23 Luglio 2016
di Interviste, Recensioni
Condividi su:
23 Luglio 2016

INTERVISTA A SON PASCAL: “La difficoltà di gestire la fama quando continuano a disegnarti come non sei!” Dal Kazakistan a Pechino Express, passando per un singolo e sognando Sanremo

Oggi intervistiamo un Son Pascal senza freni che ci parla del suo singolo,della musica in Italia,delle delusioni e del successo in Kazakistan

Condividi su:

Lui è davvero un piccolo caso!
Parlo di Son Pascal un artista partito dalla provincia di Salerno ed approdato al successo in una regione così lontana da noi quale il Kazakistan, una volta per noi italiani Cosacchia, dove echi di egemonia russa si scontrano con i sempre più colonizzanti cinesi per lasciar venire fuori un miscuglio in cui ha trovato posto da protagonista questo giovanissimo italiano, che li ha letteralmente conquistati, diventando uno da palazzetti dello sport gremiti.
Son Pascal ( al secolo Pasquale Caprino ) adesso, non senza qualche difficoltà, forte di questo successo importante, prova a scardinare il mercato italiano, il suo mercato, con il primo singolo pubblicato nella sua lingua, Amore Ubriaco, che già si sta facendo notare nei percorsi indie.

La curiosità è tanta ma anche lo stupore; già perché Pascal è si un fiume in piena di cose da raccontare, come mi aspettavo, ma non hanno nulla a che vedere con il ragazzo sicuro e spavaldo che abbiamo visto ( o ci è stato semplicemente raccontato così ) a Pechino Express; il ragazzo con cui chiacchiero amabilmente è un po’ arrabbiato col sistema, ci sta riflettendo su e dichiara che non è detto che questa nuova strada aperta, quella con la musica italiana, sia quella che continuerà a percorrere, come mi spiega:
Sono un po’ a terra, perché nonostante i feedback positivi, Amore ubriaco non sta funzionando come speravo. Anzi a dire il vero nemmeno ci credo più di tanto, non mi rappresenta o, per lo meno, rappresenta un momento che ho vissuto, non il mio percorso.

Facciamo un passo indietro, perché tante sono le cose da chiederti. Partiamo dalla parte più scontata: come è nato il tuo nome d’arte? E’ una genialata per dire: Io sono Pasquale?

Può essere interpretato pure così certo, anche se la nascita non è proprio quella. Pur sentendomi molto campano ed amando profondamente la mia regione, ho sempre avuto antipatia per il modo di pronunciare il nome Pasquale in luogo. Viene appesantito come se quel dittongo avesse una u in più. Allora ho pensato ad una versione più leggera che unita al nome d’arte che avevo nella band con cui mi esibivo a Londra, cioè Son, ha dato questo risultato. Poi alla fine, come hai pensato tu, io davvero Son Pascal ! ( ride )

La tua vita da musicista è stata subito itinerante. Sei stato diverso tempo a Londra e poi leggenda vuole che una signorina kazaka ti abbia chiesto di seguirla nel suo paese perché c’era una possibilità per te. Davvero ci vuoi far credere che ti abbia convinto solo così?

E vabè un piccolo flirt c’era. Il merito se ci sono andato è stato sicuramente suo ma non quello per cui sono rimasto, essendomi poi innamorato di un’altra ragazza li. Solo l’amore poteva farmi scegliere di rimanere in Kazakistan, che è una nazione che ho dovuto imparare ad amare. All’inizio non è facile, non perché il paese non sia bello ma perché è dal punto di vista umano che c’è tanto da imparare. Sai, quando si cresce in fretta indubbiamente per strada si perdono delle cose.

Intanto grazie alla prima ragazza ed a suo fratello in particolare sei entrato in una sorta di X Factor Kazako.

Si, si chiamava A-Tunes. In realtà è stata la mia scusa per restare li. Il fratello di questa ragazza mi aveva chiesto di dargli una mano nell’organizzazione e poi alla fine diciamo che mi ha tenuto dentro. A me stava bene così

Da come lo racconti non sembra tu lo abbia vissuto come veicolo per la fama…

Assolutamente no. Cercavo davvero solo una motivazione per non dover tornare. La fama non avevo nemmeno idea che potesse arrivarmi in una situazione del genere ed in un luogo del genere. Non è certo come quelli che vediamo in Italia, che comunque aborro. Non c’erano case discografiche alle spalle.

Perché non ti piacciono i Talent?

Non è che non mi piacciono sia chiaro. In essi c’è persino qualità e di certo c’è opportunità. Non mi piace il modo che poi dopo ha la discografia di usare i ragazzi che vi partecipano. E’ impensabile uscire da un Talent, trovarti al primo posto in classifica e poi tre mesi dopo tornare a fare la cassiera. Nulla contro le cassiere ovviamente, però un attimo prima eri al top in classifica… E’ ingiusto e a chi lo subisce non fa certo bene.

Il primo successo in Kazakistan è stata una cover di Sting pubblicata via web; dalla sua Englishman in New York è nata Englishman in Shymkent …

Si è stata accolta davvero in maniera strepitosa. Non è arrivata col talent ma dopo. Cercavo sempre modi per riuscire a svoltare per restare li e con quella canzone è avvenuto il caso. Per me è stata un pretesto per proporre la mia musica.

Perché hai deciso di dedicarla a Shymkent? La cosa non ti ha creato problemi con il suo autore?

Ma figuriamoci! Sting nemmeno saprà della sua esistenza. L’ho dedicata a Shymkent che è il capoluogo del Kazakistan meridionale, perché sostanzialmente un po’ messa da parte nonostante la sua importanza ( è la terza città del paese ). Mi sembrava un po’ come Napoli o Bari in Italia, che vengono abbastanza stereotipate.

Da allora sei famosissimo. Eppur altri al posto tuo avrebbero approfittato del successo per puntare al ritorno in patria. Tu invece ti sei portato Al Bano li…

Per tornare in Italia avrei dovuto avere motivazioni per farlo ed al momento non c’erano.

Magari però Al Bano avrebbe potuto aiutarti…

E perché mai avrebbe dovuto? Ad Al Bano non gliene frega un emerito di aiutare Son Pascal. Lui ha la sua carriera e il suo compito è tenerla viva. Sai quanti nel corso degli anni gli avranno chiesto aiuto? Perché mai avrebbe dovuto darlo a me?
Ma come non avevi motivazioni a tornare in Italia?

Al di là dell’attaccamento al paese io in Kazakistan ho riempito palazzetti da oltre 5000 posti mentre in Italia sono consapevole che riparto da zero. Ne vale la pena? Visto come sta andando con questo mio primo singolo italiano direi di no.

Torniamo sull’argomento allora, cosa ti sta dando fastidio esattamente?

Che ho investito circa 10.000 € di mia tasca su questo singolo, ho ingaggiato Parole & dintorni che è il più importante ufficio stampa italiano, per sentirmi dire che il brano non gira, per avere poco più di mezza riga dedicata, per vedere che le radio non lo passano. Ma fa nulla, era una cosa che adesso dovevo provare e soprattutto potevo permettermi. Non va? Pazienza. Ho altro da fare, altrove.

Forse magari partendo più dal basso? Dalle piccole radio?

Ma guarda che io non mi nego a nessuno, perché mi piace la promozione, mi piace il mio lavoro. Anche se mi chiamano a “Radio Ci Ascoltano in Tre”, io ci vado.

Però dici che Amore Ubriaco non ti rappresenta. Come fai a proporre una cosa che non senti tua?

Non è che non la sento mia ma come dicevo prima io canto cose molto diverse da questa. In Kazakistan ho fatto canzoni decisamente più cantautorali.

E perché non ci hai provato anche in italiano allora?

Perché mi mancano le basi o meglio, io amo i cantautori, alcuni li ho proprio fagocitati come Finardi, Battisti, ma esecutivamente non mi sono mai approcciato al loro repertorio. Ho sempre suonato musica internazionale, dai pub nostrani a Londra e quindi per me quello è un modo non naturale di esprimermi in musica.

Quindi tu scrivi e canti in Kazako?

No scrivo in inglese o finto inglese quando ad esempio ho la melodia del pezzo ma ancora non so di cose voglio parlare. Poi un collaboratore mio li, mi aiuta a tradurre il testo, mirando non solo alla metrica ma al contenuto. Voglio poter dire nella loro lingua le cose per come le ho pensate.

Quanto ci hai messo ad imparare il Kazako?

Molto e non è per nulla facile, anche perché li ci sono molti dialetti e molti parlano ancora in russo. In fin dei conti l’indipendenza dall’ Unione Sovietica è datata appena 25 anni fa.

Ma se sei così soddisfatto di quel che hai li, perché hai deciso di partecipare a Pechino Express? In molti hanno pensato che fosse il lasciapassare per uscire dalla fama web, frattempo arrivata anche da noi, e diventare familiare alle masse…

Indubbiamente la possibilità era ghiotta però stupirò te e tutti quelli che lo hanno pensato ma non l’ho fatto per la notorietà in Italia ma per altri motivi.

Che si possono raccontare?

Certo che si, io non nascondo nulla. Avevo bisogno di tirarmi fuori dal Kazakistan perché non tirava una bella aria per me.

Oddio! Sembra una cosa da film di spionaggio …

Più o meno si! Guarda che davvero io mi sono trovato in situazioni di soldi, pistole e puttane. Mi sono davvero esibito per gente poco raccomandabile che magari mi obbligava a cantare cose classiche della loro storia ed a cui se dicevi di no non tornavi a casa, ma questa è un’altra storia.

Ed allora cosa è successo?

Evidentemente la tanta fama raggiunta ha dato fastidio a qualcuno. Ho cominciato a non essere ben visto dai “senatori dalla musica” locali. Per cui si sono inventati che io avrei offeso la loro storia musicale ed alcuni dei nomi più importanti della loro scena. La cosa ovviamente non è vera nemmeno un poco, ma come spesso accade, non importa cosa hai detto, ma cosa vogliono far credere tu abbia detto.

Il risultato quale è stato?

Che il tam tam mediatico non si è sgonfiato dopo poco, come magari accade da noi, ma è diventato sempre più forte fino a che mi è arrivata l’espulsione dalla capitale Astana ed altre città importanti. Non posso più esibirmi in quei luoghi. Avevo bisogno di staccare la spina da quella realtà che mi era diventata ostile, che mi aveva dipinto come l’antagonista di chissà chi.

Anche a Pechino però ad un certo punto il tuo personaggio è stato raccontato in maniera diversa dalle prime puntate in cui eri il simpatico, il caciarone..

Guarda Pechino è stata un’esperienza bellissima per me. Ho potuto visitare un continente intero dal suo di dentro, non dai luoghi turistici; ho potuto farlo come piace a me. In più non ho pagato per farlo ma mi hanno pagato quindi … Questo dal punto di vista dell’avventura e anche del mio compagno di viaggio Kang Bachini. Ma dal punto di vista umano ho veramente visto una pochezza e bruttezza tale … le peggiori che potevo vedere. Parlo degli altri concorrenti.

Come dicevo all’inizio non sembrava essere così però…

Poi sono iniziate le trame e poiché io ero visto come uno tosto da battere allora ci si è accaniti, accusandomi di qualunque cosa. Il tutto è cominciato da parte di Naike ( Rivelli figlia di Ornella Muti ) che ha tessuto abilmente la tela, soprattutto a telecamere spente, le sere, e piano piano le si sono accodati tutti.

Sembra che tu abbia tanto da raccontare come retroscena vero?

Cose che però non voglio dire, ma credo fossero chiare. Non voglio dire che siamo stati ostacolati ma cose strane ne sono successe.

Cioè?

Qualche taxi improvviso …
Cosa non andava di te agli altri lo hai capito?

Dava fastidio che non avessi i disagi loro. Per me non era un problema dormire dove avevo visto degli scarafaggi e se mi facevo male non stavo a piagnucolare come una velina qualunque ma mi rimboccavo le maniche per vincere il disagio. Sono addirittura stato fatto passare quasi per omofobo semplicemente perché rivendicavo la mia eterosessualità . Non sono stati bei momenti, proprio no.

Torniamo alla musica: hai già scritto altre cose in italiano?

Sinceramente non molte. Come ti dicevo prima per me è complicato scrivere nella mia lingua. Qualcosa c’è ma non molto.

Ma è davvero così complicato?

Se sei umile e sai che ci sono cose meravigliose scritte a cui vorresti ispirarti, si.

A chi potresti dover dire grazie nella musica italiana?

A Mogol. Ho partecipato alla sua scuola, il Cet, e la cosa più grande che mi ha insegnato, un grande come lui, è l’umiltà. Non bisogna stare solo ad ascoltare ma mettersi alla prova di continuo, sempre.

Il 18 ti sei esibito al Giffoni Film Festival dalle tue parti. Che esperienza è stata?

Un palco incredibile, sognato, proprio perché casa. Eppure mi sono esibito come dicevo prima anche in palazzetti stracolmi per me e solo per me. Però vedere l’effetto che facevano le mie canzoni, incomprensibili qui, è stata una bella cosa.

Hai cantato le canzoni Kazake?

E certo! Quello sono io, quelle sono le mie canzoni. Mica potevo fare solo Amore ubriaco? Ho persino pensato di non farla perché fuori contesto dal resto del concerto sai?

Ed invece poi l’hai eseguita?

Si l’ho eseguita. Il concerto è stato davvero bello: chitarra, gran cassa e voce.

Che effetto ti farebbe se domani aprissi la classifica ufficiale italiana e ci scoprissi il tuo brano all’interno?

Ne sarei contento ovvio, anche se devo dirti che non sono i numeri a darmi gioia nella musica o l’idea di sapere quanti l’hanno comprata, ma ciò che mi interessa è verificare sul palco se una cosa è piaciuta o meno. Comunque figurati, non gira nemmeno in radio quindi…

Ah Pascal! Ma è possibile che sei così negativo?

(Ride ) Ma no che non sono negativo. E’ solo una giornata così. Cerco di capire come può funzionare per me in Italia.

Funzionerebbe se domani squillasse il telefono e Conti ti invitasse a Sanremo?
Sanremo, Sanremo. Certo. Sarebbe una bella possibilità. Ti svelo che un brano nel cassetto c’è ma lo presenterei solo se l’artista con cui sogno di duettarlo mi dicesse di si.

Adesso devo indovinare di chi parli?

Se anche lo indovinassi non te lo direi, perché ancora non gliel’ho proposto. Posso solo dirti che l’approccio musicale è retrò, vintage.

Mi butto lo stesso: Arisa, Simona Molinari, Nina Zilli?

Non te lo dico! Comunque Rosalba la conosco bene, abbiamo fatto il Cet assieme. E’ una grande cantante ma … non è lei, ed ho già detto tanto.

Però tu in Kazakistan sei una star di prima grandezza mentre qui probabilmente verresti arruolato tra le Nuove Proposte…

Ma figurati! Ci andrei anche a strimpellare la tamburella dietro l’ultimo dei giovani in gara! E’ un ‘occasione importantissima in Italia, una di quelle cose che se ti capita non puoi che dire si!

Ohhh finalmente un po’ di positività!

Che ti ho detto prima? Umiltà e mettersi alla prova! Se non è una prova Sanremo….

Carlo che facciamo, lo invitiamo?


In Copertina

Laura e Biagio quasi 45.000 persone a Bari in un trionfo di musica, amicizia e condivisione

Musica allo stato puro nello show internazionale allestito da Laura e Biagio con Luca Tommassini. .

Anteprima Video: Martina Sivilli la fragilità di chi ama nel singolo “Troppe volte”

"Troppe volte" è il titolo del singolo di Martina Sivilli. Il videoclip realizzato da Marco D'Andragora con il modello Simone D'Angelo è in anteprima su All Music Italia.

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita il 28 giugno

In questa settimana rovente il radio date si scalda coi nuovi singoli di Levante feat. Carmen Consoli, Gazzelle, Giorgia, Nek, Jake la Furia, Roberto Casalino e tanti altri.

Salmo annuncia l'uscita di Machete Mixtape 4. Ecco tracklist e artisti coinvolti

Dopo aver solleticato la curiosità dei fan, Salmo ha finalmente svelato l'arcano... arriva a luglio Machete Mixtape 4.

Ultimo Tour stadi 2020 - Il cantautore annuncia il suo primo tour negli stadi

In attesa del suo primo concerto allo Stadio Olimpico, Ultimo annuncia Ultimo Tour Stadi 2020. .

Mietta torna con Milano è dove mi sono persa, con un testo che è la sua personale rivoluzione

Negli anni Mietta ha cambiato più volte pelle. Ora ritorna con un singolo che è per lei una nuova rivoluzione, Milano è dove mi sono persa.

NDG ecco chi è il rapper che con Panamera sta conquistando Spotify con oltre 5 milioni di stream ( Testo )

Da due settimane domina la Top Viral con Panamera. Ma di NDG si conosce poco o nulla. Fino ad oggi.

Festival Show cast - Ecco tutte le informazioni sulla 20esima edizione

Festival Show cast. Da Emis Killa a Benji & Fede, da Arisa a Nek e ancora Loredana Berté, Lo Stato Sociale ecco i nomi degli artisti della ventesima edizione.

Da oggi in radio

Le pagelle settimanali del nostro critico musicale ai nuovi singoli in uscita

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2019

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Palla e Chiatta Videointervista: “Il nostro nuovo singolo? Ricorda Mi Chico Latino...”

"Quando il cielo tramonterà" è il titolo del nuovo singolo del duo Palla e Chiatta. Qui la nostra videointervista in cui si parla anche dell'esperienza di All Together Now.

Axos Videointervista: “La mia vita ha capitoli discordanti. Mi ricorda certi film...”

Videointervista ad Axos che, dopo una lunga militanza in Machete, ha esordito con il singolo "Ci Puoi Fare un Film" con etichetta Polydor.

Giuseppina Torre Videointervista: “Life Book rappresenta per me l’inizio di un nuovo percorso di vita”

Giuseppina Torre racconta sé e il suo nuovo album intimo, personale e sincero "Life Book" nella nostra videointervista.

Mameli Videointervista: “Nel talent musicalmente ho fatto quello che mi pareva!”

Videointervista a Mameli a un mese dalla fine di "Amici". In questi giorni il cantautore ha pubblicato il videoclip amatoriale "Ci vogliamo bene". .

Alvis Videointervista: “Con la maggior parte delle tracce volevo far ballare. Poi...”

Videointervista ad Alvis, artista conosciuto nell'ultima edizione di Amici che si è fatto conoscere per la sua determinazione, unita a un carattere molto introverso.

Tiromancino Videointervista: “Il ritorno in Virgin ha risvegliato in me certe atmosfere...”

Tiromancino festeggia il suo ritorno in Virgin con il singolo "Vento del Sud", del quale ci ha parlato in una ricca videointervista.

Marco Carta Videointervista: "Troppe volte mi sono raccontato solo al 50%, mentre ora..."

In occasione dell'uscita del nuovo disco Marco Carta e di un libro, Liberi di amare, abbiamo realizzato una videointervista con il cantante.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Festival di Sanremo 2020 tra Amadeus, Mogol, Mina, Area Sanremo e le giurie. Il punto della situazione...

Festival di Sanremo 2020. Le indiscrezioni su come sarà gestito, a chi sarà affidato e sopratutto su chi ricoprirà l'importantissimo ruolo di Direttore artistico, si inseguono da diversi mesi ma quel che è certo è ad oggi, 24 giugno, ancora nessuna comunicazione ufficiale è stata diffusa. La Rai è quindi in ritardo? Si e no. È probabile...

News

Laura e Biagio quasi 45.000 persone a Bari in un trionfo di musica, amicizia e condivisione

Musica allo stato puro nello show internazionale allestito da Laura e Biagio con Luca Tommassini. .

Levante e Carmen Consoli raccontano la Sicilia con un testo poetico in "Lo Stretto necessario"

Levante e Carmen Consoli. Le due cantautrici siciliane per la prima volta insieme in una canzone, "Lo stretto necessario".

Roberto Casalino Diamante lei e luce lui anticipa il disco per festeggiare 10 anni di carriera

Per festeggiare i suoi primi dieci anni nel mondo della discografia Roberto Casalino rilancia un brano inciso da Annalisa in attesa di un album speciale.

Selton Ipanema è il singolo per l'estate in duetto con Malika Ayane

I Selton portano un po' di Brasile in Italia con il singolo Ipanema dove duettano con Malika Ayane. Coinvolto anche il percussionista Carlinhos Brown.

Nasce Zoo Music Fest e nella prima edizione mette in cartellone Salmo, Calcutta e Carl Brave

Si svolgerà tra il 6 e il 10 agosto a Pescara la prima edizione dello Zoo Music Fest con un importante obbiettivo... diventare il più grande Festival del centro sud.

Jova Beach Party: con i primi sold out arriva anche la line up di ogni tappa

Il programma del Jova Beach Party prevede la partecipazione di 63 ospiti, nazionali e internazionali, i cui brani saranno inseriti nella compilation in uscita il 5 luglio. .

Laura Biagio Stadi 2019: una produzione internazionale debutta a Bari. E dopo la Pausini si fermerà per 2 anni...

Via a Laura Biagio Stadi 2019, lo show di Laura Pausini e Biagio Antonacci curato da Luca Tommassini che promette di essere l'evento più importante del 2019.

Lele esce a sorpresa black love parthenope il disco delle consapevolezze

Ad un anno dall'ultimo singolo, e dopo un periodo di silenzio musicale, Lele torna con black love parthenope e parla a cuore aperto sui social.

NDG in attesa di novità e live pubblica un freestyle sulle note di Old Town Road

Mentre "Panamera" continua a macinare una media di 250.000 stream al giorno il giovane NDG pubblica un freestyle sulle note della hit di Lil Nas X.

Femminile plurale le donne della musica italiana si fanno sentire con uno show con 30 cantautrici

Michele Monina e Tosca riuniscono a Roma trenta artiste, tutte donne, per dimostrare che il cantautorato al femminile c'è e suona tra noi.

Vegas Jones: dal 28 giugno fuori “Puertosol”, prodotto da Boston George

"Puertosol" è il titolo del nuovo singolo di Vegas Jones, che dopo la collaborazione con gli One Republic torna a lavorare con il producer Boston George.

Alibi Summer Fest 2019: si avvicina la data zero del Festival Made in Puglia

Subsonica, Myss Keta, Lazza e Side Baby sono alcuni dei nomi di Alibi Summer Fest, che si terrà il 26 e 27 luglio a San Severo, ma che sarà aperto da Mondo Marcio l'1/7 a Foggla.

Giò Sada con il nome di Gulliver presenta il singolo "L'essere meccanico"

Il brano è il secondo estratto dal nuovo progetto artistico di Giò Sada di prossima uscita.

Sottosopra Fest 2019: Izi, Sick Luke, Capo Plaza, Rkomi e Carl Brave nella Line Up

Lecce e Gallipoli sono le città che ospiteranno la sesta edizione di Sottosopra Fest, con una line up di primissimo livello.

Dieci anni fa scompariva Michael Jackson. Ecco l'omaggio del giovane Thomas (video)

Il giovane Thomas dedica un pensiero e una versione piano e voce di Gone to soon al Re del pop, Michael Jackson.

Flash News

Angelica: dopo l'anteprima al Mi Ami Festival, annunciate nuove date del tour estivo

Rancore - Aggiornamenti nel calendario di Musica per Bambini Tour in estate

Subsonica - Nuove date nel calendario estivo della band (Biglietti)

Einar rinviati a data da definirsi i due concerti previsti per questo mese

Gazzelle - Si aggiungono due nuove date al Punk Tour Estate 19

Martina Attili - Cancellato il concerto del 9 maggio a Torino

Fil Bo Riva: special guest dell'unica data europea degli Imagine Dragons

Raf-Tozzi: debutto del tour rinviato. Il nuovo calendario.

Rubriche

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita il 28 giugno

Da oggi in radio

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli in uscita il 21 giugno

La mosca Tzè Tzè

La Settimana della Mosca: Cuba Libre, Tequila e altri cocktail per l'estate italiana

Sondaggi

Amici 18 - I risultati del sondaggio. Per i nostri lettori merita la vittoria...

L'ANALISI

Eurovision 2019: i risultati di Mahmood e l'analisi delle classifiche europee di vendita!

Emergenti

Anteprima Video: Martina Sivilli la fragilità di chi ama nel singolo “Troppe volte”

Mael: l'attrazione fisica in un ballo sensuale nel singolo “Borracho De Ti”

Alessandro Ragazzo lancia il nuovo singolo... Jerry Calà

Il progetto Lunie debutta con il singolo "Quest'amore che c'è"

I Disarmo. Il nuovo singolo della band che aprì Modena Park è "Occhi neri"

Olimpia Simone pubblica il singolo "Mi chiamo unica" scritto dal Maestro Mario Rosini

Certificazioni Fimi - Settimana 25: dopo Alberto anche Giordana Angi è disco d'oro

CLASSIFICA SPOTIFY - Settimana 25: Calipso si riprende la vetta. Arrogante di Irama entra in Top 20

Classifiche di Vendita Fimi Settimana 25: il Boss batte Madonna tra album e vinili. Elettra Lamborghini sul podio

Classifica Radio Earone Settimana 25: Jovanotti si conferma primo. Scende Tiziano Ferro

CERTIFICAZIONI FIMI – SETTIMANA 24: Alberto Urso è disco d'oro

CLASSIFICA SPOTIFY – SETTIMANA 24: Gemitaiz & Madman da record con oltre 7 milioni di stream

Recensioni

Africa Unite & Architorti In tempo reale - recensione

Achille Lauro 1969 - Recensione

Fiorella Mannoia Personale - Recensione

Fil Bo Riva Beautiful sadness - Recensione

Enrico Nigiotti Cenerentola e le altre storie - Recensione

Romina Falconi Biondologia - Recensione

Video

Palla e Chiatta Intervista All Together Now

Axos Intervista Ci Puoi Fare un Film

Tiromancino Intervista Vento del Sud

Marco Carta Intervista Bagagli Leggeri

Mameli Intervista Inno

Alvis Intervista album Alvis

Zoda Intervista Ufo

Donato Santoianni intervista Fossi nato prima - Parte I

Elodie Intervista Margarita

Merk & Kremont Intervista Kids

Finley Intervista We Are Finley

Ligabue Tour Stadi 2019 Prove generali, incontro con la stampa