23 Aprile 2014
di News, Interviste
Condividi su:
23 Aprile 2014

INTERVISTA A RENZO RUBINO

Condividi su:

Renzo Rubino, fresco di podio sanremese con il brano “Ora“, è nel numero degli artisti più brillanti del nuovo cantautorato italiano.

Dal 14 aprile in giro per lo stivale col “secondo RUBINO TOUR“, la sera del 18 Venerdì Santo, il cantautore è approdato finalmente, col suo spettacolo itinerante, a Martina Franca (TA), la città natia – per la gioia di familiari, amici e una moltitudine di sostenitori, intervenuti all’evento presso il Cinema Teatro Verdi.

Nonostante l’ora tarda e un po’ di stanchezza post concerto, Renzo si è offerto con molta gentilezza, di rispondere alle mie domande per l’ intervista di All Music Italia.

Renzo, è un gran piacere incontrarti e ti sono grato per esserti fermato qui con me, dopo il live magistrale di stasera. Hai suonato per il tuo pubblico, nella tua Martina Franca. Come ti senti?

Libero, felice, soddisfatto… aver ritrovato gli amici, i parenti; aver condiviso una serata con le persone che mi hanno sostenuto e son cresciute con me, le stesse che hanno visto la mia crescita personale di uomo e di artista. È stato un momento davvero incredibile per me.

Dai tempi del primo spettacolo musicale “Pianafrasando” ad oggi, com’è maturato Renzo? Quali sono le lezioni più importanti – oppure più pesanti, se vuoi – che hai imparato sulla tua pelle di cantautore e di uomo?

Questo è un mondo difficile, un mondo veramente complicato, perché hai a che fare con tante tante persone. Ovviamente, il mio è un lavoro: si produce e il prodotto dev’essere veicolato. Ma per me è, più di tutto, una necessità, è una bellezza, è una condivisione: non è semplice prodotto. È faticoso eh, ci si fa il mazzo, ma se si crede in un progetto o in qualcosa, se si è veri – e cioè autentici, non tradendo mai la propria verità – ce la puoi fare… ce la puoi fare, ma è fondamentale non tradire mai se stessi secondo me, non scendere davvero a compromessi.

Tra le altre cose, hai fatto il pianista in un night club. Domanda: ma che repertorio suonavi? C’è qualche episodio simpatico o curioso che ti è rimasto impresso?

Suonavo di tutto, le signorine sceglievano le scalette! Per esempio, quella di Anca cominciava con la Pausini, “Vivimi senza paura…” (Renzo canticchia, ndi) e si concludeva con la ragazza che toglieva le mutandine su “All’alba viiinceròoo!” (ancora Renzo intona il finale, ndi). Ed era una sua scelta! Così tutta la gente s’alzava in piedi in quel momento e quasi quasi piangeva dalla commozione! Grandi ricordi, grandi ricordi…

Canti e suoni con gran passionalità, ma (forse) più di tutto, ami raccontare delle storie, tant’è vero che hai dato il titolo “Farfavole” al primissimo disco. Che bambino sei stato? Ti piaceva leggere o ascoltare racconti fantastici?

Sì, “Farfavole” è un disco che esiste, ma non esiste, un po’ come i sogni. Perciò il mio primo disco è stato un sogno, un EP che rappresenta effettivamente il mio primo passo importante. Da bambino mi divertivo, ero un cialtrone! Mi piaceva andare in giro, sbucciarmi le ginocchia, giocare a pallone, non studiare… suonare le cose che piacevano a me e così, leggere le cose che piacevano a me!

63mo Festival della canzone italiana

A volte hai composto dei brani partendo da persone a te molto vicine, e questo è il caso di “Lulù” e di “Balletto telefonico”, che raccontano dei tuoi nonni. Qual è il brano che fra tutti, parla più profondamente di te?

Non lo so in realtà, vuoi o non vuoi in tutte le mie canzoni c’è un po’ di me. Adesso ti direi “Per sempre e poi basta”.

Capitolo Sanremo: che consiglio ti hanno dato i tuoi affetti, prima di partire per andare a gareggiare al Festival tra i Big? Qual è invece, quello che tu hai dato a te stesso?

Mah, i consigli erano di svariati e quindi, ho tentato di non ascoltarne nemmeno uno! Dai capelli, fino alla scarpa e al calzino… Ma non solo da mia madre e mio padre, bensì da tutti! Di conseguenza, ho scelto di non ascoltare nessuno, ma semplicemente di andar lì e divertirmi, giocare senza pensare a niente, perché poi effettivamente lì si fa musica. C’ è chi la sente come una gara, c’è chi lo fa perché vuole vincere ed è incarognito, però secondo me, resta un palcoscenico dove si fa musica, perciò mi sono autoimposto di fare semplicemente questo, musica, e di divertirmi. …Perché la musica ormai non la fanno più i musicisti, bisognava far qualcosa per rimediare!

Che differenze hai trovato tra l’esperienza dello scorso anno e l’ultima?

L’anno scorso ero incosciente, per me era tutto nuovo, un sacco di facce nuove, non sapevo da dove cominciare! Invece quest’anno conoscevo tutto e davvero, ho deciso di cavalcare l’onda. Sapevo cosa fare e ho affrontato Sanremo con molta più serenità.

Nella serata dei duetti, con la collega e amica Simona Molinari, hai interpretato “Non arrossire” di Gaber. Mi piacerebbe sapere cosa ti ha portato a rispolverare questo delicatissimo brano.

Mi sono appassionato a Gaber per vari motivi e poi, l’estate scorsa, sono stato invitato al Festival in suo onore, a Viareggio, dove ho cantato due suoi brani (“Se io sapessi” e “L’abitudine”, ndi) e mi sono accorto che il pubblico era vivo, reale, attento… come dire, esisteva, aveva voglia di ascoltare! “Non arrossire” è talmente bella per la sua semplicità, che mi sembrava giusto pescare quella, inoltre è la canzone che l’ha reso celebre.

Su Spotify hai creato una playlist intitolata “Le mie canzoni preferite”. Tra i vari Radiohead, Dalla, Zero, Antony & The Johnsons e via discorrendo… a chi, tra i tuoi miti, ruberesti di tutto cuore un brano dal repertorio? E quale?

“Cara” di Lucio Dalla… quello è “mio”.

La nostalgia è un sentimento che sovente lasci trasparire in ciò che scrivi. Purtuttavia in alcuni dei tuoi testi, sembra quasi che esorti chi ti ascolta ad abbracciare l’ebbrezza della vita così come viene, senza preoccuparsi del tempo. Come si conciliano questi due aspetti in contraddizione per Renzo Rubino? Se si conciliano, naturalmente.

Si conciliano: la nostalgia bisogna crearla, perché se non ce l’hai vuol dire che non hai vissuto, questo è fondamentale. Io dico di vivere più è possibile e ciò non significa necessariamente lanciarsi col paracadute o fare bungee jumping. Intendo il vivere anche la quotidianità, condividere un caffè con l’amico… occorre rifuggire la monotonia, ecco tutto.

Ultima domanda. In passato ti sei autodefinito “cantamusicattore” e hai detto inoltre, di vedere il teatro come il tuo luogo ideale, in cui ti puoi esprimere pienamente. Tra i tuoi progetti futuri, c’è forse l’idea di scrivere un’opera musicale?

Ma guarda, la verità è che il teatro mi piace un sacco! Lo sento il luogo ideale, perché riesce a rendere a quattro dimensioni qualcosa di fantastico. Quindi il mio desiderio, un giorno, è di trasformare sempre di più e di lavorare su questa potenzialità… un’idea forse è quella di creare un disco con personaggi veramente nuovi, magici, per poi portare tutto in teatro.

In chiusura di intervista, facciamo un piccolo giochino musicale.
Sulla falsariga del più famoso “Chi butti giù dalla torre?” …Renzo, a chi rompi il disco?

Arisa o Raphael Gualazzi?
Vinicio Capossela o Samuele Bersani?
Al Bano o Renzo Arbore?

…Ma mi piacciono tutti! Non ce la faccio a fare una roba del genere, anche se per gioco. Arisa e Raphael mi piacciono entrambi, davvero… Samuele l’ho sentito proprio l’altra sera, Vinicio lo stimo tantissimo… Al Bano mi ha invitato a Cellino San Marco, mentre con Renzo Arbore ho avuto un bellissimo incontro. Facciamo che… non rompo il disco a nessuno e li tengo tutti!

renzorubinotour

IL CONCERTO

18 aprile 2014, ore 22, Teatro Verdi di Martina… È il momento, si comincia!

Mentre i suoi musicisti storici, Gli Altri, sono già sul palco strumenti alla mano, Renzo fa il suo ingresso nella sala buia: esce dalla porta di servizio sul lato sinistro del palco e guadagna la scena passando davanti alla platea, con un travestimento grottesco e ingombrante che lo fa rassomigliare a un grosso animale fra il pollo e il drago, e con un elmo tempestato di paillettes dorate sul capo.

In un momento, il pubblico è catturato ed entusiasta: si parte con un brano dell’ultimo album, è “La fine del mondo“, che l’artista esegue al piano nonostante il grosso vestito, tolto subito dopo tra gli applausi.

Di lì in poi, il concerto prosegue a ritmo sostenuto: Renzo vuole donarsi tutto al suo pubblico, lo trascina, lo ammalia, si muove divertito sullo sgabello non appena aumenta il groove dei brani; e ciò partendo proprio da “Ora“, uno dei pezzi forti posto anch’esso al vertice della scaletta, che accende il cantautore, come quasi riuscisse a ballare una tarantella sul posto e da seduto… “seduto” per così dire.

Vi racconto la scena: è molto calda e crepuscolare, il piano si trova leggermente decentrato, ma in posizione privilegiata e ha, alla sua sinistra, una struttura complessa simile a un albero, realizzata con tante lampade da studio che tessono riflessi di diverso colore a seconda del momento e del brano.

Gli Altri hanno giacche con risvolti di tessuto e led, si trovano attorno al piano formando un semicerchio, mentre altre lampadine intervengono abbagliando ora dal basso, raccolte sul pavimento in cespugli voltaici; ora dall’alto, come stelle appese.

E alla tappa di Martina Franca, di fronte al pubblico di casa, certo Renzo non poteva non concedersi un po’ di sano campanilismo, invitando sul palco un ospite molto gradito, Benvenuto Messia, anch’egli importante personaggio martinese, col quale ha duettato appunto sulle note di “Martena maje“, canzone-omaggio di Giovanni Griffi alla città.

Così come un altro omaggio, questa volta a Giorgio Gaber, è stata la cover di “Non arrossire“, interpretata con grande cura e trasporto dal giovane artista, in uno dei pochi momenti della serata in cui non è al piano, ma canta in piedi di fronte alla platea: indimenticabile resterà il nonnino in prima fila, che commosso a fine canzone, si alza dalla poltrona con uno scatto e incita con ampi gesti, gli altri ascoltatori a seguire il suo esempio e a battere le mani.

A conferma che, come Renzo ha rivelato poc’anzi al microfono, davvero “c’è ancora bisogno di poesia” e occorre scortarla lì dove serve e col coraggio di essere se stessi, anche si trattasse di voler “suonare Wagner in Israele” – critica che gli fu rivolta alla sua prima partecipazione sanremese nei Giovani, circa il contenuto omoerotico del brano proposto. E ha poi aggiunto: “si Deve suonare Wagner in Israele!

I minuti (s)corrono forte, anche se, attraversando alcuni brani, sembrano rallentare un poco, il tempo di un’emozione più profonda. Ciò accade quando Rubino esegue “Sete” – che ha rischiato di diventare di un’altra interprete, Arisa, ma che fortunatamente è entrata in “Secondo Rubino” – e la superba “Per sempre e poi basta“, che dal vivo più che una canzone, è un incantesimo.

Ma questo è anche il caso de “L’altalena blu” che – solo dopo un accorato bis de “Il postino (Amami uomo)“, con gli spettatori in piedi a ballare sul posto un valzer a coppie improvvisate – chiude magicamente la serata, con il pubblico tutto a salutare, ancora una volta, il suo cantautore dal cuore e dalle note grandi.

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album di RENZO RUBINO in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon.


In Copertina

Sanremo 2021: AFI contro il regolamento, "serve trasparenza"

Arrivano le dichiarazioni di Sergio Cerruti, presidente di AFI, contro il regolamento di Sanremo 2021. .

Luglio 2020 Top e Flop: Achille Lauro Re incontrastato, Battiti live riporta la musica in tv e Chiara Galiazzo paga lo scotto di un pubblico sempre meno attento

Quali progetti si sono distinti nel mese di luglio 2020? E quali non hanno funzionato? Ecco l'analisi tra top, flop e zona neutra.

Cosa Resterà degli Anni ’90: 1992 con Carboni, l’esordio di Nek e gli 883

Continuiamo il nostro viaggio nella musica degli anni '90. Dopo aver percorso il 1990 e il 1991, ora tocca al 1992. SANREMO 1992 Il Sanremo 1992 fu.

Classifica Spotify Settimana #31: Rocco Hunt ancora primo. Sul podio “Karaoke” e “Mediterranea”

"A un passo dalla luna" di Rocco Hunt e Ana Mena e "Jerusalema" di Master KG guidano la Top 20 e la Viral di Spotify.

Sanremo Giovani 2020: ecco il regolamento e come iscriversi

E' uscito il regolamento ufficiale di Sanremo Giovani 2020, con la nuova trasmissione AmaSanremo e l'abbassamento del limite d'età.

Irama: Crepe è il nuovo album, in uscita questo agosto

Dopo il successo di Mediterranea, Irama ha annunciato l'uscita del suo nuovo album, Crepe, in uscita il 28 Agosto 2020.

Random, Willie Peyote, Dark Polo Gang, Emanuele Aloia... cambiar "casacca" conviene?

Tanti artisti, ma non tutti, hanno cambiato dopo il successo, etichetta discografica. Ma cosa succede dopo?.

Radio Date Estate 2020: tutti i nuovi singoli in uscita

Siamo arrivati all'ultimo appuntamento con il radio date prima della pausa dell'estate 2020.Come ogni anno, terremo costantemente aggiornato l'articolo con le nuove uscite fino a.

ESCLUSIVA: Amici 20, avvistati ad Amici Casting alcuni volti noti.

Anche quest'anno, per la ventesima edizione del talent show più longevo della televisione italiana, spuntano alcuni volti noti.

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Quaranta canzoni selezionate dalla nostra redazione per i classico sondaggio dell'estate. La parola a voi.

Release Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Manfri: “La mia scrittura è semplice, concisa, ma allo stesso tempo ricercata”

E' uscito "Stanza", il terzo singolo del cantautore Manfri, nome d'arte di Manfredi Grigolo, che arriva dopo "Rimedio" e "Moet".

Videointervista ad Alessandro Casillo: “Posso permettermi di fare quello che mi piace”

E' uscito il nuovo singolo di Alessandro Casillo "After", scritto durante il lockdown. Di questo e altro abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a Carmen Pierri: “25? Non è solo un titolo, ma un portafortuna!”

E' uscito l'album d'esordio della vincitrice di The Voice Of Italy 2019 Carmen Pierri "25". Sette tracce tra cui tre inediti e quattro cover.

Maryna intervista: "In "Lontano da te" racconto un amore che non decolla"

Intervista alla webstar Maryna che ha pubblicato il nuovo singolo "Lontano da te" cantanto in spagnolo e italiano.

Videointervista a Deborah Iurato: “Nella scrittura ho trovato la mia pace interiore"

E' uscito il nuovo singolo di Deborah Iurato "Ma Cosa Vuoi?", brano che mette in risalto la volontà di percorrere un diverso percorso artistico.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Festival di Sanremo 2021. Cari Amadeus e Fiorello, state per affrontare il Festival più difficile di sempre...

Sanremo 2021. Amadeus e Fiorello sono da poco stati annunciati come presentatori (e direttori artistici) del Festival di Sanremo 2021.Un'edizione particolare sotto molto punti di vista. Innanzitutto perché sarà il primo grande show, il primo Festival, dell'epoca Covid-19.E per cercare di viverla al meglio, non solo la Rai ha deciso di puntare sul rassicurante Amadeus...

News

H.E.R. vince il Premio Amnesty International Emergenti

La cantautrice, dopo aver vinto il premio Musicultura 2020, ottiene anche questo riconoscimento con il brano Il mondo non cambia mai.

Riki: rinviati al prossimo anno i concerti previsti a Roma e Milano

A causa delle disposizioni dovute al perdurare dello stato d'emergenza, sono stati rinviati al 2021 i concerti di Roma e Milano di Riki.

Pupo: una lucida e ironica riflessione sul tempo che passa nel singolo “Avere Vent'Anni”

E' uscito il nuovo singolo di Pupo Avere Vent'Anni, presentato in anteprima ad Arezzo in occasione di un evento organizzato per celebrare 40 anni di Su Di Noi.

Boss Doms: fuori “I Want More” feat. Kyle Pearce HOSH Remix

A un mese dall'uscita del singolo di Boss Doms I Want More, è stato pubblicato il remix realizzato dal noto Dj tedesco HOSH .

Ermal Meta Live 2021: annunciata la data del recupero del concerto di Bari

Con l'annuncio del recupero della data del Pala Florio di Bari, è ora completo il calendario del tour 2021 di Ermal Meta.

Nuove collaborazioni per Irama nell'EP "Crepe", in uscita il 28 agosto

Si avvicina la data di uscita del nuovo EP di Irama Crepe, che sarà pubblicato il 28 agosto. Svelate su Instagram le prime collaborazioni.

Tiziano Ferro e Massimo Ranieri: per I Love My Radio una emozionante versione di “Perdere l'Amore”

E' uscita la nuova versione di Perdere l'Amore, lo storico brano vincitore del Festival 1988 che per I Love My Radio è stato reinterpretato da Tiziano Ferro e Massimo Ranieri.

La Municipal: “L’Orsa Maggiore / Al Diavolo”, terzo capitolo del progetto “Per resistere alle mode”

E' uscito L’Orsa Maggiore / Al Diavolo, nuovo doppio singolo de La Municipal, terzo capitolo dei cinque previsti per “Per resistere alle mode”.

Paky Maione torna con il suo brano estivo "Il sapore dell'estate"

Paky Maione è il nome d'arte di Pasqualino Maione, cantante che ha partecipato ad Amici di Maria De Filippi nell'edizione 2007/2008.

Le Vibrazioni Summer Tour: In una notte d'estate... la band prosegue la tournée

Prosegue la tournée estiva Le Vibrazioni Summer Tour. Dopo la data di Roma, annunciate 4 nuove date per un'estate all'insegna del rock!.

Notte della Taranta 2020: Concertone a porte chiuse

Il Concertone di Melpignano sarà trasmesso, su RAI 2, il 28 agosto.

Cosa Resterà degli Anni ’90: 1992 con Carboni, l’esordio di Nek e gli 883

Continuiamo il nostro viaggio nella musica degli anni '90. Dopo aver percorso il 1990 e il 1991, ora tocca al 1992. SANREMO 1992 Il Sanremo 1992 fu.

Luce Music Festival – Approdi Musicali: con Francesca Michielin, Dente e Gio Evan

Si svolgerà il 7-8-10-12 agosto presso il Parco Naturale Lama Balice di Bitonto (Ba) la terza edizione Luce Music Festival con un cast d'eccezione.

Premio Bianca D'Aponte 2020: svelati i nomi delle undici finaliste

Sono stati svelati i nomi delle cantautrici finaliste che si sfideranno il 23 e il 24 ottobre per conquistare il Premio Bianca D'Aponte 2020.

Margherita Vicario Live 2020: prosegue il tour tra Festival e Rassegne

Dopo l'anteprima sul palco di Villa Manin a Codroipo (Ud) e i primi concerti, sono state annunciate nuove date del Margherita Vicario Live 2020.

News
dalla discografia

Ticketmaster comunica le nuove iniziative per il ritorno al live

Orchestra Sinfonica di Sanremo: finalmente avrà una sua sede, il Palafiori

La musica che gira: il punto della situazione e due grandi risultati ottenuti

Sugar Music Publishing & Warp Publishing siglano un accordo di sub edizione

Mini Meets Music Contest, il concorso per i talenti della scena elettronica

Assomusica con Inail rende disponibile il Vademecum delle macchine scenotecniche

Rubriche

Radio Date

Radio Date Estate 2020: tutti i nuovi singoli in uscita

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 31 luglio 2020

(s)cambio generazionale

La realtà delle playlist sta morendo o si sta consolidando?

Sondaggi

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Testo & ConTESTO

TESTO & CONTESTO SPRITZ CAMPARI: IL TORMENTONE DI MIETTA CI INSEGNA A DIRE "VATTENE, AMORE" CON STILE

La mosca Tzè Tzè

Dai raduni dei fan club agli screenshot in diretta con cantante: come è successo?

W la mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Emergenti

Nicola Siciliano: il napoletano tra rap e trap nel nuovo singolo "Sole"

Fake: il nuovo singolo “Dillo”, la volontà di restare in silenzio per paura di dire troppo

Vale Lambo: un intercalare tra amici che diventa un concetto nel nuovo singolo “Statt Zitt”

Belvedere: Note vocali è il nuovo album registrato su Whatsapp

Emma Nolde lancia il singolo "Nero Ardesia" in attesa dell'album

Neif e Lola Ponce in radio con il singolo "Disco estate"

Classifica Radio Earone Settimana #32: “Karaoke” si conferma in testa, ma “Ciclone” è sempre più vicino

Certificazioni FIMI Settimana #31: platino per il singolo di Random, mentre This Is Elodie conquista il disco d'oro

Classifica Spotify Settimana #31: Rocco Hunt ancora primo. Sul podio “Karaoke” e “Mediterranea”

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #31: vola “1990” di Achille Lauro, è primo!

Classifica Radio Earone Settimana #31: “Karaoke” si conferma, ma “Ciclone” è sul podio

Certificazioni FIMI settimana #30: Platino per Cremonini ed Elettra, tra i singoli vola Emanuele Aloia

Recensioni

Ghemon: "Scritto Nelle Stelle" e con una grafia bella chiara e leggibile… anche per altre voci svogliate

Francesca Michielin: Feat e il suo stato di natura… ribelle.

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Video

Manfri Intervista Stanza

Sal Da Vinci Intervista So pazz' e te

Alessandro Casillo Intervista After

Deborah Iurato Intervista Ma Cosa Vuoi

Giulia Penna Intervista Bacio a Distanza

Baby K Non mi basta più feat. Alexa

La Camba Intervista Facci Caso

DRD Intervista Defuera

GIULIA Intervista Mon Amour

Diodato, al via il tour in Valle d'Aosta

Jack The Smoker Intervista Diretta Instagram

Chiara Galiazzo Intervista Bonsai