12 Agosto 2020
di Direttore Editoriale
Condividi su:
12 Agosto 2020

Intervista esclusiva a Gianluca Grignani… il nuovo album, i live e uno stop alle polemiche

Il cantautore, reduce dal lancio del singolo "Non ti dirò il tuo nome", si lascia andare in una lunga intervista senza filtri

Condividi su:

Intervista a Gianluca Grignani. Nelle ultime settimane si è parlato parecchio di Grignani, artista con la A maiuscola tra i più controversi nel panorama musicale italiano.

Si è parlato di lui per il lancio del suo nuovo singolo, Non dirò il tuo nome, per l’annuncio di un progetto, Verde smeraldo, articolato in tre dischi, e si è parlato di lui anche per questioni extramusicali, ma quello è parte del gioco.

Il sottoscritto, prima di ideare questo sito, ha lavorato per sette anni con Gianluca. Essere il suo assistente personale è stato il mio primo vero lavoro in questo ambito.

Sette anni, dal 2000 al 2007, densi di esperienze, positive e negative, inutile negarlo, ma che sicuramente in qualche modo mi hanno formato anche nel condurre il lavoro che svolgo oggi.

Era da diverso tempo, forse due anni, che non sentivo Gianluca. La lettura di alcune interviste e gli eventi avvenuti nella sua sfera privata, di cui in qualche modo sono stato partecipe in passato, mi hanno spinto a sentirlo per capire come realmente stavano andando le cose.

Del resto è noto, noi che di lavoro scriviamo di musica spesso tagliamo le interviste per non renderle eccessivamente lunghe.

La nostra è stata una chiacchierata amichevole e, nel mentre, mi sono reso conto che Gianluca Grignani aveva da dire più di quello che avevo letto.

E allora gli ho chiesto di rendere quell’incontro telefonico un’intervista. Lui ha accettato senza troppi giri di parole. Unica condizione: pubblicare tutto, nessun taglio. E così è stato. Buona lettura.

Intervista a Gianluca Grignani

Gianluca, partiamo come sempre dalla musica. In un momento, sicuramente difficile per l’intera discografia, in cui lo streaming è diventato centrale per il mercato, tu decidi di lavorare a un triplo album, Verde smeraldo. Come mai questa scelta?

La mia è sicuramente una scelta anomala, ma del resto fin da La Fabbrica di plastica, come sai, mi sono spesso ingegnato per trovare nuove vie come il cd con all’interno anche il biglietto del concerto contenuto ne Il Re del niente.

In questo progetto non c’è nulla di deciso a tavolino, perché credo che oggi più che mai l’istinto prevalga sulla ragione quasi fosse una vera e propria regola del marketing.

Le case discografiche oggi non sono nemiche; al contrario, sono grandi distributori ed è proprio così che secondo il mio punto di vista dovrebbero essere viste.

Immagino, ma un triplo album, diviso in tre parti, è una scelta coraggiosa. Devi avere tante canzoni pronte…

Esatto, non pubblico un album di inediti dal 2014 ma ho scritto e preparato arrangiamenti, ho dato vita al mio studio. Per questo non sono certo rimasto senza musica.

Mi sono accorto di aver trovato un modo più leggero di scrivere, simile a quando buttai giù le canzoni di Destinazione paradiso, Fabbrica etc..

Certo lo stile è maturato ma questi brani mi hanno coinvolto, sono ispirati nel bene e, a volte, nel male; c’è “istinto”, ecco la parola esatta!

Ho studiato la ricerca del suono nell’ambiente come uno studente di fisica studia le basi e ho poi seguito e formulato teorie che ho anche esposto in una convention tra musicisti e tecnici per capire e capirmi. Ora sono pratico e sono abbastanza contento dei risultati che sto ottenendo.

In altre parole, sentivo il bisogno di sperimentare approfondendo il rock odierno mantenendo solide la basi del blues partendo da Robert Johnson sino ad arrivare a Clapton e altri.

E hai scelto di lavorare in proprio… le major oggi secondo te sono in difficoltà nel portare avanti un progetto musicale di questo tipo?

Guarda, io ho scelto di lavorare in autonomia con la mia nuova etichetta, Falco a metà, ma comunque sono in ottimi rapporti con le major.

Oggi dal mio punto di vista, è diverso il peso che esercitano come distributori, editori etc… hanno il loro significato per il mercato, diverso magari dal passato.

La musica oggi per me è veloce: passa direttamente da chi la produce (da una stanza con un pc e dei plug in) a chi la compra e la ascolta.

Questo è quello che credo oggi accada; nel mio caso io, personalmente, cerco di mettere insieme analogico e digitale in maniera moderna con macchine all’avanguardia adatte a questo tipo di produzioni.

Se vuoi sapere i dettagli vai sulla pagina Facebook dello studio La Fabbrica di plastica studios (potete trovarla qui).

Comunque, tralasciando i tecnicismi, quello che posso dirti è che il mio modo di scrivere mi porta ad osservare quello che mi accade intorno, è per questo che ho pensato che il modo migliore oggi per promuovere un triplo album sia la velocità stessa. Infatti ognuna delle tre parti di Verde smeraldo sarà un percorso in continuo divenire… singoli, prima parte dell’album, live e subito singolo della seconda parte del disco, live e poi ancora singolo che lancia Verde Smeraldo parte terza e ovviamente ancora live.

E quando uscirà la prima parte di Verde smeraldo?

Spero entro l’anno, emergenza sanitaria permettendo.

E il ritorno live, a causa delle restrizioni del governo, è fissato per il 20 marzo a Roma (Auditorium Parco della musica) e 27 marzo a Milano (Fabrique)…

Esattamente. Stare chiuso in studio mi ricorda quanto mi manca quel contatto che si crea dal palco con la gente. Ho imparato con sofferenza a stare sul palco, perché volevo essere il più possibile genuino e salirci come se non avessi neanche la pelle addosso.

Questo mi ha permesso di diventare un frontman oltre che un musicista e oggi non credo esista posto dove io mi senta veramente me stesso come on stage.

La sensazione è quella di essere nella tua unica e sola casa. Suonare la chitarra non è un impedimento per me ma, al contrario, mi aiuta ad esprimere anche fisicamente la performance, la canzone, lo stato d’animo delle gente che mi influenza sempre: questo è quello che ho imparato, stare insieme agli altri… Ecco, per me questo è il vero significato di suonare dal vivo: vivere gli altri.

Aspetto sempre con una certa gioiosa ansia il live: è un abbraccio caldo che mi concedo anche se a volte penso di non meritarmelo; ma tutti abbiamo bisogno di sfogare la nostra natura e quella è certamente la mia.

Senti Gian, ma io quella casa sulla collina che in un certo senso citi anche in Lacrime dalla luna la conosco molto bene. So con quanto amore l’hai praticamente ricreata e vi hai costruito dentro uno studio. È vero quel che ho letto in giro, ovvero che sarai “costretto a venderla”?

Assolutamente no. Te meglio di altri conosci l’investimento, economico ed emotivo, che ci ho messo per dar vita allo studio ed essere autonomo nelle mie produzioni.

Non ho in mente di vendere la casa, al momento, e, soprattutto, non sono costretto assolutamente a farlo.

Certo, come ho detto in un’intervista a RTL 102.5, magari non spiegandomi al meglio visto il periodo emotivamente intenso, vorrei spostare La Fabbrica di Plastica Studios per ingrandirla e provare così a dedicarmi anche a progetti di artisti emergenti e non solo.

Ma quindi, spiegami meglio, Grignani va salvato come Britney Spears o no?

Certo, come no… dai fessi (ride).
C’è un detto napoletano che dice: “i furbi muoiono in mano ai fessi” e a volte per troppa sincerità. Qualche problema con qualche fesso, appunto, l’ho avuto.

Ok, messaggio recepito. Come sai su All Music Italia non ci interessiamo delle vicende sentimentali degli artisti. In questo caso però faccio uno strappo alla regola perché abbiamo condiviso un lungo tratto di vita vicini e credo di poter affermare di conoscerti un po’.

Delle dichiarazioni che ho letto in giro, quello che più mi ha stupito è stata l’assenza di parole verso Francesca (sua moglie dal 2003, una storia finita negli scorsi mesi Ndr). L’ho trovato strano perché in vent’anni non hai mai mancato di elogiarla in quanto donna, moglie e madre…

E infatti non è stato così. Tu questo aspetto del mio lavoro, il contatto con la stampa, lo conosci meglio di me oggi.

Io ho parlato molto di Francesca quando ho rilasciato interviste, però probabilmente quello che dicevo non creava per alcuni giornalisti un gancio per avere un titolo abbastanza d’effetto. Quindi grazie di darmi la possibilità di spiegarlo perché so che tu non taglierai nulla.

Ho un grande rispetto per Francesca, come è giusto che sia; è la madre dei miei figli, insieme abbiamo preso tempo fa la decisione di stare lontani; le persone a volte cambiano.

In quel periodo sono riuscito a guardarmi dentro in modo reale e coerente con il momento e ho trovato la forza di ammettere che era tempo di prendere una decisione definitiva. Sai quando di mezzo ci sono anche quattro figli che ami più di te stesso non è così facile. È giusto così!

Credo che Francesca sia stata da me difesa e spinta a non fare errori fino al punto che un uomo o padre dovrebbe fare ed ora il tempo è dalla mia parte (come dicevano gli Stones).

La musica sicuramente avvolgerà le mie giornate come sempre avrei voluto che fosse ma, forse per responsabilità, mentivo un po’ a me stesso sull’argomento.

Il desiderio di libertà che accomuna molti artisti non veniva prima del mio dovere: questo era il mio freno!

Francesca da tutto questo è uscita proprio come mi aspettavo e volevo. Del resto è sempre stata una donna forte e riservata. E spero che resti sempre così. Del resto in quanto madre dei miei figli con lei ho condiviso gran parte della mia vita, e questo non si dimentica.

Quello che so è che sia in qualità di marito, ma soprattutto di padre, ho tentato di trovare delle soluzioni per non guardarmi indietro e non smettere di avere rispetto per l’uomo che ero e, quindi, per l’uomo che sarò.

Penso di poter affermare, senza paura di essere smentito, che il ruolo di padre, dopo quello del musicista è qualcosa che mi viene spontaneo.

Ma l’uscita di Non dirò il tuo nome, il tuo ultimo singolo, dedicato alla stessa ragazza per cui hai scritto La mia storia tra le dita, ha un legame con tutto questo?

Sì e no. Il brano è nato un anno fa dalla necessità di ricevere ancora quello che la protagonista di quella canzone mi dava quando stavamo insieme.

Quello che non potevo prevedere allora è che l’uscita di Non dirò il tuo nome avrebbe accompagnato la situazione che sto, che stiamo vivendo.

Questo brano non è una canzone che guarda al passato e nemmeno al presente, ma al futuro. È la pagina finale di un capitolo importante della mia vita e, al tempo stesso, la prima pagina di quello nuovo.

Torniamo alla musica. Verde smeraldo sarà composto tra album, e nel giro di quattro anni, dal 2020 al 2023, tre tuoi album fondamentali, Destinazione paradiso, La Fabbrica di plastica e Campi di pop corn, festeggiano i 25 anni dall’uscita.
Ci sarà spazio anche per celebrarli in qualche modo?

Sì, con dei vinili e forse un concerto per ognuno di quegli album andando a creare lo spazio che quei suoni e quelle canzoni meritano.

Di Fabbrica di plastica si è parlato e si parla tutt’oggi molto. È stato un album di rottura, rivoluzionario, eletto da Rolling Stone Italia, in un sondaggio popolare, come il più bel disco di rock italiano. Tu sai invece che uno degli album della tua discografia a cui sono più legato è Campi di pop corn. Un disco del 1998 che trovo molto avanti anche oggi.

A mio modo di vedere se Fabbrica è stato il tuo grido di ribellione verso la discografia, Campi lo è stato verso l’amore, quasi un’anestesia necessaria in quel momento.
Perché parli così poco di quell’album?

Sinceramente io non ho un pensiero così preciso e attento quando parlo dei miei dischi. Ci farò caso ma, sicuramente per l’anniversario, vedrai che avremo modo di raccontarlo anche con delle grandi foto scattate in quei giorni a New York.

Parlando sempre di musica… qualche anno fa hai collaborato con Emis Killa per un tuo brano. Cosa ne pensi della musica rap e trap che spopola in questo momento nel nostro paese?

Trovo interessanti, e anche divertenti, i loro testi. La parte musicale invece è un po’ scarna, in Italia spesso secondaria. Ce ne sono alcuni, Emis Killa, Salmo, Gué Pequeno, per fare qualche nome, che fanno la differenza e questo si vede e si vedrà alla lunga, secondo me

Ma sbaglio o Salmo ti attaccò in un suo pezzo in passato?

Dici bene, in un feat. con Marracash per la precisione. Attaccò la mia persona più che l’artista, una cosa che a me non verrebbe naturale fare. Ho risposto a me stesso pensando che anche io avrei dovuto farmi furbo e usare la sua immagine per la mia causa ma, il giorno che dovevo incontrarlo al concerto del primo maggio e probabilmente giocare con lui in questo senso (ride), c’era solo la band alle prove.

Ci siamo sentiti in seguito e posso dire che credo sia un bravo ragazzo, anche se gli piace apparire molesto, e che abbia talento. Se non la pensassi così non lo citerei dopo quelle uscite su di me, uscite che in fondo fanno ridere ma è il loro mondo e devo dirti che non mi dispiace farne parte, anche se da lontano.

Cosa ti rimproveri degli ultimi anni, nello specifico di quel periodo in cui era più facile vedere apparire il tuo nome su siti di gossip per difficoltà umane, piuttosto che su siti di musica per le tue canzoni?

Io credo che se la gente potesse sapere tutta la verità un po’ riderebbe e forse sarebbe stata anche dalla mia parte. Ma ci vuole ancora tempo e acqua sotto i ponti perché io possa raccontare certe cose.

Ci tengo a me stesso e certe cose non le posso ancora raccontare, non posso dire altro e quindi mi assumo le mie responsabilità diversamente… il mio sano menefreghismo mi ha aiutato.

Mi sono anche svegliato con l’occhio sinistro aperto, che poi è quello che mi fa vedere meglio le cose essendo mancino. Fin da quando ero bambino e dovevo affrontare le cose in maniera diretta e risoluta, ho agito così, e quindi mi sono detto: “ora facciamo il gioco duro visto che di colpi ne hai presi abbastanza” e da lì sono partiti i cambiamenti: staff, etichette, studio e, per assurdo, le difficoltà personali hanno contribuito a farmi scrivere e analizzare la mia storia… così è nato Verde Smeraldo.

Prima di chiudere ho una domanda che in realtà è un po’ personale. Non te l’ho mai fatta in privato perché penso che sia giusto rivolgertela pubblicamente.

Nel 2014, quando uscì Rockstar a metà, il mio libro su di te, dichiarasti in diretta da Red Ronnie di non conoscermi e che non avevo mai lavorato con te. Come penso immaginerai, ci rimasti di stucco, anche male… del resto abbiamo condiviso un percorso di circa 7 anni. Mi sono sempre chiesto il perché….

Come tu ben sai a volte gli artisti sono circondati da personaggi che tendono a nascondere le persone valide che possono essere un vero aiuto per l’artista stesso, lo fanno per la paura da vigliacchi di perdersi nelle proprie mancanze; beh è stato un episodio di questa natura che mi ha allarmato stupidamente non vedendoti e non sentendoti da tempo.

Poi quando sono riuscito con malizia tecnica a dissolvere la nebbia dell’inutilità di questi personaggi è ovvio che ho rivisto il mondo e le persone per quelle che sono e non per come, per necessità, me le facevano digerire, ovviamente in maniera totalmente diversa.

Io penso che gli agnelli o conigli travestiti da tigri facciano sempre la stessa fine al momento decisivo… come in una comica scivolano su una buccia di banana. È sempre stato così e non mi preoccupo certo di incontrare ancora questa tipologia di persone perché ormai conosco il risultato dei loro affari e del loro destino con grande certezza.

Questo è il mio pensiero generale che volevo esprimerti perché non credere che io non ci abbia mai pensato. Ma il risultato è quello che ti ho detto, ne ho avuto la conferma più e più volte.

Ma dimmi la verità, poi quel libro lo hai letto?

Sì!
Ne parliamo però poi, se vuoi, prossimamente così mi spieghi certe cose (ride). Ti va? Visto che sono una rok star senza la c però’ (ride).

Foto articolo su gentile concessione di “Falco a metà”


In Copertina

Primo Maggio Roma 2021: il cast svelato... giorno per giorno (articolo in aggiornamento)

Come sempre il cast del concertone alternerà big della musica italiana ad artisti in forte ascesa.

Povia contro il DDL ZAN pronto a lanciare il brano "Non esiste omofobia". Ma tutto apposto???

Se per caso i danni di "Luca era gay" non fossero bastati, il cantautore, sempre in cerca di visibilità, minaccia di far di peggio.

Primo Maggio Roma: conosciamo meglio i finalisti dell'1MNEXT - Prima parte

Brujas, Cargo, Giorgio Moretti, Guasto, Junior V e Marte Marasco. Andiamo a conoscerli insieme.

Big Fish e Tormento di nuovo insieme: dopo 20 anni tornano i Sottotono

Sottotono. Esce il singolo Mastroianni. Dopo 20 anni, Big Fish e Tormento tornano insieme nei sottotono e lanciano il nuovo singolo Mastroianni. Fuori venerdì 23 aprile. Il.

Giordana Angi annuncia l'album "Mi muovo" con tre feat. Il primo è con Loredana Bertè (Tracklist)

Il disco, in uscita a maggio prossimo, sarà composto da dieci tracce.

In attesa de La Notte degli Oscar Laura Pausini racconta la genesi di "Io sì"

La storia che ha portato alla nascita del brano vincitore di un Golden Globe e candidato agli Oscar 2021.

Mahmood svela titolo, copertina e data di uscita del suo nuovo album, "Ghettolimpo"

Il nuovo progetto, in arrivo a quasi due anni e mezzo dall'album d'esordio "Gioventù bruciata", racconterà diversi personaggi.

Amici di Maria De Filippi: con quale discografiche usciranno i cantanti di Amici 20?

Manca un mese alla conclusione della ventesima edizione del programma. Tra metà maggio e inizio giugno dovrebbe uscire i dischi dei cantanti di Amici 20.

Laura Pausini interpreterà con Diane Warren "Io sì (Seen)" alla Notte degli Oscar. Ecco come guardare la serata in tv

Prima della cerimonia andrà in onda Oscars: Into the Spotlight e tutti i candidati per la miglior canzone si esibiranno live.

Nasce ALL MUSIC FRIDAY, la playlist su Spotify con tutte le uscite italiane della settimana senza distinzione di genere o popolarità

La playlist verrà resettata e aggiornata ogni settimana e, nell'apposito post su Instagram del venerdì alle 22:30 potrete commentare le uscite.

Release date 2021: l’elenco, mese per mese, di tutti i singoli italiani in uscita

Un articolo in costante aggiornamento per scoprire giorno per giorno, tutte le nuove uscite italiane del 2021.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale

ALBUM IN USCITA 2021

Articolo in continuo aggiornamento...

Interviste

Intervista a Francesco Sacco: "Pioggia d'Aprile, un brano nato da una vita sociale ridotta ai minimi termini"

Il singolo è il terzo estratto dall'album "La voce umana".

Videointervista ai Selton: “Benvenuti per noi è un messaggio di incoraggiamento all'incontro”

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita del nuovo album dei Selton Benvenuti. Ne abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a Emanuele Aloia: “Ricevo messaggi da parte di studenti che apprezzano arte e letteratura grazie alle mie canzoni”

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita dell'album d'esordio di Emanuele Aloia Sindrome di Stendhal, disponibile in formato fisico e su tutte le piattaforme digitali. .

Videointervista ad Achille Lauro: “Il mio lusso è essere libero grazie al successo.”

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita del nuovo album di Achille Lauro intitolato semplicemente Lauro. Ne abbiamo parlato con l'artista.

Videointervista a Skioffi: “Non penso che Amici abbia influito troppo nella mia musica”

A un anno dalla sua partecipazione ad Amici, Skioffi torna con un nuovo progetto discografico, un Ep di 7 tracce intitolato Alice.

Videointervista a Mobrici: “Ora sono più libero di esplorare mondi diversi.”

E' uscito il nuovo singolo di Mobrici TVB. Con questo brano, che arriva a un mese dal precedente 20100, prosegue il percorso solista dell'artista per anni leader dei Canova.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Povia contro il DDL ZAN pronto a lanciare il brano "Non esiste omofobia". Ma tutto apposto???

Povia attacca il DDL ZAN. Le polemiche lanciate negli ultimi anni dal cantautore ormai non si contano più al punto che, a volte, il dubbio che siano un disperato modo di attirare l'attenzione su di sé e sulle proprie uscite discografiche, che da tempo passano inosservate, è lecito. Questa volta Povia ci tiene a dire la sua...

News

Primo Maggio Roma: conosciamo meglio i finalisti dell'1MNEXT - Prima parte

Brujas, Cargo, Giorgio Moretti, Guasto, Junior V e Marte Marasco. Andiamo a conoscerli insieme.

Big Fish e Tormento di nuovo insieme: dopo 20 anni tornano i Sottotono

Sottotono. Esce il singolo Mastroianni. Dopo 20 anni, Big Fish e Tormento tornano insieme nei sottotono e lanciano il nuovo singolo Mastroianni. Fuori venerdì 23 aprile. Il.

Twigo, in un solo sito artisti ed etichette potranno vendere cd, merchandising ed esperienze esclusive. Scopri come...

Nato da un'idea di Alessio Abondio e Davide Gualandris, il sito offre servizi per cercare di diffondere la propria musica e il proprio brand.

Tiziano Ferro cancella il tour. Live Nation al lavoro per riprogrammarlo per il 2023. Ecco come ottenere il rimborso dei biglietti

Ogni acquirente potrà scegliere se ottenere un voucher o il rimborso totale del biglietto.

Rkomi svela duetti e collaborazioni del nuovo album, "Taxi driver", Irama, Ernia, Gazzelle e....

Il disco arriva a distanza di due anni da "Dove gli occhi non arrivano", album certificato con il disco di platino.

Primo Maggio Roma 2021: il cast svelato... giorno per giorno (articolo in aggiornamento)

Come sempre il cast del concertone alternerà big della musica italiana ad artisti in forte ascesa.

Giordana Angi annuncia l'album "Mi muovo" con tre feat. Il primo è con Loredana Bertè (Tracklist)

Il disco, in uscita a maggio prossimo, sarà composto da dieci tracce.

Buon compleanno Ermal Meta. Ecco le canzoni donate ad altri artisti per aiutarli a spiccare il volo

Emma, Marco Mengoni, Francesco Renga, Chiara Galiazzo ma anche artisti emergenti... sono tanti gli artisti che hanno cantato Ermal.

Camille Cabaltera lancia il brano “Scegli” dal film Disney “Raya e l'ultimo Drago”

La cantautrice ha debuttato su Rai1 nel programma Ti lascio una canzone e ha partecipato ad X Factor nel 2017.

Tricarico La Bella Estate è una dedica speciale alla nonna

Tricarico La Bella Estate Sarà in radio da venerdì 23 aprile La Bella Estate, il nuovo singolo di Tricarico per Artist First. A pochi mesi dall'uscita di.

In attesa de La Notte degli Oscar Laura Pausini racconta la genesi di "Io sì"

La storia che ha portato alla nascita del brano vincitore di un Golden Globe e candidato agli Oscar 2021.

Folcast dopo Sanremo lancia "Senti che musica" con Roy Paci (e i Selton)

A distanza di quasi due mesi dal podio tra le nuove proposte di Sanremo 2021, nuovo singolo per il cantautore.

News
dalla discografia

Rubriche

radio date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 16 aprile

La mosca Tzè Tzè

Buon compleanno al Maestro Franco Battiato, colonna sonora della mia infanzia

Testo&Contesto

Testo & ConTesto: Laura Pausini Io sì. Il Prof di latino analizza il testo della canzone italiana candidata agli Oscar 2021

W la Mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

A tutto pop

A TUTTO POP #47: TONY MAIELLO, GIUNI RUSSO e TAGLIA 42. Aneddoti e curiosità sulle canzoni

A-V Indie

IL TEATRO DEGLI ORRORI (V di Venezia)

Emergenti

Anteprima Video: una riflessione sui sacrifici fatti per realizzare un sogno nel singolo “Cosa Ballo a Fare” di Leone

Ski & Wok: fuori “Rockstar 99 – Parte 1” l'Ep d'esordiio dell'irriverente duo romano della Triplosette Ent.

Mirall canta una preghiera laica per la musica in “Padre Nostro”

Ultrapop: dopo i successi del 2019 e del 2020, ecco il nuovo singolo “Lois Lane & Clark Kent”

Zioda lancia il nuovo singolo "Casamia" in duetto con Saint Pablo

Giulia Mei denuncia ipocrisie e contraddizioni nel brano “Mamma!”

Questa sera, 13 aprile, il giovane cantautore Cioffi in un live esclusivo per All Music Italia

Anteprima Video: una richiesta d’aiuto verso qualcuno che non vuole ascoltare nel nuovo singolo di Zueno “Le Chiavi Di Casa”

Opposite: la difficoltà di un rapporto a due nel nuovo singolo “Narghilè”

Certificazioni FIMI settimana 15 2021: arriva il primo doppio platino per Sanremo 2021 e un nuovo disco d'oro da Amici 20

Classifica Spotify Settimana #15: Guè Pequeno e Dj Harsh irrompono nella chart e si piazzano in vetta

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #15: Guè Pequeno festeggia i primi 10 anni da solista con un doppio primo posto

Classifica Radio Settimana #15: Colapesce e Dimartino inarrestabili. Irama torna sul podio!

Certificazioni FIMI settimana 14: continua il successo dei brani di Sanremo 2021 e Sangiovanni è disco di platino

Classifica Spotify Settimana #14: Madame è prima... in Top 10 anche due brani di Amici 20

Recensioni

Annalisa: "Nuda Dieci"... una riedizione che riscalda l'atmosfera?

Malika Ayane: “Malifesto” il racconto perfetto di come la vita

Maneskin – Il Teatro dell'Ira... da cui fuoriesce tutta l'ira ma non solo

Ermal Meta - Tribù Urbana - Recensione del nuovo album del cantautore

La Rappresentante di lista - My Mamma - Recensione

Michele Bravi: La Geografia del Buio e lo sforzo immane di provare a squarciarlo.

Video

Emanuele Aloia Intervista Sindrome di Stendhal

Achille Lauro Intervista Lauro

Selton Intervista Benvenuti

Cioffi live in esclusiva per All Music Italia

Max Gazzè Intervista La matematica dei rami

Virginio Intervista Rimani

Random Intervista Nuvole

Tazenda Intervista Antìstasis

Malika Ayane Intervista Malifesto

Senhit Intervista Adrenalina Eurovision Song Contest

Tommaso Zorzi Bocca di Rosa al Maurizio Costanzo Show

Febo Giorgio Pasotti Intervista Fino In Fondo