LowLow: ecco il racconto del nuovo album “Il Bambino Soldato” track by track

LowLow

Oggi, 8 giugno, esce Il Bambino Soldato, il nuovo album del rapper LowLow. Dieci tracce (più una nell’edizione uscita in esclusiva per Mondadori) in cui si possono trovare testi intensi, profondi e un’espressione artistica decisa e marcata. Una forma di rap che, come lui afferma, è unica nel nostro paese.

Ecco il racconto traccia per traccia del nuovo album!

IL BAMBINO SOLDATO – TRACK BY TRACK

1 . SFOGHI DI UNA VITA COMPLICATA 4

Sfoghi di una Vita Complicata è il filo che lega ogni lavoro di LowLow. Ora siamo arrivati alla quarta puntata.

Ho scritto la prima quando andavo ancora a scuola, ma nella mia testa il rap era già un lavoro, l’unico possibile. Nella seconda ero un rapper a tutti gli effetti, ma avevo ancora la testa e le insicurezze di un adolescente nascoste dietro la mia arroganza. La terza celebrava la fine di un momento cupo e l’inizio di un turbinio di sfide, notti insonni, deliri di onnipotenza e crisi di depressione, che altro non è che scoprire la fama.

Si tratta del racconto in rima della vita da pendolare tra Roma e Milano di LowLow oggi.

La quarta racconta di Ora. Racconta di un ragazzo che voleva diventare il più bravo a fare le rime, ci è riuscito e ha scoperto che il viaggio è molto più grande e ora è da solo, da qualche parte fra il ce l’ho e lo voglio. Un’ambizione maggiore è quello che mi differenzia da tutti, a volte pesa come il cielo, ma lo studio di registrazione è diventata la mia safe zone. Non c è pressione che mi possa turbare quando sono al microfono, sono un assassino, miglioro ogni giorno. Dovevi provarci ieri o l’altro ieri. Grazie Fish per questo beat devastante.

LowLow

2. BASSO BASSO

Ciao, io sono un giornalista con sei di quoziente intellettivo e volevo farti una domanda originale… ma LOWLOW per cosa sta? / Sta per basso basso / Perché sono alto un metro e non tanto, / tu mi odi ma per me è un vanto, / hai presente L’Oréal? Io valgo!”.

Una dichiarazione d’amore che LowLow fa verso sé stesso. Atmosfera leggera, sicurezza e un pizzico di spocchia. Una riflessione profonda ben celata dietro un testo apparentemente superficiale.

3. PILLOLE

LowLow nel nuovo album si è messo a nudo, raccontando con umiltà le proprie fragilità. Il singolo Pillole è suddiviso in tre parti. Disagio, aumento del dosaggio del farmaco e poi consapevolezza senza medicine.

Voglio solo levarmi / queste maschere che ho messo / la forza di non vergognarmi di essere diverso.

4. BIPOLARE

Le persone che hanno una personalità come la mia sono odiate o amate, ma quello che non sempre si capisce è che il nostro mostrarsi così sicuri in realtà nasconde una grande fragilità di fondo. Ogni giorno convivono in me Luigi XIV e un paria.

Il tema di Pillole sviluppato ulteriormente. Testo ironico, tagliente ed esplicito, ma molto intelligente.

5. MARE

La difficoltà delle relazioni umane in un brano che è una riflessione vera e propria. Una consapevolezza a tratti amara e una canzone nata in una solitaria estate milanese.

6. POSTO DI BLOCCO

Ispirato a La locomotiva di Guccini e alla serie La casa di carta, è una provocazione in rima. Una rivoluzione che poco c’entra con la politica, ma che ha come scopo apocalittico la distruzione totale.

7. RIMBAUD

Ho composto questo pezzo a Roma invertendo il mio processo creativo: per la prima volta sono partito da un motivetto e non dalle rime, è venuto fuori un ritornello cloud-rap un po’ sognante che rimanda alla trap. Le strofe sono arrivate solo dopo e il risultato è molto decadente. In fondo, Rimbaud sono io.

8. 44 MAGNUM

È un pezzo d’amore ed è l’unico dell’album che contiene una strofa composta ai tempi del disco d’esordio 44 magnum.
cerchi te stessa nei miei occhi ma i miei occhi sono vuoti / io sono un peccatore il mio peccato è che amo esprimermi / persi l’uno nell’altra crediamo di essere liberi / due colombe le ali sporche di catrame / voliamo pigramente sopra un oceano di Rivotril / cosa aspetti? Uccidimi!

9. STRANO

Da quando mi sono trasferito a Milano sto meglio, mi sento più capito. Sono strano da sempre, ci è voluto molto lavoro per accettarmi perché per tanto tempo non mi sono piaciuto. Ora sì. E io sono tante cose: quello che la gente ha imparato a conoscere attraverso le mie canzoni, certo, ma ho anche aspetti piacevoli e divertenti che cerco qui di far venire fuori. A volte sono buffo anche quando non lo voglio!

10. IL BAMBINO SOLDATO

Non sono mai stato un bambino, a 13 anni ero già vecchio e paradossalmente è adesso che lascio più liberi alcuni tratti infantili. Il mio percorso l’ho costruito da solo. Ho creato traumi che non avevo attraverso film, storie di altri che ho fatto mie, e ho sofferto davvero

11. STORIA DI UNA FARFALLA

La bonus track è una canzone delicata che riflette con un testo raffinato sulla difficile condizione di vivere. Un’esistenza paragonata a quella in punta d’ali di una farfalla.

 

Foto dai Social di LowLow

 

Prezzo: EUR 12,49

 

  Musicista, speaker e direttore artistico di Radio Due Laghi e collaboratore di diverse testate nazionali e internazionali