22 Giugno 2020
di Interviste, Recensioni
Condividi su:
22 Giugno 2020

Intervista a Mietta, l’artista e la donna, racconta 30 anni di apprezzata carriera

Una lunga chiacchierata piena di aneddoti, tra vittorie e sconfitte, ma sempre nel segno della sperimentazione

Condividi su:

Intervista a Mietta a cura di Fabio Fiume.

Oggi ho l’occasione di conoscere una delle prime donne, delle signore (ma con aspetto sempre da ragazzina) della musica italiana, una che si è tolta lo sfizio in carriera di essere stata l’album femminile più venduto dell’anno, davanti (e mica è poco?) nientemeno che a Mina.

Sto parlando di Daniela Miglietta, in arte semplicemente Mietta. Come spesso mi accade, l’occasione per incontrare la bella vocalist pugliese, non arriva perché impegnata lei in qualche promozione.

La cosa, ammetto, mi rende molto felice; testimonia il fatto che gli artisti abbiano voglia di raccontarsi senza impegni, senza fretta e senza qualcosa di cui dover parlare per forza e per un giornalista, riuscire a non dover seguire uno schema prefissato e mettere a proprio agio l’intervistato, tanto che, pur conoscendoti per la prima volta, si senta assolutamente libero di parlare con i toni che gli sono più comodi, (tanto che Daniela sta candidamente mettendo a posto la spesa appena fatta quando la raggiungo  è cosa di grande soddisfazione.

Anche Daniela, come altri artisti intervistati di recente, viene dal profondo sud, da Taranto…

Sono andata via prestissimo in realtà da Taranto, anche se ho mantenuto salde le mie radici. Ho casa in città ed in genere ci passo tutta l’Estate… mi racconta Mietta.

E per il resto dell’anno?

Sono di base a Milano, città chiaramente di altre opportunità.

Come è andata con la pandemia recente ed ancora non superata, come l’hai vissuta?

Quando hanno dato il lockdown mi trovavo a Napoli per lavoro. Mi sono quindi ritirata a Taranto e non salgo a Milano dai primi di Marzo…

E per una che segue la propria casa con attenzione, come è pensare essere assente ed in maniera improvvisa, per tutto questo tempo?

Oddio! Non so che cosa devo aspettarmi quando torno, non mi ci far pensare.

Daniela dicevamo comunque di Taranto. Come è stata la tua partenza dalla provincia pugliese verso il successo nazionale?

Ho avuto la fortuna di uno zio che viveva a Roma e spesso, alla fine delle scuole, andavo a trovarlo. Lui si occupava di cinema ed io ero molto affascinata dalla cosa. Lo stare lì non faceva poi mancare le occasioni di conoscere gente.

Così accadde che seppi di un concorso per una fiction radiofonica, uno sceneggiato come si diceva allora, organizzato dal Radio Corriere e decisi di provarci.

Andò subito benissimo…

Sì, lo vinsi e con sorpresa, perché comunque era sostanzialmente la prima esperienza. Fui così nel cast di Nasce Una Stella.

Cantante, attrice, scrittrice, intrattenitrice… insomma Mietta artista a tutto tondo. Suppongo che essere cantante sia però la tua peculiarità?

E supponi male. In realtà la cosa che mi ha sempre appassionato è la recitazione. Fare film o fiction per la tv, mi ha appagata in un modo totale. E poi se ci si pensa, anche se per radio io dalla recitazione sono partita!

Potevi quindi darti anche al musical?

E ci ho pure pensato. Però in alcune cose io sono un po’ pigra e quindi ringrazio non averlo fatto. Li amo molto, ne ho visti parecchi, ma quella vita di lontananza in giro per tutto quel tempo non fa molto per me.

E poi, credimi, ho tanti amici che lo fanno e tutti mi dicono che, per quanto appagante, è davvero stancante.

Ma quindi la musica non è così prioritaria come si può pensare? In fin dei conti, nell’immaginario comune, sei maggiormente vista come cantante…

Certo, lo so e ne sono contenta. Diciamo che ti parlavo di amore primario, ma cantare è una cosa che amo e che fondamentalmente ho sempre fatto. Non trovo poi che i percorsi debbano essere necessariamente staccati, anzi.

Dopo lo sceneggiato radiofonico incontri un signor produttore che è Claudio Mattone; fu lui che ti mandò al tuo primo Sanremo, nel 1988 con “Sogno”, che nonostante un risultato modesto nel contesto, ti diede altre opportunità importanti nel corso dell’anno…

Sì, vero. Mi permise di partecipare, ad esempio, all’incisione di Per Te Armenia, brano benefico i cui proventi erano in favore del paese colpito da un duro terremoto. In quell’occasione c’erano molti big della musica italiana.

L’avventura con Mattone però si è conclusa in fretta. Nell’ambiente si dice che non sia facilissimo chiudere con lui. Per te com’è andata?

Assolutamente bene. Non ho avuto alcun problema. Claudio è un signore di questo mondo e non c’è stato nessuno screzio. Come era nata, positivamente, così s’è chiusa. D’ altronde lui è anche il fautore del mio nome d’arte.

Racconta…

Non trovava il mio nome e cognome congeniale alla carriera artistica. Io non ero molto d’accordo con la cosa, però sai l’inesperienza e la giovane età finiscono col farti pensare di affidarti a chi ne sa più di te.

Poi quando mi presentò a Sanremo mi disse col suo napoletano simpatico: “Piccerè, t’amm truvat pur’ o’ nomm: te chiamm Mietta”.

Io rimasi un po’ basita. Mi ripetevo: Mietta, Mietta, Mietta… ma cosa c’entra? Non sono stata mai innamorata del mio nome d’arte. Poi però… aveva ragione lui.

Da Mattone ad Amedeo Minghi: per una ragazza giovanissima e piena di vita come te, diciamo che Minghi, come autore, era un po’ impegnativo. Ma tu come l’hai vissuta?

Ero innamorata del fare artistico puro di Amedeo. Lui è davvero un altro signore della musica, uno che fa le cose con un amore profondissimo ed è, se vuoi, riuscito a creare un mondo tutto suo, personalissimo, in cui io sono stata una sua spero buona interprete.

Diciamo che sono fiera d’aver sempre scelto e cioè, non si creda che lasciassi scegliere gli altri! Le canzoni che ho cantato le ho sempre scelte.

Dai che mi riesce difficile credere che una ragazzina di 19 anni, alla fine degli anni 80, entrasse in un negozio di dischi per comprare quel tipo di musica…

No, io venivo dall’amore per il punk. I miei riferimenti pop invece erano Prince e Annie Lennox con gli Eurythmics. Certo che quello non era il mio mondo musicale. Però come non riconoscere la bellezza di alcune canzoni che ho avuto la fortuna d’interpretare?

Chiaramente c’era una parte anche molto romantica di me e quelle canzoni la rappresentavano. Diciamo che potevano essere un piccolo spaccato di tutto quello che era Daniela allora, ma comunque un segmento assolutamente esistente e veritiero. Magari diciamo che… su qualche cosa ho improvvisato..

Tipo?

Quando a Sanremo ho cantato e vinto con Canzoni nel 1989, diciamo che manifestai il mio essere Daniela con la pettinatura; sì, avevo il vestitino bellino, educato, però, sfoggiai il capello punk, tutto sparato verso l’altro!

Poi l’anno dopo il tuo più grande successo: Vattene Amore, terza a Sanremo e proposta proprio col maestro e mentore Amedeo. Che ricordi hai?

Di una grandissima canzone. Oggi molti la deridono, ma stiamo parlando di un pezzo che ha venduto 400.000 copie in Italia, che è diventato famosissimo in molti altri paesi e che rappresenta, assieme ad altre cose, l’Italia melodica nel mondo.

Molti pensano che sia un brano che rinnego, ma null’affatto; io la trovo una grandissima canzone e, come detto, la risceglierei.

Aprì poi ad un album Canzoni che ha venduto quasi 700.000 copie…

E che fu il disco femminile più venduto dell’anno, davanti anche a Mina. Scusa se lo dico, ma è una soddisfazione mica da poco, no?

Non l’unica, perché arrivarono vari Telegatti, dischi di platino grandi autori che scrivevano per te…

Sì, miglior rivelazione dell’anno, poi ancora Telegatto come miglior interprete femminile. Ci fu poi un altro Sanremo con Dubbi No (settima classificata nel 1991 ndr) e l’album Volano Le Pagine con altre 250.000 copie vendute e come dici tu, all’interno canzoni di Mariella Nava (Il Gioco Delle Parti) , Mango (E no, cosa sei), un giovanissimo Biagio Antonacci e poi Sergio Laccone.

Cosa accadde però che quel mondo sicuro cominciò a dimostrare qualche falla?

Che Daniela voleva venire fuori anche nelle altre sfaccettature della sua personalità. Vedi Fabio, chi mi conosce lo sa: io sono un po’ una zingara, una che cammina scalza, una che balla.

Andava benissimo il mondo romantico della brava cantante che mi era stato costruito addosso, ma c’era anche altro e ad un certo punto doveva venire fuori.

L’album “Lasciamoci Respirare” nel 1992, senza più la presenza autorale di Minghi si può considerare come il primo tassello di questo mutamento?

Solo in parte e non fu facile. Dovevo riuscire a far capire che quel successo era troppo grande per me, che avevo bisogno anche di riappropriarmi dei miei anni.

Ci riuscii solo facendo accettare qualche canzone come Acqua Di Mare, che indubbiamente era qualcosa di più frizzante e diverso dal mio percorso fino a quel momento.

Toglimi una curiosità. La title track è scritta da Biagio Antonacci: perché non fu cantata con lui?

Fu il mio primo pensiero ma l’etichetta non volle. Biagio al tempo non era ancora esploso (lo fece di lì a pochi mesi con l’album Liberatemi) e loro volevano un nome che potesse creare più interesse.

Come venne fuori quello piuttosto insolito di Francesco Nuti?

Semplice: eravamo molto amici. Ci frequentavamo anche privatamente con amici comuni e spesso ci trovavamo a parlare del mondo dell’altro, io come amante del cinema e lui della musica.

Non so se ricordi, lui qualche anno prima aveva partecipato anche a Sanremo.

Sì, con un brano tra l’altro molto bello e delicato, Sarà Per te, poi ripresa finanche da Mina…

Sì bellissimo. Quando cercavo quindi qualcuno che potesse cantare quel pezzo con me, mi venne spontaneo chiederglielo. Accettò subito ed anche la casa discografica non fu contraria.

A questo punto, con piccoli passi verso la libertà d’espressione, non fu un passo falso rifare Sanremo nel 1993 con Figli Di Chi assieme a’ I Ragazzi Di Via Meda, progetto mai decollato davvero?

Assolutamente sì. Me ne pentii subito. Non fu un problema di canzone, perché il pezzo in sé mi piaceva molto; tra l’altro collaborai alla sua nascita attivamente e vanta la firma di Filippo tra gli altri (Nek ndr). Però non avevo un disco nemmeno in lavorazione.

Stavo cercando idee per realizzare un nuovo album e quella partecipazione non aveva, senza disco, modo di essere d’interesse. Nacque senza una prospettiva di vita.

E perché allora dicesti di sì?

Sempre perché troppo giovane. L’etichetta stava cercando di lanciare i ragazzi che erano tutti autori e musicisti al servizio della stessa e che potevano giocarsi le proprie carte. Serviva un nome importante per aiutarli e mi fu chiesto.

Un po’ per loro, un po’ perché ci credevano tutti dissi quel sì. Il pezzo andò pure bene durante Sanremo ma, ripeto, non ebbe, finita la popolarità del momento, il giusto cammino.

Poi Mietta finalmente Cambia pelle?

E la fatica è stato farlo accettare. Sempre piano, piano, cercando di inserire quell’anima urban che apprezzavo sempre di più.

Però ti devo tirare le orecchie!

E perché mai?

Clicca su continua per la seconda e ultima parte dell’intervista a Mietta.

Continua

In Copertina

Novembre 2020 Top e Flop: bene X-Factor, poco a fuoco il cast di Amici e tra gli artisti...

I Top e i Flop del penultimo mese di questo strano e difficile 2020. .

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #49: Sfera Ebbasta ferma l'ingresso di Mina e Renato Zero

Sfera Ebbasta domina le prime classifiche di vendita Fimi del mese di dicembre. Il rapper di Cinisello primo tra album, singoli e vinili. .

Vasco Rossi, svelato il titolo della canzone in uscita il 1° gennaio 2021

Con un video postato su Instagram, Vasco Rossi ha svelato il titolo del singolo in uscita il 1° gennaio 2021 e presentato nel programma televisivo di Roberto Bolle.

Classifica Spotify Settimana #49: Sfera Ebbasta si conferma al Top

Sfera Ebbasta conquista la classifica Spotify anche questa settimana. L'artista di Cinisello piazza ben 9 brani nelle prime 9 posizioni.

X Factor 2020 la semifinale: resoconto e pagelle della puntata

Una puntata con due manche, una di queste dedicata ai Featuring.

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 4 dicembre

Radio date 4 dicembre.Questa settimana, nel radio date, tante novità e tanto spazio ai nomi emergenti della musica italiana e ai nomi storici come Gianni.

This Is Elodie X Christmas Ep: in arrivo il nuovo progetto natalizio con 6 tracce inedite

Elodie è l'artista donna più ascoltata su Spotify Italia nel 2020. Un risultato da festeggiare con l'uscita di This Is Elodie X Christmas Ep.

Il critico musicale Michele Monina intervista Massimiliano Longo, direttore di All Music Italia

Una lunga chiaccherata per parlare del sito, di Area Sanremo, degli artisti emergenti e, sopratutto, del ritrovato ruolo da manager.

Release Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Le Larve aspettando Sanremo Giovani 2020

Le Larve, cantautore romano il cui vero nome è Jacopo Castagna, tenta la carta del Festival 2021 attraverso la finale di Sanremo Giovani.

Videointervista a Neno: “Bisogna accettarsi per quello che si è”

E' uscito il nuovo singolo di Neno Bla Bla Bla. Lo abbiamo contattato via Zoom per una videointervista, una chiacchierata a 360 gradi.

Videointervista a Greta Zuccoli aspettando Sanremo Giovani 2020

Greta Zuccoli è pronta per affrontare la finale di Sanremo Giovani con il brano Ogni cosa sa di te, prodotta da Diodato e Tommaso Colliva.

Videointervista ai Pinguini Tattici Nucleari: “L'ironia ti porta ad avere una visione del mondo molto interessante”

Videointervista di presentazione del nuovo progetto discografico dei Pinguini Tattici Nucleari Ahia!, 7 tracce musicalmente eterogenee.

Videointervista a Davide Shorty aspettando Sanremo Giovani 2020

Davide Shorty ha superato la selezione di AmaSanremo conquistando il secondo posto nella quinta puntata del programma con il brano Regina.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Sanremo 2021: i giochi sono quasi conclusi, tra due settimane l'annuncio dei big in gara

Sanremo 2021 Big in gara... il momento dell'annuncio da parte di Amadeus dei 20 (ma potrebbero diventare 22 o 24) artisti in gara nella categoria Campioni è sempre vicino. Il Direttore artistico (che ha iniziato delle canzoni qui) li svelerà infatti il 17 dicembre in prima serata su Rai1 nel corso della finale di Sanremo...

News

Novembre 2020 Top e Flop: bene X-Factor, poco a fuoco il cast di Amici e tra gli artisti...

I Top e i Flop del penultimo mese di questo strano e difficile 2020. .

Massimo Ranieri: il nuovo album “Qui e Adesso” e lo show in prima serata su Raitre

E' uscito il 27 novembre il nuovo album di Massimo Ranieri Qui e Adesso, 17 tracce tra inediti e rivisitazioni nate dalla collaborazione con Gino Vannelli.

MTV New Generation: l'artista di dicembre è Ibisco con “Ragazzi”

È Ibisco con il videoclip del brano "Ragazzi" l’Artista Del Mese di dicembre selezionato da MTV New Generation.

Vasco Rossi, svelato il titolo della canzone in uscita il 1° gennaio 2021

Con un video postato su Instagram, Vasco Rossi ha svelato il titolo del singolo in uscita il 1° gennaio 2021 e presentato nel programma televisivo di Roberto Bolle.

Melancholia: già fuori il primo EP della band rivelazione di X Factor 2020

Nove brani in inglese compongono la tracklist del progetto.

Ligabue: il racconto degli inediti di “7” traccia per traccia

E' uscito il nuovo progetto di Ligabue 7, che raccoglie 7 brani inediti ritrovati nel cassetto dei ricordi durante il lockdown. Ecco il racconto traccia per traccia.

Achille Lauro per Natale lancia Jingle Bell Rock feat. Annalisa

Achille Lauro sceglie un grande classico come singolo di Natale: Jingle Bell Rock. Per questo nuovo lavoro consolida la sua collaborazione con Annalisa, dopo i feat.

X Factor 2020 la semifinale: resoconto e pagelle della puntata

Una puntata con due manche, una di queste dedicata ai Featuring.

Fedez: è ora attivo 'Zedef', il canale Twitch ufficiale dell'artista

È ora online il nuovo canale ufficiale di Fedez su Twitch! Il nome dell’account è Zedef, ovvero Fedez al contrario.

Boomdabash: “Non abbiamo mai prodotto un pezzo con l'intenzione di farne un tormentone.”

Uscirà l'11 dicembre il nuovo progetto discografico dei Boomdabash Don't Worry Best Of (2005-2020), presentato oggi in conferenza stampa.

Renato Zero canta le declinazioni dell'amore nel singolo “C'è”

Il brano è estratto da Zerosettanta Volume Uno, capitolo conclusivo della trilogia di album inediti del cantautore romano.

Gianni Togni: una nuova versione de “La Luce delle Stelle” per augurare buon Natale

Prosegue il momento d'oro di Gianni Togni, che il 4 dicembre pubblicherà una nuova versione del brano La Luce delle Stelle.

This Is Elodie X Christmas Ep: in arrivo il nuovo progetto natalizio con 6 tracce inedite

Elodie è l'artista donna più ascoltata su Spotify Italia nel 2020. Un risultato da festeggiare con l'uscita di This Is Elodie X Christmas Ep.

X Factor 2020: a poche ore dalla semifinale ecco gli artisti più seguiti, ascoltati e trasmessi

Andiamo a scoprire i dati Instagram, Spotify e Earone dei cinque semifinalisti del programma.

Pinguini Tattici Nucleari: il nuovo Ep “Ahia!”, nato durante il lockdown

Il 4 dicembre è il giorno dell'uscita per Sony Music del nuovo Ep dei Pinguini Tattici Nucleari Ahia!. La band ne ha parlato in una conferenza stampa virtuale.

X Factor 2020 semifinale: ecco gli ospiti e i brani assegnati ai semifinalisti

La prima manche sarà caratterizzata dai duetti dei 5 semifinalisti con artisti affermati.

Le Vibrazioni: una inedita versione di “Dedicato a Te” sigla della serie tv “Il Silenzio dell'Acqua”

Una nuova versione orchestrale del brano de Le Vibrazioni Dedicato a Te è stata scelta come sigla della fiction di Canale 5 Il Silenzio dell'Acqua.

Sfera Ebbasta: “Famoso” è il quarto album più ascoltato nel mondo su Spotify

Proseguono i record che riguardano il nuovo album di Sfera Ebbasta Famoso che in una sola settimana ha conquistato il disco di platino.

Anteprima Video: il corto di Marcello Pieri che racconta il brano “In Punta di Piedi”, scritto per Marco Pantani

In Punta di Piedi è il nuovo singolo di Marcello Pieri, scritto per Marco Pantani. Il corto che ne racconta la storia è in anteprima su All Music Italia.

In attesa del nuovo album Bungaro ha lanciato l'EP "Appartenenza"

L'EP anticipa l'album fisico in uscita nel 2021.

Ligabue 77 + 7: “Nel 1999 avevo meditato di smettere, poi...”

Il 4 dicembre è il giorno dell'uscita per Warner del nuovo progetto discografico di Ligabue 77 +7. L'artista ne ha parlato in conferenza stampa.

News
dalla discografia

Nasce U.N.A. Unione Nazionale Autori: una casa per tutti gli artisti italiani

Danti e One Fingerz, firmato l'accordo con l'agenzia di management MK3

Ensi e Warner Chappell Music Italiana: rinnovata la collaborazione

Boosta firma un accordo editoriale con Warner Chappell Music Italiana

Soundreef: dal 2021 la gestione per l'online dei Big del rap e della trap

Concerti: 12 milioni agli organizzatori per ripianare parte delle perdite subite in questi mesi difficili

Rubriche

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 4 dicembre

Pagelle Nuovi singoli

LE PAGELLE AI NUOVI SINGOLI ITALIANI IN USCITA IL 27 NOVEMBRE 2020

La mosca Tzè Tzè

Morgan nuovo Sindaco di Milano: sì o no?

(s)cambio generazionale

Daniel Ek, CEO di Spotify: rilasciare un album ogni tre anni funziona ancora?

Sondaggi

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Testo & ConTESTO

TESTO & CONTESTO SPRITZ CAMPARI: IL TORMENTONE DI MIETTA CI INSEGNA A DIRE "VATTENE, AMORE" CON STILE

W la mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Emergenti

Sala: fuori il nuovo singolo “Una storia come tante”, una storia vera che parla di anoressia

Ser: fuori “Non Piangere Stanotte”, rivisitazione di “Don’t Cry Tonight” di Savage

Roberta De Gaetano: fuori “Non ci Sarà”, brano che parla di rapporti malati e rivalsa

Neno: la voglia di evadere nel nuovo singolo “Bla Bla Bla” (Testo e Audio)

L3nto affronta le incertezze della sua generazione nel brano “Luca”

Nuela: una divertente risposta agli hater nel nuovo singolo “Settimo Nano” (Testo e Audio)

Classifica Spotify Settimana #49: Sfera Ebbasta si conferma al Top

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #49: Sfera Ebbasta ferma l'ingresso di Mina e Renato Zero

Classifica Radio Earone Settimana #49: Fedez guida un podio tutto italiano

Spotify 2020: Artisti, canzoni, playlist e podcast più ascoltati

Certificazioni FIMI settimana 48: Sfera Ebbasta disco di platino con "Famoso" in soli una settimana. Rap e trap monopolizzano i Fimi Awards

Classifica Spotify Settimana #48: Sfera Ebbasta da record! Bene N.A.I.P.

Recensioni

Ghemon: "Scritto Nelle Stelle" e con una grafia bella chiara e leggibile… anche per altre voci svogliate

Francesca Michielin: Feat e il suo stato di natura… ribelle.

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Video

Boomdabash Presentazione Don't Worry Best Of 2005 2020

Neno Intervista Bla Bla Bla

Avincola Intervista Goal

Pinguini Tattici Nucleari Intervista Ahia

I Desideri Intervista Lo Stesso Cielo

Le Larve Intervista Musicaeroplano

Ligabue Presentazione 77 + 7

Loredana Errore Intervista C'è Vita

Greta Zuccoli Intervista Ogni Cosa Sa Di Te

Davide Shorty Intervista Regina

Claudio Baglioni Presentazione In Questa Storia che è la mia

Pamela Prati Intervista Mariposita