La prossima volta rinasco MARCO MENGONI

marco mengoni

Avevo deciso che la prossima volta sarei rinata nuovamente donna. Non ne vale la pena rinascere uomo del XXI secolo, figuriamoci cosa ne sarà del povero maschio alfa nel XXII!

La ferma decisione l’avevo presa quest’estate.

Uno dei vantaggi dell’essere maschio, credevo, è che puoi fregartene dei peli sulle gambe, dei peli delle ascelle, dei peli sulla faccia, delle sopracciglia, te ne freghi pure se hai un attacco più o meno improvviso di aerofagia. Il maschio, se deve fare pipì, cerca un muro neanche troppo appartato e la fa. La donna, alfa, beta e tutto l’alfabeto internazionale, se deve fare pipì, deve prima trovare un bagno sufficientemente di suo gradimento, sufficientemente pulito, sufficientemente profumato per atteggiarsi come un’acrobata professionista per espletare la sua funzione corporale senza sfiorare la tazza.
I maschi vanno in palestra per farsi i muscoli, le femmine per riuscire a fare pipì senza appoggiarsi sulla tazza (e non pensiate che la turca sia meglio, perché rischiamo sempre di farcela sui piedi!).

Al mare ho cambiato idea. Quest’anno i maschi erano tutti depilati… gambe, ascelle, petto, braccia. Lisci lisci come il culetto dei neonati. Quindi, pensavo, che senso ha rinascere uomo se poi mi tocca pure depilare la schiena?

Ma poi sono tornata a casa e mi sono ricordata di lui e ho deciso, questa volta ho deciso definitivamente davvero: voglio rinascere Marco Mengoni.

No, non avete capito. Non ho detto che vorrei essere come Mengoni o rinascere come lui. NO, voglio essere lui! Checché ne dica Fabri Fibra.

Voglio rinascere Marco Mengoni così, come prima cosa, perdo tutti i chili che ha perso lui e divento più bella (parlo al femminile perché mi sto rivolgendo alla nuova me che sarà un lui, ma non so parlare di me al maschile, per il momento).

Poi partecipo a XFactor nella squadra di Morgan che vi ho già detto di amare (leggi qui) e lo vinco pure XFactor, lanciando alle stelle la mia carriera.

Se rinasco Marco Mengoni pure a me diranno che potrei cantare addirittura le pagine gialle e farle sembrare una canzone grandiosa, invece a me, se canto una canzone grandiosa, la gente mi chiede il favore di tacere.

Se rinasco Marco Mengoni mi faccio anch’io la banana in testa, così i capelli se ne stanno in ordine, invece di continuare a lottare con mollette e forcine per non farli finire davanti agli occhi.

mosca-ciuffo

Chiaramente, se rinasco Marco Mengoni, mi faccio crescere anch’io la barba come lui, alla faccia delle strisce Veet per epilare il labbro superiore!

mosca-barba

Se rinasco Mengoni scopro pure cosa significa farsi una striscia diagonale sul sopracciglio, perché io non l’ho mai capito e così, anche se non mi chiamo Marco, non l’ho mai fatto per non rischiare di lanciare qualche messaggio sbagliato… magari è il segno di appartenenza ad una setta a me sconosciuta ed io non lo so.

mosca-sopracciglio

Se rinasco Marco Mengoni ho 728mila follower su twitter e e quasi un milione e mezzo di mi piace su facebook, al posto dei miei 204 e 81!

Se rinasco Marco Mengoni anche ai miei post risponderanno 12mila persone, anziché 1 o 2 (e neanche sempre) per pura pietà o per un po’ di compassione.

Quando rinasco Marco Mengoni girerò l’Italia e poi il mondo intero, salirò sul palco e mi ubriacherò dell’energia e della passione della gente, di quella gente che sarà lì solo per me. Per guardarmi, per adorarmi, per ascoltare la mia voce cantare. Ed io sarò lì solo per loro, per ricambiare il loro amore con la cosa che mi riesce meglio: trasmettere emozioni forti cantando.

E mi innamorerò di ognuno di loro, mi innamorerò della passione che ognuno di loro avrà per me, per quello che io rappresenterò per loro. E quella sensazione, quell’ubriacatura, quell’innamoramento, saranno la mia droga buona, la mia energia che mi farà volere salire ancora una volta sul palcoscenico e dare l’anima a chi l’anima la darà a me.

Sì, ho deciso.

Io rinasco Marco Mengoni.

Vostra appassionatissma (e un po’ Marco Mengoni)
La Mosca Tze Tze

follow me

 

 

 

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album di MARCO MENGONI in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon

  Sono una mosca. Sono una mosca che ronza sulla musica e sono qui per disturbare. Perché nella musica mica si possono fare solo complimenti… e perché l’ironia ci sta un po’ su tutto. Vivo a Milano da sempre, ma volo ronzando per tutto lo stivale… e pungo! Tze Tze
segui su: