RECENSIONE: Se vedo te – Arisa

sevedote

Potremmo definirla “l’inarrestabile”; Arisa che a cinque anni dal suo debutto può vantare già quattro partecipazioni al Festival di Sanremo ottenendo due medaglie d’oro (nella categoria nuove proposte con Sincerità nel 2009 e nel girone dei Big con Controvento nel 2014), un secondo posto (nel 2012 con La notte), sei dischi di inediti all’attivo, due stagioni come giudice ad X Factor, due romanzi come autrice, tre film al cinema e un paio di lungometraggi d’animazione come doppiatrice.

Oggi si ripropone al pubblico con un nuovo progetto discografico: Se vedo te. E lo fa cambiando di nuovo le carte in tavola. Lontana ormai dalle simpatiche filastrocche di un tempo e svestita di panni di un personaggio che non le apparteneva realmente, pubblica un album ricco di collaborazioni e spunti “alternativi” provenienti da giovani autori italiani, molto bravi a mettersi a servizio di una voce e di un artista con le idee così chiare come Arisa, tra cui Cristina Donà che firma ben quattro canzoni, DiMartino e Dente.

Le parole di quest’album sono semplici e comunicative, ricche di suggestioni ( soprattutto nelle canzoni della Donà), e in molti casi della stessa Arisa che è autrice di diversi brani, che contribuiscono tutti insieme a (ri)posizionare  la cantante nella  cerchia delle realtà più convincenti della musica italiana.

MIGLIOR CANZONE: Se vedo te

VOTO: 7,5/10

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album di Arisa in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon.

  Sono nato a Roma nel 1987, ed è qui che ho deciso di tornare dopo qualche anno di vagabondaggio per studio e lavoro. La musica è la mia passione vera; da sempre ho avuto l’esigenza di ascoltare, scoprire ed esplorare generi ed artisti diversi. La mia vena critica e quella polemica mi hanno portato su All Music Italia dove recensisco i dischi italiani in uscita più interessanti.
segui su:

  • ADORO ARISA. ADORO LA SUA SENSIBILITA’ MUSICALE, LA SUA CAPACITA DI MISCELARE IN MANIERA COSI PERFETTA LE SUE DUE PERSONALITA: UNA PIU AUTOIRONICA, FRIVOLA E LEGGERE E L’ALTRA MOLTO INTROSPETTIVA, PROFONDA E RIFLESSIVA. SENZA DUBBIO UNA DELLE MIE ARTISTE ITALIANE PREFERITE. E SENZA DUBBIO CON QUESTO ALBUM CONFERMA QUANTO PENSO. BRAVO BRAVO E ANCORA BRAVO A CHI HA SCRITTO QUESTA RECENSIONE. PERFETTA.