PALLANTE: dalla collaborazione con ALEX BRITTI nasce Tutto quello che resta (del perduto amor)

Paolo_Pallante_23-web-2777

E’ previsto per il 7 ottobre il lancio in radio e sui principali store digitali  di Tutto quello che resta (del perduto amor), nuovo singolo di Pallante, che ormai da qualche tempo abbina l’affermata e internazionale carriera di chitarrista jazz a piacevoli incursioni in veste di cantautore, con le quali cercherà di raggiungere l’attenzione del pubblico presentando, dopo il singolo di lancio, un disco intitolato Ufficialmente pazzi, in uscita a fine novembre.

In occasione del lancio del singolo verrà presentato anche il video ufficiale, realizzato dal giovane regista Federico Toraldo.

Il brano Tutto quello che resta (del perduto amor) , una canzone dallo stile cantautoriale abbracciato alle sonorità pop, vanta una collaborazione sostanziale e prestigiosa, essendo stato scritto, suonato ed arrangiato con Alex Britti, artista accomunato a Pallante da un percorso simile, che oltre ad aver saldato una collaborazione vincente, resta sicuramente di ottimo auspicio: anche Britti infatti, prima di diventare una certezza tra i big della musica italiana, era un eccellente chitarrista apprezzato nei principali jazz club, talento che ha continuato comunque a coltivare,  nonostante nel 1998 arrivi l’esplosione del successo pop, ad opera dello storico tormentone estivo Solo una volta (o tutta la vita), che  lo ha portato a calcare tutt’altro genere di palchi e rivolgersi ad una platea molto più vasta.

La partecipazione di Britti al brano, oltre alla scrittura, prevede anche la sua presenza in veste di musicista per la prima volta lontano dalla sua chitarra ma ad occuparsi di batteria, basso e lap steel guitar.

Un’altra musicista d’eccezione impreziosisce il brano: ai cori troviamo Erica Mou, giovane e talentuosa cantautrice in forza alla scuderia di Caterina Caselli, nota al grande pubblico per la partecipazione tra le nuove proposte al Festival di Sanremo 2012 con il brano Nella vasca da bagno del tempo, dove si classificò seconda (dietro a Tony Maiello) e vinse il premio della critica.

Pallante porterà nel disco Ufficialmente pazzi tutta l’influenza della sua lunga carriera nel campo della musica jazz: nel suo lavoro troveremo artisti jazz di fama internazionale come Pino Forastiere e Michele Rabbia.

 musica_libri_paolo_pallante_new_princ

Paolo Pallante, nome completo dell’artista, arriva a questo disco fondendo l’esperienza jazz (culminata in una serie di successi in tutta Europa grazie all’apertura dei concerti della leggenda Carl Palmer) alla crescita artistica come cantautore, veste che l’aveva già visto protagonista sette anni fa con l’album di debutto “Da piccolo giocavo a bocce”

L’album conterrà 12 tracce, registrate presso gli storici studi romani del “Forum Music Village” (scelti da De Andrè per la colonna sonora del film Il postino, tra gli altri), grazie al sapiente lavoro di Davide Palmiotto e Artesuono.

Il lavoro, missato da Fabio Patrignani e masterizzato da Giovanni Versari, sarà disponibile anche in versione vinile e uscirà su etichetta Itpop e sarà  distribuito da Kiver Digital e Good Fellas.

Pallante, oltre che da quanto traspare nel contenuto dei testi, dà segno della propria personalità anche legando all’uscita del disco una valenza inedita e curiosa, basata sui suoi principi vegani: sul disco (è la prima volta in assoluto) sarà presente il bollino verde di certificazione etica Vegan OK, a sostegno della pratica della non violenza allargata alla sfera alimentare e anche la promozione del disco avrà un particolare “Veg-tour” che verrà ospitato in location “cruelty free”.

Per entrare nel mondo di Pallante e seguire il percorso dell’emergente cantautore, trovate tutte le informazioni sul suo sito ufficiale (QUI www.paolopallante.com )

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo singolo di PALLANTE in formato digitale su Itunes
o su Amazon

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: