Gemitaiz: al via il 26 maggio Paradise Lost, il tour di presentazione di “Davide”

Gemitaiz

E’ un momento più che positivo per Gemitaiz. L’album Davide (QUI l’intervista di presentazione del disco) ha esordito alla posizione numero #1 nella classifica FIMI degli album più venduti in Italia e, dopo la certificazione d’oro, viaggia a vele spiegate verso il disco di platino!

Ora, dopo l’assaggio al Concertone del Primo Maggio, Gemitaiz ha annunciato il tour per presentare il nuovo album dal vivo.

Il Paradise Lost Tour, questo il nome del live di Gemitaiz, è organizzato da Magellano Concerti in collaborazione con Tanta Roba Label e Shining Production. Sul palco Davide sarà accompagnato da Mixer T.

PARADISE LOST – LIVE TOUR

Ecco le date per il momento confermate:

26/05 – Milano – Wired Festival
08/06 – Napoli – Club Partenopeo
09/06 – Senigallia (AN) – Mamamia Festival 2018
30/06 – Legnano (MI) – Rugbysound
06/07 – Padova – Sherwood Festival
11/07 – Mantova – Piazza Sordello
12/07 – Arezzo – Mengo Festival
17/07 – Arco (TN) – Climbing Stadium
21/07 – Collegno (TO) – Flowers Festival
04/08 – Gallipoli (LE) – Sottosopra Fest
06/08 – Patti Marina (Me) – Indiegeno Festival
09/08 – Castiglioncello (LI) – Castello Pasquini
10/08 – Lignano Sabbiadoro (UD) – Arena Alpe Andria
23/11 – Roma – Atlantico

Gemitaiz

DAVIDE – IL SINGOLO IN PROGRAMMAZIONE

Dopo una lunga serie di instore, conclusa il 4 maggio alla Feltrinelli di Cagliari, il singolo attualmente in programmazione radiofonica è un featuring con Coez. Si tratta della title track Davide.

Ecco il testo:

Davide come sta me lo hai mai chiesto
Chiama un’ambulanza frate fai presto
Che il sogno che avevo non è mai questo
Mi sa lo sai il resto (ye)
Che ti scrivo pure oggi
Mi chiedo dove ti appoggi
Che fai dopo esci con me
Così giriamo come gli orologi
Un po’ come quando non c’erano i soldi
E vivere così non era un obbligo
Non ci sono nodi nel mio pettine
Ma c’ho il nome su qualche proiettile
Non ho la disciplina che ci metti te
Se per me la mattina qua sono le 23 (ye)
Faccio la borsa, venti magliette, poi le cartine, le sigarette
Tanto qualcosa la scordo sempre
Ne ho una già girata da accendere
Tu ricordati e vienimi a prendere

Vienimi a prendere
In mezzo alla polvere
Ricordi non c’erano soldi, c’eravamo io e te
I sogni più grossi dentro
Nuvole tossiche
In fondo ci ho visto qualcosa
Pensavo che fossi te
Vienimi a prendere
In mezzo alla polvere
Ricordi non c’erano soldi, c’eravamo io e te
I sogni più grossi dentro
Nuvole tossiche
In fondo ci ho visto qualcosa
Pensavo che fossi te
(Pensavo che fossi te)

 

Leggi anche:  Tiromancino & Alessandra Amoroso: nel videoclip di "Due destini" la storia di un padre separato e del rapporto con la figlia (VIDEO)

Foto di Sha Ribeiro e dai Social di Gemitaiz

 

 

 

 

  Musicista, speaker e direttore artistico di Radio Due Laghi e collaboratore di diverse testate nazionali e internazionali