Classifica italiana: 5 SECONDS OF SUMMER e COLDPLAY ancora al top

5seconds

Primo posto invariato nella classifica degli album più venduti in Italia. Il fenomeno pop 5 Seconds of Summer si mantiene in vetta con l’album di debutto omonimo, frenando la risalita dei Coldplay che guadagnano una posizione e si piazzano alla #2 con Ghost stories. Rientrano sul podio i Dear Jack, alla #3 con Domani è un altro film.

Scende alla #4 X di Ed Sheeran mentre alla #5 debutta il giovane El Raton, esponente italiano del “latin rap” con Rattopsy.

Sale alla #6 L’amore comporta di Biagio Antonacci, perdono invece due posizioni Deborah Iurato, alla #7 con l’EP omonimo, e Lana Del Rey, alla #8 con Ultraviolence.

Chiudono Xscape di Michael Jackson alla #9 e Mondovisione di Ligabue che torna in top ten, seppur sul gradino più basso.

Tanta musica straniera in classifica. Alla #11 scendono i Linkin Park con The hunting party mentre debutta alla #12 Wanted on voyage di George Ezra, che tiene alle spalle Stromae, in salita alla #13 con Racine carrée.

Alla #14 c’è Museica di Caparezza, alla #15 Senza paura di Giorgia, alla #16 Tempo reale di Francesco Renga e alla #17 Logico di Cesare Cremonini.

Chiudono: Laura Pausini alla #18 con 20 – The Greatest Hits, Emis Killa alla #19 con Mercurio: 5 Stars Edition e Salmo alla #20 con S.A.L.M.O. Documentary.

Si segnalano i debutti di Riuscire a volare degli Après la Classe (alla #32), Lettere al successo di Fred De Palma (alla #35) e Diamante di Dylan Magon (alla #49).

Fra i singoli digitali più acquistati ritroviamo al primo posto A sky full of stars dei Coldplay. Rimane stabile alla #2 Splendida ostinazione di Marco Carta mentre scende alla #3 Maracanà di Emis Killa.

Altri due italiani in top 20: alla #7 Buonanotte giorno di Gabry Ponte e alla #15 Il mio giorno più bello nel mondo di Francesco Renga.

  Laureando in giornalismo, cantante per vocazione, responsabile Officina del Talento qui su All Music Italia, speaker per Radio Stonata, redattore per Eurofestival News. Un ragazzo multitasking direbbero gli inglesi, poiché non riesco a fare una sola cosa in un solo momento. Sento l’esigenza inconscia di incasinarmi la vita con troppi impegni nel mondo della comunicazione e tutti rigorosamente legati alla musica. Vivo costantemente alle prese con file mp3, video Youtube, status su Facebook, hashtag su Twitter, post nei forum. Ma appena possibile stacco il cervello, butto due cose in valigia e parto alla scoperta del mondo.
segui su: