Romina Falconi alle prese con la dipendenza affettiva nel nuovo singolo, Vuoi l’amante

Romina Falconi

Torna il 7 gennaio con un nuovo singolo disponibile su tutti i digital store e le piattaforme di streaming musicale la cantautrice più “spregiudicata” della musica italiana, Romina Falconi. Il nuovo brano si intitola Vuoi l’amante e rappresenta un nuovo tassello del suo secondo album in uscita il prossimo mese di marzo.

Dopo aver affrontato la fine di un amore e l’abbandono nel precedente brano, Le 5 Fasi del dolore, con questo singolo Romina continua a tracciare la sua mappa emotiva degli schiaffi, belli e brutti, della vita che sarà il concept del nuovo disco.

Dopo aver usato la figura di una sposa abbandonata sull’altare per rappresentare l’abbandono questa volta la Falconi si avventura nei meandri della dipendenza affettiva usando come metafora la figura dell’amante, ovvero la massima rappresentazione dell’incapacità di dire basta in amore, di rispettarsi prima che rispettare, di amare se stessi prima ancora dell’altro.

Il brano è già in pre-order su iTunes e in pre-save su Spotify cliccando qui.

Romina Falconi

E se con il precedente singolo Romina Falconi si è messa a disposizione dei suoi fan (e non solo) aprendo un Centro d’ascolto per cuori infranti sotto la metropolitana di piazza Duomo a Milano, un’iniziativa di successo che verrà sicuramente replicata, questa volta la cantautrice ha chiesto ai suoi follower di raccontarle le frasi più assurde che si sono sentiti dire dalla persona amata.

La dipendenza affettiva è quando si dà più amore di quanto se ne riceva.
E ci si aggrappa alle frasi, quelle terribili:
-“Ti amo ma ho bisogno di stare da solo”
-“Certo che sono single ma non chiamarmi mai dopo le 19”
Quali sono le frasi più assurde che avete sentito?

In poche ore i profili Facebook, Twitter e Instagram dell’artista sono stati invasi delle frasi più disparate, alcune note a molti tra coloro che hanno sofferto in amore, altre assolutamente al limite del grottesco, da lasciarti in dubbio se scoppiare a ridere o sbattere la testa la testa.

In attesa di poter ascoltare il nuovo singolo domani, 7 gennaio, e di vedere cosa l’artista avrà escogitato per il videoclip di Vuoi l’amante, vi riportiamo alcuni dei commenti pubblicati sui social di Romina. Buona lettura.

Ad oggi la migliore: Ti amo al punto che è meglio chiudere qui, mi fanno paura le persone con personalità così magnetiche…e comunque me lo consigliato anche il medico!” (Marinamagonimua)

Io ti amo però fisicamente mi fai schifo…” (sol3luna)

Ho bisogno di un periodo di pausa. Detto prima dell’estate. Poi tornò a settembre dopo vari schiuma party in Bulgaria….” (instamarcod)

Sei stato fino ad oggi il pilastro che mi sorreggeva ma adesso devo imparare a stare in piedi con le mie forze. Possiamo vederci ogni tanto per una pizza se vuoi.” (Alegiori93)

La distanza è troppa” 37 km” (alissauro)

è bello messaggiare con te…ma poi ti vedo e finisce tutto” (nonostante altre volte sostenesse che io fossi bella)” (radioangy)

Se volete leggerne altri potete visitare la pagina Instagram di Romina Falconi qui.

Il videoclip è stato realizzato da Saverio Corriero e richiama in qualche modo la favola di Cappuccetto rosso. Vedere per credere…

ROMINA FALCONI – VUOI L’AMANTE – TESTO

Non lo chiamo di sera è una regola chiara
ma che me ne frega è me che lui ama
sta con quella iena non la lascia per ora
a lui cosa frega se muoio gattara

E zero di zero mi ha mai regalato
tranne una cosa, l’undicesimo dito
se hai il cuore buono puoi buttare il fegato
le mie amiche lo odiano e non lo conoscono

Scema, lontana da lui sono debole
cretina, per ogni ceretta inutile

Mi dicevi “sei speciale” ma poi vuoi quella normale
e meno male che era amore ora sono da buttare
vuoi l’amante, senti bene, vuoi l’amante
io non la so fare

Un filo di trucco, un metro di tacco, un litro di tavor
così passa tutto e non ti ricorderò
ma neanche un goccio
mi piace ripeterlo ma poi non lo faccio

Ma perché non mi ami come ti amo io
vuoi prenderti tutto ma non sei mai mio
che scema dicevo lui qualcosa di buono lo avrà
mi ama ma non lo sa e altre banalità

Scema, a casa non mi aspetta nessuno
cretina, ogni tormento per lui è inopportuno

Mi dicevi “sei speciale” ma poi vuoi quella normale
e meno male che era amore ora sono da buttare
vuoi l’amante, senti bene, vuoi l’amante
io non la so fare

Per ogni natale da sola
troppo grande il mio letto la sera
non hai mai amato nessuna come ami me
me l’hai detto già
non hai mai amato così di merda

Scema, lontana da lui sono debole
cretina, per ogni ceretta inutile

Mi dicevi “sei speciale” ma poi vuoi quella normale
e meno male che era amore ora sono da buttare
vuoi l’amante, senti bene, vuoi l’amante
io non la so fare

 

  
segui su: