DONATO SANTOIANNI: “Voglio vivere di musica” è il mantra del giovane cantautore che pubblica un 45 giri digitale

donato Santoianni

Per noi di All Music Italia è uno dei giovani cantautori più interessanti della nuova scena musicale italiana, un giovane artista che riesce a coniugare perfettamente un linguaggio moderno pur mantenendo ben radicata la musica nei suoi ascolti di sempre, i grandi cantautori da Luigi Tenco a Gianni Bella. Parliamo di Donato Santoianni che torna il 23 giugno in radio e nei digital stores con un 45 giri digitale.

Ha scelto un modo particolare per tornare Donato, non un singolo ma due canzoni pubblicate in contemporanea che seguono il concetto fortunato che un tempo prevedeva l’uscita di un 45 giri comprensivo di Lato A e Lato B. Due canzoni dove saranno le radio stesse a scegliere quale trasmettere, Voglio vivere di musica e Il Turno infrasettimanale.

Nel mentre della lavorazione del disco ho pensato di pubblicare come si faceva una volta, per questo primo singolo, ragionando su due brani che potessero convivere insieme e vedere la luce in contemporanea ma che nascondessero al loro interno due lati molto diversi del mio modo di scrivere. Due facce opposte della stessa medaglia” ha dichiarato Donato Santoianni.

Entrambi i brani sono pubblicati sotto la storica etichetta Nuova Gente ( casa discografica di Gianni Bella ) e distribuiti da Artist First, e saranno contenuti all’interno del primo album da cantautore con uscita prevista nell’autunno del 2017.

Ma conosciamo meglio questi due lati della medaglia…

donato Santoianni

LATO A:

Voglio vivere di musica rappresenta un vero e proprio manifesto per il cantautore. Un brano incalzante e dalle sonorità Pop che non oscurano il contenuto dal messaggio forte e, per certi versi, controcorrente.

“ Avere il coraggio di urlare a tutti di voler vivere di musica fuori dalla TV, di voler fare di un sogno una realtà concreta, costruita sul lavoro e sulla costanza, non è solo l’incoscienza di un ventiquattrenne, ma una piccola forma di rivoluzione. Una goccia nel deserto.

Una dedica rabbiosa verso la sua Musica, che non può essere svestita del suo valore e utilizzata come mero mezzo di esibizione. Un dono da preservare e non per forza da esibire in cambio di una popolarità fittizia e televisiva. Come nei 45 giri di un tempo il Lato A è tra i due il brano più ammiccante ai canoni radiofonici, nonostante una evidente contaminazione con sonorità del tutto fuori mercato.

donato santoianni

LATO B:

Il turno infrasettimanale rappresenta tra i due il lato più acustico e cantautorale. Una canzone costruita su immagini semplici, ma molto evocative e ricche di riferimenti, sorretto principalmente dall’acustica di una chitarra. Il tentativo è quello di rivalutare le piccole cose, le emozioni semplici, non solo con un arrangiamento scarno e volutamente semplice ma soprattutto attraverso la metafora portante del Calcio.

Per il cantautore un uomo che gioisce per quattro calci ad un pallone o per un gol alla domenica è un uomo che sa apprezzare le piccole gioie della vita, le emozioni semplici. Si schiera apertamente contro chi vive il tifoso come lo stereotipo di un uomo superficiale, preferendo spesso a quest’ultimo un uomo apparentemente perfetto ma in realtà del tutto privo di emozioni.

Un uomo che grida contro l’arbitro la domenica o che piange per un Mondiale vinto, non è un semplice fanatico che ingigantisce un gioco a qualcosa di più. Il Calcio non è solo un gioco. Per me e per molti rappresenta un insieme indefinitivo e infinito di emozioni, di ricordi legati ai propri genitori, alla propria infanzia, passione, agonismo, valori. Un uomo che fa del turno infrasettimanale la serata perfetta è un uomo da sposare, perché sa apprezzare e gioire delle cose semplici, delle emozioni di tutti i giorni. Questo vale per tutti gli altri sport o in generale per altre passioni “.

Entrambi i brani sono scritti ( testo e musica ) dallo stesso Santoianni e prodotti e arrangiati dal stesso cantautore in collaborazione con Alex Gasparotto, suo ottimo amico, autore e produttore con il quale collabora già per altri progetti inediti.

Ho fatto diversi tentativi in questi mesi, per trovare una direzione che vestisse le mie canzoni con i colori e con lo stile che mi ero già immaginato in fase di scrittura. Dopo mesi di valutazione e ascolti costanti ho deciso che l’unico modo per rendere giustizia a questi miei brani, in questo momento della mia vita e della mia carriera, fosse quello di vestirli direttamente io come volevo, ma avevo bisogno di un aiuto, Senza condizionamenti! Ho trovato in Alex un talentuoso professionista in grado di ascoltarmi e di capire fino in fondo la mia direzione, la sua collaborazione è risultata fondamentale per la riuscita del progetto sonoro.

Donato Santoianni nato a Milano nel 1993 è cantautore – autore e compositore.
Inizia la sua carriera con la partecipazione al Festival di Castrocaro nel 2008.
Nel 2009 vince l’Accademia di Sanremo (SanremoLab) come artista più giovane.
Nel 2010 pubblica l’album Swinging Pop, Edito Warner Music Italy e si esibisce all’Arena di Verona premiato ai Wind Music Awards.
Oggi l’artista è impegnato nella preparazione del suo primo Album da cantautore insieme al Team di Nuova Gente, con la supervisione artistica di Gianni Bella e Chiara Bella.
Nel 2016 riceve il premio per meriti di autore dalla Federazione Italiana Autori.

Potete scoprire altro su di lui nella sue pagine social FacebookYouTube, Instagram e Twitter.

 

  
segui su: