COCA COLA SUMMER FESTIVAL 2016: si chiude con la proclamazione della canzone dell’estate e il riscatto di IRAMA

8_Coca Cola Summer Festival_foto di Andrea Ciucci

Si è conclusa stasera la quarta edizione del Coca Cola SUMMER Festival.

Ancora una volta piazza del popolo a Roma è stata letteralmente presa d’assalto dai un esercito di amanti della musica e, più precisamente, delle hit del momento.

La serata parte con l’ospite Biagio Antonacci che propone un medley composto da Iris, Ti penso raramente e Non vivo più senza te. È la volta quindi di Fedez e J-Ax che cantano il tormentone Vorrei ma non posto. Altro ospite è Ron che presenta Una città per cantare e omaggia Lucio Dalla cantando Futura.

Ha inizio la gara con Annalisa è la sua Se avessi un cuore. La Scarrone propone anche una cover di All that she Wants degli Ace of base. Sale quindi sul palco Kungs che presenta il singolo This girl seguito da Emis Killa con Cult. Biagio Antonacci ritorna sul palco del Summer Festival per cantare One DAY in duetto virtuale con Pino Daniele. Torna anche questa sera Nek con il suo ultimo singolo a cui seguono Luca Carboni con Happy, Bob Sinclair con Someone who needs me e Sergio Sylvestre con Big boy.

A far scatenare la piazza ci pensa Fabio Rovazzi con Andiamo a comandare, con lui sul palco J-Ax e Fedez. Arriva il momento della finale della gara dei giovani. A sfidarsi Ermal Meta, Irama e Madh. In giuria oltre ai music influencer di All MUSIC Italia, Rockol, Onstage,Rolling Stone e Blogo ci sono Ron, Nek, J-Ax e Fedez e a trionfare è il giovane Irama con la sua Tornerai da me.

Si torna ai big e sul palco si susseguono Noemi, i Tiromancino, Elodie,  Rocco Hunt, i Clean Bandit e Louisa Johnson, Irene Fornaciari e infine Lorenzo Fragola.

La serata si conclude eleggendo la canzone vincitrice della quarta serata, This girl di Kungs che si rivela essere anche la canzone trionfatrice dell’intera edizione.

Foto di Andrea Ciucci
  La Musica si può averla dentro anche senza saper suonare uno strumento o cantare e a volte diventa parte di te al punto da influenzare la tua intera vita. Ho cominciato a camminare da fan gestendo due Fan Club, ho avuto l’occasione di imparare di più diventando Personal Assistant (di Gianluca Grignani, Niccolò Agliardi e Syria). Ho voluto anche provare l’esperienza on the road del Tour Manager (Barley Arts).Tutto questo per conoscere l’ambiente musicale sotto ogni aspetto e per saper affrontare una nuova sfida: portare avanti interamente un progetto discografico in qualità di produttore ed editore (Eleonora Crupi, Voyeur, Kianka). Recentemente ho voluto anche cimentarmi nella scrittura dando alle stampe per Chinaski Edizioni la biografia non autorizzata "Rockstar (a metà) - Gianluca Grignani". Anni fa, con la chiusura della rivista “Tutto musica”, mi sono sentito orfano di un’oasi in cui la musica veniva raccontata, recensita e approfondita con passione, così mi sono ripromesso che un giorno avrei ricreato un oasi simile per la musica italiana. Da quest’idea nasce All Music Italia.
segui su: