NICCOLÒ AGLIARDI: ecco il videoclip de “La sentinella”

niccolo_agliardi_la_sentinella

«Siamo asfissiati dalle immagini di guerra, quotidiane e mediatiche. Saturi e disattenti, ormai, di ciò che accade ai confini del mondo, dimenticando che spesso quelli sono i confini di casa nostra e che ciò che appare macabro e lontano è, invero, molto più vicino di quanto non immaginiamo. Un’altra cosa dimentichiamo di frequente: che spesso chi è mandato sul campo di battaglia a difendere e ad attaccare lo fa perché ne è costretto. Non sempre perché lo vuole». 

È con queste parole che Niccolò Agliardi parla del brano La sentinella, ora divenuto un emozionante videoclip, con la regia di Jacopo Sarno e Paolo Cartago. Vi invitiamo a guardarlo con il testo a seguire.

LA SENTINELLA – TESTO – NICCOLO’ AGLIARDI

Cosa mi tocca spiegare
a certi occhi che implorano vita
che a volte amano come si deve
a volte fissano l’ora sbagliata
cosa mi tocca intuire
anticipando la scelta più dura
da sentinella che avvisa per prima
tutte le volte che sente paura
cosa mi tocca tacere agli imbecilli
che non sanno mica la mia fatica
la mia fatica

E mosche e caldo
e caldo e vento
mi chiedo a stare lontano da casa per troppo tempo 
che cosa divento
ho chi mi aspetta o almeno spero
ma sorvegliare le vite degli altri 
è stato sempre il mio solo lavoro
cosa mi tocca sperare
malgrado questo silenzio cattivo
di essere vivo
che sono vivo

ma i coriandoli bianchi nel cielo
mi ammazzano senza di lei
nel deserto fumare, parlare a qualcuno
è ciò che vorrei
io continuo la stessa miseria
spostando la morte ai guerrafondai
a restare da solo ti abitui ben prima
di quello che vuoi
cosa mi tocca sperare
cosa mi tocca aspettare 
a me

e mosche e caldo
e caldo e vento
faccio la guardia anche tutta la notte
la sabbia è fresca, il fuoco è spento
forse le scrivo però è sbagliato
le ho scritto sempre, ogni tanto hai risposto
sento che forse qualcosa è cambiato
cosa mi tocca sperare
malgrado questo silenzio cattivo
di essere vivo, comunque vivo
Io

L’arrivo della clip ufficiale era nell’aria (ve l’avevamo anticipato QUI): il brano è tratto dall’ultimo album Io non ho finito, uscito il 27 maggio scorso e registrato con la sua band The Hills (Max Elli, Andrea Torresani, Francesco Lazzari e i fratelli Giacomo e Tommaso Ruggeri) con la produzione di Pietro Cantarelli.

La sentinella segue inoltre, il successo del primo singolo Volevo perdonarti, almeno e di Braccialetti Rossi, appassionante serie tv con le colonne sonore a cura dello stesso Niccolò Agliardi, il quale attualmente è già all’opera su nuovi brani per il suo atteso sequel.

Il cantautore sarà in concerto domani, 19 novembre, al Qube di Roma e il 21 alla Salumeria della musica di Milano.

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: