“MERCURIO 5 STARS EDITION” EMIS KILLA – Recensione

Emis Killa "Mercurio 5 star edition" copertina

Una manciata di mesi, un disco di platino ed oltre un milione di seguaci attivi sui social network confermano Emis Killa tra le realtà assolute e più influenti del mercato pop/rap italiano del momento.

Mercurio 5 stars edition” è il titolo del repackaging dell’ultimo disco del rapper pubblicato lo scorso ottobre, prodotto da Big Fish e Marco Zangirolami con l’aggiunta di quattro nuove tracce tra cui la hit tormentone “Maracana“, realizzata in occasione dei Mondiali di calcio 2014 di Sky e già in vetta alle classifiche digitali.

La scelta delle nuove tracce sintetizza a grandi linee il senso dell’album già edito, senza aggiungere molto a quanto di buono (o meno) era stato già fatto prima, mescolando generi musicali e contenuti diversi fra loro anche se, preferendo in senso generale, una direzione più pop e radiofonica che ne siamo certi, incoronerà ancora una volta Killa re di vendite e popolarità.

Dobbiamo dire con onestà che, tralasciando le canzoni più marcatamente auto celebrative che ci lasciano abbastanza indifferenti, Emis Killa è il più bravo (a nostro avviso) in questo Paese a scrivere e a cantare il suo genere; e che questo disco non è dedicato soltanto al pubblico “più giovane” che affolla i concerti di Emis, ma un po’ a tutti, gusti personali a parte.

I testi più convincenti ed incisivi raccontano in rima le storie comunque, di un bravo ragazzo che non ha bisogno di atteggiarsi a niente di diverso da quello che è per stare nella sua categoria, e l’album ne raccoglie più di qualcuna: basta fermarsi ad ascoltare “Fratelli a metà” in cui Killa si spoglia del tutto e mette sul piatto i suoi pensieri più personali “…il tempo ha sciolto i nodi, quelli alla gola, ha fatto uno più grande che ci lega con una sola parola… dobbiamo crescere ancora, fratelli a metà quello che hai unito a quello che ho ciò che abbiamo noi ora, un po’ più grandi allora, fratelli a metà…” per cogliere il senso più interessante di Emis Killa autore, che torna anche in “Essere umano” insieme ad una meravigliosa Skin (Skunk Anansie) o in “Lettera dall’inferno“.

Il tanto spazio lasciato alle collaborazioni regala i momenti migliori al disco: è il caso di “A cena dai tuoi“, divertente parodia dell’incontro movimentato del rapper e la famiglia di una “Lei”, qui condivisa con J-Ax oltre al featuring con Skin citato prima. Per colpa di qualche azzardo forse troppo “teen” (“MB45“, “Wow“, e “Brutta“) non ci sentiamo di promuovere con larghe maniche “Mercurio” ma allo stesso tempo questo non ci impedisce di inserirlo tra i promossi della stagione.

MIGLIORE CANZONE: Essere umano
VOTO: VOTO: 7/10

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album di Emis Killa in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon.

  Sono nato a Roma nel 1987, ed è qui che ho deciso di tornare dopo qualche anno di vagabondaggio per studio e lavoro. La musica è la mia passione vera; da sempre ho avuto l’esigenza di ascoltare, scoprire ed esplorare generi ed artisti diversi. La mia vena critica e quella polemica mi hanno portato su All Music Italia dove recensisco i dischi italiani in uscita più interessanti.
segui su:

  • Emis Killa è il top. 1 sola parola per descriverlo P.E.R.F.E.Z.I.O.N.E *-*

  • Francy

    Emis è il migliore in assoluto a fare tutto! le canzoni che adoro sia io che mio padre sono Fratelli a metà perchè spiega il rapporto con il fratellastro che è un pò simile al mio! Maracanà perchè è divertente e mette molta allegria! Lettera dall’inferno perchè anch’io non sono molto attaccata alla chiesa! A cena dai tuoi perchè è molto ironica! MB45 perchè ha un bel ritmo e il testo è ricco di contenuti! Soli (assieme) perchè parla di amore e io adoro l’amore! Mercurio perchè racconta un pò il mondo di Killa! e infine Brutta è bella, ironica, e molto forte!
    Emis è il migliore e non lo penso solo io, chi lo giudica dovrebbe pensare a giudicarsi prima lui e poi può forse giudicare gli altri!
    Emis ti adoro! più di questo non so che dire