LENNON KELLY: musica folk, realtà e magia fatte di “Sangue e Sale” (VIDEO)

lennon-kelly
Oggi vi presentiamo una proposta musicale molto affascinante: i Lennon Kelly ci fanno ascoltare il loro progetto che porta uno stile folk convincente e innovativo, arricchito da elementi forti ed efficaci che ritroviamo in Sangue e sale, brano accompagnato da un video ufficiale scelto per presentare il disco Lunga vita al re.

Un brano che sviscera la metafora del pirata, riscrivendone i tratti in chiave moderna con le grandi sfide del mare che vengono sostituite dal dover navigare con indifferenza lasciandosi alle spalle le storie di disagio degli “ultimi” per poter concentrarsi sui ritmi malsani ed egocentrici della quotidianità che ci presenta un pirata assillato dal lavoro e dalle routine del cuore, in un’esistenza dove non vi è più spazio per nutrire la propria linfa vitale e riuscire a costruire gli stimoli giusti.

Sangue e sale è il racconto di una vita condizionata dalle corde che legano un pirata e lo tengono imprigionato mentre la vita scorre: un vincolo pesante, trascinato lontano che arriva ad essere distrutto per poter finalmente liberarsi di un peso che ha impedito finora al nostro protagonista di vivere una realtà serena, incondizionata e onesta.

Questo singolo è stato lanciato anche attraverso l’uscita di un video molto ben realizzato, dove conosciamo il volto del pirata che parte imprigionato in giacca e cravatta, insofferente in un contesto non suo, una realtà alla quale ribellarsi spogliandosi di tutto e trascinando con sè il disagio, attraverso immagini evocative e molto ben costruite. Un crescendo musicale e visivo che, sul finale acceso dalla liberazione ci presenta anche i volti dei membri di questa nuova realtà musicale.

SANGUE e SALE – LENNON KELLY – VIDEO

In questa canzone troviamo tutti gli elementi che costruiscono la ricca anima dei Lennon Kelly, racchiusa nel disco Lunga vita al re, progetto che contiene il calore della terra da cui arriva la band, la Romagna, terra di poeti e combattenti, di bellezza e semplicità, a cavallo tra mare e campagna. Un terreno fertile nel quale far germogliare il messaggio del gruppo, che arriva attraverso storie vere, a volte cosparse di speranza per un futuro migliore, a volte armate di denuncia sociale e politica dirette e prive di filtri.

Un progetto che musicalmente è forte di un crossover culturale tra la Romagna e l’Irlanda, con fisarmoniche e violini che ricalcano la migliore tradizione dell’Irish folk, arricchita da infusioni di punk e rock, in un risultato che sebbene risulti molto personale non può che richiamare alla mente lo stile dei Modena City Rambles, realtà che si fa più vicina anche grazie ad una prestigiosa collaborazione di Lennon Kelly con Franco D’Aniello, flautista dei Modena City Ramblers che in La morte di Corbari arricchisce e mette ancor più a fuoco il sound dei Lennon kelly.

I Lennon Kelly sono un collettivo musicale nato da affinità umane e musicali, come raccontano gli stessi membri: “Lunga Vita al Re” è il risultato di un’amicizia tramutata in musica e di un ideale portato avanti con coerenza e passione, l’amore di scrivere e raccontare senza eccessi la normalità che paradossalmente non esiste più.”

Sette musicisti, ricchi di storie ed ideali che uniscono il talento di Vasco ‘Batowski’ Abbondanza (voce e chitarra), Costantino ‘Roman’ Valentini (chitarra, banjo e voce), Alessandro ‘Pobre’ Valentini (basso), Mirco ‘Circoì’ Turci (violino), Enrico ‘Perry’ Ricci (fisarmonica), Cristofer ‘Cisti’ Graffieti (chitarra e banjo) e Davide ‘Dabbede’ Paci (batteria).

Un gruppo che attraverso il folk porta in scena i temi di attualità in chiave alternativa ma non per questo meno credibile, a dimostrazione che, se supportati dalle giuste capacità, messaggi tanto forti possono essere veicolati attraverso un genere poco battuto.

Per entrare nell’avvolgente mondo folk dei Lennon Kelly potete collegarvi alla loro pagina Facebook (QUI) o seguire il loro profilo Twitter (QUI).
  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: