20 Giugno 2016
di Interviste, Recensioni
Condividi su:
20 Giugno 2016

INTERVISTA a ROBERTA BONANNO: Una donna nuova, una cantante libera.

Ecco in occasione dell'uscita del suo nuovo singolo, un'intervista a Roberta Bonanno, cantante seconda classificata ad Amici 2007

Condividi su:

E qualche anno che conosco, almeno telefonicamente, Roberta Bonanno e nonostante abbia già avuto modo di intervistarla o di interagire con lei in alcune trasmissioni radiofoniche, non siamo mai riusciti ad incontrarci di persona. Non accade nemmeno adesso, quando in occasione del suo ritorno sulle scene con un nuovo singolo, una nuova produzione, nuove idee e scopriremo in quest’intervista proprio una nuova Roberta, mi ritrovo a chiacchierarci amabilmente ma nuovamente ahinoi al telefono. Ed è una telefonata lunga e simpatica, come quella tra due amici che vivono lontani e hanno tante cose da raccontarsi, tra una risata e l’altra, una confidenza non riportabile e l’altra e nel mezzo tanta storia che Roberta mi racconta per voi, senza peli sulla lingua, così come ce la ricordiamo nel talent che l’ha scoperta, ormai ben nove anni fa, partendo proprio dagli inizi, da come era prima di approdarvi.

Ero una normalissima ragazza di periferia, che amava la sua vita fatta di famiglia, amici, lavoretto nonostante frequentassi l’università di Lingue e Tecnologie della comunicazione e pure con un certo profitto. Benché fossi figlia unica ed i miei non mi facevano mancare nulla, io volevo proprio lavorare per potermi permettere sfizi che una ragazza di vent’anni vuole togliersi; trovai così un lavoro da cassiera in un grande centro mobili… svedese!

Ed in tutto questo vissuto, che posto trovava la musica?

Per me la musica è sempre stata due cose fondamentali: il divertimento e l’urgenza di comunicare. Unendo così le due cose ho iniziato a lavorarci su, esibendomi in localini con i classici piano bar, in cui devo ammettere che gli studi, di comunicazione appunto, mi hanno molto aiutata ad attirare l’attenzione. Sai quando canti in un posto dove la gente è in realtà lì a far altro, la prima cosa cui devi mirare è che ad un certo punto si giri verso di te.

E come si fa? Dacci nozioni base.

Devi innanzitutto ricordarti che non sei nella tua cameretta a cantare per te sulla cassettina del karaoke, ma che stai cantando appunto per altri. Poi costruendo scalette interessanti cantando cose che sai che puoi far tue, interpretarle a tuo modo e variare anche con lo stile, perché tra quella gente c’è chi ti apprezzerà se canti un brano black, chi invece se gli dai energia rock, chi se riesci a farlo ballare, fino a quello che vuole la melodia italiana. Così io passavo da A natural woman di Aretha Franklin ad I will survive di Gloria Gaynor, dal repertorio di Giorgia a You shook me all night long degli Ac/Dc.

Nel 2007 arriva Amici ed è la prima grande opportunità. Mi dai tre aggettivi per descriverla?

Per primo direi faticosa. Tanto, davvero, anche se da casa non sembra. Da li vedi il prodotto finito, ma noi davvero si faticava per ore ed ore. Poi direi proprio divisoria; uno sparti acque tra la Roberta e che ero prima e quella che sono diventata poi, non come persona ma sicuramente come cantante. Infine direi memorabile per due aspetti diversi e contrapposti: il primo è proprio quello delle serate live. Vedi noi eravamo in diretta all’epoca e sfido chiunque ad immaginare dove potesse arrivarmi il cuore quando partiva la sigla e stava per aprirsi il sipario e dovevi uscire ed iniziare. Qualcuno dice in gola, io rispondo no! Il cuore mi era al posto del cervello proprio. Il secondo aspetto è stato quello del convivere con gli altri ragazzi. Noi facemmo davvero squadra in casetta e le nostre serate, le risate, resteranno memorabili appunto per sempre.

Chi ricordi con maggior affetto dei tuoi compagni?

Con Pasqualino Maione mi sento telefonicamente moltissimo. Ci consigliamo, ci raccontiamo. Poi con Susy Fuccillo è rimasto un bellissimo rapporto. Sono anche stata al suo matrimonio. Anche con altri dell’altra squadra come Cassandra De Rosa e, nessuno se lo aspetterebbe mai, Marco Carta.

E’ vero! Ricordo che eravate sempre a battibeccare…

Si ma solo perché contrapposti. Come il programma è finito e non eravamo più perennemente l’uno contro l’altro, abbiamo capito, rincontrandoci, che non c’era nessun fondamento nella nostra rivalità e che in realtà ci volevamo bene.

Il tuo primo disco s’intitolava “Non ho più paura”. Certo è un’affermazione importante?

All’epoca fu scelto solo perché rappresentava bene le canzoni ed in particolare quello era il titolo di una di queste. Magari è un titolo che userei più oggi, per un disco del presente, perché all’epoca in realtà di paura ne avevo, eccome!

Alla produzione c’era un guru come Mario Lavezzi. Hai avuto modo di poterti confrontare con lui, oppure era già un po’ tutto preparato su di te, come si dice spesso dei dischi dei reduci dai talent?

Per quanto mi riguarda, e parlo quindi per esperienza personale, solo su di una cosa sono d’accordo con quel che si dice sui dischi dei reduci dai talent e cioè che si fanno in frettissima. Il tempo a disposizione per lavorare non è granché, quindi devi fare subito e bene in pochissimo tempo. Per il resto invece ti dico di no. Io sono stata messa in condizione di stare sempre non solo con Mario, ma anche con Fabrizio Palma, che seguì il progetto da vicino. Tutto è stato molto naturale. E poi lavorare con Lavezzi mi ha aperto le porte anche ad altre grandi firme oltre la sua, come Bungaro e Niccolò Fragile.

Da un mostro della musica a due mostri della comunicazione come Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime attraverso l’esperienza teatrale Portamitanterose.it. Che differenza hai trovato tra l’essere sul palco come cantante ed invece quella di attrice di musical?

Notevole. La differenza iniziale è proprio tra il pubblico. Quando sei lì per cantare sei tu che devi catturare l’attenzione, ma il pubblico, se non tu non sia una grande star e quindi ha pagato un biglietto per te, non è lì esattamente per ascoltare te. Quando invece sei in teatro con una compagnia, è l’insieme che deve funzionare; non sono lì per vedere te nello specifico è vero, ma hanno però pagato un biglietto per vedere uno spettacolo e quindi ognuno deve impegnarsi al massimo per rendere giusta quella spesa. Inoltre il pubblico di teatro è più esigente perché di diversa età media e poi perché spesso è abbonato e quindi vede tantissimi spettacoli, anche di grandi attori. Ultimo, ma non da ultimo, ti trovi magari a recitare parti al fianco di una persona con cui magari non hai chissà che, rapporti fuori. Non è sempre facile e non dipende quindi solo da te.

Tra il 2010 ed il 2011 la tua musica si è spesso incontrata con la pubblicità. Com’è nato questo connubio?

Fortuna direi. L’inaspettato interesse per il brano che fu il primo ad essere utilizzato per uno spot, cioè Sorelle d’Italia fece iniziare i lavori ad un nuovo album. Poi l’agenzia di produzione aveva dei buoni legami con il mondo della pubblicità per cui alcune cover si prestarono facilmente alla cosa come quella di Mina Devi dirmi di si o quella che la gente crede sia di Bjork, cioè It’s oh so quiet ma che in realtà l’artista islandese ha già coverizzato di suo.

Com’ è che per le cover non hai paura del confronto con queste signore grandi della musica: Mina, Bjork, Franklin…?

Perché in realtà ho sempre ragionato per singola canzone. Difficilmente mi sentirai dire mi piace quel cantante piuttosto che quell’altro, perché in realtà mi piacciono le canzoni. Mi può piacere in linea di massima il modo di far musica di uno ma non condividere per nulla la scelta dell’ultimo brano su cui sta puntando, o non piacermi quasi mai un altro ed invece impazzire all’improvviso per un suo pezzo. Ragionando in questo modo non penso alla carriera dell’artista e quindi non mi sento in riverenza. Penso al pezzo. Lo so fare mio? Bene, lo faccio.

Finito il contratto con la Major hai iniziato i lavori con un’indipendente, la Rusty records…

In realtà con la major era solo il primo disco, Non ho più paura. Poi già il resto era con etichette indipendenti. Nomini la Rusty, ma in realtà poi con loro non ho potuto fare chissà che. Sono state altre le piccole etichette con cui ho davvero prodotto, come quella in cui sono adesso.

Prima di arrivare a parlarne, mi spieghi che differenza hai trovato tra il lavoro in una major ed un’indipendente?

L’indipendente lavora su di te e per me che sono un’egocentrica di natura, è una bellissima cosa. Hai sicuro meno porte aperte e te le devi aprire quasi esclusivamente con il lavoro, con quel che produci, però hai libertà ed allo stesso tempo dedizione al lavoro da parte di chi ti segue. Con una major sei solo un nome tra tanti. Di porte aperte ce ne sono di più, è vero, ma lo è anche che la maggior parte di queste viene occupata da grandi nomi, con cui tu non puoi confrontarti e che ovviamente preferiscono al posto tuo, sia perché garantiscono numeri, sia perché hanno investito di più nei loro lavori e devono quindi assicurarsi il ritorno.

Roberta ma come te lo immaginavi il mondo della musica prima di farne parte e come lo hai trovato una volta dentro?

Bella domanda davvero! Il mondo della musica è un po’ come un libro nuovo. Siamo sinceri: la maggior parte dei libri si acquista perché ti colpisce la copertina e quel po’ che c’è scritto dietro come sunto. Il mondo della musica attrae tanto perché da fuori è scintillante, sembra persino una cosa facile da affrontare, come se il fatto di saper cantare o suonare fosse sufficiente. Purtroppo o anche per fortuna non è così. Quando ci entri, soprattutto com’è accaduto a me che sono approdata subito in una major, quel libro è sempre affascinate ma quando lo apri, ti accorgi che ci sono scritti solo i primi due o tre capitoli. Per gli atri devi fare da te e quindi lavorare davvero duro.

Sei quindi delusa?

No. Credo solo che siano piuttosto le attese a rovinare tutto. Sia le tue ma ancor più quelle degli altri. Alla fine è un lavoro che è soggetto al giudizio del pubblico e non dipende solo da te. Non puoi sapere come il pubblico recepirà il tuo impegno, quindi le aspettative, qualunque esse siano, sono sempre sbagliate a priori.

Veniamo al tuo presente. Sei fuori con un nuovissimo singolo, “Ad un passo”, che come già segnalato su queste pagine, è un cambio radicale. Come ci sei arrivata?

Ci sono arrivata, come ti dicevo prima, anche grazie al lavoro della mia nuova etichetta, l’indipendente Advice music dove ho trovato davvero una libertà particolare. Non solo scrivo, ma mi trovo a collaborare con autori con cui chiacchiero, mi racconto e mi accorgo che dai miei racconti è nata una nuova canzone. E’ un’esperienza bellissima, perché hai tempo per veder nascere le tue cose e perché quel che nasce sono davvero io, una donna di trentuno anni con le sue esperienze, capace come in Ad un passo di raccontare anche che ha il semplice desiderio di un bacio, di sesso, che poi sia per un giorno solo o per la vita non importa, è la normalità dei fatti. E’ un’audacia che posso permettermi.

E’ un po’ quindi come segnalato nella recensione del singolo: Roberta canta finalmente qualcosa che rappresenta la sua età…

Infatti, sono stata contentissima di essere stata inquadrata nella maniera giusta. Quel che volevo arrivasse, è arrivato. Per questo ti dico che adesso davvero non ho più paura, perché adesso sono davvero me. Sono una donna nuova, sono una cantante nuova.

Sei quindi felice anche della gestazione di questo nuovo lavoro, cosa che spesso irrita gli artisti?

Eccome! Sono sempre in studio, felicissima. Discuto di tutto. Non mi permetto di metter bocca sugli arrangiamenti, però partecipo alla scelta, ai vari tentativi, a quel suono da metter piuttosto che quell’altro. E’ una vera libidine e mi sono resa conto che a me il lavoro di studio, in questi ultimi due anni, era proprio mancato.

In questi due anni allora qual è stata la cosa più bella e quella più brutta che ti sono accadute in carriera.

La più bella è stata approdare all’Advice Music dove non lo dico per piaggeria, ma mi è stata regalata questa nuova giovinezza musicale. La più brutta forse è stata vedere quanti numeri di telefono sono cambiati; quanti quelli che ti hanno incontrato e detto: “dobbiamo fare questo assieme”. Poi li richiamavi e non ti rispondevano più. Questa è sicuramente stata la cosa davvero brutta.

Sei in fase di lavorazione all’album. Quando pensi che possa veder la luce?

Se tutto procede come sembra, credo che per Settembre dovrebbe esser pronto. In realtà dobbiamo ancora decidere se fare altri singoli, se pubblicare un ep, oppure un album completo. Ci sono molti provini incisi da arrangiare ancora e talmente tante cose scritte e pensa che alcune devo ancora provinarle. E poi non manca l’idea di tentare Sanremo, che ho già provato due volte. Ho diversi brani, per non dire tutti quelli che fin qui ho registrato, che mi sembrano particolarmente adatti per tentare quella strada.
Chi vorresti scrivesse per te, aprire la posta elettronica e trovare una mail con scritto: “Ho pensato a questo brano per te”.

Il primo cui penso purtroppo è una persona con cui questo non può più avvenire ovvero Giancarlo Bigazzi. Ho conosciuto sua moglie Gianna, una persona eccezionale e sono entrata in contatto con tantissime cose scritte da lui che nemmeno sapevo fossero sue. Che meraviglia, che pezzi. Se dovessi dirti invece due nomi attuali il primo che ti direi è indubbiamente Tiziano Ferro, che per me è il miglior autore di questi ultimi anni.

Roberta cantare Tiziano è complicatissimo, perché molto personale…

Beh proprio per questo potrei davvero impegnarmi oltre modo. Sarebbe un onore.

Nessun altro comunque?

Ah certo! Come ho potuto dimenticare? Fabrizio Moro. Quanto mi piace!
C’è qualcosa che non ti ho chiesto in questa lunga chiacchierata (in cui Roberta ha i capelli bagnati dalla doccia da cui l’ho interrotta) che non ti ho chiesto?

Di non credere mai che esista la fine. La fine reale è una sola. Tutte quelle che capitano durante il percorso delle nostre vite non sono reali fini, ma solo nuovi inizi.


In Copertina

Intervista esclusiva a Gianluca Grignani... il nuovo album, i live e uno stop alle polemiche

Il cantautore, reduce dal lancio del singolo "Non ti dirò il tuo nome", si lascia andare in una lunga intervista senza filtri.

Shiva: assembramenti pericolosi a un concerto nel veronese, denunciato

Il 29 luglio Shiva ha tenuto un concerto al mercato ortofrutticolo di Bussolengo. Le cose, però, non sono andate come si sperava.

Heroes: nuovi ospiti arricchiscono il cast dell'evento dell'Arena di Verona

Sono stati annunciati nuovi ospiti che completano così il cast di Heroes, l'evento dell'Arena di Verona che svolgerà il 6 settembre.

Chi vincerà la Partita del Cuore? Il 3 settembre la speciale edizione 2020

Chi vincerà la Partita del Cuore? Lo storico evento benefico cambia formula e collocazione e arruola 4 capitani: Alessandra Amoroso, Raoul Bova, Gianni Morandi e Salmo.

Sanremo 2021: AFI contro il regolamento, "serve trasparenza"

Arrivano le dichiarazioni di Sergio Cerruti, presidente di AFI, contro il regolamento di Sanremo 2021. .

Luglio 2020 Top e Flop: Achille Lauro Re incontrastato, Battiti live riporta la musica in tv e Chiara Galiazzo paga lo scotto di un pubblico sempre meno attento

Quali progetti si sono distinti nel mese di luglio 2020? E quali non hanno funzionato? Ecco l'analisi tra top, flop e zona neutra.

Cosa Resterà degli Anni ’90: 1992 con Carboni, l’esordio di Nek e gli 883

Continuiamo il nostro viaggio nella musica degli anni '90. Dopo aver percorso il 1990 e il 1991, ora tocca al 1992. SANREMO 1992 Il Sanremo 1992 fu.

Sanremo Giovani 2020: ecco il regolamento e come iscriversi

E' uscito il regolamento ufficiale di Sanremo Giovani 2020, con la nuova trasmissione AmaSanremo e l'abbassamento del limite d'età.

Radio Date Estate 2020: tutti i nuovi singoli in uscita

Siamo arrivati all'ultimo appuntamento con il radio date prima della pausa dell'estate 2020.Come ogni anno, terremo costantemente aggiornato l'articolo con le nuove uscite fino a.

ESCLUSIVA: Amici 20, avvistati ad Amici Casting alcuni volti noti.

Anche quest'anno, per la ventesima edizione del talent show più longevo della televisione italiana, spuntano alcuni volti noti.

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Quaranta canzoni selezionate dalla nostra redazione per i classico sondaggio dell'estate. La parola a voi.

Release Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Intervista esclusiva a Gianluca Grignani... il nuovo album, i live e uno stop alle polemiche

Il cantautore, reduce dal lancio del singolo "Non ti dirò il tuo nome", si lascia andare in una lunga intervista senza filtri.

Videointervista a Sal Da Vinci: “Chi non ha voce è vicino alle storie che canto”

Nelle scorse settimane sono usciti i due singoli di Sal Da Vinci "So Pazz'e Te" e "Viento", che anticipano il nuovo album cantato in napoletano.

Videointervista a Manfri: “La mia scrittura è semplice, concisa, ma allo stesso tempo ricercata”

E' uscito "Stanza", il terzo singolo del cantautore Manfri, nome d'arte di Manfredi Grigolo, che arriva dopo "Rimedio" e "Moet".

Videointervista ad Alessandro Casillo: “Posso permettermi di fare quello che mi piace”

E' uscito il nuovo singolo di Alessandro Casillo "After", scritto durante il lockdown. Di questo e altro abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a Carmen Pierri: “25? Non è solo un titolo, ma un portafortuna!”

E' uscito l'album d'esordio della vincitrice di The Voice Of Italy 2019 Carmen Pierri "25". Sette tracce tra cui tre inediti e quattro cover.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Festival di Sanremo 2021. Cari Amadeus e Fiorello, state per affrontare il Festival più difficile di sempre...

Sanremo 2021. Amadeus e Fiorello sono da poco stati annunciati come presentatori (e direttori artistici) del Festival di Sanremo 2021.Un'edizione particolare sotto molto punti di vista. Innanzitutto perché sarà il primo grande show, il primo Festival, dell'epoca Covid-19.E per cercare di viverla al meglio, non solo la Rai ha deciso di puntare sul rassicurante Amadeus...

News

Lucio Dalla, Mia Martini, Baustelle, Patty Pravo... ecco i vinili in uscita nelle prossime settimane

Mentre il cd è sempre più in crisi sono tanti gli album del passato, più o meno recente, in arrivo nei negozi di dischi.

Giaime: la saga inedita creata con Andry The Hitmaker si arricchisce di “Gimmi Andryx 2020”

Con la pubblicazione di Gimmi Andryx 2020 riprende dopo due anni di pausa la saga creata nel 2017 da Giaime e Andry The Hitmaker.

Senhit: il secondo capitolo di Freaky Trip To Rotterdam ci porta in... Turchia!

Prosegue il percorso di avvicinamento di Senhit all'ESC 2021. Il secondo capitolo di Freaky Trip To Rotterdam è Everyway That I Can di Sertab Erener,.

Canzoni estate 2020, ecco chi guida la sfida dei tormentoni su Spotify

Quella di quest'anno è una delle estati più ricche di brani italiani lanciati per farci ballare. Ma quali stanno realmente funzionando?.

Shiva: assembramenti pericolosi a un concerto nel veronese, denunciato

Il 29 luglio Shiva ha tenuto un concerto al mercato ortofrutticolo di Bussolengo. Le cose, però, non sono andate come si sperava.

Carla Bruni: in attesa del nuovo album, ecco il singolo “Quelque chose”

E' uscito il nuovo singolo di Carla Bruni Quelque chose, il primo dopo 7 anni. In autunno arriverà l'album prodotto da Albin de la Simone.

Aiello Live 2021: la tournée è rinviata al prossimo anno (Biglietti)

A causa delle restrizioni relative all'emergenza sanitaria, è stata rimandata a marzo 2021 la tournée di Aiello. Aspettando il nuovo album.

Simona Molinari: svelate le date della tournée estiva Sbalzi D'amore Tour

Sono state svelate le date della tournée estiva di Simona Molinari Sbalzi D'amore Tour, partita da Salerno e proseguita a L'Aquila.

Franco 126: “Lungotevere”, il nuovo singolo con Asp 126 e Ugo Borghetti

Il 7 agosto è il giorno dell'uscita del nuovo singolo di Franco 126 Lungotevere. Per l'occasione l'artista ha coinvolto Asp 126 e Ugo Borghetti.

Disco Diva Limited Edition: due serate a favore della solidarietà

Disco Diva Limited Edition: due cene il 28 e 29 agosto a Gabicce Monte. Tra gli ospiti Lenny Zakatek, Stuart Elliot e Alan Sorrenti.

Francesco Gabbani: La sincerità trionfa e cosi è più bello dire 'Grazie!' (Scaletta)

Si è svolta ad Alba, in provincia di Cuneo, una tappa della tournée estiva di Francesco Gabbani. Ecco il racconto del concerto e la scaletta.

Rtl 102.5 Power Hits Estate 2020: Irama in testa nella classifica della settima settimana

La settima settimana del contest Rtl 102.5 Power Hits Estate 2020 vede tornare in testa Irama, seguito dai Boomdabash e Alessandra Amoroso.

Fatti Sentire Festival: nel 2021 una doppia serata, anche per proclamare il vincitore dell'edizione 2020

Per proclamare anche il vincitore dell'edizione 2020 di Fatti Sentire Festival, il prossimo anno saranno organizzate 2 serate live.

Milano Music Week 2020: la settimana dedicata alla musica dal 16 al 22 novembre

Nonostante le restrizioni dovute all'emergenza sanitaria, è stata confermata Milano Music Week 2020 che si svolgerà dal 16 al 22 novembre .

Believe: dopo il progetto #curiamocidimusica, annunciata la collaborazione con TuneCore

Dopo aver lanciato in pieno lockdown il progetto #curiamocidimusica, Believe annuncia l'avvio di una importante partnership con TuneCore.

News
dalla discografia

Ticketmaster comunica le nuove iniziative per il ritorno al live

Orchestra Sinfonica di Sanremo: finalmente avrà una sua sede, il Palafiori

La musica che gira: il punto della situazione e due grandi risultati ottenuti

Sugar Music Publishing & Warp Publishing siglano un accordo di sub edizione

Mini Meets Music Contest, il concorso per i talenti della scena elettronica

Assomusica con Inail rende disponibile il Vademecum delle macchine scenotecniche

Rubriche

Radio Date

Radio Date Estate 2020: tutti i nuovi singoli in uscita

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 31 luglio 2020

(s)cambio generazionale

La realtà delle playlist sta morendo o si sta consolidando?

Sondaggi

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Testo & ConTESTO

TESTO & CONTESTO SPRITZ CAMPARI: IL TORMENTONE DI MIETTA CI INSEGNA A DIRE "VATTENE, AMORE" CON STILE

La mosca Tzè Tzè

Dai raduni dei fan club agli screenshot in diretta con cantante: come è successo?

W la mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Emergenti

Michele Morrone: storie vissute e immaginazione nell'album d'esordio “Dark Room”

Wallace: è uscito Odio l'estate, il nuovo singolo feat. Verdiana

Hermit: è disponibile in digitale il nuovo singolo "Acqua & Sale"

Santachiara canta la consapevolezza di sé nel singolo "Alba"

Svegliaginevra canta il ritrovarsi di due amanti in "Come fanno le onde"

Lele Blade: il ritorno con il singolo Prohibido prodotto da Dat Boi Dee

Certificazioni Fimi Settimana #32: Irama conquista il doppio platino. Riconoscimenti anche per Fedez, Rocco Hunt, J-Ax e Fred De Palma

Classifica Spotify Settimana #32: Rocco Hunt ancora primo, tha Supreme solo quinto

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #32: a sorpresa Tedua scalza Achille Lauro e si riporta in vetta

Classifica Radio Earone Settimana #32: “Karaoke” si conferma in testa, ma “Ciclone” è sempre più vicino

Certificazioni FIMI Settimana #31: platino per il singolo di Random, mentre This Is Elodie conquista il disco d'oro

Classifica Spotify Settimana #31: Rocco Hunt ancora primo. Sul podio “Karaoke” e “Mediterranea”

Recensioni

Ghemon: "Scritto Nelle Stelle" e con una grafia bella chiara e leggibile… anche per altre voci svogliate

Francesca Michielin: Feat e il suo stato di natura… ribelle.

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Video

Alessandro Casillo Intervista After

Deborah Iurato Intervista Ma Cosa Vuoi

Giulia Penna Intervista Bacio a Distanza

Baby K Non mi basta più feat. Alexa

La Camba Intervista Facci Caso

DRD Intervista Defuera

GIULIA Intervista Mon Amour

Diodato, al via il tour in Valle d'Aosta

Jack The Smoker Intervista Diretta Instagram

Chiara Galiazzo Intervista Bonsai

Aiello Videointervista Vienimi a Ballare

Mietta Spritz Campari Testo & Contesto di Davide Misiano, il Prof. di latino