“Opinioni da clown”: cantautorato-comico nel nuovo album di inediti di GIANGILBERTO MONTI

giangilbertomonti

A fine gennaio è uscito Opinioni da Clown (Egea Music/ed. Warner Chappel) album di inediti che riassume il percorso trentennale di Giangilberto Monti tra cantautorato e comicità. L’album arriva dopo un lungo lavoro sullo studio ed il recupero della comicità musicale italiana ed in seguito alla voglia di poter scrivere direttamente in italiano testi nuovi in alternativa ai molti dischi tratti dal repertorio francese che Monti ha spesso tradotto in italiano.

Gli arrangiamenti sono curati da Bati Bertolio ed alcuni brani son stati scritti per l’occasione mentre altri hanno la collaborazione con artisti incontrati negli ultimi anni, tra tutti Mauro Pagani, Rocco Tanica e il bluesman piacentino Ubi Molinari,.

Raul Cremona, Giovanni Storti (il Giovanni del trio Aldo, Giovanni e Giacomo), Nino Formicola (Gaspare del duo Zuzzurro e Gaspare) hanno prestato le loro voci per arricchire i testi ed accompagnare Monti.

Il teatro-cabaret milanese, che ha fatto la fortuna di molti artisti, ha nel suo ventaglio grandi esponenti, iniziando da Dario Fo passando da Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci, fino alle canzoni umoristiche dei Gufi.

La lieve congiunzione tra poesia ed ironia è tipica di questo stile ed i temi trattati nelle varie canzoni sono molto attuali e spaziano dal circo come metafora della società, al clown che impersonifica la figura scenica al limite tra comicità e politica, si parla di tre amici che tentano la fortuna al bar giocando la schedina, di chi è disposto a far di tutto pur di apparire, dei sogni di periferia rimasti nel cassetto, dei confini della mente, dei misfatti dell’Italia che affoga quando piove. Temi molto attuali che fanno pensare.

opinionidaclown

Ecco la tracklist di Opinioni da clown:

1. Arriva il circo! (Monti)
2. Sono il comico (Monti-Molinari)
3. La schedina (Monti-Molinari)
4. Terra! (Monti)
5, Que viva l’Italia (Monti-Molinari)
6. Cancion putana (Monti)
7. Tra il dire e il fare (Monti-Molinari)
8. Laurel & Hardy (Monti-Conforti)
9. Americani al largo (Monti-Pagani)
10. Sul confine (Monti-Molinari)
11. Ora vado (Monti)
12. Sei capace? (Monti-Molinari)
13. Alla fine della festa (Fo-Carpi)

Il brano Alla fine della festa che chiude l’album tratto da L’opera dello sghignazzo, è stato riadattato in forma canzone da Monti e porta la firma di Dario Fo e Fiorenzo Carpi.

Monti fa il suo debutto a metà degli anni Sessanta come scrittore e chansonnier, sperimentando molto sul palco e collaborando con molti colleghi, attraversando diversi stili, passando dalla ballad al jazz-pop contaminando gli stili e la vocalità, ha collaborato con Ricky Gianco, Ivan Cattaneo, Anna Oxa, Fiordaliso, Mia Martini, Alberto Camerini, Laura Fedele, Andrea Mirò e molti altri. Contemporaneamente lavora molto in teatro scrivendone testi anche per il cabaret, ha collaborato con Dario Fo, Franca Rame, Marco Della Noce, i Fichi d’India, Lella Costa e Flavio Oreglio, ed anche con  Radio Svizzera, vincendo il Prix Suisse 2004.

Prossimo appuntamento: 19 aprile allo Zelig di Milano.

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: