MARIANNE MIRAGE: torna con il primo album la promessa urban-soul della musica italiana

mm_lscf-600x600

“Lo so cosa fai quando tu te ne vai
Lo so cosa fai quando tu te ne vai”

Italianissima, multiforme e determinata, la giovane Marianne Mirage, all’anagrafe Giovanna Gardelli, è pronta a presentare il disco d’esordio Quelli come me, anticipato dal brano Lo so cosa fai, che vede la partecipazione del rapper tedesco Elijah Hook e che è disponibile in free download su www.rnbjunk.com. L’album uscirà il prossimo 25 marzo.video

Girato a Schlesisches Tor, famoso quartiere di Berlino, il video è caratterizzato da colori freddi ed invernali, contaminati qua e la da dettagli più accesi: il tipico giallo dei treni della capitale europea, un cappotto rosso, un cartello blu. Toni malinconici per un flow e un testo più accattivanti.

Originaria di Forlì abbiamo imparato a conoscerla dapprima come attrice ne Il racconto dei racconti, il film di Matteo Garrone uscito nel 2014 con Vincent Cassel e Salma Hayek e solo in un secondo momento come cantautrice; una voce riconoscibile a primo ascolto, moderna ed antica allo stesso tempo, in grado di valorizzare al meglio le nuove sonorità che caratterizzano il disco di debutto. Inizialmente ispirata al jazz, Marianne, grazie alle numerose influenze che spaziano dal soul all’elettronica ed alla sua voglia di sperimentare, arriva ora ad un concetto di urban‐soul quasi in maniera diretta e naturale. Prodotto da Max Elli e Jack Jaselli, registrato all’Auditoria Records di Como e mixato da Enrico La Falce, l’uscita di Quelli Come Me è prevista per il 25 marzo 2016 per Sugar, l’etichetta discografica di Caterina Caselli, ed è anticipato, come detto in apertura, dal singolo Lo So Cosa Fai, uno street single dall’animo urbano, arricchito dal featuring con il rapper tedesco Elijah Hook.

In parte autobiografico, l’album è un inno alle battaglie quotidiane ed alle storie di vita, una vera e propria finestra aperta sul mondo cosmopolita di Marianne Mirage.

  Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno. Cresciuta a pane e rock'n'roll da una mamma hippy approdo ad All Music Italia nel maggio 2015. Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.
segui su: