GABRY PONTE: ecco il video di “Buonanotte giorno”

gabryponte

È stato descritto come: uno dei pezzi dell’estate, perché unisce le due anime di Gabry Ponte: quella più elettronica da DJ e quella melodica del pop, in un brano dallo stile inedito e innovativo per l’artista torinese“.

Gabry Ponte è tornato con Buonanotte Giorno, il nuovo singolo disponibile da venerdì 20 giugno 2014, con cui ha preso parte al Coca-Cola Summer Festival e il cui video vede alla regia Francesco Fracchioni:

Si tratta di un brano che, a quanto dichiara lo stesso deejay, è perfetto e dedicato a chi ha voglia di ballare e di innamorarsi, in sintonia con l’arrivo della stagione estiva.

Ancora non è noto se, come del resto è probabile, il pezzo verrà inserito in una raccolta. L’ultimo progetto del giurato del serale di Amici risale allo scorso aprile: la compilation Gabry Ponte Selection 2k14, contenente il singolo La fine del mondo (feat. Two Fingerz).

Il pezzo ha le potenzialità per diventare un tormentone sulle spiagge, che a partire da questi giorni cominciano a essere sempre più calde e popolate.

Ecco il testo di Buonanotte giorno:

Si spengono le stelle, la luna si avvicina
poi si spegne anche quella e piano piano
nasce un’altra mattina

La strada scorre silenziosa verso casa
dai che tra poco si arriva
guardo il cielo che si stacca dagli alberi neri
e disegna al mondo il suo contorno

Buonanotte giorno

E sognerò di te, di quello che faremo insieme
e poi ti stringo a me, che è quello che mi fa star bene
e sognerò di te, di mondi da scoprire insieme
e poi ti stringo a me, che è quello che mi fa star bene

E dormirò tra le tue braccia
e mi strofino un po’ la faccia su di te
e sognerò di te

Si accendono le luci e tutto prende vita
si rincorrono i suoni e i rumori
come un’eco impazzita

Cammino piano e silenzioso verso casa
e la città mi saluta
mentre i bar si profumano di caffé
e di cornetti ancora caldi di forno

Buonanotte giorno

E sognerò di te, di quello che faremo insieme
e poi ti stringo a me, che è quello che mi fa star bene
e sognerò di te, di mondi da scoprire insieme
e poi ti stringo a me, che è quello che mi fa star bene

E dormirò tra le tue braccia
e mi strofino un po’ la faccia su di te
e sognerò di te

E sognerò di te, di quello che faremo insieme
e poi ti stringo a me, che è quello che mi fa star bene

E dormirò tra le tue braccia
e mi strofino un po’ la faccia su di te
e sognerò di te

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: