16 Luglio 2015
di News, Interviste
Condividi su:
16 Luglio 2015

Intervista a IL PAGANTE: “Siamo uno show! Le uniche vie per emergere oggi sono il WEB e il TALENT”

Tra i protagonisti del COCA-COLA SUMMER FESTIVAL, ecco la nostra intervista con IL PAGANTE, gruppo rivelazione di quest'estate con il tormentone "Vamonos"!

Condividi su:

Hanno scalato la classifica di iTunes raggiungendo la prima posizione con il singolo Vamonos – lanciato a inizio giugno con un divertente videoclip che al momento conta su YouTube oltre un milione e 300mila views – e stasera li potrete ascoltare dal vivo sul palco del Coca-Cola Summer Festival #daiunbacio, nella seconda puntata dell’evento pop più importante della nostra estate: il loro nome è Il Pagante.

Il Pagante è uno dei giovani gruppi musicali più in voga ed è considerato il fenomeno del momento: una realtà in grado di coinvolgere o anche solo di incuriosire le nuove generazioni, riproducendo in musica le abitudini, i costumi, gli interessi e le utopie dei ragazzi. Il progetto, che nel 2010 nasceva come pagina Facebook dall’intento ironico/satirico su determinati atteggiamenti radicati tra i giovani milanesi, secondo l’idea dei fondatori Guglielmo Panzera e Alfredo Tomasi, è adesso conosciuto in tutto il Paese, soprattutto grazie ai videoclip dei brani pubblicati in cinque anni di attività: Si sboccia, PettineroFaccio After e altri ancora… Tutti campioni di views e rimbalzati tra i profili social dei teenager in modo a dir poco virale!

Abbiamo parlato di questo e di molto altro con Alfredo ed Edoardo, alias Eddy Veerus, l’autore dei testi e frontman del gruppo, che come già saprete, è affiancato in studio di registrazione come nei live, dalle voci di Roberta BranchiniFederica Napoli, le due donne del Pagante!

Ma prima di iniziare l’intervista ecco Vamonos, il brano con cui stanno facendo ballare l’Italia.

Ciao ragazzi! Per voi questa sarà un’estate diversa dalle altre, siete il fenomeno del momento!
Come vi sentite? Siete pronti a farci divertire?

Ciao, certo che sì! Diciamo che è abbiamo anche una responsabilità importante, non possiamo permetterci né vogliamo deludere le aspettative di chi ci segue, però… Siamo un gruppo organizzato! Sappiamo cosa dobbiamo fare e cercheremo di dare il meglio, è un momento importante!

Certamente… Ma dite un po’ ai nostri lettori, chi è questo Johnny il Pagante?

Johnny il Pagante ha una storia molto lunga e anche divertente: è un personaggio fittizio, nato per gioco attraverso un profilo Facebook finto. Ciò accadeva agli albori del progetto: con questo profilo fake, abbiam fatto credere alla gente che Johnny, questo ragazzino milanese doc amante del divertimento e delle serate brave in discoteca, esistesse realmente! È stato automatico renderlo poi, il protagonista delle nostre prime canzoni, che abbiamo scritto per scherzo e prendendoci meno sul serio di ora.

Dopo il grande successo nel web, è iniziata la vostra attività live: attualmente siete impegnati in un lungo tour italiano.
Com’è l’impatto coi fan dal vivo?

L’impatto è diversissimo che quello in rete, ci piace molto incontrarli; così, cerchiamo di rendere i nostri live quanto più coinvolgenti possibile, di essere anche bravi intrattenitori oltre a far ascoltare i nostri pezzi. Non ci interessa fare la classica marchettata in discoteca, vogliamo creare interazione, in modo tale che alla gente resti qualcosa della serata passata insieme: facciamo le nostre canzoni, ma anche un po’ di show, un minimo di coreografia di fondo. È vero che ci esibiamo in giro già da tempo, ma non si finisce mai di imparare ed è bello studiare idee nuove per la serata successiva.

Lo dicevamo poc’anzi: il Pagante è nato come una pagina Facebook, con intento satirico nei riguardi di determinati atteggiamenti radicati tra i giovani milanesi; in un secondo momento, è diventato un progetto musicale con un grande seguito.
Cosa spinge le persone ad ascoltarvi e a vedere i vostri video?

Di certo un motivo risiede nel fatto che nei nostri testi la gente si ritrova: nelle situazioni tipiche che raccontiamo, dalla serata in discoteca alla vacanza estiva, come in Vamonos. Il ragazzo che ascolta il pezzo si immedesima, ha modo di sentirsene parte, di rispecchiarsi nelle vicende descritte. La nostra è musica senza fronzoli, fatta per divertire, non è musica impegnata.

In un’ intervista su Vanity Fair, avete detto: “Vogliamo essere presi sul serio!”
Questa frase mi ha molto colpito, quali critiche vi vengono mosse nello specifico?

Ultimamente veniamo molto criticati circa le tematiche trattate, però chi giudica non è gente troppo informata sul nostro format, altrimenti ne capirebbe al volo il senso. La critica arriva nel momento in cui il nostro interlocutore travisa le intenzioni del progetto, reputando quello del Pagante come un messaggio “serio”, o magari di ostentazione, dal momento che parliamo di bottiglie, di sciabolate, di tavoloni, etc. Invece, dovrebbe essere chiaro che ne scriviamo con molta ironia. Riguardo alla frase uscita su Vanity Fair, con quelle parole abbiamo inteso dire che, dopo anni di lavoro, il Pagante è diventato un qualcosa di collaudato: non è più solo un progetto web, ma anche discografico… Quindi, non si tratta della serietà per i concetti che esprimiamo e che sono ironici, per far divertir la gente, ecco.

Vamonos è stato accolto come uno dei tormentoni di quest’estate 2015.
Se doveste raccontarlo a un amico che non l’ha ancora ascoltato, come lo presentereste? Quando lo avete scritto?

Lo abbiamo scritto in primavera, nel mese di marzo, anche se sul testo ci siamo soffermati per parecchio tempo, continuando a lavorarci e a migliorarlo fino a maggio inoltrato; questo perché siamo in tanti e, come puoi immaginare, ognuno ha la sua da dire.

A un amico… Beh, lo faremmo anzitutto ascoltare! Il contenuto si riassume in un: “Guarda, Vamonos parla di un ragazzo che va in vacanza da solo per la prima volta!” …E questo ragazzo si ritrova con gli amici su un’isola e si sente libero, senza genitori. Molti riferimenti sono al viaggio post maturità, che i ragazzi aspettano come un evento fatidico, perché dev’essere un viaggio spensierato, senza preoccupazioni, dove il divertimento è davvero l’unico scopo.

A dispetto dello pseudonimo al singolare, Il Pagante è un collettivo di ben cinque ragazzi: “tre cantanti e due fondatori”, come avete chiarito in più occasioni.
Come vi dividete i ruoli nella realizzazione di musiche e testi?

Allora, i testi li scrive Eddy (è il frontman Edoardo Cremona, in arte Eddy Veerusndr) che è molto preparato e capace in questo, dal momento che fa musica da anni; per quanto riguarda il buttare giù le idee o anche l’appuntare dei neologismi e delle espressioni d’effetto da utilizzare nelle canzoni, lo facciamo io (sta parlando Alfredo Tomasi, ndr) e l’altro fondatore Guglielmo Panzera. Le ragazze, Federica Napoli e Roberta Branchini, si occupano più dell’immagine e del curare le performance ai live.

Va detto che, al di là dei ruoli di ciascuno, quando c’è un brano in preparazione, ci giriamo il testo tra di noi, in modo tale che ognuno lo possa valutare e che, da un lavoro d’insieme, venga fuori un prodotto che alla fine convinca tutt’e cinque. È questa la fase in cui si dibatte e si “perde tempo”, fino a che si trova un accordo e si arriva a chiudere il pezzo.

E chi è il più “ingegnere” tra voi? Prendo in prestito un vostro termine… 

Ahahah! Beh, dipende. Sai, avendo ruoli diversi… Diciamo così, ognuno è il più bacchettone nel proprio campo: chi nella produzione della canzone, chi nella gestione delle interviste, chi nella resa dei live, se qualcosa nel locale dove bisogna esibirsi non va bene… Ci siamo spartiti i compiti e cerchiamo di non trascurare nulla, del resto è giusto così.

I vostri pezzi, come dicevamo, suonano intenzionalmente demenziali e kitsch; tuttavia, dietro alla loro spensieratezza, si cela uno sguardo molto analitico e attento alla realtà dei giovani. A vostro modo fate sociologia!

Sì, è giusta questa osservazione, perché raccontando il mondo dei ragazzi, dalla nostra analisi vengono fuori tante sfaccettatura. Non ti diciamo che tra vent’anni Il Pagante apparirà nei libri, tra i grandi sociologi tipo Alberoni Veblen, però… Sì, di base c’è un’indagine, c’è una grande attenzione verso la realtà dei giovani. Anche quando la notte andiamo a divertirci, siamo molto attenti a quello che ci succede intorno per poi raccontarlo in musica e, perché no, lanciare dei messaggi.

In Faccio After, una rima fa riferimento al problema del lavoro nero; un’altra, del verso “cazzo mene della crisi!” in Pettinero, suona come una battuta, ma c’è qualcos’altro dietro: in realtà, è messa lì per rappresentare gli sprechi che vengon fatti nelle discoteche, dove spesso si spende il denaro in maniera così superficiale.

L’intento satirico dei singoli usciti finora è chiaro ai più, ma non a tutto il bacino di utenza che vi segue.
Pertanto, chiedo: non temete di sortire l’effetto opposto, lanciando ai ragazzi messaggi sbagliati sul divertirsi e sullo stare insieme? 

Mah, crediamo di no. Ovviamente essendo un gruppo che comunica cose un po’ sopra le righe, nel nostro esagerare cerchiamo di essere attenti e ci consultiamo molto fra di noi prima di registrare i pezzi. I pochi riferimenti che si possono trovare all’alcol o alla cannabis sono sempre molto velati, non diciamo mica: “Fatti la canna!” o “Drogati!”. Però è una peculiarità dei giovani farsi le canne o alcolizzarsi, non è che noi li invitiamo a farlo…

Il fatto che il messaggio non venga recepito per quello che è, o che la gente non capisca se facciamo sul serio e incoraggiamo certi atteggiamenti oppure scherziamo, secondo noi è in realtà uno dei motori che fa funzionare la cosa, un mistero che la alimenta ancora di più. Inoltre, dopo cinque anni di attività, crediamo che il pubblico abbia capito che più di tutto, è l’ironia che prevale.

Si sboccia è tra i vostri videoclip più visualizzati, il titolo rimanda all’immagine dello stappare una bottiglia per festeggiare.
Come è nata l’idea?

Partendo dalla discoteca col primo singolo Entro in pass, abbiamo deciso di continuare a raccontare il mondo dei locali e per far questo, abbiamo scelto l’immagine dello “sbocciare”, e cioé l’atto di aprire la bottiglia stappandola, catturando un po’ l’attenzione di chi è intorno. E il “fare tavolo”, il “fare bottiglie” qui a Milano è sempre stato uno status symbol, anche se il personaggio che sboccia lo trovi un po’ in tutta Italia. Così, abbiamo chiamato la proprietaria del Tocqueville, un locale nel cuore della movida milanese, e abbiamo avuto il permesso di girare il videoclip del singolo al suo interno. La produzione è venuta molto bene, il ritornello è orecchiabile, nonostante il prodotto sia del tutto amatoriale: le riprese son state fatte con un iPhone 4 e con comparse rimediate in loco la sera stessa.

I ragazzi del Pagante nella vita sbocciano spesso o è solo finzione teatrale? Come siete nel quotidiano?

Noi cinque? Beh… Chiaramente, facendo parte del mondo della notte e dell’intrattenimento, anche noi amiamo divertirci, sbocciamo, ma non per ostentare qualcosa o fare i fighi. È un po’ diverso da ciò che scriviamo nei pezzi, perché lì tutto è posto all’estremo. Poi in quest’ultimo periodo, con l’estate e il tour, dobbiamo dire che stiamo sbocciando di più del solito! (ridono, ndr)

Parliamo un po’ della vostra storia. Come vi siete incontrati? Siete tutti di Milano città?

Sì sì, siam tutti di Milano. Dunque, Roberta era ed è tuttora la fidanzata di Federico “Merk” Mercuri, del duo Merk & Kremont, i nostri produttori; mentre Federica era una sua grande amica e quando ci siamo incontrati nel 2011, faceva la PR ed era molto conosciuta in città. Ci siam trovati un po’ casualmente a scrivere insieme, poi è arrivato Eddy a sostituire il precedente cantante: lui faceva già musica da tempo ed è il cugino dell’altro produttore del duo, ovvero Giordano “Kremont” Cremona.

Se il progetto non fosse decollato, avreste considerato di tentare la via del talent show come gruppo? Qualcuno di voi ha mai fatto provini per la TV, anche individualmente?

Non è un caso che il nostro successo sia nato sul web. Nel mercato musicale attuale, le due vie maestre per arrivare alla superficie sono il web e il talent. Col talent, una volta che riesci ad entrare, forse è un po’ più facile, dato il potente mezzo che la TV ancora rappresenta; ma per Il Pagante lo strumento di diffusione più congeniale non poteva che essere il web! Siamo stati bravi anche noi a trovare un’identità musicale efficace e a costruirci da soli una nostra vera e propria nicchia di fan, che ci seguono e che amano ciò che facciamo. E soprattutto, abbiam fatto questo senza essere compromessi da una grande etichetta oppure da un talent… Non perché chi esca da un talent sia meno meritevole! Ad esempio, gli ultimi artisti arrivati da AmiciBriga The Kolors sono bravissimi, ma capisci che hanno avuto anche una visibilità fuori dal mondo. Noi siamo riusciti a raccogliere sostenitori in tutta Italia da soli, dobbiamo dire grazie a noi stessi e non abbiamo avuto bisogno della televisione… Questo è un punto a nostro favore molto importante, ecco.

Diciamo che ad oggi chi esce dal web, più che fare musica, fa show attraverso i video: è lo youtuber, è un bravo intrattenitore, e con la concorrenza che c’è, non è facile venire fuori.

Quindi, voi vi reputate più artisti d’intrattenimento che veri musicisti?

No, stiamo dicendo altro: chi esce dal web è uno che intrattiene, che sa fare più cose, come le imitazioni; che si inventa anche delle stupidate, che poi mette online e che funzionano, dal momento che ricevono un sacco di visualizzazioni. Noi siamo riusciti a far questo con la musica, ma come si diceva in precedenza, il nostro progetto è qualcosa di più ampio, nato da un’idea e da una pagina Facebook. Siamo uno show, prima di tutto!

Una pagina molto bella e gratificante nel vostro percorso è stata la partecipazione al Coca Cola Summer Festival #daiunbacio, da tre anni l’evento musicale pop dell’estate italiana. Che avventura è stata?

Ad oggi, è stata l’esperienza più bella cui abbiamo mai partecipato. Grazie a Warner, ci siamo esibiti sullo stesso palco dei più grandi artisti italiani, ciò ci fa molto onore. Oltretutto siamo arrivati secondi tra le sei proposte del contest dei giovani e questo risultato ci ha fatto davvero contenti. Abbiamo incontrato anche uno dei nostri miti, J Ax, che ci ha dato un feedback molto positivo; come lui, anche Emis Killa e altri artisti al di fuori della scena hip hop, oltreché gli stessi giovani nella nostra categoria, dato che potrebbero essere il futuro della nostra musica italiana. Peccato non aver incontrato Max Pezzali, su Twitter ha fatto il tifo per noi!

Siete già al lavoro sul prossimo singolo? Quando arriverà il primo album del Pagante?

Ecco, su questo avremo maggiore chiarezza nel prossimo periodo. Sicuramente uscirà qualcosa, probabilmente un singolo, nell’arco di pochi mesi. L’album si farà, dobbiamo capire come strutturarlo e quando rilasciarlo nel mercato.

Perfetto! Ragazzi, siete stati molto simpatici e disponibili, grazie per questa chiacchierata insieme.
Ci salutiamo così, con il consiglio giusto per una vacanza perfetta! Cosa portare con sé sotto l’ombrellone, oltre alla crema solare e al lettore mp3…

Ma… Vuoi un consiglio da Pagante o da persona normale? (ridiamo, ndr)

Da Pagante, ovvio!

Beh, allora… Cari lettori di All Music Italia, in vacanza non potete rinunciare a… iPhone, fighe, erba e alcol! (ridono, ndr) Dove? Il Pagante consiglia MykonosIbiza e le altre isole europee, mete così apprezzate da noi ragazzi!

Buona estate a tutti e… Non scordate di scaricare Vamonos da iTunes, sarà la colonna perfetta!

Buona estate anche a voi e in bocca al lupo per il tour e per tutti i prossimi impegni! A presto!


Si ringraziano, per quest’intervista, Elena Bosi e Warner Music Italy.


In Copertina

Laura Pausini interpreterà con Diane Warren "Io sì (Seen)" alla Notte degli Oscar. Ecco come guardare la serata in tv

Prima della cerimonia andrà in onda Oscars: Into the Spotlight e tutti i candidati per la miglior canzone si esibiranno live.

Sangiovanni riprende una versione 2.0, tra libertà e politica, di Felicità (testo e video)

La base in realtà è una versione lanciata da Fabio Nirta e ripresa di recente in un video social da Colapesce e Dimartino.

Giulia Molino pronta a pubblicare il suo inno d'orgoglio meridionale, "Napules"

Il nuovo brano arriverà tra pochi giorni a distanza di tre mesi dal precedente singolo.

Musicultura 2021: svelati i nomi dei 16 finalisti che si esibiranno dal vivo al Teatro Persiani di Recanati

Prosegue a vele spiegate Musicultura 2021. Il Festival della Canzone Popolare e d’Autore, ufficializza i nomi dei 16 artisti finalisti della XXXII edizione del concorso.

AMICI DI MARIA DE FILIPPI: LE PAGELLE DEGLI INEDITI DI TANCREDI, ARIANNA e IBLA

Penultimo appuntamento con le recensioni ai brani inediti di Amici 20.

Spotify e la mancata occasione di aiutare gli emergenti con "Radar Italia" (e anche Fedez dice la sua sulle scelte della piattaforma...)

Il rapper ha parlato della questione scelte editoriali di Spotify nel suo Podcast con Luis Sal.

Nasce ALL MUSIC FRIDAY, la playlist su Spotify con tutte le uscite italiane della settimana senza distinzione di genere o popolarità

La playlist verrà resettata e aggiornata ogni settimana e, nell'apposito post su Instagram del venerdì alle 22:30 potrete commentare le uscite.

Enzo Mazza della FIMI infuriato: "La musica ferma e gli Europei di Calcio no..."

Per i concerti con un massimo di 1.000 persone, per il calcio approvato un piano per 16.000 persone allo Stadio .

Release date 2021: l’elenco, mese per mese, di tutti i singoli italiani in uscita

Un articolo in costante aggiornamento per scoprire giorno per giorno, tutte le nuove uscite italiane del 2021.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale

ALBUM IN USCITA 2021

Articolo in continuo aggiornamento...

Interviste

Videointervista ai Selton: “Benvenuti per noi è un messaggio di incoraggiamento all'incontro”

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita del nuovo album dei Selton Benvenuti. Ne abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a Emanuele Aloia: “Ricevo messaggi da parte di studenti che apprezzano arte e letteratura grazie alle mie canzoni”

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita dell'album d'esordio di Emanuele Aloia Sindrome di Stendhal, disponibile in formato fisico e su tutte le piattaforme digitali. .

Videointervista ad Achille Lauro: “Il mio lusso è essere libero grazie al successo.”

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita del nuovo album di Achille Lauro intitolato semplicemente Lauro. Ne abbiamo parlato con l'artista.

Videointervista a Skioffi: “Non penso che Amici abbia influito troppo nella mia musica”

A un anno dalla sua partecipazione ad Amici, Skioffi torna con un nuovo progetto discografico, un Ep di 7 tracce intitolato Alice.

Videointervista a Mobrici: “Ora sono più libero di esplorare mondi diversi.”

E' uscito il nuovo singolo di Mobrici TVB. Con questo brano, che arriva a un mese dal precedente 20100, prosegue il percorso solista dell'artista per anni leader dei Canova.

Videointervista a Max Gazzè: “La musica è il nostro gioco preferito ed è la cosa per cui alzarsi ogni mattina”

E' uscito il nuovo album di Max Gazzè La Matematica dei Rami, a cui il cantautore romano ha lavorato insieme alla Magical Mystery Band.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Spotify e la mancata occasione di aiutare gli emergenti con "Radar Italia" (e anche Fedez dice la sua sulle scelte della piattaforma...)

Spotify Italia e gli emergenti... una storia dal finale scontato di cui anche Fedez, a modo suo, ha voluto parlare. Mesi fa avevo già parlato del lancio in Italia della Playlist di Spotify Radar, nata in tutto il mondo per valorizzare artisti sconosciuti ma talentuosi e lanciarli nel mondo della musica, o almeno provarci. In quell'articolo che...

News

1.000 Bauli in piazza ieri a Roma per chiedere aiuti concreti per i lavoratori dello spettacolo

Tra i tanti artisti presenti Fiorella Mannoia, Emma, Diodato, Alessandra Amoroso e Renato Zero.

Una. Nessuna. Centomila. Il Concerto fissata la nuova data per l'evento musicale contro la violenza di genere

Il grande evento è stato riprogrammato, come tanti concerti, alla luce delle vigenti disposizioni ministeriali.

Giulia Molino pronta a pubblicare il suo inno d'orgoglio meridionale, "Napules"

Il nuovo brano arriverà tra pochi giorni a distanza di tre mesi dal precedente singolo.

Musicultura 2021: svelati i nomi dei 16 finalisti che si esibiranno dal vivo al Teatro Persiani di Recanati

Prosegue a vele spiegate Musicultura 2021. Il Festival della Canzone Popolare e d’Autore, ufficializza i nomi dei 16 artisti finalisti della XXXII edizione del concorso.

Francesco Renga Insieme Tour: rinviato a dicembre la tournèe teatrale

A causa del perdurare dell'emergenza sanitaria è rinviata al prossimo mese di dicembre la tournée teatrale di Francesco Renga Insieme Tour.

Sangiovanni riprende una versione 2.0, tra libertà e politica, di Felicità (testo e video)

La base in realtà è una versione lanciata da Fabio Nirta e ripresa di recente in un video social da Colapesce e Dimartino.

Amici di Maria De Filippi il resoconto della quinta puntata e la nuova eliminazione

Il talent show di maggior successo in Italia si avvia verso la conclusione che avverrà con la nona puntata.

Laura Pausini interpreterà con Diane Warren "Io sì (Seen)" alla Notte degli Oscar. Ecco come guardare la serata in tv

Prima della cerimonia andrà in onda Oscars: Into the Spotlight e tutti i candidati per la miglior canzone si esibiranno live.

Dopo Dandy Turner anche Daniel e Sedd passano a a Visory Records

Il primo singolo sotto questa nuova gestione potrebbe arrivare già nel mese di aprile.

AMICI DI MARIA DE FILIPPI: LE PAGELLE DEGLI INEDITI DI TANCREDI, ARIANNA e IBLA

Penultimo appuntamento con le recensioni ai brani inediti di Amici 20.

Pupo dedica alla madre malata il brano inedito “I colori della tua mente”

Il cantante ha presentato la canzone in anteprima a Domenica In di Mara Venier.

Ministri: il singolo “Peggio di Niente” da il via a una nuova immagine e a una nouvelle vague musicale

Il 16 aprile è il giorno dell'uscita dei nuovo singolo dei Ministri Peggio di Me, che da il via a un nuovo percorso anche legato al look grazie a Nicolò Cerioni.

News
dalla discografia

Rubriche

radio date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 16 aprile

La mosca Tzè Tzè

Buon compleanno al Maestro Franco Battiato, colonna sonora della mia infanzia

Testo&Contesto

Testo & ConTesto: Laura Pausini Io sì. Il Prof di latino analizza il testo della canzone italiana candidata agli Oscar 2021

W la Mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

A tutto pop

A TUTTO POP #47: TONY MAIELLO, GIUNI RUSSO e TAGLIA 42. Aneddoti e curiosità sulle canzoni

A-V Indie

IL TEATRO DEGLI ORRORI (V di Venezia)

Emergenti

Mirall canta una preghiera laica per la musica in “Padre Nostro”

Ultrapop: dopo i successi del 2019 e del 2020, ecco il nuovo singolo “Lois Lane & Clark Kent”

Zioda lancia il nuovo singolo "Casamia" in duetto con Saint Pablo

Giulia Mei denuncia ipocrisie e contraddizioni nel brano “Mamma!”

Questa sera, 13 aprile, il giovane cantautore Cioffi in un live esclusivo per All Music Italia

Anteprima Video: una richiesta d’aiuto verso qualcuno che non vuole ascoltare nel nuovo singolo di Zueno “Le Chiavi Di Casa”

Opposite: la difficoltà di un rapporto a due nel nuovo singolo “Narghilè”

i Les Enfants hanno lanciato il singolo "Resta con me"

Valeria Altobelli conquista l’Albania con il brano “Anima semplice”

Classifica Spotify Settimana #15: Guè Pequeno e Dj Harsh irrompono nella chart e si piazzano in vetta

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #15: Guè Pequeno festeggia i primi 10 anni da solista con un doppio primo posto

Classifica Radio Settimana #15: Colapesce e Dimartino inarrestabili. Irama torna sul podio!

Certificazioni FIMI settimana 14: continua il successo dei brani di Sanremo 2021 e Sangiovanni è disco di platino

Classifica Spotify Settimana #14: Madame è prima... in Top 10 anche due brani di Amici 20

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #14: colpo a sorpresa di Madame, ora in testa tra gli album

Recensioni

Annalisa: "Nuda Dieci"... una riedizione che riscalda l'atmosfera?

Malika Ayane: “Malifesto” il racconto perfetto di come la vita

Maneskin – Il Teatro dell'Ira... da cui fuoriesce tutta l'ira ma non solo

Ermal Meta - Tribù Urbana - Recensione del nuovo album del cantautore

La Rappresentante di lista - My Mamma - Recensione

Michele Bravi: La Geografia del Buio e lo sforzo immane di provare a squarciarlo.

Video

Emanuele Aloia Intervista Sindrome di Stendhal

Achille Lauro Intervista Lauro

Selton Intervista Benvenuti

Cioffi live in esclusiva per All Music Italia

J-Ax svela: “Ho avuto il COVID e mi sono sentito abbandonato dallo stato...”

Max Gazzè Intervista La matematica dei rami

Virginio Intervista Rimani

Random Intervista Nuvole

Tazenda Intervista Antìstasis

Malika Ayane Intervista Malifesto

Senhit Intervista Adrenalina Eurovision Song Contest

Tommaso Zorzi Bocca di Rosa al Maurizio Costanzo Show