27 Maggio 2020
di Interviste, Recensioni
Condividi su:
27 Maggio 2020

Intervista a Sabrina Salerno: Una carriera di successo con… qualche rimpianto di troppo.

Nell'intervista Sabrina ci svela anche diversi aneddoti, tra cui un brano nel cassetto scritto da Prince.

Condividi su:

Intervista a Sabrina Salerno a cura di Fabio Fiume.

Chiariamo subito una cosa: per un giornalista che sul finire degli anni 80 aveva circa 10 anni, intervistare Sabrina Salerno significa intervistare un mito assoluto.

La cosa è ancora più esaltante se, la suddetta artista, accetta di essere intervistata senza un motivo promozionale, ma solo perché, avendo avuto l’occasione mediante il suo manager e mio amico, Luca Giudice, l’ho specificamente richiesta per una delle mie “interviste story”, quelle in cui permettere un vero e proprio racconto di una carriera e di vita attraverso la stessa.

Intervista a Sabrina Salerno

Ne è venuta fuori una chiacchierata assolutamente rilassata, piena di risate, di curiosità, di voglia da parte mia di conoscere e da parte sua di raccontarsi senza fretta e di dimostrare di essere una persona squisita, morbida, simpatica, tale che la prima cosa che mi viene in mente è perché lei non si ritenesse tale:..

In verità è merito, se lo vogliamo chiamare merito, del mio manager storico, che mi ha dipinta così in giro, resa irraggiungibile, portatrice un’arroganza che poi chi mi conosceva davvero, fortunatamente, non mi ha mai riconosciuto.

Sabrina sappi che non mi sono preparato nessuna domanda, voglio andare a braccio, basandomi su quel che conosco di te e permettendoti di raccontarmi, per la curiosità di chi ci legge, quel che non conosco, ti va?

Vai, ci sto!

Partiamo dalla tua infanzia vissuta a Sanremo: quanto vivere nella città della musica ha condizionato i tuoi sogni artistici da bambina?

Sai che non mi ero mai posta questa domanda? Sicuro il vivere a Sanremo era un po’ un sogno e quel periodo li, quello del Festival, la musica la respiravi proprio.

Però in realtà non credo mi abbia influenzata alla partenza, anche perché non ho iniziato con la musica.

Posso dire che in seguito, quando poi ho iniziato a muovere i primi passi nella discografia, arrivare su quel palco ha iniziato a stuzzicarmi davvero. In fin dei conti è il sogno per chiunque faccia musica.

Infatti nella tua vita, attraverso dei concorsi di moda e bellezza, è arrivata prima la televisione: eri giovanissima..

Giovanissima ed anche fortunata, perché sono entrata senza saperlo dalla porta principale in tv, lavorando con i grandi dello spettacolo senza sapere all’inizio nemmeno come muovermi, cosa fare.

Però con tali maestri non puoi non imparare in fretta e bene.

Johnny Dorelli, Andrea Giordana, Amanda Lear, Sandra & Raimondo… davvero hai lavorato con i migliori..

Però scordi Gino Landi. Lui è un regista strepitoso, lui è la televisione e mi ha dato insegnamenti impagabili. Non solo lui comunque e non solo i personaggi che hai indicato. Ci sono stati coreografi, maestranze, le migliori possibili.

D’altronde erano anni in cui l’allora Fininvest si stava affermando come alternativa televisiva potente e gli show di prima serata, i varietà, erano un fiore all’occhiello da curare in ogni minimo dettaglio.

Ricordi dei grandi professionisti che affiancavi?

Senza fare nomi, sai che alcuni non erano così generosi? Ho avuto il piacere di lavorare con chi si affezionava e ti riempiva di consigli e chi invece era di una cattiveria assurda dietro le quinte. Anche questa è esperienza.

Come è venuta fuori, già da allora, già da giovanissima, l’immagine da sex symbol?

L’ha dettata la mia insicurezza. Sai che esiste la teoria che quando ti senti fortemente insicura, per non far trasparire la cosa, fai esattamente l’opposto e cerchi di mostrarti addirittura aggressiva?

E’ così! Mi sono mostrata un leone per non avere paura di subire attacchi.

Nel 1986 c’è l’improvviso balzo nella musica, arriva Sexy Girl prodotta da Claudio Cecchetto. Ma come è accaduto questo passaggio?

Lo devo sempre alla tv. Quando sono approdata agli show di prima serata, mi si chiedeva di fare la showgirl, la soubrette; una figura che praticamente oggi non esiste più.

Oggi o fai la conduttrice o sei una valletta. All’epoca invece c’era questa figura artistica bellissima.

Di cui si sente anche la mancanza, diciamolo pure!

Ma sì, perché alla fine la showgirl cantava, ballava, faceva da spalla in momenti specifici, intratteneva in altri e venivano fuori le personalità ed anche delle specificità.

Torniamo alla domanda iniziale però?

Eh si! Anche questo lo devo ad un altro grande personaggio con cui ho lavorato: Augusto Martelli. Fu lui che mi faceva cantare, con cui facevo tutte le prove vocali.

E poiché io sono una che quando fa una cosa non si accontenta, dissi a me stessa ed anche a lui, che se dovevo cantare lo dovevo fare per bene, dovevo fare proprio un disco.

E cosa c’entra Claudio Cecchetto in questo?

Che lo scelsi io povero Claudio, lui mica se lo aspettava? Si vide solo arrivare sta matta all’improvviso! ( ride ndr )

No, non te la cavi, me la devi spiegare per bene!

Il mio manager mi presentò a Claudio. Andai nel suo ufficio, entrai e dissi semplicemente: “Io voglio fare un disco”!

Lui mi guardò e rispose: “ma se non so nemmeno come canti”? Ed allora io iniziai a cantare Wild Boys dei Duran Duran, li a cappella, con lui che mi guardava esterrefatto.

Noooo!

Ti giuro, è proprio così. Però la cosa, la mia caparbietà ed anche questa finta sfrontatezza che avevo, lo spinse ad accettare la sfida.

Disse che doveva trovare il brano adatto a me ed esattamente una settimana dopo ero in studio ad incidere Sexy Girl che è arrivata in classifica ed è stata sigla del Festivalbar.

Poi dopo un po’ di cose nell’estate del 1987, sempre sotto la produzione vigile di Claudio Cecchetto, esplodi letteralmente con Boys. Dimmi la verità: te lo aspettavi un simil successo?

Ma io credo non se l’aspettasse nemmeno Claudio! Certo sapevamo di avere un pezzo forte, trascinante, ma questo a volte non vuol dir nulla. Non hai idea di quante volte si è convinti di fare il botto e poi non succede nulla, quindi non puoi mai saperlo per davvero.

Numero uno in Francia e Svizzera, podio in Spagna, in Inghilterra ( cosa davvero impensabile ) ed ovviamente in Italia. Quanto credi abbia contato il video… come lo vogliamo definire? Birichino?

Ah tantissimo! Perché negarlo? Anche se, pure in questo caso, dare il merito al video che all’epoca fece scalpore e fu addirittura censurato in Uk…

Censurato?

Si si, fu censurato! Ma sai erano anni chiaramente molto diversi da questi.

Comunque la cosa non impedì il successo del brano pure li ed il ché testimonia quanto stavo per dire e cioè che lo strepitoso successo fu la mistura dei fattori.

Parliamoci chiaro: Boys è una canzone vincente per quanto semplicissima nella sua struttura. E’ allegra, riconoscibile, fa subito estate come la senti ed ancora oggi, a distanza di 33 anni, riempie le piste da ballo come parte. Non può essere certamente solo merito del video.

Una delle classifiche di quelle settimane recita: n°1 Who’s that girl – Madonna, n°2 I Just can’t stop loving you – Michael Jackson, n° 3 Boys – Sabrina. Che effetto fa pensarci oggi?

Felicità grandissima, anche perché io caratterialmente sono una che combatte, che cerca sempre il meglio. In quel momento essere in classifica sul podio con loro indubbiamente lo era.

Che ricordi hai, li hai conosciuti?

Purtroppo no. Michael l’ho sfiorato ma non sono riuscita a conoscerlo. In compenso ho conosciuto bene la sorella, Janet. In quegli anni ci siamo incontrate molte volte.

Di Madonna invece nutro una grande stima; lei non è solo un’artista, ma una manager assoluta di sé stessa. Mi spiace l’aver avuto occasione di lavorare col suo primo discografico Seymour Stein, che voleva lavorassi ad un album con lui ed invece il mio manager di allora, ecco che ritorna, non volle farmici lavorare.

E’ stato un lustro perfetto per te con una decina di brani che hanno contraddistinto la tua carriera in Italia e all’Estero. Sexy Girl, Boys, Hot Girl, My Chico, All Of Me, Like a Yo-Yo, Gringo, Yeah yeah, tra le altre, ti hanno portato ad oltre 22 milioni di copie vendute…

L’estate successiva a Boys, quella del 1988, ero addirittura simultaneamente in classifica con due brani, con My Chico che raggiunse il n° 1 e All Of Me, che incalzava poco dietro.

Non hai lavorato con Brey, ma All Of Me ti vide al lavoro con lo storico team di produzione Stock Aitken & Waterman che all’epoca dettava le leggi delle produzioni dance europee da Rick Astley a Kylie Minogue, passando per Mel & Kim, Samantha Fox, Jason Donovan, Mandy, e persino Donna Summer. Ma come ci sei arrivata?

Lavorare con loro in quel periodo fu una cosa proprio forte. Mi cercarono loro dopo il successo di Boys in Uk.

Come fu quell’esperienza?

Anche in quel caso il lavoro avrebbe dovuto proseguire per un album intero e sempre per lo stesso motivo invece la collaborazione terminò li, anche se però, almeno in quel caso, negli studi della loro Hit Factory, a lavorare ed incidere ci sono potuta andare.

Stock e Aitken erano due menti artistiche pazzesche, mentre Waterman era il cosiddetto business man del trio, quello che pensava più al lato degli affari. Pensa che nel suo ufficio aveva delle Ferrari.

Poi c’è stato il nostro grande Giorgio Moroder che ti ha prodotto Like a Yo-Yo…

Quella è una delle cose della mia carriera per cui ho molti rimpianti.

In che senso?

Perché stavo mutando. Volevo fare qualcosa che suonasse meno dance, virare verso un pop rock.

Ed invece?

Like A Yo-Yo era proprio quel che volevo. Ascoltai il provino e mi piacque subito, proprio per come era arrangiata.

Quando si trattò però d’inciderla mi arrivò un’altra cosa, quella che poi conoscete e che mi lasciava esattamente li dove stavo, non c’era quella mutazione che volevo. Era stata trasformata. Si voleva sostanzialmente che rimanessi dove stavo, sfruttare sicurezze acquisite.

Di tutti i pezzi famosissimi tuoi, che hanno trovato posto nelle classifiche di tutta Europa, c’è qualcuno che ti fu imposto che non avresti voluto realizzare?

La risposta non è Like a Yo-Yo, che nella sua iniziale natura, come detto, mi piaceva molto. Risponderei piuttosto Yeah Yeah forse proprio perché una sorta di brano di chiusura di un ciclo, una scelta easy, troppo easy in un momento in cui volevo fare altro.

Inizio anni 90, Sabrina cambia; torna in tv anche come intrattenitrice, inizia a cantare in italiano mentre alcune produzioni dance, arrivano in alcune chart europee ma non entrano più in quelle italiane. Il vento cambia e sembra che l’adattamento sia difficile?

Complicatissimo. Ammetto di averla vissuta proprio male, da farne quasi un tarlo.

Non accettavo di non essere più percepita come una cantante ma è stata un po’ anche colpa mia; il fare troppe cose diverse, il tornare in tv, recitare in alcuni film, ha disorientato il pubblico.

E poi i dischi in italiano, persino quello in cui ho lavorato col grande Massimo Riva, Maschio Dove Sei, non andò come speravamo. E poi c’è anche in questo caso un altro rimpianto, quello di non aver realizzato l’album con Nile Rodgers.

Nile Rodgers? Parliamo dello stesso Nile? Quello degli Chic, di Diana Ross e di tutti i grandi fino agli ultimi Daft Punk?

Si proprio lui. Lo contattai dopo aver fatto Sanremo perché volevo assolutamente lavorare con lui. Mi resta però il ricordo del suo assoluto si.

E ma scusa com’è che non se n’è fatto nulla?

Sempre il mio manager. Ero troppo giovane per impormi e ci ho messo un po’. Poi quel giorno è arrivato ma il vento era cambiato. E poi mica ho perso solo queste occasioni?

Quali altre?

Avevo un pezzo di Prince che ho inciso ma che non è mai uscito, un altro scritto dal produttore ( ed allora marito se non ricordo male ) di Cyndi Lauper

Col senno di poi, credi che il vento sia cambiato con Siamo donne ed il Sanremo 91 fatto in coppia con Jo Squillo?

Se me lo avessi chiesto un po’ di anni fa ti avrei detto probabilmente di si. Oggi però ammetto che ho fatto pace con tutta quella situazione, soprattutto grazie alla canzone.

Siamo Donne è diventato evergreen, molto e più di altre canzoni che in quel festival andarono meglio di noi ( il brano arrivò tredicesimo e fino al n° 11 della classifica singoli ndr ).

Ma come nacque l’idea e davvero non volevi farlo?

Certo. Me lo avevano chiesto varie volte, ma io venivo dalla dance e Sanremo non c’entrava molto con la mia proposta. Poi arrivò Jo con quel brano e coincise con la mia voglia comunque di fare altro.

La prima risposta, quando me la fece ascoltare, fu: “ma sei impazzita? Andiamo a farci prendere per il beep, io e te che cantiamo oltre le gambe c’è di più”… Lei però ci credeva e mi fidai di lei. E poi, come dicevo, il tempo è stato galantuomo nei confronti di quel brano.

Cosa non funzionò del disco lavorato con l’entourage di Vasco?

Non saprei dirlo con esattezza. Massimo in particolare mi vedeva molto rock ed io ero ben felice di questa sua idea.

A volte penso che non sia stata data credibilità al progetto perché entrambi eravamo in quel periodo visti in altro modo. Io quella che provava a cambiare pelle e lui sempre un po’ come un vice Vasco, cosa che lo ha accompagnato sempre.

Ad un certo punto, ad inizio 2000, sei approdata in teatro. Anche qui lo hai fatto con dei grandi professionisti, sia alla regia che tra i colleghi.

Ed è stato subito amore. Credo sia una delle cose più belle che ho fatto nella mia carriera.

Ma se dovessi scegliere?

La musica resta sempre il grande amore, è chiaro. Però il pubblico del teatro sa essere molto più emozionante di quello di un concerto, pure se io ho fatto concerti finanche davanti a 40.000 persone, cosa per un teatro chiaramente impossibile.

Il perché è proprio nel girovagare: si crea un rapporto speciale ed immediato col pubblico ma la cosa varia da regione a regione, da città a città.

Una battuta che funziona a Napoli, magari passa inosservata a Milano e viceversa. Le comicità sono diverse e quindi anche il testo a cui partecipi, devi sapere che sarà percepito in maniera diversa, con delle emozioni diverse, lasciandoti carico di un’esperienza unica di volta in volta.

Sabrina negli anni più recenti sei tornata spesso alla musica ed a tour europei importanti. Spesso le nuove produzioni sono state delle cover, come con Call Me assieme alla tua antagonista degli ottanta Samantha Fox o come Ouragan di Stephanie di Monaco che ha riacceso in maniera strepitosa il tuo pubblico in Francia…

Più che quella canzone è stato un tour, Stars 80, a cui ho iniziato a partecipare pensa il giorno del mio 40isimo compleanno e da allora ripeto ogni anno.

E’ incredibile il successo che abbia questo progetto che ci ha portati in stadi pieni e grazie al quale ho rincontrato artisti che non vedevo da anni e con cui, viaggiando anche per mesi assieme, sono nate bellissime amicizie.

Chi hai rivisto con particolare piacere?

Jimmy Somerville è stato un incontro davvero bello, una ritrovarsi piacevolissimo. Non lo vedevo davvero da più di vent’anni. E poi con Liò, non so se la ricordi…

Certo; lei in Italia è famosa per un’unica grande hit. ( Amoreux Solitaire del 1981 ndr ).

Mentre invece in Francia è sempre rimasta popolarissima, non solo come cantante ma anche come attrice, presentatrice. La popolarità è rimasta costante.

Ecco, lei posso dirlo a gran voce che è una mia grande amica.

E per non farti mancare nulla c’è stato anche il lavoro con Rick Nowels ( produttore ed autore storico tra glia altri per Belinda Carlisle, The Corrs, Madonna, Kim Wilde e tanti altri )

Si, per Colour Me. Anche lui mi voleva per un disco completo. E’ stato molto carino con me davvero. Lavorare con lui è stata un’altra grandissima esperienza.

Quest’anno hai calcato il palco dell’Ariston in veste di co-conduttrice per due sere. Quanto tempo hai impiegato a dire si?

Nulla, subito. Quando mi ha chiamato Amadeus ho subito detto di si. Lui fu chiaro sul cosa voleva da me e per me non poteva che essere un’occasione di partecipare in maniera rilassata.

Inizialmente dovevo esserci solo per una serata. Quando poi mi ha informato che ci sarei stata per due sere sono stata ancor più felice. Ho fatto bene a farlo.

Ma come cantante, lo rifaresti?

Con una canzone giusta si. Forse non sarei così rilassata, ma assolutamente si.

Sabrina come chiedo alla fine delle mie interviste a tutti gli artisti, cosa vuoi dire ai nostri lettori, che non ti ho chiesto?

Nulla a dire il vero. Mi è piaciuta molto questa chiacchierata.

E allora te la faccio io l’ultima domanda. Ripensa a questi tuoi 35 anni di carriera, falli scorrere velocemente nella mente: mi dici quale è stato il momento più bello che hai vissuto?

Non ci crederai ma l’attimo esatto in cui ero quest’anno dietro il palco dell’Ariston, che stava per aprirsi. Quello ce l’ho proprio scolpito nella mente.

Foto di Alberto Buzzanca


In Copertina

Continua la programmazione di Lazzaretto Estate 2021 a Bergamo. Questa sera Enrico Nigiotti (e 10 biglietti per due persone in regalo per voi!)

Dopo Roby Facchinetti, Raul Cremona ed Emilio Soan Quintet tocca al cantautore esibirsi nella rassegna di musica, teatro e arte.

CLASSIFICA SPOTIFY SETTIMANA 29: Saldi in vetta Blanco & Sfera Ebbasta... Måneskin ancora primi nel mondo

Nella Top 20 italiana avanza Makumba di Noemi & Carl Brave.

CLASSIFICA DI VENDITA FIMI ALBUM E VINILI – SETTIMANA 29: Rkomi si avvicina alla vetta... nei vinili alla #1 Ligabue

Solo Ligabue ferma l'ingresso, 25 anni dopo, della ristampa rimasterizzata di Dove c'è musica di Eros Ramazzotti.

CLASSIFICA DI VENDITA FIMI SINGOLI SETTIMANA 29: Blanco & Sfera Ebbasta scalzano "Mille" dalla vetta

Continua la salita di "Makumba" di Noemi & Carl Brave che si portano ad un passo dal podio.

Sangiovanni, al lavoro sul nuovo album con diversi autori e producer, lancia il video di "Malibù" con la fidanzata Giulia Stabile

Con oltre 800.000 copie vendute e un tour estivo in partenza il giovane cantautore è già al lavoro sul nuovo disco.

Vota la canzone dell'estate 2021 in due categorie: Hitmaker e New Generation

Durerà sei settimane il nostro mega sondaggio e prenderà vita attraverso le nostre pagine Instagram e Facebook. Scopri tutti i dettagli.

Santoianni torna con "Exit" una canzone d'amore ispirata a "Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino"

Atmosfere e sonorità anni ‘80 per raccontare la storia di due ragazzi uniti da un forte sentimento ma anche da delle dipendenze.

Elodie debutta al cinema: sarà la protagonista di "Ti mangio il cuore", il nuovo film di Pippo Mezzapesa

La pellicola sarà tratta dall'omonimo romanzo-inchiesta, firmato da Carlo Bonini e Giuliano Foschini.

Top & Flop delle canzoni dell'estate 2021 secondo il nostro critico musicale

Abbiamo fatto riascoltare le canzoni dell'estate 2021 al nostro critico musicale chiedendo cosa funziona, cosa meno e cosa proprio no.

Laura Pausini: annunciato un film in uscita su Amazon Prime nel 2022 con la regia di Ivan Cotroneo

La notizia è stata anticipata in esclusiva da Variety le riprese del film fanno slittare l'uscita del nuovo album al 2022.

Da giugno a settembre, tutti i concerti dell'estate 2021 data per data

Un calendario in costante aggiornamento con tutti i live della bella stagione.

Release date 2021: l’elenco, mese per mese, di tutti i singoli italiani in uscita

Un articolo in costante aggiornamento per scoprire giorno per giorno, tutte le nuove uscite italiane del 2021.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale

ALBUM IN USCITA 2021

Articolo in continuo aggiornamento...

Interviste

Video intervista a Loredana Errore, fuori con un nuovo singolo per l'Estate e pronta per i possibili concerti.

Nell'intervista Loredana ha parlato di Amici, Sanremo, di Biagio Antonacci e del nuovo album.

Intervista a Ivan Granatino. Dal video di "Pablo Escobar" alla collaborazione con Gigi D'Alessio con due sogni... un duetto con Jovanotti e produrre nuovi talenti

Ivan è reduce dalla pubblicazione del singolo "Pablo Escobar" con Abraham De Palma il cui videoclip è disponibile da oggi.

Videointervista A Silvia Salemi: da "I sogni nelle tasche" al rapporto con Raffaella Carrà

Nel corso della nostra intervista l'artista ha parlato di come non esista musica "alta" o meno, ma solo diversi generi, tutti da rispettare.

Intervista a Federico Baroni: "Jackpot è un brano positivo e pieno di colori... la musica ha il potere di curare quasi tutto"

Nell'intervista si parla del nuovo video, del disco in arrivo e anche di un grande amico, Michele Merlo.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

La musica soffoca nelle restrizioni mentre i festeggiamenti per il calcio sono a piede libero. Perché?

Concerti 2021 al tempo del Covid-19 VS partite di calcio. Breve premessa: non sono un amante del calcio ma sono un italiano che ama il suo paese e che mai andrebbe altrove, nonostante tutto. Per questo ho guardato la partita, ho provato gioia nella vittoria ad Euro 2020 ed ho festeggiato. Da solo, in casa. Poi ho...

News

Continua la programmazione di Lazzaretto Estate 2021 a Bergamo. Questa sera Enrico Nigiotti (e 10 biglietti per due persone in regalo per voi!)

Dopo Roby Facchinetti, Raul Cremona ed Emilio Soan Quintet tocca al cantautore esibirsi nella rassegna di musica, teatro e arte.

Sangiovanni Live: 9 appuntamenti totali, due sold out, nuova data e una nuova location per Brescia

Fuori anche il video ufficiale della hit malibu.

Etruria Eco Festival 2021 offre concerti e dj set per tutto agosto

La XV edizione del Festival si svolge dall'1 al 31 agosto presso il Lungomare dei Navigatori Etruschi a Campo di Mare (Cerveteri).

I Desideri fuori con il nuovo singolo per l'estate, "Señorita"

Señorita è un connubio tra lingua spagnola e il dialetto napoletano. Fuori anche il video ufficiale.

CPM Music Institute: aperte le iscrizioni all'anno accademico 2021/2022

Nei prossimi giorni si tengono le audizioni per i corsi di canto, basso, chitarra, batteria, pianoforte e tastiere.

Women Female Label & Arts presenta le sue prime artiste

Le artiste che entrano a far parte dell'etichetta discografica tutta al femminile, sono al momento tre in attesa di nuove adesioni.

Raffaele Renda lancia il suo primo EP, "Il sole alle finestre". All'interno anche una cover di "Oro" di Mango

A distanza di due mesi dalla fine dell'avventura ad Amici 20 arriva il primo progetto discografico.

Giusy Ferreri live 2021. Date e biglietti dei concerti dell'estate

Giusy Ferreri torna in tour con il Giusy Ferreri Live 2021. Insieme a lei, sul palco, ci saranno Andrea Polidori (batteria), Will Medini (pianoforte e synth), Fabrizio.

Stadio in tour per sostenere le maestranze. Date estive e biglietti.

Gli Stadio tornano in tour dal 24 luglio. Obiettivo della band è sostenere le maestranze che lavorano nel mondo della musica dal vivo, favorendo la ripartenza.

Francesco Gabbani in tour nei palasport. Date e biglietti.

Francesco Gabbani annuncia due live nei palasport nel 2022. Francesco Gabbani torna dal vivo nel 2022 con due date a maggio Milano e Roma che arrivano.

Sangiovanni, al lavoro sul nuovo album con diversi autori e producer, lancia il video di "Malibù" con la fidanzata Giulia Stabile

Con oltre 800.000 copie vendute e un tour estivo in partenza il giovane cantautore è già al lavoro sul nuovo disco.

Elodie debutta al cinema: sarà la protagonista di "Ti mangio il cuore", il nuovo film di Pippo Mezzapesa

La pellicola sarà tratta dall'omonimo romanzo-inchiesta, firmato da Carlo Bonini e Giuliano Foschini.

Ketama126 dopo la polemica contro Spotify annuncia le date del tour estivo

Il tour estivo dell'artista partirà da luglio il prossimo 29 luglio.

Italia Music Lab: nasce grazie a SIAE il nuovo laboratorio per artisti emergenti

La missione del Music Lab è duplice: da un lato, sostenere i music creator dall’altro aumentare la loro consapevolezza .

Dopo il film tv su Nada Tecla torna alla musica con "Ti amo ma" feat. Alfa

A distanza di sei mesi da "L'Urlo di Munch" la 17enne cantante e attrice torna con un nuovo singolo.

Torna per l'estate 2021 Valerio Mazzei con "Sigaretta (Post caffè)"

Una storia d'amore che nasce vista dal primo appuntamento .

Mace dopo il live sull'Arco trionfale di Milano annuncia "Obe Live - An out of body Experience" (Biglietti)

L'album "OBE" è il sesto più venduto nel primo semestre del 2021.

Mannarino torna a settembre con "V" un invito ad appellarsi alla saggezza ancestrale degli esseri umani

Il nuovo progetto arriverà a distanza di quattro anni dall'album della consacrazione, "Apriti cielo".

News
dalla discografia

Rubriche

Pagelle Nuovi singoli

Le Pagelle ai nuovi singoli italiani in uscita il 23 luglio. Santoianni, Roccuzzo, Erminio Sinni e...

radio date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 23 luglio

Testo&Contesto

Leon Faun C'era una volta. Fantasy o non fantasy, questo è un rap che "incanta"

W la Mamma

Caro Povia, in merito al tuo post sul ddl zan, facciamo due riflessioni? io, te e mio figlio...

La mosca Tzè Tzè

Buon compleanno al Maestro Franco Battiato, colonna sonora della mia infanzia

A tutto pop

A TUTTO POP #47: TONY MAIELLO, GIUNI RUSSO e TAGLIA 42. Aneddoti e curiosità sulle canzoni

A-V Indie

IL TEATRO DEGLI ORRORI (V di Venezia)

Emergenti

Santoianni torna con "Exit" una canzone d'amore ispirata a "Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino"

Jasmine Carrisi e Deny K: Stikide è il nuovo singolo

Nel singolo di Mavì, "Shonen", la tradizione dei Manga giapponesi e il dramma degli Hikikomori

Anteprima video: "Mi guardo Lol" è il nuovo singolo della band milanese FAKE

Rizzo grida la rabbia per una storia d'amore finita nel brano "Spaccherei"

Anteprima video: Borges ispira al noto poeta e filosofo per il singolo "A cosa serve"

giuliettacome pubblica il singolo Catcalling con produzione di Eiemgei

Osvaldo Supino pubblica "Lights Down Low" e la sua versione in spagnolo, "Perder el control"

Charles Onyeabor pubblica con Evry: "Do it your Way". Ecco il videoclip

CLASSIFICA SPOTIFY SETTIMANA 29: Saldi in vetta Blanco & Sfera Ebbasta... Måneskin ancora primi nel mondo

CLASSIFICA DI VENDITA FIMI SINGOLI SETTIMANA 29: Blanco & Sfera Ebbasta scalzano "Mille" dalla vetta

CLASSIFICA DI VENDITA FIMI ALBUM E VINILI – SETTIMANA 29: Rkomi si avvicina alla vetta... nei vinili alla #1 Ligabue

CLASSIFICA RADIO EARONE SETTIMANA 29: "Mille" resiste in vetta ma Marco Mengoni si porta ad un passo dalla vetta

Certificazioni FIMI settimana 28: altre 3 riconoscimenti per Amici 20 con Sangiovanni e Aka 7even. L'album dei Måneskin è doppio disco di platino

Classifica Spotify settimana 28: Blanco e Sfera Ebbasta ancora in vetta. Avanza "Makumba"

Recensioni

Anna Tatangelo – Anna Zero ed è subito scoop: La Tatangelo si è rifatta tutta… in musica!

Sangiovanni: l’ennesima rivelazione trovata da Maria De Filippi

Coma_Cose – Nostralgia… perché anche la nostalgia nel loro mondo cambia aspetto.

Annalisa: "Nuda Dieci"... una riedizione che riscalda l'atmosfera?

Malika Ayane: “Malifesto” il racconto perfetto di come la vita

Maneskin – Il Teatro dell'Ira... da cui fuoriesce tutta l'ira ma non solo

Video

Intervista Loredana Errore C'è vita in attesa del tour

Fabio Rovazzi La Mia felicità

Max Pezzali LIVE 2021 Data Lignano Sabbiadoro

Anna Tatangelo Annazero due anni e mezzo di lavoro per il disco della rinascita

Random Intervista Siamo Di Un Altro Pianeta

La Rappresentante di Lista Intervista Musicultura 2021

Marisa Laurito Intervista Musicultura 2021

VideoIntervista a Pierpaolo Pretelli L'estate più calda

Jack Savoretti Intervista Europiana

Baby K Intervista Donna Sulla Luna

Shiva Intervista Dolce Vita

Martina Beltrami Intervista Per Dirti Che (Mi Spiace)