DARGEN D’AMICO: “Modigliani” diventa un videoclip, a pochi giorni dall’inizio del tour! (VIDEO e NUOVE DATE)

dargendamico_modigliani

Arriva direttamente da D’io, il suo ultimo lavoro in studio, il nuovo brano lanciato da Dargen D’Amico: il pezzo si intitola Modigliani e da venerdì 10 aprile, è divenuto un originale videoclip, visibile sulla pagina ufficiale VEVO dell’artista!

Ecco che i riflettori vengono puntati su una nuova tessera del puzzle: all’interno del disco del “cantautorap”, Modigliani rappresenta senz’altro uno dei passaggi più salienti e trae, come da titolo, diretta ispirazione dalla reale storia del famoso pittore e scultore Amedeo Modigliani, vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Inutile forse ricordare quanto quella di Modì sia stata un’esistenza complicata, piena di eccessi e di affanni: quegli affanni che il figurativo era solito affogare la sera nel bere. Ebbene, il tema del brano, partendo da questo spunto, vuole dire qualcosa sulla condizione degli artisti, che in vita fanno gran fatica ad essere apprezzati e ad affermarsi, per poi essere rivalutati e finanche osannati dopo la morte.

Alla maniera del precedente singolo Essere non è da me, in Modigliani i versi si susseguono in maniera battente, eppure non ci raggiunge dall’ascolto l’idea di una traccia rap: sarà di certo per la melodia importante e significativa, catturata per questo pezzo da Marco Zangirolami, produttore dell’intero album. (Leggi QUI la nostra recensione!)

Reduce da una fitta serie di date instore, Dargen D’Amico è pronto ora a rimettersi in viaggio, per una tournée che toccherà tutte le principali città italiane: il nuovo concerto sarà uno spettacolo intenso e ricco di spunti musicali, a dimostrazione dello spessore raggiunto dalla sua proposta artistica. La scaletta del live darà ampio spazio ai brani del nuovo disco, ma non mancheranno le hit che hanno segnato il suo successo di Dargen.

Queste le date del D’iO Live Tour!

24 aprile – PADOVA – Mame Club

25 aprile – NAPOLI – Buio Club

02 maggio – TRENTO – Bookique

08 maggio – PALERMO – Galleria 149

09 maggio – MILANO – Ohibo’

14 maggio – ROMA – Le Mura

16 maggio – BARI – Officina San Domenico

21 maggio – BOLOGNA – Locomotiv

23 maggio – TORINO – Lavanderie Ramone

30 maggio – GENOVA – La Claque

Ciò detto, non ci resta che mostrarvi il videoclip ufficiale di  Modigliani (a cura di Francesco Caracciolo, Mickey Moruzzo, Luca Rotondo Matteo Colombo per il montaggio). Trovate di seguito il testo integrale del brano, buona visione!

MODIGLIANI – DARGEN D’AMICO – TESTO

Abbiamo tutti il diritto a una certa ora
di sentirci bene, un’altra persona.
Se il pensiero dura più di pochi minuti,
abbandona il tuo Paese di sconosciuti.
Impara un’altra lingua, apri le danze:
non sei così male per uno che ha perso le speranze,
ma controlla i tuoi fantasmi da tutte le parti
perchè per lo meno non feriscano anche altri.
La goccia quando cade in bocca fa un rumore
pieno, che ti disseta e però lei muore
nell’oscurità, medicina per la timidezza,
meglio del vino, meglio di una pastiglia e mezza.
Questo malessere di vino cosa mai può essere:
puzzle di seconda mano, mancano le tessere.
Ci vuole più coraggio ad essere brutti,
a essere belli e bravi siamo bravi tutti!

Siamo dentro alla favola,
che ci lascia sorridere
poco prima di piangere.
Modigliani, hai 2 ore per ridere,
poi si riprende a vivere.
Vieni: il vino è già in tavola,
ma non bertelo tutto,
lasciane un po’ per me.

Amica francese, addio:
non so se dirtelo,
ma ti amai di un amore puro, indigeno…
Poi muore e scorre “Fine” sulla parete,
nomi e cognomi degli attori alle spalle del prete,
cooprotagonisti in ordine di importanza.
E il pubblico si dà di gomito nella stanza:
“Hai visto chi ha amato… Beh, ne ha amate tante”.
Io pensavo il mio ruolo fosse più importante,
nella vita terrena esistono solo comparse:
occhi sbavati come il cielo, briciole sparse,
triplo della fatica, come la formica.
Ma ai sacrifici sacri io non ci credo mica
e sono pieno di buoni amici ma non miei,
se mi baci e mi accoltelli è tutto ok,
pollice su perchè siamo solo di passaggio,
la morte è la vita vera, il sogno ne è un assaggio.

Siamo dentro alla favola,
che ci lascia sorridere
poco prima di piangere.
Modigliani, hai 2 ore per ridere,
poi si riprende a vivere.
Vieni: il vino è già in tavola,
ma non bertelo tutto,
lasciane un po’ per me.

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: