20 Ottobre 2015
Condividi su:
20 Ottobre 2015

INCONTRO con EDOARDO BENNATO: “la lingua italiana? Morta prima del tempo, come greco e latino.”

INTERVISTA ad EDOARDO BENNATO: il rocker e bluesman italiano, torna con il nuovo album Pronti a salpare. Per l'occasione una conferenza stampa inedita.

Condividi su:

A 5 anni di distanza dalla pubblicazione del suo ultimo album di inediti Le Vie Del Rock Sono Infinite, Edoardo Bennato sta per tornare sulla scena musicale con il suo nuovo progetto discografico Pronti a Salpare, in uscita venerdì 23 ottobre per Universal MusicIl nuovo album, prodotto da Brando (Orazio Grillo), è anticipato dal primo estratto Io Vorrei che per te in rotazione radiofonica dal 25 settembre prossimo.

Pronti A Salpare è un album ricco di contenuti, dalle sonorità più moderne e ricercate, 14 brani in cui il cantautore rhytm & blues partenopeo fotografa con la caratteristica ironia che da sempre lo contraddistingue, diversi aspetti della nostra società, dalla politica, la famiglia, il futuro, alla calunnia, l’amore e la menzogna, senza mai dimenticare le proprie radici.

Per questa importante occasione, Edoardo Bennato ha incontrato la stampa e i maggiori esponenti delle diverse realtà editoriali di settore, per raccontare e spiegare le novità di questo nuovo progetto, le aspettative, i progetti futuri e qualche curiosità inedita.

Ci troviamo a Milano, negli uffici Universal Music, casa discografica dell’artista, davanti a noi un Edoardo Bennato ironico, spigliato, che ha voglia di raccontarsi. Inizia subito, impetuoso..

Quando scrivo le canzoni non ho l’idea del testo, partono sempre canticchiando in finto inglese. Il tema da’ il titolo e poi lo svolgo, sono i fatti che mi vengono incontro, veniamo sollecitati dai media, dall’ambiente esterno, ciò che ci colpisce, le tragedie, i barconi, il terzo mondo, questo diventa canzone cercando di evitare il buonismo, la retorica e i luoghi comuni. Soprattutto Pronti e salpare ed È una Macchina mi sarebbe piaciuto farli ascoltare a De Andrè, ma lui purtroppo non c’è, mentre altri come Fossati sono stati messi da parte.

Quando parli di De Andrè, ti riferisci al fatto che è sempre stato una persona vicina ai disadattati, alle puttane?
Non per questo, ma per il suo modo di raccontare le cose, di svolgere i compiti, per il suo modo di fare poesia, non facciamo trattati di sociologia o denuncia sociale, o trattati di geopolitica, dobbiamo dare buone vibrazioni con la musica, abbiamo a fare con una lingua che non va tanto di moda. Le nuove generazioni cantano in inglese, hanno byepassato a priori la lingua italiana, perché comporta più complicazioni; ogni giorno eliminiamo una parola italiana e ne introduciamo una inglese, quando il ciclo sarà terminato, probabilmente non avremo problemi a dialogare con il mondo intero, la lingua italiana non sarà moribonda, ma morta come latino e greco. Manipolare la lingu italiana è un compito ingrato. Noi siamo poveri italiani, anzi italioti.
Quelli che potrebbero fare qualcosa di buono sono stati tagliati fuori, come Ivano Fossati.

E Guccini?
Il suo spazio lo ha, lo ha sempre avuto, è una specie di santone, non perde più tempo a scrivere canzoni, scrive qualche libro. Probabilmente l’album più bello è stato quello in cui Guccini canta Carducci.

Come mai dici che Fossati è stato tagliato fuori?
Si è scocciato, ha detto andate a farvi fottere tutti. Non ufficialmente, ma è così.

Canti Rossini?
Quando ascolto gli album in macchina ci sono i Black Rebel, i R.E.M., però c’è anche Rossini e spesso e volentieri vado a vedere un suo musical, anziché vedermi Jesus Christ Superstar riscaldato, o Hair, o ancora Greese, preferisco vedere Rossini e penso che anche le nuove generazioni dovrebbero andare a vedere Il Barbiere di Siviglia, Cenerentola.
Da sempre utilizzo questo linguaggio cercando istintivamente di affermare la mia italianità, utilizzando la lingua italiana.
Il Musical Pinocchio sarà presto in scena, il personaggio di Lucignolo non c’era nell’album Burattini senza Fine, in questo caso il tema c’era già, sono partito dal rif di chitarra, il nome mi ha fatto pensare ad uno che ha la luce

“Vi illumino la via per arrivare allo sballo, faccio il pr per vocazione”.

E’ un pezzo rock, alla AC DC, ho aggiunto questo brano agli altri, al Mangiafuoco, La fata, Il grillo parlante. Rossini c’è sempre stato, anche in Peter Pan il linguaggio è rossiniano.

È proprio Rossini. È proprio Bennato.

unnamed (1)

Una serie di domande botta e risposta continuano a susseguirsi frenetiche, le curiosità della stampa sono tante e Bennato, molto attento, euforico, racconta di episodi folli e divertenti dei suoi Musical, canticchiando e riarrangiando al momento piccole strofe (tutti ridono compiaciuti ndr).

.. continuiamo
L’episodio più folle è quello di non è bello ciò che è bello, confesso che fu una canzone scritta per Pavarotti, ci frequentavamo, eravamo vicini di casa, mi invitò al Pavarotti and friends nel ’96, ci tenne alla mia presenza, disse che era la perfetta unione tra la mia musica rock e la sua musica classica, lo feci con il quartetto d’archi che da sempre mi è servito per sottolineare la mia italianità. All’estero ci guardano come dei cloni patetici dei modelli angloamericani. È oggettivo, siamo un baraccone zoppicante che si muove ai margini dell’America e dell’Inghilterra, i giochi di potere si fanno a Londra a New York.

Altro episodio divertente
Pavarotti ha la casa a 20 metri dalla spiaggia e si lamenta: “Guarda tutti mi fanno le fotografie!” – “E per forza Lucià fai la pasta e fagioli sulla spiaggia con la maglietta a fiori, di certo non passi inosservato.” E poi continua: “Sai, mi fanno fare sempre canzoni tristi, mi scrivono sempre canzoni tristi, mi fai una canzone allegra?” – E quindi nel viaggio da Rimini a Milano mi venne in mente: “Non è bello ciò che è bello..”
..dissero che era una cosa troppo leggera.

Ci sono tanti rimandi alle tue prime esperienze, ad esempio “L’isola che non c’è” è una storia che continua? Sembra di sentire la tua grinta di quegli anni.
In effetti mi ero rimbambito negli ultimi 20 anni, poi mi hanno fatto un’iniezione ed ho ritrovato tutta la mia energia e vitalità.

Ti stai esprimendo molto, è una tua presa di posizione (riferimento a Grillo ed alle feste)?
Io la patente per fare questo mestiere l’ho avuta dall’intelligenza genetica, dopo 9 anni di gavetta tra Roma e Milano, mi fecero fare Non farti cadere le braccia, pensavo di avercela fatta!
Invece Rignano mi disse che come casa discografica non aveva niente da rimproverarsi, ma nella fattispecie la mia voce era sgraziata, sgradevole, per cui per il contratto era da considerarsi estinto. Il mio album non è stato vidimato dall’industria della canzonetta, dal mondo ufficiale di sorrisi e canzoni. Ricorsi all’ultimo artifizio istintivamente: a Londra vidi questi che suonavano one man band, mi costruii il tamburello a pedale, poi da un fabbro a Brescia mi feci costruire un catafalco per suonare contemporaneamente l’armonica, poi c’era una specie di trombetta, la chitarra, tutto; mi piazzai di fronte alla Rai perché sapevo che sarebbero passati tutti gli opinion leader, i giornalisti, e mi feci notare.
Fui fortunato! In quegli anni il Festival di Sanremo era diventato una recita parrocchiale. Dall’America arrivavano determinati imput di livello superiore.

Con Una settimana e un giorno fui bocciato.

Raffaele era quello che trasmetteva in radio e mi metteva in guardia: “Mi sembrano tutti figli di papà che giocano a fare i rivoluzionari, stai attento ti fanno fuori dal gioco se non hai niente da offrire al mercato.” Ero lì, a quei Festival OPPORTUNISTICAMENTE, da qualche parte dovevo pure entrare e lì c’erano quelli più all’avanguardia. Aggiunsi al mio repertorio Arrivano i buoni, uno sfottò su tutti i piani e tutti i fronti.
Faccio quello che faccio in modo istintivo, è giusto non sventolare badiera, il rock è antitetico ad ogni fazione e partito politico.
Quello che dice Grillo è ineccepibile, la colpa non è dei politicanti e dei politici, la colpa è di chi li elegge.

Come sei arrivato alla calunnia è venticello su Tortora e Mia Martini?
Siamo amici di infanzia con i fratelli Tortora, ci trattiamo da cani. È un episodio emblematico quello di Tortora, di un Paese in cui l’antistato è più potente dello Stato e ci tiene a dimostrarlo costantemente.

“la calunnia è un’arietta gentile che a poco a poco si gonfia tra la gente e diventa una tempesta che travolge il malcapitato.”

Che rapporto c’è tra musica e disegno?
Sono laureato in architettura e diplomato al liceo artistico. Ho veicolato il mio ruolo pubblico per evidenziare problemi, ad esempio il progetto per l’area suburbana di Napoli, prima ancora La torre di Babele, ho fatto più fatica a fare la copertina che a terminare l’album stesso. In Pronti a Salpare volevo rappresentare sia l’umanità dolente, amara, sia il senso del cammino. Lo spostamento equatoriale ha delinato l’umanità, i bambini rappresentano il futuro, andrebbe spiegato loro questo spostamento latitudinale che ha definito quelle che chiamiamo impropriamente razze; in realtà esiste una sola razza che si è apparentemente diversificata. Non è un presupposto buonista, ma scientifico, il colore della pelle non c’entra, bensì la latitudine.

C’è un altro libretto che illustra la teoria tra nord e sud?
Sì, L‘uomo occidentale, chi comprerà il CD su itunes avrà il libretto nel quale si ironizza su questo Bennato insegnante, sul codice latitudinale, elaborato da una ragazza di Catania che mi segue dalla prima ora, Loredana Nicosia, lei riesce ad estrarre non solo i tratti somatici, ma l’essenza.. Fa paura!

Siamo pronti a salpare per andare dove?
Riferimento non soltanto agli sbarchi, pronti a salpare noi ben pensanti occidentali, il mondo cambia piu veloce di quanto immaginiamo, gli equilibri cambiano, noi apparteniamo a quella fascia dell’umanità adulta, per adulto si intende gente che ha fatto esperienza. Non soltanto i disadattati, pronti al morire, ma tutti quanti noi dovremmo essere pronti a salpare.

Tanti ricordi, tante novità, qualche sassolino ancora da togliersi..

Hai in mente di rifare iniziative universitarie?
Potrei anche farli ma usando un gioco di parole: “Chi me lo fa fare?”. Quello che interessa a loro è vedere i dischi,Loro vogliono le canzonette. Penso sia utile avere un’alternativa a chi vuole ascoltare qualcosa di diverso.
Nelle facoltà umanistiche c’è un grosso problema: individuano l’uomo come il problema, partono dal presupposto che nel pianeta Terra il problema sia l’essere umano. Ma è inconcepibile: le leggi della natura sono implacabilmente violente. Si basano sulla sopraffazione di un essere su un altro. Quello che noi chiamiamo catena alimentare.

Approfondimento sul numero 55, il blues americano, la smorfia?
È un brano che ha almeno 15 anni e 18 versioni, ricordo a me stesso che sono stato il primo a coniugare il blues con la lingua, il dialetto napoletano “quann c’azzecca”.

“L’uomo del monte ha deciso che le mie canzonette potevano essere utili alla causa. Confesso che ne ho approfittato subito. / Era scritto nei numeri, nel destino perché a Napoli 55 è a musica./ Perchè a Napoli quann suonamm è America.”

Nel senso che siamo più bravi, io, Senese,De Rienzo, e quelli che sono con me adesso, Giuseppe Scarpato, Forcelli, io mi circondo di bravi chitarristi perché conosco i miei limiti, per sopperire a questo deficit. Io non so suonare bene la chitarra, sono una schiappa.

Domanda a bruciapelo al produttore Brando

Prima di fare questo disco c’era un’idea di come doveva suonare?
Lui scrive moltissimo, produce canzoni a profusione, la cosa comune è la passione, il gusto musicale, ricordo che è un disco registrato in analogica, di alta qualità, un disco rock ‘n roll, di pochi strumenti pensati e registrati nel modo giusto. Abbiamo dovuto fermarlo, perché non c’era una fine e volevamo un CD vero e sincero come lui. Tenendo conto che è molto difficile utilizzare l’italiano con questo tipo di ritmica, su questo tipo di pezzi.
E comunque sono un fan sfegatato da sempre!

Una conferenza stampa articolata e gestita in maniera integerrima, come solo un artista affermato della scena musicale italiana avrebbe potuto fare; un album nuovo, inedito, inaspettato che promette il meglio già al primo ascolto. Non resta che attendere il fine settimana venturo per scoprire insieme il riscontro di critica e pubblico, sicuramente importante ed incisivo. Pronti a salpare?

“Ragazzi spero che vi siate divertiti.”Bennato


In Copertina

La classifica aggiornata delle vendite di artisti lanciati dai talent show parte I - I singoli

Amici vince in termini di artisti presenti nella classifica.

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 7 maggio

Radio date 7 maggio. L'appuntamento del giovedì è quello con il radio date per scoprire i nuovi singoli in uscita questa settimana. Nel radio date del 7.

Enula Con(torta) è il titolo del primo EP contenente anche un brano scritto con Franco 126 (Tracklist)

All'interno del progetto sei brani tra cui i 3 pezzi già presentati ad Amici 20.

Eurovision 2021: la guida e i video delle 39 canzoni in gara. Parte 1 di 4

La finalissima si svolgerà il 22 maggio prossimo.

Nel biopic Netflix su Roberto Baggio il nuovo singolo di Diodato, "L'uomo dietro il campione"

Il brano sarà disponibile in digitale dal 14 maggio.

Ecco la classifica degli artisti italiani più ascoltati su Spotify... in vetta Laura Pausini

Gli ascolti sulla nota piattaforma streaming confermano anche quanto la nostra star sia amata in Sudamerica e Spagna.

Amici di Maria De Filippi: oltre 400.000 copie vendute per gli inediti dei ragazzi. Ecco quali inediti stanno andando meglio

Scopriamo nel dettaglio quali canzoni e quali artisti stanno andando meglio in questa edizione boom.

Release date 2021: l’elenco, mese per mese, di tutti i singoli italiani in uscita

Un articolo in costante aggiornamento per scoprire giorno per giorno, tutte le nuove uscite italiane del 2021.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale

ALBUM IN USCITA 2021

Articolo in continuo aggiornamento...

Interviste

Videointervista a TY1: “L'hip hop nel tempo si è riscattato, uscendo dell'underground”

Il 7 maggio è il giorno dell'uscita in formato fisico e digitale del nuovo album di TY1 Djungle. Ne abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a GionnyScandal: “Sono diverso? No sono anti!”

Il 7 maggio è il giorno dell'uscita per Virgin Records del nuovo album di GionnyScandal Anti. Un progetto che arriva a due anni da Black Mood. .

Videointervista a Rkomi: “Vorrei sempre sorprendere chi mi segue!”

E' uscito il nuovo album di Rkomi Taxi Driver, progetto in cui si avverte un forte sapore cinematografico. Ne abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a Ibla: “Ringrazio la vita per questa meravigliosa esperienza”

Ibla, reduce dalla partecipazione ad Amici di Maria De Filippi, pubblica il singolo Libertad, un brano in spagnolo ricco di significato. .

Videointervista a Mameli Blind Nashley, “Non Cambi Mai”, il singolo dell'inedito trio

Non Cambi Mai è il titolo del nuovo singolo di Mameli, che per l'occasione ha coinvolto Blind e Nashley. Ne abbiamo parlato in una videointervista.

Videointervista a Marco Masini: “Non vedo l’ora di cantare e di condividere delle belle emozioni”

In attesa di poterlo rivedere sul palco, Marco Masini tornerà sul palco per un esclusivo, intimo e suggestivo concerto il streaming. .

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Primo Maggio Roma 2021: la musica che veicola messaggi importanti... Fedez, Michele Bravi (e Pio & Amedeo)

Primo Maggio Roma Michele Bravi, Fedez e lo scivolone di Pio & Amedeo. Ieri la musica dal vivo ha provato a ripartire e per farlo ha scelto il "Concertone". Su quel palco, da sempre portavoce dei diritti dei lavoratori, hanno trovato spazio, giustamente, anche alcuni messaggi su quanto sta avvenendo a livello sociale nel nostro paese. In...

News

Red Bull 64 Bars The Album, manifesto della scena rap italiana anticipato da un freestyle inedito di Gemitaiz prodotto da Carl Brave

Red Bull 64 Bars The Album è il progetto discografico, manifesto della scena rap italiana, in uscita venerdì 28 maggio su tutte le piattaforme digitali.

Max Pezzali o Povia? Dopo lo scudetto dell'Inter si discute sul nuovo inno

Max Pezzali o Povia? Un interrogativo al quale si trovano di fronte molti tifosi nerazzurri che in queste ore stanno festeggiando lo scudetto.

La classifica aggiornata delle vendite di artisti lanciati dai talent show parte I - I singoli

Amici vince in termini di artisti presenti nella classifica.

Willie Peyote Tour dopo Sanremo è pronto a tornare in tour nell'estate 2021

Nel calendario nuove date e il recupero di appuntamenti saltati negli scorsi mesi.

Alberto Urso e Rocco Hunt: rimandate le date live dei due artisti

Per Urso sono già state fissate i nuovi appuntamenti.

Uno show in streaming mai visto prima con oltre 188 artisti e musicisti sul palco per Claudio Baglioni

"In questa storia che è la mia " in streaming la regia teatrale è di Giuliano Peparini mentre quella televisiva è affidata a Luigi Antonini.

Enula Con(torta) è il titolo del primo EP contenente anche un brano scritto con Franco 126 (Tracklist)

All'interno del progetto sei brani tra cui i 3 pezzi già presentati ad Amici 20.

Francesco Baccini dopo l'album "Nomi e cognomi" la censura televisiva e l'esilio da Sanremo

Il cantautore si è aperto in un'interessante intervista realizzata con Leggo.

L'industria discografica, da IFPI e FIMI, contro Vimeo

L'industria discografica contro Vimeo. IFPI, che rappresenta l'industria discografica nel mondo, insieme al gruppo nazionale italiano FIMI e a FPM - Federazione Contro la Pirateria Musicale.

In attesa de Il Volo appello per tenere aperta l'Arena di Verona fino alle ore 24

Nel lanciare la richiesta, il sindaco Sboarina e Gianfranco Mazzi hanno elencato 10 punti per cui sarebbe dovuto riaprire la location, tra le più belle al mondo.

Arisa: ecco "Ortica (o' sacc sul ij) – Jason Rooney Sensual Mix

Si tratta di una versione speciale, più intima, del nuovo singolo "Ortica", prodotta da Jason Rooney.

Nel biopic Netflix su Roberto Baggio il nuovo singolo di Diodato, "L'uomo dietro il campione"

Il brano sarà disponibile in digitale dal 14 maggio.

News
dalla discografia

Rubriche

radio date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 7 maggio

Pagelle Nuovi singoli

Pagelle Nuovi Singoli in uscita il 30 aprile 2021: I Coma_Cose fanno centro mentre Povia...

W la Mamma

Caro Povia, in merito al tuo post sul ddl zan, facciamo due riflessioni? io, te e mio figlio...

La mosca Tzè Tzè

Buon compleanno al Maestro Franco Battiato, colonna sonora della mia infanzia

Testo&Contesto

Testo & ConTesto: Laura Pausini Io sì. Il Prof di latino analizza il testo della canzone italiana candidata agli Oscar 2021

A tutto pop

A TUTTO POP #47: TONY MAIELLO, GIUNI RUSSO e TAGLIA 42. Aneddoti e curiosità sulle canzoni

A-V Indie

IL TEATRO DEGLI ORRORI (V di Venezia)

Emergenti

Not Good lancia il trascinante singolo "Mai più" feat. Emis Killa e Rizzo

Lameba e Joyello rivisitano Franco Battiato degli anni '70 ne Il rumore del Silenzio

Ciao sono Vale racconta le forme dell'amore in “Tutto ciò che Vuoi”

Anice ha lanciato il nuovo singolo "Carillon"

Maggio: "Ora vorrei" è estratto dal primo album "Nel mentre (Lato A)"

Matteo Brento: "Ritornerò" è il profetico nuovo singolo

Miglio si racconta nel viaggio interiore di "Autostrade"

Anteprima Video: una profonda analisi interiore nel singolo “Luce e Fango” di Eakos

Amalfitano lancia il nuovo singolo "Maddalena"

Certificazioni FIMI #17: Tiziano Ferro e Ultimo multiplatino. Nei singoli nuova certificazione per Sangiovanni

Classifica Spotify Settimana #17: Aka 7even e sangiovanni al top. Nella Viral entra Milva

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #17: colpaccio di Franco126! Molto bene i Nomadi

Classifica Radio Settimana #17: Sanremo in calo. “Fireworks” scalza “Musica Leggerissima”

Certificazioni FIMI settimana #16: ben tre riconoscimenti per Gazzelle. Tra i sanremesi Annalisa, Madame e Coma_Cose

Classifica Spotify Settimana #16: Amici al Top! Aka7even e Sangiovanni in vetta!

Recensioni

Coma_Cose – Nostralgia… perché anche la nostalgia nel loro mondo cambia aspetto.

Annalisa: "Nuda Dieci"... una riedizione che riscalda l'atmosfera?

Malika Ayane: “Malifesto” il racconto perfetto di come la vita

Maneskin – Il Teatro dell'Ira... da cui fuoriesce tutta l'ira ma non solo

Ermal Meta - Tribù Urbana - Recensione del nuovo album del cantautore

La Rappresentante di lista - My Mamma - Recensione

Video

Vasco Brondi Paesaggio Dopo La Battaglia

GionnyScandal Intervista Anti

Iva Zanicchi Intervista Amore Mio Malgrado

TY1 Intervista Djungle

Chadia Rodriguez Intervista Concerto Primo Maggio

Ginevra Intervista Concerto Primo Maggio

Rkomi Intervista Taxi Driver

Ermal Meta in versione... ologramma!!!

Motta Intervista Semplice

Marte Marasco Intervista 1M Next

Cargo Intervista 1M Next

Marco Masini Intervista Concerto in Streaming 9 maggio