Intervista SOGNANDO SANREMO: LELIO MORRA

sognando_sanremo_lelio_morra

Prosegue la serie di interviste lampo con alcuni dei cantanti che si giocano un posto nella sezione giovani del Festival di Sanremo scelti tra i 40 finalisti di Area Sanremo e i 60 finalisti del regolamento Rai. Vi ricordiamo che sei degli otto posti saranno assegnati dalla Commissione Rai entro il 3 dicembre (le selezioni si svolgeranno il 1° dicembre), i restanti due verranno selezioni il 4 dicembre tra gli otto vincitori di Area Sanremo.  Sei domande dirette, le stesse per tutti i candidati per scoprire qualcosa di più sul loro mondo e sui loro sogni.

E’ il turno del cantautore napoletano Lelio Morra.

Lelio Morra nasce a Napoli, è un cantautore che si avvicina alla musica osservando il padre suonare. Con la prima band, gli Eutimìa vince il Premio De Andrè 2005. Nel 2009 parte per la Francia, dove suona in strada. Al suo ritorno forma i JFK & La Sua Bella Bionda: 400 concerti in meno di tre anni , aprendo concerti di Perturbazione, La fame di Camilla, Jamiroquai. A luglio 2012 vince una borsa di studio al CET di Mogol dove comincia a delinearsi un nuovo cammino da autore di testi. Parallelamente è impegnato sul primo disco “Le Conseguenze dell’Umore”. Seguono numerosi successo riceve la Targa Artista Emergente 2013 al Festival Musica Da Bere, è 2 volte  finalista al premio De Andrè . Partecipa al Talent per autori “Genova per Voi”, conquistando il secondo posto e incontrando Federica Abbate con la quale scriverà “Danzeremo a Luci Spente” canzone affidata a Deborah Iurato, che dà il titolo al primo album della cantante (vincitrice di Amici), disco d’oro appena dopo un mese.

 LELIO

INTERVISTA A LELIO MORRA

Con quale spirito affronti quest’ultima selezione che ti separa dal palco di Sanremo? Cosa potrebbe darti quel palco?

Essere nei 60 è un ottimo risultato, una condizione ambita e ne sono felice. Ora non posso smettere di sognare e credere sia possibile arrivare all’Ariston. Su quel palco, con l’orchestra, vivrei una delle emozioni più forti della mia vita.

Come si chiama e di cosa parla il tuo brano di Sanremo? Chi lo ha scritto?

Il titolo della canzone in gara è “Il Cuore detta Legge” e vorrei fosse chi l’ascolta a dargli un senso e magari un posto dentro di se.

Se anche per i Giovani ci fosse la possibilità di duettare con qualcuno come avviene il venerdì per i big, chi porteresti con te su quel palco?

Paolo Nutini.

Conosci qualcuno degli altri candidati? se sì, chi ritroveresti con piacere sul palco dell’Ariston?

Conosco Ermal Meta, e sarei felice fossimo entrambi al Festival.

Tra i giovani che sono passati negli ultimi 10 anni al Festival chi ti è rimasto nel cuore?

“Follie d’amore” di Raphael Gualazzi è il mio pezzo preferito degli ultimi anni e il suo disco dopo quel Sanremo mi piacque tantissimo.

Come passerai la sera prima dell’audizione del 1° Dicembre?

Se avessi un camino aspetterei così. Ma non ce l’ho e allora ascolterò Help dei Beatles.

ASCOLTA IL CUORE DETTA LEGGE il brano presentato da LELIO MORRA a Sanremo

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: