavorano con me qualcuno confesso che si è spaventato e mi ha fatto capire che poteva non essere il disco giusto…

LE CANZONI

In “Epic” dici che è la fine del capitolo primo”…

Questa frase, “Fine del primo capitolo” suona quasi come una negazione del precedente, ma non è assolutamente così, è solo la fine di una storia ma ci tenevo a tracciare questa linea perché secondo me è molto importante per chi ti ascolta capire chi c’è dietro. Io ho la tendenza a non esserci molto, non amo i social network, non ho molto in comune con le loro tempistiche quindi preferisco essere più chiaro possibile, espormi il più possibile. Seguo l’istinto e per questo spesso ho fatto salti nel buio che però hanno funzionato più di scelte studiate a tavolino. Ecco questo disco è così, istintivo. E in questo caso rispetto ai dischi passati sono quasi sempre nati prima i testi che le musiche.

Sempre in “Epic” hai cantato in inglese. Avevi voglia di tornare a farlo?

E´stata una coincidenza. Quella parte doveva cantarla un’artista internazionale, che poi è finito in galera (Chris Brown Ndr). Adattare quel pezzo in italiano mi sembrava lo rendesse troppo elegantino. Avevo il provino cantato da me in inglese e alla fine abbiamo lavorato partendo da quello però confesso che non è un mio desiderio cantare in inglese, può succedere, ma non è quello che realmente mi interessa. Epic èun brano nato dal cazzeggio in studio con Canova e Baby K.

“Solo” è solo una parola è una canzone molto particolare…

Io ci ho messo poco a capire le potenzialità di quella canzone, ci hanno messo più tempo gli altri a farlo. Anche se odio i paragoni la associo ad “Hai delle isole negli occhi” è una canzone molto poco pop, molto black, ha un arrangiamento secco e infatti all’inizio nessuno la capiva. Allora ho adottato la stessa tecnica che ho usato per “Hai delle isole degli occhi“, l’ho messa per prima negli ascolti, nella prima tracklist, in modo che non potesse non essere ascoltata, sono stati obbligati ad ascoltarla ma io avevo già capito che era una canzone importante.

Invece il testo di Casa è vuota è abbastanza arrabbiato…

Casa è vuota è uno dei primi pezzi che ho scritto. Il testo è nato di getto dopo un periodo di separazione. Se c’è una cosa che mi infastidisce di me quando scrivo canzoni è quando non dico le cose penso, come le vivo, lì l’ho fatto. Però ci tengo a dire che la rabbia è comunque per me sempre una rabbia costruttiva fine ad un momento di passaggio, non credo di aver mai scritto testi rabbiosi verso il mondo tanto per dirigere odio. Non credo molto nell’odio, credo in quella zona grigia di passaggio tra la serenità e il fastidio. Puoi passarci un attimo per capire quanto ha sbagliato l’altra persona e quanto tu. Sono una persona che può chiudere una relazione d’amore, di amicizia, familiare, ma non provo rancore.

Il primo singolo, Potremmo ritornare, è l’esempio di come tu riesce sempre a centrare con le parole quello che tutti noi sentiamo…

Io mi ricordo benissimo quando ho scritto quel testo, ricordo proprio il posto dove ero… tra l’altro al contrario di quasi tutti i testi che sono stati il risultato di un lavoro lungo, su Potremmo ritornare ho fatto una cosa che non facevo da tanto… ho preso una musica ed ho scritto il testo da zero senza nemmeno una frase scritta, flusso di coscienza totale. L’unica cosa che mi ha stupito quando la canzone è uscita è che non l’ha capita nessuno… non è una canzone d’amore! La frase chiave che è “Quasi trent’anni per amarci proprio troppo” secondo me era la chiava è una canzone che parla del ritorno in un modo molto diverso dal ritorno di coppia, innanzitutto perché io non credo nei ritorni in amore, e se dovesse succedere la troverei una cosa della quale essere così poco orgogliosi che non ci scriverei mai una canzone. Questo brano me l’ha ispirato una canzone di Califano, Non escludo il ritorno, e parla di un ritorno molto più “alto” di un ritorno d’amore… le persone sono unite da legami secondo me molto più profondi di quelli che possono unire due persone che stanno insieme, poi magari possono arrivarci anche loro, ma non è quello… questa canzone l’ho scritta pensando ad una persona che non ho più accanto e che manco a farlo apposta è una donna… però è bello che quando le canzoni le dai agli altri diventano degli altri, ma non c’è una sola parola di quella canzone che è stata scritta per amore pur essendo pregna d’amore.

I DUETTI

Il brano con Tormento racconta molto del Tiziano di un tempo… ti ricorda anche oggi come il Tiziano di una volta che era in tour con i Sottotono…

La strofa di Tormento la trovo commovente, un uomo come lui che ha fatto la storia del rap che parla di tenerezza e lo fa con quel flow… per me è un soul man italiano come non ce né nel nostro paese.
Quel periodo della mia vita lo ricordo bene, dormivo in tripla quando andava bene con gente che non conoscevo che aveva dei nomi tipo “Stypuz” o robe del genere. Avevo 19 anni, non contavo niente e mi dicevano che cantavo bene… mi facevano cantare molto in effetti, ho vissuto un periodo in cui ho messo in seria discussione la mia voglia di fare musica perché ero veramente molto timido, molto insicuro, mi trattavano malissimo, non Tormento, lui era molto carino con me… oggi non lo rifarei mai però devo dire che se non l’avessi fatto non avrei apprezzato così tanto le cose che faccio ora.

Perché hai voluto coinvolgere Carmen Consoli ne “Il Conforto”?

Carmen è la mia cantante preferita da sempre, ricordo ancora la sua prima esibizione a Sanremo Giovani. Sono rimasto da subito affascinato da lei, non so per quale motivo ma per una serie di suggestioni mie l’ho sempre trovata la vera erede di Mina perché ha quel gusto intoccato per il canto meraviglioso e istintivo, e poi per la sua scrittura. All’inizio non pensavo volesse scrivere una canzone con me poi l’ho conosciuto e mi sono trovato di fronte una persona profonda, simpatica, schiva quasi quanto me. Due anni fa sono andato al suo concerto al Forum e prima di cantare la canzone che abbiamo scritto insieme ha detto “Questa è la canzone che ho scritto con Tiziano Ferro che secondo me è la mia controparte maschile“… così quando ho scritto Il conforto ho pensato che avevo una canzone davvero importante che avrebbe fatto parte di questo disco e mi sono detto “ok, se devo provarci devo farlo con la cosa migliore che ho in mano…” la cosa che mi ha colpito è che abbiamo cantato questa canzone come due persone che cantano insieme da vent’anni, in realtà era la prima volta… abbiamo delle voci diverse ma in qualche modo simili… nel duetto non ci sono delle armonie, la canzone è cantata sulle due ottave, sulla stessa linea melodica, ottava alta e ottava bassa, ed è una cosa un po’ strana per un duetto, ma volevo evitare tutti i manierismi dei duetti degli ultimi anni… non volevo una rincorsa all’urlo. Non è un duetto di facciata, è più di contenuto che di apparenza.

 

 


La copertina del disco è piena di riferimenti. Quali sono?

Questa è la mia copertina preferita in assoluto, la prima grafica piuttosto che fotografica. Rappresenta in uno scatto il percorso che mi ha portato a fare questo disco, un percorso fatto dal sogno, dalla realtà, dallo spostamento sia geografico che nella fantasia. Los Angeles è diventata inaspettatamente lo scenario di questo album, è una città che io ci ho messo dieci anni tra smettere di odiarla, capirla, iniziare a trovarmici discretamente e voler prendere una casa perché non è un luogo è una zona vasta del mondo piena di cose. Quello che mi ha colpito è che se lì vuoi fare delle cose le puoi fare… se incontri musicisti loro vogliono suonare con te, se incontri autori ti fermano e ti chiedono di vedersi per scrivere con te, si parla poco e si fanno delle cose, è un concetto che a noi sembra un po’ astratto perché qui si da noi si parla molto.

Nella copertina ci sono personaggi, ci sono luoghi, zone in costruzione, zone già costruite… in questo disco mi sono avvicinato alla scrittura con altre persone, una cosa che non era quasi mai successa ed ora è successo spesso con autori giovani che ancora non hanno fatto grandi cose ma che sono sicuro li faranno. Con loro è nato un rapporto, alcuni “li sto crescendo” e a forza di aiutare loro, loro hanno aiutato me, hanno rinvigorito il mio modo di fare le cose grazie al loro impeto, alla loro energia fresca.
E quindi nella grafica della copertina ci vedi tutto questo… l’uomo che attraversa la strada per andare a lavoro, per presentarsi ogni giorno e non sottrarsi a se stesso ma esponendolo agli altri, è quello Il Mestiere della vita.


In Copertina

Festival di Sanremo 2020 Top & Flop: successo per i Pinguini tattici nucleari. Crollano (quasi) tutti gli Amici di Maria

Come ogni anno, a cinque mesi dalla fine del Festival, cerchiamo di capire a quali cantanti la kermesse è realmente servita.

Esclusiva: cambio di management per Ultimo. A seguirlo sarà...

Novità inaspettate sotto il punto di vista discografico per Ultimo.

Backstage - Come gestire la propria musica su Spotify. I servizi offerti da Matchfy.io

Spotify e le piattaforme streaming oggi sono il mezzo più importante per raggiungere il pubblico. Come? Ne parliamo con Paolo Mantini, CEO di Matchfy.io.

Colonne sonore: la top 10 delle migliori canzoni italiane originali

All Music Italia ha provato a raccogliere 10 delle migliori canzoni originali di una colonna sonora per un film italiano.

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Quaranta canzoni selezionate dalla nostra redazione per i classico sondaggio dell'estate. La parola a voi.

Da Spotify a Youtube: chi paga, e quanto, gli artisti nello streaming?

Direttamente dalla Generazione Z, Matteo Mori ci parla del problema legato ai pagamenti dei diritti degli artisti indipendenti da parte dei servizi streaming.

Festival di Castrocaro 2020: ecco gli 8 artisti che si giocano la vittoria (e la possibilità di essere ascoltati live da Amadeus per Sanremo Giovani)

I finalisti si esibiranno, con cover e brani propri, nella prima serata di Rai 2 davanti ad una giuria composta da artisti noti.

Gli album più venduti in Italia nel primo semestre 2020: Guida Marracash e, tra le etichette, Island Records!

Tra gli album di Sanremo troviamo prima i repack dei Pinguini Tattici Nucleari e Elettra Lamborghini, quindi Francesco Gabbani ed Elodie.

Concerti 2020: ecco i nuovi calendari fissati per il 2021 e i live annullati

Una guida in costante aggiornamento ai tour, festival ed eventi del 2020 annullati e le nuove date di quelli spostati al 2021.

Release Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Backstage - Come gestire la propria musica su Spotify. I servizi offerti da Matchfy.io

Spotify e le piattaforme streaming oggi sono il mezzo più importante per raggiungere il pubblico. Come? Ne parliamo con Paolo Mantini, CEO di Matchfy.io.

Videointervista a Marco Martinelli: “Io voglio fare il cantante... scienziato!"

E' uscito il nuovo singolo di Marco Martinelli e Valerio Lysander “Così Com'è”, brano in cui si parla della pacifica accettazione della fine di un rapporto. .

Ellynora intervista: "Non me la sentivo di tornare con un brano estivo"

Intervista a Ellynora che dopo la pandemia decide di pubblicare un brano delicato che racconta il dolore.

Videointervista a GIULIA: “Il mio sogno? Una mia canzone in una colonna sonora di un film!”

E' uscito "Mon Amour", il nuovo singolo di GIULIA interpretato insieme a Samuel Storm. Il brano è accompagnato da un videoclip girato in Sicilia.

Videointervista ad Aiello: “Gioco con le parole, ma mando dei messaggi...”

"Vienimi (a ballare)" è il nuovo singolo di Aiello, apripista di un album attualmente in lavorazione.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Elettra Lamborghini: Musica e la critica musicale... rimane

Elettra Lamborghini si arrabbia per una critica al suo nuovo singolo con Giusy Ferreri, La Isla. E a me viene voglia di scriverle, così, d'istinto...Ma prima riassumiamo quel che è successo. Un blog che parla di musica pagella i nuovi singoli in uscita e, a La Isla, dà 2, come alla collega Baby K.Sospetto che...

News

Lucio Dalla Caterina Caselli, una rilettura moderna de “L'Anno Che Verrà”

Una nuova versione in 7/4 dello storico brano del 1970 scritto e interpretato dal cantautore bolognese.

Festival di Sanremo 2020 Top & Flop: successo per i Pinguini tattici nucleari. Crollano (quasi) tutti gli Amici di Maria

Come ogni anno, a cinque mesi dalla fine del Festival, cerchiamo di capire a quali cantanti la kermesse è realmente servita.

Shiva: fuori “Take 2”, secondo episodio nato dall'omonimo freestyle (Testo e Audio)

A una settimana da "Take 1", è ora uscito il nuovo progetto di Shiva "Take 2".

Francesca Michielin: un mashup bucolico per StellaFest, festival contro la violenza sulle donne

Francesca Michielin è stata scelta dalla maison Stella McCartney per StellaFest, un festival digitale contro la violenza sulle donne.

Giovanni Truppi In Viaggio Sui Margini dell’Italia, il tour dell'estate 2020

Prenderà il via il 16 luglio da Carpi il tour di Giovanni Truppi. Un viaggio che percorrerà i confini litoranei del nostro paese..

Esclusiva: cambio di management per Ultimo. A seguirlo sarà...

Novità inaspettate sotto il punto di vista discografico per Ultimo.

Power Hits Estate 2020: Boomdabash & Alessandra Amoroso sono in testa nella terza settimana

Dopo Gaia e Irama questa volta in testa la hit "Karaoke".

Colonne sonore: la top 10 delle migliori canzoni italiane originali

All Music Italia ha provato a raccogliere 10 delle migliori canzoni originali di una colonna sonora per un film italiano.

Giro d’Italia 2020: “GiraGiroGiraGi” degli Extraliscio è la colonna sonora della Corsa Rosa

Gli Extraliscio interpreteranno la colonna sonora del Giro d'Italia. Brano scritto insieme a Pacifico.

La Camba lancia il brano "Facci caso" nato di notte in pieno lockdown

La Camba torna con un singolo travolgente mentre le sue canzoni, portate al successo da altri artisti, superano i 10 milioni di copie vendute.

Eugenio In Via Di Gioia: al via il tour estivo “Concerti Leggeri”

Dopo la prima data a Bologna, è ora tutto pronto per Concerti Leggeri, il tour degli Eugenio In Via Di Gioia. Ecco il calendario.

Frankie Hi NRG Mc: una stagione surreale nel nuovo singolo “Estate 2020”

A 6 anni da "Pedala" e il Festival di Sanremo, Frankie Hi NRG Mc torna con il singolo "Estate 2020".

Highsnob: da un incontro casuale nasce il singolo “Bugie da bere” feat. Pacestema

Un inedito reggaeton per il singolo estivo di Highsnob, che nel brano collabora con l'esordiente Pacestema.

Musicultura 2020: ecco il conduttore e i primi ospiti delle serate finali

Le serate finali del Festival si terranno allo Sferisterio di Macerata il 28 e 29 agosto 2020.

Mecna: "Paura Di Me" e "Così Forte", doppia release per mostrare le sue due anime

Sono usciti due singoli di Mecna Paura Di Me e Così Forte. Un brano estivo e una dichiarazione d'affetto ai fans della prima ora.

News
dalla discografia

Mini Meets Music Contest, il concorso per i talenti della scena elettronica

Assomusica con Inail rende disponibile il Vademecum delle macchine scenotecniche

Vincenzo Spera, presidente di Assomusica, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana

Daniele Coro e Warner Chappell annunciato il rinnovo del contratto in esclusiva

Federica Camba: rinnovata la collaborazione con Warner Chappell Music Italiana

Decreto rilancio: dimenticate misure di emergenza per settore cultura negozi di dischi, industria discografica ed Editori musicali

Rubriche

Sondaggi

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai singoli italiani in uscita il 10 luglio 2020

Testo & ConTESTO

TESTO & CONTESTO SPRITZ CAMPARI: IL TORMENTONE DI MIETTA CI INSEGNA A DIRE "VATTENE, AMORE" CON STILE

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 10 luglio

(s)cambio generazionale

Da Spotify a Youtube: chi paga, e quanto, gli artisti nello streaming?

La mosca Tzè Tzè

Dai raduni dei fan club agli screenshot in diretta con cantante: come è successo?

W la mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Emergenti

Jurijgami: “Stati Uniti Mai”, il primo amore non si può dimenticare...

Ainé, il giovane artista del nu soul italiano, torna con "Hangover"

wLOG lancia l'EP "Nisba" e ne descrive le sue quattro fasi

Sasha Donatelli invita alla spensieratezza nel brano "È deserta la città"

Disarmo: la fine di una relazione nel nuovo singolo “Finale col Botto”

Anteprima Video: la paura di perdere tutto nel singolo “Mentre Cado” del duo 1998

Classifica Spotify Settimana #28: “Karaoke” cala il tris e conquista anche lo streaming

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #28: in vetta rap, trap e... “Karaoke”!

Classifica Radio Earone Settimana #28: “Karaoke” in testa. Sale Achille Lauro

I vinili più venduti in Italia nel primo semestre 2020: i Pink Floyd fermano la corsa di Brunori

I singoli più venduti in Italia nel primo semestre 2020: bene la musica italiana, ma primo c'è The Weeknd

Gli album più venduti in Italia nel primo semestre 2020: Guida Marracash e, tra le etichette, Island Records!

Recensioni

Ghemon: "Scritto Nelle Stelle" e con una grafia bella chiara e leggibile… anche per altre voci svogliate

Francesca Michielin: Feat e il suo stato di natura… ribelle.

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Video

Marco Martinelli Intervista Così Com'è

GIULIA Intervista Mon Amour

Diodato, al via il tour in Valle d'Aosta

Jack The Smoker Intervista Diretta Instagram

Martina Pecoraro Intervista Fino al prossimo abbraccio

Chiara Galiazzo Intervista Bonsai

Aiello Videointervista Vienimi a Ballare

Mietta Spritz Campari Testo & Contesto di Davide Misiano, il Prof. di latino

Boro Boro Mambolosco Intervista Caldo

Renza Castelli Intervista La Libertà

Biondo Intervista Bali e Dubai

Ernia Intervista Gemelli