ROMINA FALCONI: in attesa del nuovo disco due appuntamenti live

romina falconi

Romina Falconi è attualmente al lavoro sul suo nuovo album che uscirà nel corso del 2017.
Nel frattempo la cantante più provocatoria e pungente del panorama musicale italiano continua a presentare il suo album di debutto, Certi sogni si fanno con un filo d’odio, attraverso ospitate e showcase.

Sono due gli appuntamenti delle prossime settimane che vedranno la cantautrice esibirsi nuovamente live dopo una serie di date che l’hanno tenuta impegnata insieme ad Immanuel Casto per tutta l’estate ed oltre.
Un’estate che l’ha vista sempre più schierata nel suo ruolo naturale di riferimento per la comunità LGBT con il lancio del singolo Who is afraid a gender (di cui vi abbiamo parlato qui) scritto e cantato con Casto come sigla del Gay Village di Roma.

I prossimi appuntamenti live con Romina sono fissati per il 27 novembre quando sarà ospite alla serata OUT di Milano presso il Major Milano (ingresso alle ore 20), e il 3 dicembre quando invece si esibirà a Ranica in provincia di Bergamo nel club Druso (ingresso dalle ore 22).

In attesa di grosse novità in arrivo prossimamente inerenti il suo nuovo album, vi lasciamo con queste righe in cui la cantante descrive se stessa e il disco. Vi ricordiamo inoltre che la Falconi tiene un blog in esclusiva per noi di All Music Italia che potete leggere qui.

Di due cose sono certa: che morirò e che il mio disco è molto profondo. Perché io la vita la prendo così, nel c@@o. Il mio disco, dalla copertina alle canzoni, rappresenta la mia indole: feroce, femmina, diretta e insensata, come la vita. E se volete vi parlo d’amore ma sono tutte brutali verità. In questo album affronto le emozioni con una sincerità che ha stupito me per prima. Voglio dire che posso ricomporre la mia vita e sentire finalmente che quella ragazzina cresciuta a Torpignattara insieme ad una transgender, passata per il palco di Sanremo, quello di Ramazzotti e quello di X Factor, ha trovato finalmente il modo di amarsi, continuando a tenere vivo sempre un filo d’odio”.

 

  
segui su: