PUPO scioccato: “Sarà perché ti amo” diventa inno all’amore gay nel musical omonimo

pupo_sarà_perché_ti_amo_musical_allmusicitalia

«Non me lo aspettavo. Quando ho scritto quella canzone, all’inizio degli anni ’80, tutto avevo in mente tranne che raccontare la storia di due gay

È con queste parole che Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, ha commentato l’arrivo al Barclays Teatro Nazionale di Milano del musical Sarà perché ti amo, il cui filo rosso è tracciato dalle canzoni dei Ricchi e Poveri e dalla storia d’amore controversa tra due giovani ragazzi omosessuali, protagonisti della canzone che dà il nome all’opera musicale; canzone che – molti lo ricorderanno – fu scritta dallo stesso cantautore per il trio più di trent’anni fa!

Ecco la restante parte della dichiarazione: “Quando ieri sera ho visto il musical con la mia canzone che aveva un significato gay non ci volevo credere: no, gli autori del musical non mi avevano avvertito né consultato ma, come si sa, le canzoni appartengono a chi le canta non a chi le scrive. Solo che non me lo aspettavo: è come se scopri che tuo figlio è gay. Non c’è niente di male ma certo rimani quantomeno sorpreso…

Mi era già successo con ‘Gelato al cioccolato’: in quel caso avevo scritto la musica e Cristiano Malgioglio il testo. Io pensavo che fosse una canzone sui gelati, una metafora dell’amore tra un uomo e una donna, poi ho scoperto solo dopo che Malgioglio l’aveva scritta per un suo amico tunisino. Non si può mai stare tranquilli…- ha scherzato Pupo – a questo punto potrei fare una compilation di tutti i miei successi rivisati in chiave gay: in effetti potrebbe essere un’idea“. (Fonte: www.adnkronos.com)

Il musical vi aspetta al Barclays fino al 15 marzo. Leggiamo i contenuti e la trama dal sito ufficiale del teatro:

Sarà Perché Ti Amo è un musical tutto italiano, che fa ridere ed emozionare parlando dell’Italia e della sua “confusa” realtà: tra cucina, moda, musica e amore. Il tutto accompagnato dai più grandi successi dei Ricchi e Poveri in una nuova e trascinante veste.

Andrea Verzicco cura le coreografie ed è interprete dello spettacolo con un cast composto da alcuni dei più importanti performer del panorama del musical italiano.
Undici performer per raccontare una storia che attraverso le emozioni ci parla di Amore declinato in varie sfaccettature: Marco, un giovane ragazzo, decide di lasciare il suo paese della campagna Toscana per trasferirsi a Milano e realizzare le proprie aspirazioni. In città lo aspetta una stravagante compagnia di amici: l’amica d’infanzia Cristina che dovrà fare i conti con un amore del passato GianMaria, Miky e Roby una coppia ormai logora e nascosta dietro l’apparenza, Susy stravagante ed eccentrica del gruppo, Gioia e la sua disarmante ingenuità e infine Alessandro, che deve convivere con la paura e l’indecisione di chi ama e che non vorrebbe perdere.
La vita di Marco e quella dei suoi amici si racconta attraverso un intreccio di scontri e incontri il cui mediatore sarà Ernesto, l’eccentrico papà del protagonista e il finale toccherà le corde del cuore. A commentare le vite dei protagonisti, due irresistibili e a dir poco invadenti, vicine di casa, Maria Assunta e Rafilina“.

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: