Con la benedizione del PAPA va in scena il musical “Il Figliol prodigo” realizzato da 14 carcerati. Ecco come assistere agli spettacoli

il figliol prodigo

Tutti noi facciamo sbagli nella vita, perché siamo peccatori. E tutti noi chiediamo perdono di questi sbagli e facciamo un cammino di reinserimento…“.

Con questo parole il Papa ha risposto con una lettera ai 14 detenuti della sezione Alta sicurezza del carcere di Opera in provincia di Milano.
Ora l’impegno di queste persone diventa un musical che sarà in scena in diversi carceri, e non solo, a partire dal 31 ottobre, Il Figliol prodigo.

Il laboratorio del Musical è un progetto di volontariato ideato e realizzato da Isabella Biffi, cantautrice e regista (in arte Isabeau), che da quasi dieci anni, grazie alla condivisione istituzionale del Direttore di Opera, il Dottor Giacinto Siciliano, e alla collaborazione dell’Associazione Culturale Eventi di Valore, utilizza l’arte e la cultura, come mezzi di rieducazione e “Rivoluzione umana”.

Il progetto del musical Il Figliol Prodigo, in questa versione completamente rivisitata e attualizzata, è nato proprio in occasione del Giubileo del Carcerato del prossimo 6 novembre ed è stato reso possibile anche grazie alla collaborazione della Regione Lombardia che da subito ha creduto nel progetto riconoscendolo come strumento di riabilitazione sociale.

Protagonisti di questa opera sono i detenuti di Alta sicurezza che hanno deciso di mettere la propria esperienza a disposizione delle nuove generazioni impegnandosi nella trasmissione di valori attraverso forme di spettacolo. Un progetto questo di Isabella Biffi che segue altri spettacoli messi in scena in passato come Dieci mondi, La Luna sulla capitale, L’Amore vincerà e Siddhartha.

 

Assistere a questa versione de Il Figlio prodigo sarà un’esperienza oltre che culturale, soprattutto umana, un invito a sperare nell’amore trasformando l’odio in perdono e riabilitazione, ricordandoci che sbagliare è qualcosa di molto facile, la vera umanità sta nel rivalutare, guardare con occhi diversi e, se serve perdonare.

Le prime date dello spettacolo aperte al pubblico si svolgeranno al Teatro del Carcere di Opera (Milano) il 26 e 27 ottobre.
Seguiranno poi le seguenti date:

31 ottobre  Palacongressi – Rimini
2 novembre Teatro Sociale  Brescia
6 novembre – Sala Nervi in occasione del Giubileo del Carcerato – Vaticano
8 novembre Teatro Carcere di Rebibbia – Roma
9 novembre Teatro della Conciliazione – Roma (Evento benefico di raccolta fondi per i terremotati)
25 novembre Teatro Ariston – Sanremo

Per prenotazione e informazioni su come partecipare agli spettacoli potete cliccare qui.

La redazione di All Music Italia spera di poter essere presente ad uno di questi eventi e vi invita a partecipare numerosi.

 

  La Musica si può averla dentro anche senza saper suonare uno strumento o cantare e a volte diventa parte di te al punto da influenzare la tua intera vita. Ho cominciato a camminare da fan gestendo due Fan Club, ho avuto l’occasione di imparare di più diventando Personal Assistant (di Gianluca Grignani, Niccolò Agliardi e Syria). Ho voluto anche provare l’esperienza on the road del Tour Manager (Barley Arts).Tutto questo per conoscere l’ambiente musicale sotto ogni aspetto e per saper affrontare una nuova sfida: portare avanti interamente un progetto discografico in qualità di produttore ed editore (Eleonora Crupi, Voyeur, Kianka). Recentemente ho voluto anche cimentarmi nella scrittura dando alle stampe per Chinaski Edizioni la biografia non autorizzata "Rockstar (a metà) - Gianluca Grignani". Anni fa, con la chiusura della rivista “Tutto musica”, mi sono sentito orfano di un’oasi in cui la musica veniva raccontata, recensita e approfondita con passione, così mi sono ripromesso che un giorno avrei ricreato un oasi simile per la musica italiana. Da quest’idea nasce All Music Italia.
segui su: