24 Luglio 2019
di Interviste, Recensioni
Condividi su:
24 Luglio 2019

Intervista a Roberto Casalino – Da Giusy, Emma, Alessandra, Annalisa e le altre a Il Fabbricante di ricordi

Una lunga chiaccherata con Roberto Casalino per ripercorrere gli inizi carriera, l'amicizia con Tiziano Ferro, l'inizio del percorso da un autore e il nuovo album in arrivo a settembre

Condividi su:

Roberto Casalino Il fabbricante di ricordi è il titolo del disco in uscita a settembre in cui il CantAutore racchiuderà alcune delle canzoni scritte per altri artisti negli ultimi dieci anni. In attesa di incontrarlo per scoprire con lui questo nuovo album lo abbiamo raggiunto per un’intervista in cui ripercorrere il percorso che lo ha portato nell’Olimpo degli autori italiani.

Si può essere degli artisti di successo in molti modi, senza necessariamente mettere la faccia davanti ad una telecamera.

Essere artisti è una propensione dell’anima e la soddisfazione più grande è quando ciò che tu fai viene riconosciuto ed apprezzato. Niente di tutto questo passa per forza per un’esposizione mediatica e lo sa bene Roberto Casalino, che pur l’ha inseguita tanto, ma che poi ha visto riconoscere il suo senso artistico, attraverso le voci dei tantissimi interpreti che hanno dato fiato alla sua penna, cantato le sue liriche, ricercato le sue canzoni.

Si oggi, a quarant’anni raggiunti, Roberto Casalino può definirsi uno degli autori più ricercati dal nuovo pop italiano, un vero e proprio hitmaker come direbbero gli inglesi, uno che ha permesso a tanti altri colleghi ( perché lui canta e canta pure bene ) di appendere alle pareti delle loro case una serie impressionante di dischi d’oro e di platino.

E oggi per festeggiare i 10 anni trascorsi da quando una sua canzone, Non Ti Scordar Mai Di Me, ha raggiunto il grandissimo successo per voce di Giusy Ferreri, il nostro si toglie lo sfizio di pubblicare un album in Settembre, Il Fabbricante Di Ricordi , in cui riprende una manciata di queste sue composizioni ricantandole a modo suo, chissà probabilmente mostrandocele con l’abito con cui le aveva vestite prima che migrassero verso altre corde vocali.

Ed approfitto per incontrarlo e permettergli di raccontarsi come forse non ha mai fatto prima d’ora, in confidenza, con l’attenzione dovuta, e riconoscendo ancora una volta in lui il fuoco grande della passione per la musica, oltre che un ragazzo carinissimo, disponibile forse proprio perché soddisfatto del suo percorso e partendo nella chiacchierata proprio dal meraviglioso titolo dato al lavoro di prossima uscita…

Ci terrei a dire che quest’idea bellissima del titolo la devo a Stefano Mannucci che durante la presentazione di un mio showcase a Roma, mi definì così sfidando il pubblico a non avere nessun ricordo legato ad un mio brano.

La cosa mi colpì a tal punto che già allora pensai che, semmai avessi avuto occasione di fare un disco raccolta dei miei brani, lo avrei intitolato proprio così.

Quali sono però le canzoni dei tuoi ricordi, quelle che hanno segnato la tua crescita, il tuo percorso?

Ce ne sono varie, alcune pure recenti che hanno rappresentato per me dei momenti importanti. Penso a Talkin’About Revolution di Tracy Chapman o Confusa e Felice di Carmen Consoli ed ancora In Centro All’Orgoglio di Moltheni, Vulcano di Damien Rice.

Poi se penso al periodo in Germania allora ti dico Smells Like Teen Spirit dei Nirvana o anche il repertorio tutto di Battisti o Tenco che a livello cantautorale sono da sempre una grande fonte d’ispirazione.

Tutte cose molto diverse ma comunque seriose o per stile o per concetto…

Ma guarda che potrei inserire nel calderone anche tanta dance anni 90, come Ice Mc, Alexia, Double You che è la mia parte più ludica o se vado indietro ai ricordi di bambino ad Avellino, allora mi vengono in mente le cassette di mio zio che mi ha praticamente nutrito con Enrico Ruggeri, Ivano Fossati, Loredana Bertè.

Mi faceva proprio delle compilation ed io costringevo mio padre nei viaggi ad ascoltarle, imparandole a memoria.

Casalino cittadino del mondo: Avellinese di nascita, poi Roma e Germania, in provincia di Colonia, per vita, fino a tornare in un centro a misura d’uomo come Latina. Proprio a Latina inizia a far musica seriamente con una tua band, ma pure a studiarla all’interno di un coro Gospel. Cioè parliamone, se uno non ha un certo tipo di voce mica parte da un coro gospel?

Effettivamente! ( Ride di gusto ndr ) . Ci siamo arrivati assieme io e Tiziano ( Tiziano Ferro ndr ) che ci eravamo conosciuti precedentemente su un campetto di palla a volo. Parlavamo tanto di musica fino che ad un certo punto scoprimmo che in città si stava creando questo coro Gospel.

E che è successo?

Che ci siamo presentati in tantissimi, tanto che alla fine di cori se ne sono creati addirittura due e lui è andato da una parte ed io dall’altra. Era una novità per la nostra cittadina, anche perché non si curava solo un repertorio di genere ma si portavano brani famosissimi di tutt’altro stile e si arrangiavano in quella chiave.

E’ stato un bellissimo esercizio, lungo per altro, dove è possibile imparare a conoscere davvero la propria voce.

In che modo?

Per prima cosa non è facilissimo cantare in un coro; facendolo affini il tuo orecchio musicale, misuri le parti. E comunque impari che non è nemmeno importante essere la voce leader, che ovviamente per quel tipo di proposta non potevo essere io, ma impari che fai parte di un contesto, che la tua voce mischiata alle altre è importante al fine del risultato.

Non sarai il solista ma puoi essere comunque un ottimo tenore o contralto. E’ comunque una cosa che consiglio: non fossilizzarsi su ciò che ci piace perché magari non è la propria strada. Magari provi ad ascoltare altro, ti cimenti e scopri tutto un mondo nuovo.

La passione in comune con l’amico Tiziano Ferro, frattempo già emerso, vi ha portati ad una prima composizione di coppia nel 2002, Entro il 23 per gli esordienti MP2. Che effetto ti faceva ascoltare quel brano in radio?

Guarda era in realtà un periodo davvero magico. Io ero in tour al fianco di un mio grande amico che ce l’aveva fatta ( Roberto era corista nel Rosso Relativo Tour ndr ) ed assieme avevamo composto questa canzone che, per giunta, era pure finita nella compilation blu del Festivalbar, che allora… eppure …

Eppure?

C’era una parte di me che chiaramente voleva farcela come cantante. Questa cosa mi ha spinto per oltre sei anni a non dare più canzoni ad altri artisti. C’è stata solo una parentesi per Syria, ma poi sono tornato a custodire gelosamente le mie cose.

Anche perché ciò che scrivevo lo sentivo mio, ed a differenza del brano dato agli MP2, che non avrei comunque mai inciso, mi faceva difficoltà separarmene.

Chiudiamo con una domanda personale, se vuoi rispondermi, il capitolo degli inizi, che ti legano a doppia mandata a Tiziano Ferro. Voi siete amici da molto prima che iniziaste a bazzicare il mondo artistico ed ancora siete legatissimi. Al di là della passione comune per la musica, cosa ti ha fatto dire quel giorno, sul campetto di pallavolo di cui prima, questo è amico mio?

I bellissimi discorsi che facevamo sulla musica indubbiamente ci hanno avvicinato. Il ricercarla, spesso assieme, come si faceva allora, attraverso riviste o dandosi appuntamento al negozio di dischi e poi i tanti tentativi e viaggi per bussare alle porte fatti assieme.

Durante quel periodo ci siamo fatti una promessa: la cosa importante è che saremmo stati felici se anche solo uno dei due ce l’avrebbe fatta. Ce l’ha fatta prima lui ma mai e giuro mai, ha scordato quella promessa.

Ancora oggi, che ormai è una star che ha tagliato tutti i traguardi da tagliare, mi fa ascoltare i provini della canzoni, e poi il disco finito in anteprima, e vuole in maniera sacrosanta il mio parere, proprio come quando avevamo 16 anni. Per me è lo stesso. Quando scrivo un pezzo aspetto la sua opinione.

E vi fate sconti?

Assolutamente no! Anzi. E’ proprio quella la cosa importante. Fondamentalmente credo che siamo arrivati ad essere un amico importantissimo l’uno per l’altro, proprio perché non abbiamo mai basato il nostro rapporto su ciò che sarebbe arrivato dalla musica.

Dicevi che hai avuto difficoltà a dare altri pezzi ed in effetti ti sei fermato come autore per altri per oltre 6 anni, anni nei quali hai pubblicato anche un album senza granché seguito. Come hai gestito questa fase?

Ero sotto contratto con un produttore con il quale facevo tutte quelle cose che si fanno nella discografia: riunioni, programmazioni, attese. In quella fase mi chiedevano sempre di scrivere per altri, oppure ascoltavano i miei pezzi e mi chiedevano di riarrangiarli seguendo la moda del momento. Non era per me!

Volevo riconoscermi in quello che facevo, non perdere la dignità e soprattutto pensavo al dopo, a come mi sarei presentato per proporre qualcosa che non mi rispecchiava. Ho fatto alcune selezioni per approdare a Sanremo e nel 2005, il primo targato Bonolis, sono arrivato fino alla griglia degli 8 che poi presero parte, scartato all’ultimo. Ammetto che quella fu una botta molto forte.

Come hai resistito?

Grazie al fatalismo che mi è proprio. Mi sono detto di provarci, mi sono proprio dato una scadenza, che era quella dei 30 anni, e se non succedeva pazienza, forse dovevo fare altro. Ed invece, nel 2008, a 29 anni è arrivata Non Ti Scordar Mai Di Me e l’incontro con Giusy Ferreri che ha cambiato entrambe le nostre vite

E’ arrivata la canzone per Giusy…

Ed era una canzone che pensa, avevo scritto tre anni prima e non l’avevo mai nemmeno cantata, nemmeno proposta al mio produttore. Era là, chiusa in un cassetto.

Cosa aveva la voce di Giusy che ti ha fatto pensare a questa canzone che tenevi nel cassetto?

Era provinata voce e chitarra ed era molto malinconica. Sentire la sua voce, che lì tra l’altro era molto indirizzata verso il mondo di Amy Winehouse.

Mi dissero che cercava l’inedito ed allora avendola sentita nella sua versione di La Bambola davvero magistrale, dissi: “guardate io non do nessun pezzo, posso fare un tentativo con questo qua“, che nel frattempo avevo arrangiato seguendo un po’ il suo percorso, e l’ ho consegnato senza mai aspettarmi che lo scegliesse.

Ed invece come ascoltato il primo provino capì che era perfetta.

Che intervento ha avuto Tiziano Ferro quindi nella scrittura del brano?

Lui è un hitmaker finito. L’ha praticamente affinata, ha tagliato delle lungaggini, l’ha resa un vero e proprio singolo.

In quegli anni hai detto stesso tu di aver tentato diverse volte Sanremo. Oggi non lo puoi più fare come giovane per un fatto d’eta, ma sei pure diventato famoso. Lo faresti sempre o come tanti colleghi non ci pensi più?

Certo che lo farei. Non certo come giovane perché ho superato l’età ( 36 anni massimo ndr ), ma come big senz’altro. Certo in realtà spero sempre in un duetto che mi possa permettere l’accesso. Ma una cosa è certa: Sanremo è un fatto culturale e storico senza pari in Italia; chiunque sognava di fare il mio mestiere, ha sognato d’andarci.

Capisco pure chi però non vuole rischiare più. Il problema è il metodo di votazione che favorisce sempre più gli ultimi arrivati che sono più forti al televoto per la tanta presenza televisiva. Magari per un big con una carriera decennale, essere battuto da un giovane che ha tutto da dimostrare, solo perché le ragazzine lo votano in massa, non è certamente piacevole.

Ad un Talent parteciperesti?

Ci ho pensato. Però che senso avrebbe per me che sono un cantautore? Fare un percorso per arrivare semmai in finale per cantare un pezzo mio? E se non ci arrivassi che senso avrebbe avuto?

Torniamo a Giusy: siete davvero amici?

Molto, è una grandissima amica! Giusy è una bella persona. Ci sono molte cose che ci hanno legato. Ad esempio il fatto che la nostra speranza di carriera era all’ultima spiaggia per entrambi.

Quando le ho dato il pezzo poi, mio padre stava per andare via e lui si chiamava Gaetano… come Giusy si chiama Gaetana. Mio padre era nato in Novembre e lei ha scelto proprio Novembre come altro singolo. Coincidenze che han fatto si che il rapporto proseguisse.

Oggi c’è tanta confidenza tra noi, tanti altri pezzi che ho scritto per lei e lei si sente molto libera di sceglierli o meno.

Chi cerca chi?

Io cerco lei in genere, nel senso che io scrivo in realtà sempre per me. Poi accade che alcune cose sento che prendono altre strade che mi fanno pensare ad altri interpreti.

Con lei funziona che a volte la chiamo e le dico che ho inviato un pezzo per lei in casa discografica e lei corre ad ascoltarlo e subito mi dice che ne pensa. E’ successo ad esempio ricordo con Fatalmente Male che mi chiamò e mi disse che le avevano fatto sentire questo brano che avevo mandato per lei e che se ne era innamorata.

Poi certo, essendo onesti l’uno con l’altra ci scontriamo pure.

Ad esempio?

Quando lavoravamo all’album che poi includeva Ti Porto A Cena Con Me io la trovavo molto convincente in questa vena malinconica ma lei si era incaponita con un vestito più rock, tanto che quel disco fu un po’ un mix delle due cose e non fu granché capito. Però fu un passaggio per lei perché dopo ha ritrovato una vena più commerciale.

Emma, Alessandra Amoroso, Annalisa, tre ragazze ex talent, tre artiste molto in voga, tra voci che hanno spesso cantato la tua penna. MI dai un aggettivo per ognuna di loro?

La cosa bella per chi scrive è che un brano che tu hai pensato in una maniera poi viene rispettato si, ma proposto con una personalità completamente diversa dalla tua e fa la sua strada.

Alessandra rappresenta la parte più dolce delle mie scritture. Io lo trovo un approccio sussurrato, nonostante lei sia una che invece canta e canta molto; parlo di approccio, di come si avvicina alle cose, sempre delicatamente emotiva.

Emma tira fuori dalle mie canzoni la parte più viscerale, cruda. Lei ha proprio un modo di dare un peso alle parole che quando il brano che sto scrivendo prende una determinata direzione, io capisco subito che sarà suo.

Annalisa è in continua evoluzione, cambia di continuo. In quest’ultima parte del percorso è un po’ lontana dalla mia scrittura. Lei è comunque quella cristallina: entra in sala prove e di colpo il pezzo è suo, pulito, perfetto, anche perché lei si plasma con una facilità unica.

E Francesca Michielin e Nina Zilli?

Francesca ha un entusiasmo negli occhi che mi fa tenerezza. Quando ha iniziato e lo ha fatto col pezzo che ho scritto assieme ad Elisa, Distratto, lei quasi non ci credeva di avere un pezzo nostro e lo diceva in tutte le interviste.

All’epoca io non avevo ancora ben presente a me stesso tutto quello che mi accadeva e vedere i suoi occhi illuminarsi nel pronunciare il mio nome tra gli autori mi ha fatto dare un valore al mio lavoro.

Non era facile perché lei aveva 17 anni ed io 35. Scrivere per una diciassettenne e risultare credibile non è stato facile. Lì insieme ad Elisa abbiamo davvero calibrato un po’ il tutto. Per me lei è quindi la purezza.

Nina invece io la vedevo proprio così, dopo aver amato molto il suo primo album, Per Sempre che portava a Sanremo quell’anno era la giusta evoluzione. Mi spiace che non abbia proseguito su quella strada, perché una donna che cantasse quello stile, con quella bellezza e con quella cazzimma di chi sa il fatto suo, non è che ne vedo così tante.

Ci sono pure alcuni maschietti che hanno cantato tuoi brani, comunque per numero molto inferiori alle donne. Ti sei chiesto perché?

Perché credo di scrivere con una sensibilità più vicina alle loro corde. La storia insegna del resto come ci siano alcuni autori che hanno fatto fortuna anche grazie alle tante interpreti per cui hanno scritto.

Penso a Ruggeri e Fossati che hanno firmato i brani più belli per Loredana Bertè, Fiorella Mannoia, Mia Martini, Patty Pravo e tante altre. Poi forse c’entra anche il bagaglio di ciò che hai ascoltato.

C’è qualche tuo brano che è stato scartato da un’artista e poi è finito a qualche altra ed è andato benissimo?

Eh! Certo che si. Ma non ti dirò mai quale è il brano.

Ma chi lo aveva provinato e perché lo ha scartato però si?

Lo aveva provinato Giorgia e te lo dico perché lei non lo ha scartato perché non le piacesse, anzi, ne era innamorata.

Lei stessa però dopo averlo inciso, trovava che nella sua versione, per il suo tipo di voce, avesse perso un po’ di quella magia che lei stessa ci aveva trovato sentendo il provino. Capita. Ci rifaremo, spero.

E chi è quella allora che vorresti si aggiungesse alla lista delle tue interpreti?

Carmen Consoli ! Faccio un appello, lo dico in tutte le lingue del mondo, creiamo un hashtag, perché davvero non potrei chiedere di più di un mio brano cantato da Carmen che da sempre è la mia artista italiana preferita.

E quindi amico o no, quanto hai odiato Tiziano che si è beato proprio di cotanta collaborazione?

Non me ne parlà ( detta con spiccato accento romano ndr ).

Mi mandò un messaggio all’improvviso con scritto: “Sto per incidere un duetto per il quale tu mi odierai, lo so già”. Ed io risposi: “Scrivendomi questa cosa mi hai già fatto capire con chi è e sappi che ti odio già.. Una non dovevi toccare, ci dovevo arrivare prima io”.

Poi quando mi ha detto quale era la canzone, che già mi aveva fatto ascoltare, ho pensato che era perfetta. Poi si è fatto perdonare presentandomela a Sanremo, quando duettarono appunto su’ Il Conforto e li le ho potuto parlare ed ho incassato pure dei bei complimenti.

Beh hai approfittato per chiederle di un duetto?

Eh Se! Non ne ho avuto il coraggio!!

Ogni anno almeno 4/5 canzoni firmate da te raggiungono il successo. Suppongo che tutte non potranno entrarci ne’ Il Fabbricante Di Ricordi. Come le hai scelte quindi?

Sono partito da un punto di vista affettivo, mai di mercato. Certo molti sono stati dei successi, ma del resto diverse mie canzoni per fortuna lo sono diventati.

Ho dovuto lasciar fuori a malincuore altre cose ma conto di riprenderle in dischi futuri, un po’ come ho fatto nel precedente album, quando ho ripreso Prato Di Orchidee che fu di Annalisa ma che lei non aveva mai reso singolo.

Ci saranno poi dei duetti con le tue amiche. Suppongo non sia stato troppo complicato convincerle…

E’ stato scrivere il messaggio. Perché io sono uno che fa proprio fatica a chiedere favori.

Mi sono dovuto armare di coraggio, per altro poi per scrivere ad ognuno un messaggio diverso, dettato anche dal tipo di amicizia che mi lega ad ognuno di loro.

Per fortuna hanno risposto tutte di si, anche se il mio discografico, Claudio Ferrante, mi aveva dato un monito, cioè quello di chiedere con la predisposizione ad avere anche un no come risposta. Tanto cosa cambia?

La scaletta dei tuoi album come la formuli? E’ una domanda che non fa mai nessuno, però l’ho sempre pensata una cosa non facile…

Ho un mio mood. Cerco di non spezzare l’atmosfera. Alterno in genere un brano up tempo ad uno più lento, ma sempre tenendo conto come s’incastrano inizio e fine.

Mi piace pensare ad un album come ad un insieme di potenziali singoli, da avere l’imbarazzo della scelta su quale scegliere come prossimo. Non mi piacciono le canzoni riempitivo o quelle che sai che non avranno alcun futuro.

Adesso come procederai in attesa della pubblicazione?

Ci sono diverse situazioni in cui presenterò Diamante Lei, Luce Lui che abbiamo scelto come primo singolo. E poi in Settembre avremo un numero importante di instore/showcase. Stavolta ci tengo a fare molte città.

Roby non ti ho realizzato un intervista e ti ringrazio per questo. Siamo stati davvero un’ora e un quarto impegnati una bellissima chiacchierata, ( in cui mi ha raccontato anche tante altre cose che non vi dirò mai! Ndr ). C’è però qualcosa che vuoi dire tu ai nostri lettori?

Grazie a te per questa piacevolissima chiacchierata davvero.

Chiedo solo ai lettori di All Music Italia di non considerare questo lavoro come un sacrilegio a brani che hanno amato cantati dalle loro beniamine. Non ho voluto riappropriarmene con prepotenza.

Ho solo pensato che fosse un’idea carina che si conoscesse come io le ho pensate, che vestito ho dato loro quando le ho scritte. Io poi da questi brani non mi sono mai davvero separato. E’ solo un’altra versione.


In Copertina

Michele Bravi torna dal vivo tra sogno e realtà, tra canzone e teatro, e arriva dritto al petto

Ieri sera Bravi si è esibito nella prima di una serie di date live già tutte sold out.

Romina Falconi lancia "Buona vita arrivederci" con un omaggio a "Mamma Roma", Anna Magnani (Testo e video)

La cantautrice più ironica e trasgressiva del panorama musicale italiano lancia il nuovo singolo e una serie di importanti novità.

Pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 18 ottobre 2019

Gigi D'Alessio feat. Fiorella Mannoia, Romina Falconi, Giusy Ferreri, Massimo Di Cataldo e tantissimi emergenti per un totale di quasi 50 recensioni.

Vasco Non Stop Festival 2020: il prossimo anno a Imola la festa del rock

Si sta svelando piano piano uno dei progetti più importanti del prossimo anno... Vasco Non Stop Festival 2020.

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 18 ottobre

Nel radio date oggi fuori i singoli di Franco Battiato, Gigi D'Alessio feat. Fiorella Mannoia, Giusy Ferreri, il feat di Francesca Michielin, Romina Falconi e altri ancora.

Emma: arriva Fortuna, lo speciale concerto e l'instore live tour

Emma: "Fortuna" è il nuovo album in uscita a ottobre che verrà presentato con un instore live tour ed uno speciale concerto a Verona.

Alberto Urso: nel nuovo disco "Il sole ad Est" brani di Briga, Ermal Meta e Giordana. Ecco tracklist e copertina

Uscirà a fine ottobre il nuovo disco del vincitore di Amici di Maria De Filippi, già candidato tra i big del prossimo Festival di Sanremo.

All Music Italia nominato ai Macchianera Awards, i premi della rete, come Miglior sito musicale. Ecco la scheda per votare!

Per il nostro sito è la quinta nomination in cinque anni di vita. Al via le votazioni dell'edizione 2019.

DA OGGI IN RADIO

Le pagelle del critico musicale, Fabio Fiume, ai nuovi singoli in uscita

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2019

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Intervista Gnu Quartet: “Con Ermal Meta è stato amore a prima vista!”

Durante il Premio Tenco lo Gnu Quartet accompagnerà 3 artiste, omaggerà Pino Donaggio e darà un assaggio del nuovo progetto. Ecco un'intervista che ripercorre un 2019 davvero stellare.

Videointervista a Romina Falconi. Nuovo singolo, nuova etichetta discografica e il ritorno live

Una lunga intervista video per conoscere meglio quanto è avvenuto nella vita artistica della bionda cantautrice.

Videointervista a Ketama126: “In Kety ho racchiuso l'ultimo anno e mezzo di vita”

E' uscito "Kety", il primo album ufficiale di Ketama126. Anticipato dai singoli "Scacciacani" e "Cos'è l'amore" è composto da 14 tracce ricche di ospiti. .

Videointervista ai Linea 77: “I supporter storici sono i più ostici da convincere”

Una forma musicale in bilico tra rap, hard rock ed elettronica. Ecco "Server Sirena", il nuovo album dei Linea 77, uscito l'11 ottobre. .

Videointervista a Simone Tomassini: “Ovunque? E' come rinascere una seconda volta...”

Dall'esordio sanremese con "E' stato tanto tempo fa" fino al nuovo singolo "Ovunque". Ecco la videointervista realizzata con Simone Tomassini.

Videointervista a L’Introverso: “La realtà ci ha preso in contropiede!”

Una realtà in netto contrasto con i sogni individuali. Ecco il tema di "Shock", il nuovo album della band milanese L'Introverso.

Videointervista ad Alfa: “Wanderlust? È nata come un flusso di coscienza!”

E' uscito "Wanderlust!", il nuovo singolo di Alfa, che arriva dopo il successo di "Cin Cin". Il ricavato dagli ascolti del brano su Spotify verrà devoluto all'associazione L’Albero della Vita.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Concorsi musicali, segnalazioni e presunte irregolarità. La linea editoriale di All Music Italia a tutela degli emergenti

Concorsi musicali, segnalazioni e presunte irregolarità.Chi segue questo sito sa bene che All Music Italia e il sottoscritto hanno sempre cercato, nel limite del possibile e delle nostre risorse, di valorizzare la musica emergente e di tutelare i giovani artisti.Uno dei campi su cui ci siamo mossi maggiormente in questi anni è sicuramente quello dei...

News

Fabrizio De André: ritrovata la registrazione dello storico concerto di Genova con la PFM

Sono passati 40 anni dal 3 gennaio 1979, quando Fabrizio De André fu protagonista di un indimenticabile concerto con la PFM. Il filmato del live è stato ritrovato e sarà presto reso disponibile.

IMAGinACTION: Fabio Rovazzi conquista il premio per il Miglior Videoclip Italiano 2018 – 2019

Amoroso, Venditti, Elisa, Guccini, Nek, Pelù, Facchinetti e Tiromancino. Questi gli ospiti di IMAGinACTION ai quali si è aggiunto il vincitore Fabio Rovazzi.

Musica contro le Mafie 2019. Iscrizioni aperte fino al 31 ottobre. Primo ospite del Contest Fiammetta Borsellino

Si chiuderanno il 31 ottobre 2019 le iscrizioni alla nuova edizione di Musica contro le Mafie una manifestazione dal forte valore sociale a supporto dei giovani.

Riki stravolge le regole del gioco. Nuovo album a gennaio ma prima singoli e instore. Ecco le date

Per il lancio del suo nuovo album l'artista ha deciso di partire con l'instore tour prima dell'uscita del disco.

Sanremo Giovani: iscrizioni record! 842 proposte per 5 posti sul palco dell'Ariston

La Commissione Musicale è ora al lavoro per selezionare i 60 giovani artisti che il 3 novembre si esibiranno sul palco del Teatro delle Vittorie di Roma. .

Achille Lauro pronto a immergersi nella dance con il nuovo singolo 1990

Con una copertina che strizza l'occhio ad una celebre cover con protagonista Britney Spears, il cantautore annuncia l'arrivo di "1990".

tha Supreme: a novembre il primo album "23 6451". Svelata la tracklist

Dopo 5 singoli che hanno totalizzato oltre 100 milioni di stream, Tha Supreme è pronto per il primo album. "23 6451" uscirà a novembre e conterrà numerosi feat importanti.

Michele Bravi torna dal vivo tra sogno e realtà, tra canzone e teatro, e arriva dritto al petto

Ieri sera Bravi si è esibito nella prima di una serie di date live già tutte sold out.

Renato Zero diventa il personaggio Piumato Zero per Topolino

In attesa del debutto il 1° novembre, il cantautore annuncia la terza data a Milano per Zero Il Folle in Tour.

Meduza x Goodboys x Becky Hill: fuori il nuovo atteso singolo “Lose Control”

Dopo il successo internazionale di "Piece Of Your Heart", tornano i Meduza con i Goodboys e per la prima volta con Becky Hill. Fuori il nuovo singolo “Lose Control”.

Manuel Aspidi lancia il nuovo singolo Let out this light

Il brano dalle sonorità soul è il terzo estratto dall'Ep Libero (I'm free) ed è accompagnato da un video girato nella città natale del cantante.

Classifiche di Vendita Fimi Settimana 42: Giordana Angi guida una top ten di sola musica italiana

Giordana Angi guida la classifica Fimi degli album. Ha scalzato Renato Zero che si accontenta del primo posto tra i vinili. Queste alcune delle novità di questa settimana.

Romina Falconi lancia "Buona vita arrivederci" con un omaggio a "Mamma Roma", Anna Magnani (Testo e video)

La cantautrice più ironica e trasgressiva del panorama musicale italiano lancia il nuovo singolo e una serie di importanti novità.

Classifica Radio Earone Settimana 42: Emma ancora prima davanti a Tiziano Ferro. Giù Mahmood ed Elisa

Emma in vetta per la seconda settimana consecutiva. Risale Tiziano Ferro, mentre a sorpresa scendono Zucchero, Mahmood, Jovanotti ed Elisa. Buon esordio per Gianna Nannini.

Area Sanremo 2019. Si aprono corsi e audizioni con un ottimo numero di iscritti

Iscrizioni aperte fino al 21 ottobre per il contest che porterà due artisti sul palco del Festival di Sanremo.

Flash News

Paolo Conte: nuove date del tour "50 Years of Azzurro" (Biglietti)

Gianna Nannini: a ottobre il nuovo singolo “La Differenza” registrato a Nashville

Notre Dame de Paris: annunciata una nuova data all'Arena di Verona

Subsonica 8 Tour prosegue con un nuovo appuntamento live

Rancore: nuove date del “Musica Per Bambini in Tour d’Estate” (Biglietti)

De Gregori & Orchestra Greatest Hits Live raddoppio per la data di Milano

Niccolò Fabi: raddoppia l'appuntamento romano del tour del cantautore

Ex-Otago La notte chiama tour. Tre nuovi appuntamenti in calendario

Rubriche

Da oggi in radio

Pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 18 ottobre 2019

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 18 ottobre

La mosca Tzè Tzè

Tiziano Ferro pubblica le chat con Marco Mengoni e Tommaso Paradiso

Sondaggi

Tormentone Estate 2019 - Ecco i risultati del nostro sondaggio dopo tre mesi e oltre 20.000 voti

L'ANALISI

Eurovision 2019: i risultati di Mahmood e l'analisi delle classifiche europee di vendita!

Emergenti

Nostromo lancia "Le canzoni di mia madre" in attesa del disco di debutto

Le Tendenze: “La vita di un Clown”, una danza contro la depressione

Disco Zodiac: il singolo "Vino" parla di una fuga d'amore spericolata

Samuele Proto: è uscito il primo Ep “33 Stradale”, dedicato a... un'auto storica!

Jeyel dopo aver conquistato il pubblico social lancia il singolo #errore

Gigante: dopo il successo di “Himalaya” entra nel roster di Carosello Records

Classifiche di Vendita Fimi Settimana 42: Giordana Angi guida una top ten di sola musica italiana

Classifica Radio Earone Settimana 42: Emma ancora prima davanti a Tiziano Ferro. Giù Mahmood ed Elisa

Certificazioni FIMI settimana 41: Certificati gli album di Nitro e Anastasio. Ben tre riconoscimenti per Frenetik&Orang3

Classifica Spotify settimana 41: Lazza con oltre tre milioni e mezzo di stream si prende la prima posizione

Classifiche di Vendita Fimi Settimana 41: i Modà e Levante si inchinano a Renato Zero

Classifica Radio Earone Settimana 41: Emma balza in vetta. Zucchero entra direttamente nella Top Ten

Recensioni

Gigi D’Alessio - Noi Due è l’album che gli dà accesso vigoroso al nuovo decennio

Giordana Angi: Voglio Essere Tua. Un'artista in crescita che si mostra riconoscibile agli altri e soprattutto a se stessa.

Rocco Hunt la recensione del nuovo album, Libertà

Roberto Casalino: con "Il Fabbricante di ricordi" tornano a casa le sue canzoni che han viaggiato con altre voci

Africa Unite & Architorti In tempo reale - recensione

Achille Lauro 1969 - Recensione

Video

Romina Falconi Centro D'ascolto Reparto Biondologia intervista seconda parte

Romina Falconi Buona vita arrivederci intervista parte prima

Jack James Intervista Chilometri

Ketama126 Kety Intervista

Bais Intervista Milano

Enrico Giaretta Intervista Alphabet

Renato Caruso Intervista Antonio’s Choro

Wrongonyou Intervista Milano Parla Piano

Linea 77 Intervista Server Sirena

Gigi D'alessio Noi due presentazione con live Mentre a vita se ne va

Niccolò Fabi Intervista Tradizione e Tradimento

Giordana Angi Intervista da Voglio Essere Tua a Sanremo 2020