15 Febbraio 2015
di Interviste, Recensioni
Condividi su:
15 Febbraio 2015

SANREMO 2015: Fabio Fiume tira le somme del Festival

Dopo una settimana di pagelle, l'analisi del Festival di Sanremo 2015 targata Fabio Fiume

Condividi su:
Sanremo fenice impertinente! Diverse volte nel corso delle 65 edizioni messe in piedi si è cantato il “de profundis”, fatto il funerale a questa manifestazione che non ha pari al mondo, né come longevità né come ascolti. Perché se anche i Grammy’s o i vari awards in giro per il mondo sono comunque a livello di ascolti globali, sono tutti comunque episodi che si consumano in una serata e non certo in una settimana. Ma noi italiani anziché difendere le nostre unicità ci divertiamo ad attaccarle, a giocare di detrazione. Stavolta la messa funebre è durata il tempo di una sola annata visto che quest’anno critici e detrattori, già vestiti come sacerdoti pronti all’estrema unzione, hanno dovuto ripiegare in fretta nelle loro tane, stando attenti a tappare ogni pertugio possibile, perché l’uomo medio della tv, Carlo Conti, quello che rassicura con ritmo e forbitezze, nell’incontrarli potrebbe essere meno forbito del solito e mandarceli per direttissima; dove? Fate voi.
Si promosso Conti, che ricorderemo probabilmente non come quello con la conduzione più originale, ma di sicuro come quello più svelto della storia, concependo uno spettacolo veloce, ritmato, con pochissime melasse come le marchette a fiction e programmi disparati che non ha di certo voluto lui.
Quel che ha voluto lui ha invece funzionato, come le tre ragazze a contorno e che in quanto tali ben si sono adattate la parte. Forse era Emma quella da cui ci si aspettava di più, lei che in genere è sempre così presente e forte sul palco, si è invece ritrovata intimidita, un filo annoiata dai continui attacchi per altro inutili. Emma camionista? Emma calciatrice? Emma cafona terrona? Allora devo preoccuparmi, perché vuol dire che non son normale nemmeno io, perché la trovo bellissima.
Arisa adempie al suo compito, ovvero la svampita simpatica, quella con cui nascono siparietti involontari e pertanto esilaranti. In queste cinque serate ne è successo più di uno, complice anche la rovinosa caduta per le scale che la cristallina vocalist racconta di aver preso. Giusta nella parte anche Rocio. Quale parte? La bellissima stangona dalle gambe lunghe quanto la Sanremo/Bordighera, su cui i vestiti delle grandi maisons fanno figura. Anzi Rocio rivela anche una discreta proprietà di linguaggio che non ha nulla da invidiare ad una Belen in Italia da molto più tempo. Semmai sono i testi scritti per lei ed anche le altre due che sono proprio poverini. I vestiti fanno figura su Rocio mentre per le altre due…. ma chi le ha vestite? Ecco, se devo criticare una cosa critico questa.
I comici sono stati l’unico neo di questa edizione del Festival. La partenza di Siani, non ha regalato magie, quelle che era solito regalare Troisi spesso termine improprio di paragone per il comico partenopeo. Niente magie ma tante polemiche per l’infelice battuta sul tondo bambino che dalla prima fila dell’Ariston si era lanciato per esser stretto la mano. Non l’avesse mai fatto lui di alzarsi, Siani di apostrofarne suddette forme abbondanti. Un punto peggio fa Pintus la sera successiva. Eppure ha fatto 150 date in giro per l’Italia e dicono che faccia ridere. Durante il suo quarto d’ora io mi giravo i pollici e so di colleghi che in sala stampa lì a Sanremo giocavano allo schiaffo del soldato per tenersi svegli. Le cose migliorano decisamente con Luca & Paolo che facendo alcuni sketch molto delicati (il matrimonio gay e i famosi coccodrilli sugli artisti scomparsi) sono riusciti a rimanere in piedi sul filo, portando a casa risate che non sono state a denti stretti e meglio ancora Virginia Raffaele e Rocco Tanica, con la prima esilarante nella Vanoni più riuscita della storia ed il secondo come panchinaro di lusso che entra e fa goal, anche se a mezzanotte inoltrata.
Una scommessa vinta è invece stata la gara dei giovani piazzata ad inizio serata. Sti poveretti che già passavano forche caudine di vario genere ovvero trovare chi ti produce, chi ti iscrive e poi selezioni, o attraverso Area Sanremo o attraverso commissione, per approdare solo in otto sul palco, tra circa 7/800 iscritti totali ed essere sbattuti pure dopo la mezzanotte  veramente era cosa oltre che ingiusta anche sgradevole. Adesso invece riflettori puntati e successo di ascolti che arride anche a loro, i giovani. Il ventaglio di proposte è vario e si va dal pop raffinato di Giovanni Caccamo a quello brioso e pieno d’impeto di Enrico Nigiotti, passando per il rock schizzato dei Kutso, il jazzy di Serena Brancale, l’introspezione  di Amara, la solarità di Rakele, il soul di Chanty ed il rap di Kaligola. La spunta il viso pulito di Caccamo con Ritornerò da te; vittoria dedicata al padre che non c’è più e non solo. Il brano vince anche il premio sala stampa radio/tv e quello della Critica intitolato a Mia Martini. Non è una vittoria che arriva a sorpresa visto che è quello meglio prodotto, quello più ammanicato, (scrive anche per Malika), quello che avrà meno difficoltà a proseguire anche se c’è  da scommettere che saranno diversi i ragazzi di cui sentiremo ancora parlare.  Anche per il giovanissimo Kaligola, appena diciassettenne, arriva un premio, quello di miglior testo, intitolato a Sergio Bardotti.
Il capitolo ospiti meriterebbe un’arringa a parte, ma per ragioni di brevità mi limiterò a rimarcare la contrarietà ai superospiti italiani. Anche se sono la serie A della nostra musica, vorrà dire che si fa un girone solo per loro, però venire solo per meri scopi commerciali, sinceramente…. Detto questo, benissimo Tiziano Ferro con una performance degna di nota, un po’ meno Biagio Antonacci, senza calzini e senza più le note necessarie per le sue canzoni, anche se l’omaggio sentito a Pino Daniele lo ha in parte riscattato e male anche Gianna Nannini capace non solo di non saper proporre altro da Sei nell’anima in una carriera trentacinquennale e farlo oltre tutto anche molto male, partecipando più che a Sanremo al festival della stecca e dell’errore di battuta. Con gli stessi problemi i ritrovati Al Bano & Romina, fuori tempo su Cara terra mia già ignobile nel 1989, figuriamoci oggi e con tali problemi, meglio sicuramente per Ci sarà e Felicità. In questo caso però vince la voglia di rivederli insieme tale che, raccontarvi di questi errori, è solo enfasi giornalistica e diritto di cronaca.
Gli stranieri da Ed Sheeran, ai ritrovati Spandau Ballet, passando per gli occhi belli di Marlon Roudette, la voglia di battere i piedini con The Avener, gli sfortunati Saint Motel a cui non andava il microfono, dando vita ad una sorta di gag da palco, che meriterebbe menzione speciale ai Nuovi Mostri di Striscia, fino alla chiacchieratissima ma al quanto inutile Conchita Wurst, hanno tutti fatto la loro figura e, cosa principale, cantato tutti dal vivo.
Il mondo dei big in gara, definito anzitempo un birignao di cuore e amore, mette via invece una sonora vittoria in termini di orecchiabilità. Sono tante difatti brani che la gente già canticchia, tanto che nella volata finale per la vittoria, non erano le solite 2, massimo 3, canzoni a concorrere, ma in diverse. Vince ciò che forse più si cercava, ovvero il nazionalpopolare con i tre ragazzotti de Il Volo, già famosi in tutto il mondo e che adesso andranno a sbancare anche l’Eurovision come da possibilità regolamentare. E figurati se i tre abdicano. E che son bravi è vero vero, che trascinano la platea pure, solo che fa quasi effetto orticaria sentire un testo così banale, trionfo di frasi fatte che sarebbero state fuori tempo massimo persino per Claudio Villa nel 1963. Ma va così e si sa, chi strappa gli applausi in sala prende il pass per i voti alti dalle giurie e dal pubblico televotante.
Benissimo Nek unico superbig, tornato al Festival a portarsi a casa un lodevole piazzamento (2°), grazie all’avere osato uno stile diverso dal suo solito, con cassa battente capace di svegliare le mummie dell’Ariston, molto partecipi quest’anno, e di entrare nei cuori dei più giovani a casa. Gli altri 2 superbig di questa edizione vengono invece trucidati dalle giurie, ma se per Raf c’è davvero da indignarsi, vista l’ottima canzone, l’impeccabile linea melodica marchio di fabbrica del suo raffinato pop, e le condizioni con cui è arrivato sul palco ovvero una fortissima forma di bronchite con cui cantare è davvero cosa impossibile, per l’altra Lara Fabian, la star mondiale che si piega alle logiche del nostro festival, pur di esserci, la pecca è stata una canzone che definire debole è poco, che esce senza nemmeno essere stata spolverata da ripostigli autorali chiusi nel 1994. Non basta la voce, in alcuni casi davvero no. Irene Grandi, altro nome importante si ferma a metà con il suo risultato, solo dodicesima. Il brano è buono e molto sentito dalla sua interprete, ma non tutti hanno capito questo passaggio improvviso da ragazzaccia del pop a signora col filo di perle ed il mezzo tacco. Per carità lei non ha nessuno dei due, ma da quell’idea.
Terza quindi arriva Malika Ayane, che la spunta su un manipolo di sedicenti fanciulle del nostro pop meritatamente, anche per diritti acquisiti con una carriera più centrata ed una finezza di fondo alla base del suo repertorio. Batte Annalisa, quarta, che probabilmente con questo Festival conquista il premio “Miglior interprete femminile dei brani di Kekko Silvestre dei Modà”, quinta Chiara che è sembrata a tutti più sveglia quest’anno con la sua Straordinario che tutti cantano ma di cui l’inciso ricorda pericolosamente le strofe di Forse di Pupo. Solo nona invece Nina Zilli, unica sulla carta in grado di sgambettare l’Ayane e che ha fornito tre prove live sempre sicure ed applauditissime. Quattordicesima invece la Atzei, quella che tutti ha definito la miracolata da San Kekko Modaiolo, può esser decisamente soddisfatta. Oggi è ufficialmente una big, grazie a questa settimana vista da milioni di telespettatori, ha un brano passionale che la gente ricorderà e di cui non è escluso il successo e col passaggio del turno la penultima sera le è stata perdonata persino una clamorosa stonatura sull’acuto della sua Il solo al mondo. Più che stonatura si è trattato di un suono talmente brutto che i cani si sono comportati come con i botti a Capodanno, si sono andati a nascondere sotto il tavolo. Alla gente non è interessato e l’ha preferita ad Anna Tatangelo, invece perfetta vocalmente, stilosa con il suo look largamente il più elegante del festival, bellissima sena pari in questa edizione. Troppo signora però, troppo costruita dicono, ma sinceramente mai come quest’anno l’ho trovata molto più rilassata e con una canzone si nella media, ma non certo orrenda come Essere una donna o Il mio amico con cui è arrivata ai primi posti. Misteri del pubblico votante.
Dopo il podio invece per i maschietti risiede in Marco Masini il piazzamento migliore (6°), lui che si è riappropriato dell’affetto della gente, che proprio come Sanremo ogni tanto muore e poi rinasce. Ottavo invece Gianluca Grignani che in realtà ha scalato posizioni su posizioni, grazie alle prestazioni in crescita durante la settimana del suo bel pezzo, di cui però la prima sera nessuno aveva capito una parola. Britti è undicesimo senza scaldare mai troppo il pubblico in sala e nemmeno noi a casa che vorremmo sentirlo fare brani più suonati e meno cantati… che non se lo può permettere. La mini sfida hip hop vede Nesli battere Moreno di misura (13° a 15°). I due si sono battibeccati a distanza, ma alla fine il cambiamento cantautorale di Nesli è stato capito e sinceramente ci piace. Premio eleganza comunque ad entrambi, davvero molto belli nei loro look.
I delusi sono quindi i favoriti della vigilia Dear Jack, che pagano una canzone davvero innocua, loro che avrebbero potuto batter cassa in questo Festival si son trovati solo settimi. Venderanno comunque, ma l’occasione è sprecata. Lorenzo Fragola invece se ne sbatte del decimo posto. Questo passaggio sanremese serviva solo a farlo conoscere a chi non ha Sky e quindi non ha seguito la sua stravittoria ad X Factor. Il singolo è già tra i più venduti e quindi la delusione è solo per il piazzamento, non certo per i risultati. Biggio e Mandelli forse speravano nel fattore simpatia o forse non speravano in nulla, tanto che non hanno nemmeno un disco da far uscire. Che son venuti a fare allora? Non era meglio prendere un artista che aveva un disco ed un tour in partenza? Misteri su questa inutile scelta.
E siamo ai saluti finali, dopo questo riassunto appassionato di una settimana in cui noi italiani parliamo meno di Renzi e di Salvini, dell’Isis e di processi per cose traculente, dell’imperante calcio e delle sue magagne, per cedere invece all’attività ludica più bella di tutte, la musica. C’è la possibilità che alcune di queste canzoni, per quanto popolari, ce le porteremo dietro per tanto. È andato tutto talmente bene che già la Rai vorrebbe un Conti bis. Se fossi in lui ci penserei bene che le seconde tornate non sono andate mai bene a nessuno. Bisognerebbe seguire l’esempio di Bonolis, ovvero una volta ogni tanto. Così il successo è sicuro garantito.
Sanremo saluta. Concedetevi un paio di settimane di pausa che tanto da Marzo si inizierà a parlare già dell’edizione 2016.

In Copertina

X Factor 2020: ecco quanti follower Instagram il programma ha portato agli artisti in gara

Sono ben cinque i ragazzi che hanno conquistato più di 100.000 followers dopo il debutto televisivo.

Anteprima Video: 'essere simili equivale ad essere invincibili?' La risposta nel brano “Un Raggio a Strapiombo” di Innocente

E' uscito Un Raggio a Strapiombo, il nuovo singolo del cantautore Innocente tratto dall'album d'esordio #IOSONO.

Il critico musicale Michele Monina intervista Massimiliano Longo, direttore di All Music Italia

Una lunga chiaccherata per parlare del sito, di Area Sanremo, degli artisti emergenti e, sopratutto, del ritrovato ruolo da manager.

Laura Pausini è la prima artista italiana a raggiungere un miliardo di stream su Spotify

Il risultato arriva proprio quando l'artista porta ben due artisti in finale nella versione spagnola di The Voice.

Parla Amadeus: "Per Sanremo 2021 sono arrivate più di 300 canzoni, nessuna parla di Covid!" e su Mina...

Per il direttore artistico della Kermesse la qualità dei brani arrivati è ottima e rappresenta tutti i generi.

Area Sanremo 2020: le pagelle del critico musicale agli 8 brani vincitori

8 vincitori, due di loro calcheranno il palco del Festival di Sanremo nella categoria Nuove proposte.

Release Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Pamela Prati: “In questo momento abbiamo bisogno di un messaggio positivo”

E' uscito il nuovo singolo di Pamela Prati Mariposita, un vero e proprio inno alla felicità che una speciale e sentita dedica. .

Il critico musicale Michele Monina intervista Massimiliano Longo, direttore di All Music Italia

Una lunga chiaccherata per parlare del sito, di Area Sanremo, degli artisti emergenti e, sopratutto, del ritrovato ruolo da manager.

Videointervista a Valerio Scanu: ““E sarà Natale, con tutti i suoi colori”

E' uscito il 27 novembre in digitale e sarà disponibile dal 4 dicembre in formato fisico il nuovo progetto discografico di Valerio Scanu Canto di Natale.

Videointervista ai Legno: “Questo è un disco d'amore... a 360°”

E' uscito il nuovo progetto dei Legno Un Altro Album, che nella versione fisica comprende anche un fumetto con protagonisti 2 supereroi!.

Videointervista a Dodi Battaglia: “Con la mia musica ho un'unica direzione!”

E' uscito poco più di un mese fa il nuovo singolo di Dodi Battaglia One Sky, realizzato insieme ad Al Di Meola. Ne abbiamo parlato durante una videointervista.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

E mentre la musica cade a pezzi arriva il singolo di Angela da Mondello. E anche Ermal Meta sbrocca...

Angela Da Mondello Non ce n'è Covvidi la canzone...Diciamolo chiaramente, in questo 2020 ci mancava solo questa.Per quei pochi fortunati che non sanno di cosa stiamo parlando Angela è una signora di Mondello, paese in provincia di Palermo, diventata famosa prima dell'estate per le sue esclamazioni indirizzate ad un'inviata di Barbara D'Urso... "Non ce n'è...

News

X Factor 2020: ecco quanti follower Instagram il programma ha portato agli artisti in gara

Sono ben cinque i ragazzi che hanno conquistato più di 100.000 followers dopo il debutto televisivo.

Briga: un immaginario crudo e un po' splatter nel nuovo singolo “Sacramento"

A qualche settimana dalla pubblicazione di Nessuna Pietà e Atto di Dolore, ecco in digital download e streaming il nuovo singolo di Briga Sacramento.

Premio Musica Contro Le Mafie 2020: annunciati i nomi dei 10 finalisti

Dopo 22 giorni di votazioni la direzione artistica del Premio Musica Contro Le Mafie 2020 annuncia i 109 nomi ammessi alla finale.

Zerosettanta Volume Uno: “Non è vero che sono un cantante, non lo sono mai stato.”

Con la pubblicazione di Zerosettanta Volume Uno si chiude la trilogia di album di inediti di Renato Zero progettata per festeggiare i 70 anni.

Gianna Nannini promuove l'importanza di proteggere e valorizzare la musica italiana al World Protection Forum

Gianna Nannini è intervenuta al World Protection Forum per promuovere l'importanza di proteggere e valorizzare la musica italiana. .

Pauhaus.it, lo store on line dedicato ai disegni di Pau dei Negrita

Pau, frontman dei Negrita, apre a grande richiesta uno shop on-line. Sul sito sarà possibile acquistare, in tiratura super limitata, alcuni dei suoi disegni.

AMICI 20 resoconto e pagelle della puntata del 28 novembre 2020

Nel terzo appuntamento iniziano ad essere messi in discussione in primi banchi.

Laura Pausini è la prima artista italiana a raggiungere un miliardo di stream su Spotify

Il risultato arriva proprio quando l'artista porta ben due artisti in finale nella versione spagnola di The Voice.

Bugo: dal 4 dicembre in radio il nuovo singolo “Quando Impazzirò” (Testo e Audio)

Sarà in radio dal 4 dicembre il nuovo singolo di Bugo Quando Impazzirò, estratto dall'album Cristian Bugatti, uscito lo scorso 7 febbraio.

Gianni Togni, la sua “Per Noi Innamorati” sarà la nuova hit della band latina CNCO

Per Noi Innamorati, brano di Gianni Togni del 1983, è stato scelto dai CNCO come nuovo singolo. Verrà presentato dal vivo il 26 novembre a New York.

Samuel: svelate data di uscita, cover e tracklist del nuovo album solista “Brigata Bianca”

Uscirà nel 2021 il nuovo album di Samuel Brigata Bianca. Un disco che si snoda in 15 tracce dove trovano spazio anche curiose collaborazioni.

Emma: ecco il testo dell'intenso monologo sulle donne che ha aperto il quinto live di X Factor 2020

Il quinto live di X Factor 2020 si è aperto all'insegna delle donne nel giorno dopo La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne .

Parla Amadeus: "Per Sanremo 2021 sono arrivate più di 300 canzoni, nessuna parla di Covid!" e su Mina...

Per il direttore artistico della Kermesse la qualità dei brani arrivati è ottima e rappresenta tutti i generi.

Area Sanremo 2020: le pagelle del critico musicale agli 8 brani vincitori

8 vincitori, due di loro calcheranno il palco del Festival di Sanremo nella categoria Nuove proposte.

Nayt: svelate cover e tracklist dell'album “Mood” in uscita il 4 dicembre

Uscirà il prossimo 4 dicembre il nuovo album di Nayt Mood. L'artista ha svelato sui social la cover e la tracklist del progetto.

X Factor 2020 Live quinta puntata: resoconto, eliminazioni e le pagelle della serata

Per la seconda volta consecutiva una puntata con una doppia eliminazione.

AmaSanremo 2020: resoconto della quinta puntata con Alioth, Davide Shorty, Folcast e Galea

Si è chiuso AmaSanremo 2020. Con la sfida di stasera è ora completo il cast di artisti che parteciperanno a Sanremo Giovani il 17 dicembre.

Nova: stasera Amadeus tornerà sul caso. Ecco i rumors sulla decisione presa

Sulla questione si è espresso in modo netto ai microfoni di Striscia la Notizia anche Mazza, CEO della FIMI.

Melancholia, Alone è il secondo inedito della band rivelazione di X Factor 2020 ( testo )

Continua ad arricchirsi con nuovi inediti la compilation X Factor Mixtape 2020.

Terzo inedito per i Little Pieces of Marmelade. Il titolo è Digital Cramps ( testo )

Continua ad arricchirsi con nuovi inediti la compilation X Factor Mixtape 2020.

Dopo il boom della prima perfomance Cmqmartina lancia il remix di "Lasciami andare!" ( testo )

Continua ad arricchirsi con nuovi inediti la compilation X Factor Mixtape 2020.

News
dalla discografia

Danti e One Fingerz, firmato l'accordo con l'agenzia di management MK3

Ensi e Warner Chappell Music Italiana: rinnovata la collaborazione

Boosta firma un accordo editoriale con Warner Chappell Music Italiana

Soundreef: dal 2021 la gestione per l'online dei Big del rap e della trap

Concerti: 12 milioni agli organizzatori per ripianare parte delle perdite subite in questi mesi difficili

Ticketmaster comunica le nuove iniziative per il ritorno al live

Rubriche

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 27 novembre

Pagelle Nuovi singoli

LE PAGELLE AI NUOVI SINGOLI ITALIANI IN USCITA IL 27 NOVEMBRE 2020

La mosca Tzè Tzè

Morgan nuovo Sindaco di Milano: sì o no?

(s)cambio generazionale

Daniel Ek, CEO di Spotify: rilasciare un album ogni tre anni funziona ancora?

Sondaggi

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Testo & ConTESTO

TESTO & CONTESTO SPRITZ CAMPARI: IL TORMENTONE DI MIETTA CI INSEGNA A DIRE "VATTENE, AMORE" CON STILE

W la mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Emergenti

Anteprima Video: 'essere simili equivale ad essere invincibili?' La risposta nel brano “Un Raggio a Strapiombo” di Innocente

Cannella: fuori “Casa Tua”, un accorato invito a entrare nelle vite degli altri (Testo e Audio)

Minerva affronta le proprie paure nel singolo onirico “Edera”

Matteo Romano, la sua "Concedimi" a quasi a 3 milioni di stream ci dimostra che TikTok non sempre sbaglia

Manuel Aspidi torna con il brano natalizio “This Christmas”

Fusaro: fuori “Dormi Serena”, una ninna nanna per risvegliare i ricordi

Classifica Spotify Settimana #48: Sfera Ebbasta da record! Bene N.A.I.P.

Classifiche di Vendita FIMI Settimana #48: Sfera Ebbasta... pigliatutto!

Classifica Radio Earone Settimana #48: pokerissimo Negramaro! Ma Fedez si avvicina

Certificazioni FIMI settimana #47 con Izi, Shade, Ghali, Frah Quintale e....

Classifica Spotify Settimana #47: Sfera Ebbasta ancora primo, ma Gazzelle si avvicina

AMI PARADE #4 – LA CLASSIFICA SETTIMANALE DEI BRANI ITALIANI BY ALL MUSIC ITALIA

Recensioni

Ghemon: "Scritto Nelle Stelle" e con una grafia bella chiara e leggibile… anche per altre voci svogliate

Francesca Michielin: Feat e il suo stato di natura… ribelle.

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Video

Pamela Prati Intervista Mariposita

Renato Zero Presentazione Zerosettanta Volume Uno

Valerio Scanu Intervista Canto di Natale

Livio Cori Intervista Femmena

Legno Intervista Un Altro Album

Dodi Battaglia Intervista One Sky

Matteo Costanzo Intervista Vita

Matteo Romano Intervista Concedimi

Angelina Mango Intervista Monolocale

Fiorella Mannoia Presentazione Padroni di Niente

Young Signorino Intervista Calmo

CoCo Intervista Floridiana