MARTHA ROSSI contro MARCO CARTA, la questione del crowdfunding e i post spariti

martha rossi marco carta

Io mi sentivo già in vacanza, ma, come ogni anno, quando arriva agosto e non ci sono notizie musicali da dare, arrivano le polemiche.

Perché il caldo rende intolleranti noi verso il nostro vicino di metropolitana che puzza un po’ d’ascella.

E rende intolleranti i cantanti che sgomitano per conquistare uno dei pochi posti al sole della musica italiana.

Protagonisti in questi giorni sono Martha Rossi e Marco Carta, ex concorrenti della stessa edizione di Amici di Maria De Filippi, quella del 2007/08.

Ma cosa è successo? Di fatto niente… o comunque poco.

La bionda Martha qualche tempo fa aveva avviato una campagna di crowdfunding per la produzione del suo nuovo videoclip. Aveva chiesto 4000 € e, alla chiusura della campagna, aveva ampiamente superato tale soglia, con 4.785 € raccolti.

Il progetto era stato pubblicizzato dalla cantante nel giugno 2016 e il post di Martha su facebook annunciava l’uscita del singolo dopo l’estate.

Servirà produrre tutti insieme il Videoclip del mio nuovo “Singolo” che uscirà dopo l’estate.

Nel periodo del lancio della raccolta fondi, Marco Carta, storico amico di Martha Rossi, ha sostenuto l’iniziativa chiedendo anche ai suoi seguaci di collaborare per permettere alla cantante di raggiungere il suo obbiettivo.

La campagna si è chiusa con successo nel mese di agosto, ma del video, a oggi, ancora nessuna traccia.

Si fa sotto Marco Carta dando il suo consiglio… probabilmente sentendosi in qualche modo “in colpa” per aver chiesto ai suoi di sostenere Martha.

marco carta

Questo screenshot è stato pubblicato dalla stessa Martha Rossi che risponde in con queste parole:

Scrivo qui perchè non posso commentare sulla tua pagina Ig.

È sempre spiacevole trovarsi in certe situazioni che sembrano ricordare il bullismo a scuola o i piccoli paesini dove si lavano i panni sporchi in piazza. Lascerei correre stendendo un velo pietoso per eleganza, ma non posso astenermi dal commentare solo per quanto riguarda la questione del videoclip e del crowd funding.

I soldi di quel video sono stati tutti spesi per la realizzazione del video stesso, che è pronto da tempo ma non è ancora stato pubblicato perché è ancora in corso da parte mia la ricerca di una etichetta discografica che possa darmi una mano a diffonderlo nel mondo più giusto, a maggior ragione perché è stato realizzato con l’aiuto di chi mi ha dato fiducia e mi stima: voi.

Il video sarà pubblicato, e la qualità e produzione sarà sufficiente a “dimostrare” che i soldi sono stati utilizzati interamente e solo per il videoclip. Ringrazio voi che state attendendo di scoprire cosa ho cercato di realizzare con la mia passione e il vostro supporto. Per tutto il resto non mi sento di aggiungere niente.

Ho provato a chiarire quelli che pensavo essere fraintendimenti con il diretto interessato, ma devo purtroppo accettare che questo è ciò che l’altra persona preferisce fare, piuttosto che confrontarsi con me rispondendo a una delle mie numerose telefonate per poter andare avanti in una amicizia oppure chiuderla, in maniera civile.

Chiunque scelga di non seguirmi più seguendo questa campagna d’odio e cyber bullismo dell’ultimo minuto lo faccia, consapevole di quanto possa lasciare senza parole chi chiede “ai propri sostenitori” di non seguire più qualcuno. Nonostante mi senta ferita da questo totale cambio di rotta da parte di una persona a cui tengo, non cambia l’affetto che provo per te, che spero un giorno, quando la rabbia sarà diminuita così da permetterti di vedere di nuovo la realtà, potrai realizzare.

Continuerò a volerti bene in silenzio, nonostante l’amarezza.

Marta

Marco Carta pare abbia cancellato quella raffica di post senza commentare. Quindi abbiamo come unica testimonianza quella della Rossi.

Cosa ne pensate? Chi, secondo voi, ha ragione tra i due?

Buttiamola in leggerezza, andate sulla nostra pagina Facebook, Love per Martha, Wow per Marco.

Vostra
Mosca Tze Tze


AGGIORNAMENTO

Ci crediamo?

marco carta

  Sono una mosca. Sono una mosca che ronza sulla musica e sono qui per disturbare. Perché nella musica mica si possono fare solo complimenti… e perché l’ironia ci sta un po’ su tutto. Vivo a Milano da sempre, ma volo ronzando per tutto lo stivale… e pungo! Tze Tze
segui su: