PAOLO BONOLIS porta la musica su Canale 5 con “Music” e tanti artisti e su SANREMO dice “Tornerei per rivoluzionarlo un’altra volta…”

paolo bonolis

Il prossimo 11 gennaio debutterà su Canale 5 il nuovo programma musicale di Paolo Bonolis, Music. Tre puntate in cui il presentatore si confronterà con diversi artisti della scena musicale italiana e non, da Fedez ad Ezio Bosso passando per Simon Le Bon, in uno spettacolo tra musica e parole dove, tra l’altro, chiederà ai suoi ospiti di cantare la canzone della loro vita.
Nella conferenza stampa del programma ieri il conduttore ha parlato anche del Festival di Sanremo che, da l’anno prossimo, sarà orfano di Carlo Conti affermando che tornerebbe volentieri a condurlo ma per rivoluzionarlo totalmente.

Music sarà un grande evento musicale per Canale 5… scenografie di Chiara e Gaetano Castelli, regia di Roberto Cenci, un’orchestra di 64 elementi diretta da Diego Basso. La sigla della trasmissione, Music per l’appunto, sarà interpretata nella prima puntata al pianoforte dall’autore John Miles.

Tutti abbiamo le canzoni della nostra vita, ci siamo domandati se anche chi le interpreta avesse un brano della vita. Ognuno ha cercato nella propria memoria ciò che gli sembrava più affascinante. Quello che importa sono le emozioni che la musica regala, Francesco Renga per esempio ha scelto L’ultima occasione di Mina, che la madre cantava in cucina. Con Fedez mi sono chiesto quale fosse il significato del rap, un genere che non conosco, che non fa parte della mia epoca. Ezio Bosso mi ha commosso, dopo Sanremo non voleva più apparire, poi mi ha richiamato e mi ha detto che è venuto perché guardava Bim Bum Bam.
Nessun artista è venuto a promuovere qualcosa. Sono venuti sull’onda delle emozioni, per ringraziare qualcuno o un’epoca che ha permesso loro di essere quelli che sono
“.

Tra gli altri ospiti già annunciati Simon Le Bon, Morgan che ha parlato di David Bowie, Manuel Agnelli, Elisa, Enzo Avitabile, i The KolorsJohn Travolta che ha ballato sulle note di Grease con Lorella Cuccarini

Inevitabilmente parlando in conferenza stampa con Paolo Bonolis di musica non potevano non arrivare domande sul Festival di Sanremo. che il presentatore condusse con grande successo nel 2005 e nel 2009…

Se mi piacerebbe tornare a Sanremo? Volentieri, è una bellissima cittadina, si sta bene, c’è il mare, l’aria fresca… Quest’anno si dice ci sarà Conti con Maria De Filippi, è una bella coppia, faranno bene. Maria venne alla serata del mio festival nel 2009, era molto emozionata, credo si sia divertita, al punto che ci ha messo sette anni per riprendersi e tornare a Sanremo.
Sanremo ha una storia gigantesca, è stato confezionato in mille modi, ognuno lo ha costruito a propria immagine e somiglianza. Nel 2005 l’abbiamo rivoluzionato e poi ha continuato in quella direzione: se mi dovesse ricapitare, lo ri-rivoluzionerei. Ma oggi all’Ariston credo ci sia poco da rivoluzionare
“.

Quindi Bonolis non chiude le porta ad un suo possibile ritorno sul palco dell’Ariston anche se negli ultimi anni la Rai ha sempre preferito usare “risorse” interne. Con Bonolis potrebbe tornare in veste di direttore artistico anche Gianfranco Mazzi che ha ricoperto questo ruolo dal 2005 al 2012 (e che tra l’altro è anche direttore artistico di Music), una cosa che a quanto si mormora nell’ambiente sta facendo storcere il naso a diversi cantanti.

 

  La Musica si può averla dentro anche senza saper suonare uno strumento o cantare e a volte diventa parte di te al punto da influenzare la tua intera vita. Ho cominciato a camminare da fan gestendo due Fan Club, ho avuto l’occasione di imparare di più diventando Personal Assistant (di Gianluca Grignani, Niccolò Agliardi e Syria). Ho voluto anche provare l’esperienza on the road del Tour Manager (Barley Arts).Tutto questo per conoscere l’ambiente musicale sotto ogni aspetto e per saper affrontare una nuova sfida: portare avanti interamente un progetto discografico in qualità di produttore ed editore (Eleonora Crupi, Voyeur, Kianka). Recentemente ho voluto anche cimentarmi nella scrittura dando alle stampe per Chinaski Edizioni la biografia non autorizzata "Rockstar (a metà) - Gianluca Grignani". Anni fa, con la chiusura della rivista “Tutto musica”, mi sono sentito orfano di un’oasi in cui la musica veniva raccontata, recensita e approfondita con passione, così mi sono ripromesso che un giorno avrei ricreato un oasi simile per la musica italiana. Da quest’idea nasce All Music Italia.
segui su: