LEVANTE lancia il nuovo, provocatorio, singolo… “Gesù Cristo sono io”. Un grido di liberazione per le donne vittime di violenza

Levante

Tra qualche giorno vedremo come Levante se la caverà in qualità di giudice della categoria Under donne di X Factor, nel frattempo la cantautrice lancia dal 27 ottobre il terzo singolo estratto dall’album Nel Caos di stanze stupefacenti.

Dopo Non me ne frega niente e l’ironica Pezzo di me cantata in duetto con Max Gazzè (entrambi i brani sono stati certificati disco d’oro digitale), la cantautrice più in vista del momento sceglie di estrarre come nuovo singolo dal suo terzo album la provocatoria Gesù Cristo sono io.

Il brano composto nel 2016 è ispirato dai tristi fatti di cronaca di cui negli ultimi tempi si parla sempre più spesso, ovvero quelli che riguardano donne che subiscono soprusi, all’interno di una coppia, ma anche dalla stessa società, che ancora vive la donna come un essere fragile, da guidare nell’identità e nelle scelte, spesso da sminuire.

In Gesù Cristo sono io Levante usa un linguaggio duro, quasi dissacrante, per raccontare la soggettiva di una donna all’interno di una storia d’amore malata e tormentata.
Una canzone che non fa uso di facili pietismi ma che al contrario sprona la donna a salvare se stessa, a risorgere da sola.

In attesa di sapere se le voci che danno Levante pronta a salire per la prima volta sul palco del Festival di Sanremo, ecco a seguire il testo di Gesù Cristo sono io scritto da Levante su musiche di Dario Faini.

GESU´CRISTO SONO IO – LEVANTE – TESTO

Gesù cristo sono io
Tutte le volte che mi hai messo in croce
Tutte le volte che sei la regina
E sulla testa solo tante spine

Gesù cristo sono io
Per le menzogne che ti ho perdonato
E le preghiere fuori dalla porta
Per il mio sacro tempio abbandonato

Confessa che sei il demonio nella testa
Che mi trascina sempre giù
Confessa
Che il paradiso non mi spetta
Che non mi sono genuflessa
Che non mi sono genuflessa
Che, che da te risorgo anch’io

Gesù cristo sono io
Moltiplicando tutta la pazienza
Avrò sfamato te e la tua arroganza
Forse ti ho porto pure l’altra guancia

Gesù cristo sono io
Che di miracoli ne ho fatti tanti
Ti ho preso in braccio e ti ho portato avanti
Ma tu ricordi solo i miei peccati

Confessa che sei il demonio nella testa
Che mi trascina sempre giù
Confessa
Che il paradiso non mi spetta
Che non mi sono genuflessa
Che non mi sono genuflessa
Che, che da te risorgo anch’io

Per tutte le spine del mondo
I chiodi piantati nel cuore
Questo è il mio sangue, questo è il mio corpo
Li porto via, amore

Per tutte le spine del mondo
I chiodi piantati nel cuore
Questo è il mio sangue, questo è il mio corpo
Li porto via, amore

Confessa che sei il demonio nella testa
Che mi trascina sempre giù
Confessa
Che il paradiso non mi spetta
Che non mi sono genuflessa
Che non mi sono genuflessa
Che, che da te risorgo anch’io
Che da te risorgo anch’io
Che da te risorgo anch’io
Che da te risorgo

 

  
segui su: