La magia della notte e della luna nel nuovo singolo di FEDERICA PENTO, “Lunincanto”

federica pento

E´online il videoclip del nuovo singolo di Federica Pento, Lunincanto, già in vendita in tutti i digital stores e in rotazione radiofonica dallo scorso 29 novembre.

Federica Pento, classe 1996, è una giovane artista cresciuta con la passione per la musica grazie anche al contatto con il cugino Alessandro Pento, tenore di fama mondiale.
Nel corso degli anni la ragazza ha studiato canto perfezionandosi e partecipando a diversi concorsi nazionali e non.
Tra i risultati conseguiti sono sicuramente degni di nota il primo posto nel 2014 al Concorso Internazionale di Canto della Bulgaria, quello al XIX Festival Internazionale di Canto a Rovigno (Croazia) oltre alla qualificazione come finalista del Festival Alex Baroni di Teramo nel 2016 e quella come finalista nazionale a Il Cantagiro.

Proprio al Cantagiro conquista il Premio della critica 2dueRighe per il miglior brano inedito e per il miglior connubio canzone – interprete grazie al brano Lunincanto scritto e arrangiato dal Maestro Gianluca Sole.
Il video del brano vede alla regia Stefano Cesaroni, titolare di Cattedra all’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila e di Frosinone, ed è stato girato utilizzando diverse tecniche in modo da far convivere realtà ed elementi fantastici.
Il videoclip è visibile cliccando qui.

Lunincanto, edito da Il Cantagiro, è distribuito e promosso dall’etichetta SPC Sound di Silvio Pacicca.
Da Gennaio 2017 il video, insieme ad un’intervista di Federica Pento, saranno inseriti all’interno del cofanetto dvd di uno dei più grandi Artisti Internazionali della Scena Musicale, e in vendita in tutti i Mediastore del Mondo, anche online.

Attualmente Federica è impegnata nella realizzazione del suo primo Progetto Discografico, che prevede l’uscita ogni 4 mesi di un brano inedito con contenuti condivisi con i suoi seguaci di Facebook, sino al compimento dell’ultimo brano, dal quale poter prendere la spinta per ripartire e produrre altre note, altre poesie messe in musica.
Alla base del progetto c’è infatti la ciclicità delle cose, una sorta di spirale creativa che non conosce limiti e fine, ma sempre e solo inizio.

 

  
segui su: