TZN – THE BEST OF TIZIANO FERRO – RECENSIONE

tzn_best_of_tiziano_ferro_copertina

Dopo tre anni di silenzio rotti qualche mese fa’ dallo stesso Tiziano Ferro, che ha lanciato indiscrezioni ed indovinelli ai suoi fans attraverso i social network a proposito del suo nuovo album, finalmente è arrivato: TZN – THE BEST OF TIZIANO FERRO, la mastodontica antologia che raccoglie (quasi) tutto il meglio della discografia del cantautore di Latina, dal debutto datato 2001 fino ad oggi. L’album esce in quattro versioni (2 cd, 4 cd deluxe box,box fan edition 4 cd + 2 dvd e 4 Lp limited edition) e contiene ben 61 tracce tra brani editi, inediti, duetti e rarities; il tutto anticipato da Senza scappare mai più il primo singolo estratto (già disco d’oro) che insieme a Incanto e Lo stadio svela da subito la parte più recente (ed interessante al momento) della produzione di Tiziano sintetizzando al meglio in tre estratti tutto il senso della sua storia: dai suoni ricercati ed internazionali del singolo di lancio, alla ballata romantica, passando per un brano-tormentone perfetto da cantare ai concerti (non a caso Lo stadio è anche il titolo del tour che partirà da giugno proprio negli stadi).

Gli altri inediti si mescolano ai singoli più conosciuti di Tiziano riportando “date di nascita” anche antecedenti il debutto commerciale, e rappresentano le vere “chicche” del progetto come Il vento, Angelo mio, Sulla mia pelle e Quando ritornerai, tutte composte tra il 1997 e il 2000 che ci raccontano di un talento ancora acerbo ma con tutte le caratteristiche di una vera pop star.

Il disco che contiene le rarità riserva diverse, piacevoli sorprese come le versioni “restituite” di Aria di vita e Difendimi per sempre, successi scritti da Tiziano per Giusy Ferreri e Alessandra Amoroso; l’omaggio a De Andrè di Le passanti o l’emozionante condivisione live con Fiorella Mannoia de Il Re di chi ama troppo.
I numerosi featurings realizzati negli anni arricchiscono la lista degli ospiti prestigiosi presenti in duetto come Mina, Laura Pausini, John Legend, Kelly Rowland conferendo alla raccolta una nota giustamente celebrativa ed internazionale.

Ordinati per data scorrono velocemente gli ultimi dieci anni della meglio musica leggera italiana, e la storia della maturazione creativa di un cantautore che è riuscito, in un tempo relativamente breve a raggiungere un pubblico enorme, affezionato e trasversale: dalle origini pop e l’amore per la musica “black” di Xdono alla svolta più cantautoriale e matura di L’amore è una cosa semplice, Tiziano ha saputo mettere un po’ tutti d’accordo in un modo o nell’altro, e lo ha fatto restando sempre credibile .
Non solo un “best of” da regalo passepartout di Natale, ma un piccolo gioiellino da collezione per fans e non che vi accorgerete di volere.
Bravo sempre Tiziano Ferro.

CANZONE MIGLIORE: Incanto
VOTO: 9/10

  Sono nato a Roma nel 1987, ed è qui che ho deciso di tornare dopo qualche anno di vagabondaggio per studio e lavoro. La musica è la mia passione vera; da sempre ho avuto l’esigenza di ascoltare, scoprire ed esplorare generi ed artisti diversi. La mia vena critica e quella polemica mi hanno portato su All Music Italia dove recensisco i dischi italiani in uscita più interessanti.
segui su:

  • A

    Sei bravissimo Simone