Prima del nuovo disco, e del concerto al Mediolanum Forum, LO STATO SOCIALE pubblica il singolo “Mai stati meglio”

lo stato sociale

E´entrato in rotazione radiofonica lo scorso 13 gennaio Mai stati meglio, nuovo brano de Lo Stato Sociale che anticipa l’uscita del nuovo album della band in uscita nella primavera del 2017 a distanza di due anni dall’ultimo disco, L’Italia peggiore.

Il nuovo singolo della band formata da Albi, Bebo, Lodo, Carota e Checco è un modo per raccontare quanto la generazione dei ventenni e dei trentenni abbia superato certi stereotipi e schemi più legati al secolo scorso, un contenitore di cose sbagliate che portano inaspettatamente al risultato sperato. Sono cinque giovani non più così giovani e cinque adulti non abbastanza adulti, almeno non secondo chi le regole le ha scritte finora.

Mai stati meglio è anche una critica non troppo velata al mondo della musica popolare che, seguendo una tendenza sociale più ampia, diventa sempre più populista e incline ai facili pregiudizi di costume.

per raccontare tutto questo abbiamo pensato fosse il caso di utilizzare una forma a noi cara: la dance. Con le chitarre e rigorosamente senza ritornello. Oppure no?” ha dichiarato Lo Stato Sociale.

Il nuovo brano segue il primo estratto dal nuovo album, Amarsi male (di cui vi abbiamo parlato qui) che, a un mese dalla pubblicazione, ha quasi 300.000 streaming su Spotify e oltre mezzo milione di visualizzazioni su YouTube per quanto concerne il videoclip.

Nel frattempo continuano le prevendite per l’atteso concerto che vedrà la band esibirsi per la prima volta al Mediolanum Forum di Assago (Milano) il 22 aprile 2017. Del live, organizzato da Antenna Music Factory, al momento sono già stati venduti più della metà dei biglietti con l’intero parterre e l’anello A andati esauriti.

ACQUISTA ORA IL TUO BIGLIETTO

AGGIORNAMENTO DEL 23 FEBBRAIO

Il nuovo album de Lo Stato Sociale arriverà nei negozi il prossimo 17 marzo e si chiamerà Amore, Lavoro e altri miti da sfatare.

Il disco parla di noi e di quello che ci succede attorno” – racconta la band – “Da quel che accade in un mondo messo alla prova da derive autoritarie e che poco si adattano al bisogno di umanità, all’interpretazione dell’intimità e delle relazioni, che sono specchio e sintesi dei nostri pensieri.”

 

  
segui su: