CONCHITA WURST sarebbe stata l’ospite di ROMINA FALCONI e IMMANUEL CASTO a SANREMO

romina_falconi_immanuel_casto_sanremo

Mentre si è appena concluso (almeno per il 2014) il trionfale tour Sognando Cracovia che ha visto Immanuel Casto e Romina Falconi calcare i palchi di tutta Italia, le carriere dei due artisti proseguono a vele spiegate: Casto, forte del successo del suo gioco di carte, Squillo, ha da pochi giorni presentato il gioco di Jenus, fumetto culto e dissacrante imperniato sulle avventure di Gesù tornato sulla terra senza memoria, personaggio creato dal fumettista Don Alemanno; dal canto suo Romina è uscita ieri con l’Ep conclusivo della sua trilogia musicale: Un filo d’odio che è balzato subito alla prima posizione degli album di musica elettronica su itunes e alla 22 nella classifica generale.

Ma per i due artisti c’è stato anche uno stop che sicuramente lascia in noi ascoltatori un po’ di amaro in bocca e una curiosità che purtroppo non potremmo soddisfare. Parliamo del Festival di Sanremo, e del brano che la coppia avrebbe presentato con un ospite internazionale d’eccezione che li avrebbe accompagnati nella serata dei duetti.

Il brano presentato a Sanremo dalla coppia, Finché morte non ci separi,  è una struggente ballata in cui le voci dei due cantanti si intrecciano in un intenso dialogo tra una coppia formata da un uomo violento, che giustifica le sue azioni come frutto dell’amore, e una donna succube di questo stesso amore “malato” che implora di lasciarla andare.
I due artisti non avrebbe lasciato nulla al caso, soprattutto l’atmosfera suggestiva della canzone avrebbe trovato su quel palco una teatralità televisivamente d’effetto: i due infatti sarebbero saliti sul palcoscenico dell’Ariston vestiti da sposi di un epoca diversa ogni sera e l’esibizione si sarebbe conclusa sempre con la simulazione della morte di Romina.

Anche l’ospite straniero che li avrebbe accompagnati nella serata dei duetti era già stato contattato ed aveva accettato entusiasta, un ennesimo colpo di genio della coppia che avrebbe fatto scalpore. Parliamo infatti della vincitrice dell’ultima edizione dell’Eurovision Song ContestConchita Wurst.
Ma tutto questo, almeno per quest’anno, non accadrà. Probabilmente per Carlo Conti, conduttore classico e rassicurante per antonomasia, quella della strana coppia era una performance troppo d’impatto e ha preferito lasciare spazio alla scelta, molto criticata in tutto il web, de I Soliti Idioti che, a questo punto tutti aspettiamo al varco nella settimana di Sanremo.

  Cresciuto con la passione per la musica dopo l'adolescenza inizia a frequentare il Music Business. Le sue prime esperienze avvengono nel campo dei fan club, nel corso degli anni ne crea e porta al successo diversi. Col tempo affina le sue capacità in vari settori del campo musicale. Tour manager per Barley Arts, Personal Assistant per Syria, Niccolò Agliardi e, per sette anni, con Gianluca Grignani. Di quest'ultimo scrive anche la biografia Rokstar a metà. Dopo essersi cimentato come produttore con l'ex "Amici di Maria De Filippi, Eleonora Crupi con cui incide quattro singoli portandola a duettare al Mediolanum Forum con Laura Pausini a febbraio del 2014 crea e lancia il sito All Music Italia che, in pochi mesi, diventa una realtà consolidata del panorama dell'informazione musicale sul web, tra i siti leader del settore. Da diversi anni è giudice in diverse manifestazioni musicali tra cui il Coca Cola Summer Festival, in onda su Canale 5.
segui su: