23 Marzo 2015
Condividi su:
23 Marzo 2015

INTERVISTA a IRENE GRANDI: “Il Volo? Avrei preferito vincessero Sanremo senza rappresentarci all’estero…” (VERSIONE INTEGRALE)

Irene Grandi ci parla di se, del nuovo disco "Un vento senza nome", dell'esperienza sanremese, dei colleghi e della magica esperienza con Pino Daniele.

Condividi su:

All Music Italia ha intervistato Irene Grandi, importante protagonista della musica italiana che nel 2015 è ritornata in scena dopo un periodo di pausa nel quale è cambiata molto. Un cambiamento che abbiamo potuto ammirare nel corso dell’ultimo Festival di Sanremo, dove Irene ci ha presentato l’intensa Un vento senza nome. Proprio dall’esperienza sanremese parte la nostra intervista, nella quale ci esprime anche la sua opinione sui vincitori e sul fatto che siano loro a rappresentare la musica italiana all’Eurovision Song Contest. Una lunga chiacchierata attraverso la quale ci svela la genesi del suo nuovo disco e della sua evoluzione artistica e umana, regalandoci anticipazioni sul nuovo tour e un intenso ricordo del grande Pino Daniele

Benvenuta Irene, ti incontriamo appena smaltita la sbornia di Sanremo. Qual è il ricordo più bello di questa tua nuova partecipazione che ci ha fatto conoscere Un vento senza nome?

Diciamo la tranquillità con la quale sono salita su quel palco, di solito piuttosto stressante ed emozionante. Mi ricordo che sentivo il mio cuore accelerare ma non ero in preda all’agitazione, il mio fisico reagiva ma io ero tranquilla. Mi sono goduta l’emozione e l’esibizione, sapevo di essere nel posto giusto per presentare una canzone alla quale tenevo molto.

Una canzone dei tuoi colleghi che ti è rimasta impressa a distanza di ormai più di un mese dalla fine del Festival?

Ho apprezzato molto due brani: quello di Raf che è stata mandato via e quello di Grignani.

Due pezzi non tra i più facili…

La musica della canzone di Grignani mi affascina molto, un grande arrangiamento. In quella di Raf mi ha colpito la semplicità di un uomo che non ha paura di dire ti amo alla sua donna, sembra banale, ma ci vuole un grande uomo per un messaggio così puro e pulito.

Se ti dovessi chiedere chi avresti scelto di portare a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest che nome mi faresti? Sei d’accordo con il fatto che ci vada Il Volo?

Eh no, purtroppo no… in Italia capisco il loro successo, perché rappresentano una tradizione mai dimenticata. Un volto della nostra musica che all’estero è già fin troppo noto, l’Italia del bel canto, degli anni ’60 che loro portano molto bene nel loro disco… mi sembra un’idea della musica italiana anacronistica, vecchia, che non mi torna diciamo… Avrei preferito vincessero a Sanremo senza che andassero a rappresentarci all’estero… dove avrei preferito un altro tipo di canzone… (ride ndr)

Ad esempio?

Ad esempio la mia (ride ndr)… ci sta? Non voglio essere presuntuosa ma tolto che a me piace molto, credo anche che possa rappresentare un volto della musica italiana del 2015. Sicuramente non avrei vinto nemmeno l’Eurovision, però sarebbe stata una presenza di classe e degna di rappresentare l’Italia attuale, con un testo comprensibile, non molto articolato, non ci sono tante parole e anche per questo sarebbe stata una canzone adatta. Anche Malika aveva un gran bel pezzo, ma con un testo molto più complesso che secondo me non sarebbe stato adatto all’Eurovision.

In molti hanno riconosciuto che Un vento senza nome sia una canzone splendida che difficilmente arriva al primo ascolto ma conquisti sulla distanza, ne eri consapevole?

Ce lo immaginavamo, non ha un’esplosione, si alimenta di sfumature ed emozione. Non di impatto. Il lato positivo della cosa è che non stanca. Anche io, che l’ho scritta, modificata e cantata migliaia di volte, mi emoziono sempre a sentirla… ad un certo punto della canzone mi viene un brivido. Un brano che lavora in profondità e non sull’impatto, ci immaginavamo di non poter puntare alla vetta, però ci sembrava una bella uscita e speravamo che potesse restare nel tempo… anche in radio. Io sono sicura che si tratta di una canzone che potrò portare per sempre in concerto, non perderà potenza negli anni.

Beh se il Festival per assurdo fosse durato 2 settimane probabilmente alla vetta avresti pure potuto ambire, non trovi?

Si, è una canzone post-Festival e non stanca… sto ricevendo molti complimenti diversi dal solito… veramente sentiti: o non mi dicono nulla oppure mi ritorna molto affetto, molti mi ringraziano, molti sono davvero appassionati al pezzo. È una canzone che ti da un’emozione sincera e probabilmente duratura.

Portarla a Sanremo dove l’impatto è importante è stato comunque un bel rischio…

Esatto, avevamo un pò paura di non arrivare in finale. Ci sarei rimasta un pò male penso…

E’ una canzone che può avere molte valenze di significato, sicuramente racconta anche del cambiamento e della consapevolezza che arriva nella vita…

Un sacco di persone hanno trovato un pezzo della loro vita, la sospensione lasciata sul tema del cambiamento non racconta una storia ma lascia la libertà ad ognuno di veder se stesso. Alcuni mi hanno detto di aver capito che il lavoro non faceva per loro ascoltandola… un altro ragazzo mi ha detto di aver deciso di cambiare molte cose della sua vita… Anche molte donne si sono ritrovate, quasi commosse…

Non è facile restare in equilibrio tra il racconto di sè e lo stare sul racconto di tutti, sfociando nel qualunquismo… un lavoro di sfumature che ti è uscito alla grande mi pare.

Ti ringrazio, è proprio questo che volevo… io l’ho scritta perché ci sono passata in prima persona, ma anche ascoltando altre storie di donne, vite che sono cambiate. È sempre molto interessante ascoltare le storie degli altri per imparare qualcosa.

Non è facile lasciare da parte il proprio ego e ascoltare gli altri…

Esatto, questa è una delle pochissime canzoni del mio repertorio che non dice “Questa sono io!” e questo mi ha fatto sentire cresciuta… sarebbe stata o più facile portare la mia vita, meno scontato portare una riflessione che possa coinvolgere molti.

Una differenza anche a livello di indole e di presenza scenica, portando qualcosa di completamente diverso da quel che molti si aspettavano e che in passato ha fatto la tua fortuna…

Si, ho messo in gioco le cose che mi avrebbero dato sicurezza e che per anni son state la mia forza, andando per la prima volta a dare più importanza alla canzone che a me.

E non credo sia stato facile – con grandi aspettative sul tuo conto – mettere da parte alcuni aspetti della tua personalità sul palco…

Ci sono arrivata dopo un lungo percorso personale, nemmeno durante la lavorazione del disco sapevo che questa canzone avrebbe preso un posto così rilevante. L’abbiamo scelta perché era quella che emanava un’emozione particolare ad ogni ascolto.

UN VENTO SENZA NOME – IRENE GRANDI – VIDEO 

In occasione dell’esperienza a Sanremo è uscito il tuo nuovo disco, Un vento senza nome, che conferma un’evoluzione e una consapevolezza. Un nuovo progetto che arriva dopo las celta di un ritmo produttivo  che ormai da anni muove la tua carriera. Un disco che contiene molto di te: con la scrittura di 9 degli 11 brani presenti. Dove è nato questo disco?

E’ un disco nato in svariati posti, tutti caratterizzati dal raccoglimento e dalla solitudine. Un’atmosfera che ha caratterizzato la mia pausa dalle scene, tra il 2010 ad oggi ad eccezione dell’esperienza di Bollani che ha contribuito molto alla nascita di questo disco, concepito fuori dal casino, in campagna dove vivo. Poi ho trascorso un periodo a Roma, in un appartamento nel quale mi ero trasferita per cercare nuove collaborazioni che in realtà si è trasformato in un “ritiro”: non conoscendo molta gente stavo spesso in casa da sola, in una stanzetta che mi ispirava. Per questo Roma mi ha fatto trovare qualcosa dentro invece che fuori. Nel frattempo ho anche viaggiato in posti lontani, sempre da sola, concedendomi dei tempi non da turista che mi hanno permesso di stare spesso in posti splendidi con una chitarra e la mia solitudine a creare cose.

A mio parere uno dei pezzi più riusciti è Roba bella, esempio di originalità e intensità, me ne parli?

Questo è un esempio dell’altro volto del progetto, quello delle collaborazioni nelle quali credo parecchio. Roba bella nasce dal progetto Pastis, creato dal mio produttore Saverio Lanza e da suo fratello che si occupa dei video. Una canzone nata proprio da un video: la ripresa di un uomo al mercato che grida vendendo i suoi prodotti di montagna. Saverio ha costruito la parte musicale con questa voce che diventa canto grazie ai suoi accordi, mentre io ho scritto il testo della mia parte, puntando non a parlare di me ma di lui. Forse è stato il primo pezzo dove ho voluto parlare di altri invece che portare una mia esperienza. Mi ha ispirato questa vita poetica del mercato, quasi d’altri tempi: un venditore del sud che si pone col suo modo di fare, una realtà magica che lo fa sembrare un canto. Un progetto che vorrei portare al meglio in teatro con la proiezione del video, che chiarirà meglio la genesi di questo duetto e la natura di questo personaggio.

Sarai protagonista di un tour teatrale, che inizierà il 7 maggio da Firenze. Si riparte da casa?

Si, se la creatività del progetto è nata in diversi posti la realizzazione del disco è molto fiorentina: i musicisti,  i tecnici, le foto… Forse perché sono stata più ferma nella mia città rispetto agli anni nei quali ero sempre in giro con la mia musica, mi sono riavvicinata anche alle maestranze che lavorano qui. Quando mi hanno proposto di iniziare il tour da Firenze mi è sembrata una bella idea per sottolineare che questo disco ha molti elementi che provengono dalla mia città.

Cosa troveremo in questo spettacolo venendo a vederti?

Faccio fatica a non mettere tutto l’album, ma non si può esagerare… ci sarà spazio per le nuove canzoni ma anche per molte canzoni tra le più note del mio repertorio, ho scelto le più note e non quelle “minori” che amo di più, proprio per alternare cose nuove e cose molto conosciute. I miei pezzi storici saranno tutti rivisitati  attraverso un lavoro che darà ad ognuno un’ambientazione diversa… l’idea è di creare qualcosa di minimale, con i fiati e un’atmosfera quasi retro che va bene sia con canzoni nuove come Una canzone che non ricordo più, scritta da Cristina Donà e che si potrebbe benissimo collegare alla mia cover Sono come tu mi vuoi o anche all’aria leggera che richiama spiagge d’altri tempi di In vacanza da una vita, che ha già qualche anno e inizia ad essere un pezzo vintage.  Passare da momenti intimistici a momenti di leggerezza e allegria, amalgamando le cose più vecchie alle nuove canzoni.

Qual’è il live in assoluto che ti ha emozionato di più?

Il primo che mi è venuto in mente, anche per la nostalgia di non poterlo far più, è quello che feci con Pino Daniele nel 1995 un anno super power per me, nel quale Pino mi invitò a seguirlo in tutto il suo tour come ospite. Era l’anno di Se mi vuoi mi pare, io cantavo solo due canzoni con Pino ma mi potevo godere lui e la sua musica dal mixer tutte le sere. Un’esperienza atipica ma emozionante, ero agli inizi e mi trovavo in palazzetti che scoppiavano per l’affetto verso Pino, lui era in uno stato di grazia e io c’ero… un’esperienza unica. Un grande maestro di musica, di canto e di vita, mi ha sempre dato tanto… Se mi vuoi è stata una grande canzone mi ha fatto conoscere tanto al sud.

Hai inserito anche la cover della sua A me me piace o blues, nel tuo precedente disco, come ha commentato lui la tua versione?

Diceva che avevo fatto una cosa da scugnizza… gli era piaciuta molto, diceva che eravamo riusciti a dare un aspetto frizzante e l’aveva incuriosito il mio modo di cantare, iniziando la canzone con un tono molto basso, quasi maschile per poi tornare ad essere donna…

SE MI VUOI – PINO DANIELE feat. IRENE GRANDI – VIDEO

In passato hai avuto anche alcune parentesi da attrice e presentatrice, potresti aver voglia di riprovare esperienze parallele alla musica in questa fase della tua vita?

Ma non so in questo momento non ci penso, non mi sono arrivate proposte importanti, peccato. Mi piacerebbe tornare a fare una colonna sonora, amo molto il mondo del cinema, più che di quello televisivo. La conduttrice potrei farla ma mi sembra un lavoro molto diverso… il presentatore è una figura neutra di solito… non mi fa impazzire come idea, poi dipende tutto da cosa dovrei fare.

Sicuramente ti hanno proposto di diventare giudice in un talent, ti ci vedresti mai?

Me l’hanno proposto ma non me la sono mai sentita, non penso che potrei avere la leggerezza che servirebbe. Io me la immagino come una sofferenza… per i ragazzi, metterli uno contro l’altro, la competizione, dover scegliere di escludere qualcuno. Sono troppo emotiva su queste cose, non ce la farei.

Un altro lato del ruolo sarebbe la scoperta di nuovi talenti, ti vedresti come produttrice di qualche talento emergente?

Quello mi piacerebbe molto di più, piuttosto che mettere dei ragazzi in un’arena a competere ferocemente. Mi piacerebbe invece lavorare su una persona o su un gruppo.

 Lo stai facendo?

Mah, non proprio… sto seguendo alcune cose da incoraggiatore, non da produttore. Mi sono imbattuta in un gruppo fiorentino che mi piace, una realtà già formata con i loro equilibri e gli sto dando una mano solo suggerendo loro alcune cose, si chiamano Beyond the Garden hanno vinto il Rock Contest, li trovi su Facebook sono giovanissimi…

Quali sono le principali differenze che vedi tra l’Irene Grandi di Un vento senza nome e quella di  La tua ragazza sempre?

Una è il sole, l’altra la luna. Due donne diverse: con La tua ragazza sempre vedo una donna solare e sicura di sè,  egocentrica e con meno esperienza… alla ricerca della libertà e dell’autenticità, che crede che la vita sia fatta solo di successi e di vittorie. L’altra è una donna più lunare e femminile, consapevole che la vita è fatta di sacrifici e cambiamenti, una donna disponibile a prendere quello che la vita le offre senza dover per forza conquistare qualcosa.

Ringraziamo Irene Grandi per la disponibilità con la quale ci ha mostrato il suo nuovo mondo in quest’intervista e vi ricordiamo che l’artista è impegnata nei preparativi del tour teatrale che partirà da Firenze a inizio maggio, ecco le date:

 07 maggio – Firenze – Obihall
09 maggio – Rimini – Teatro Novelli
12 maggio – Bari – Teatro Palazzo
13 maggio – Roma – Auditorium Parco della Musica
15 maggio – Mestre – Teatro Toniolo
16 maggio – Senigallia – Teatro la Fenice
21 maggio – Venaria Reale (TO) – Teatro della Concordia
22 maggio – Carpi (MO) – Teatro Comunale
24 maggio – Trento – Auditorium Santa Chiara di Trento
25 maggio – Milano – Teatro Dal Verme

Si ringrazia l’ufficio stampa di Irene, MN Italia nella persona di Cristiana Zoni.


In Copertina

I Top e Flop di Amici di Maria De Filippi tra i gli artisti vincitori

Chi tra i vincitori del talent show di Canale 5, ballerini a parte, ha realmente concretizzato il proprio successo?.

Morgan nuovo Sindaco di Milano: sì o no?

Morgan Sindaco di Milano?È di qualche giorno fa la notizia che Morgan stia valutando l'ipotesi di candidarsi a Sindaco di Milano. L'idea è stata lanciata.

Sfera Ebbasta: dal 27 ottobre su Amazon Prime Video il film “Famoso”

Sarà disponibile in 5 lingue su Amazon Prime Video dal 27 ottobre "Famoso" il film di Sfera Ebbasta, diretto da Pepsy Romanoff.

Certificazioni FIMI settimana #42: Ultimo, Salmo, Mahmood, Adriano Celentano e...

Tra gli album "d'annata", arriva una nuova certificazione per "Io non so parlar d'amore" di Adriano Celentano.

ESCLUSIVA: torna Marco Guazzone. Il nuovo singolo è con Elisa

La cantautrice già negli anni passati ha condiviso il suo palco con Guazzone.

Laura Pausini svela data di uscita e copertina di Io sì (Seen)

Il brano è stato composto da Diane Warren con la collaborazione della stessa Laura e di Agliardi.

Spotify Italia lancia "Radar Italia" per sostenere gli artisti emergenti. Ma quali emergenti?

Tra i nomi coinvolti per il lancio Cara, Mara Sattei, Speranza e Venerus.

Festival di Sanremo 2021, fuori il regolamento. Ecco tutte le novità.

Cambiamenti, che onestamente non ci convincono appieno, anche per la gara delle Nuove proposte.

Area Sanremo 2020: ecco i nomi dei primi iscritti (in aggiornamento)

Quest'anno, a causa dell'emergenza sanitaria COVID-19, il limite delle iscrizioni sarà di 600 artisti.

Release Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Francesco Bianconi: “Avevo voglia di tornare a qualcosa di più minimale e pure!"

E' uscito l'album d'esordio solista di Francesco Bianconi Forever. Disco che colpisce fin dal primo ascolto per l'approccio minimale ed equilibrato.

Videointervista a Osvaldo Supino: "Voglio raccontare il mio vissuto e aiutare gli altri a non sentirsi soli"

E' uscito il nuovo singolo di Osvaldo Supino Cold Again, ultimo estratto da Sparks. Brano intenso in cui si tocca il tema della depressione.

Videointervista a Matteo Alieno: “Il Mondo degli adulti è troppo poco fantasioso”

E' uscito per Honiro Rookies l'album d'esordio di Matteo Alieno Astronave, disponibile in digitale e in doppio cd arricchito da un fotofumetto.

Donix: arriva il primo disco solista di una “schizofrenica della musica”

Di solito le interviste che realizzo per All Music Italia sono quasi sempre delle cosiddette story, delle esplorazioni di carriere longeve alla ricerca di particolari.

Videointervista a Samuele Bersani: “Non avevo mai ricevuto un simile bagno d'amore tutto in una volta!”

Videointervista di presentazione di Cinema Samuele, il nuovo album di Samuele Bersani che ha esordito sul podio della classifica Fimi.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Sanremo 2021: Amadeus alle prese con la scelta del cast del Festival "salva carriere"

Festival di Sanremo 2021, un'edizione importante quella che prenderà il via nel mese di marzo. La prima dell'era (si spera) post Covid-19, quella in cui tanti artisti cercheranno ossigeno per riprendersi da un momento discografico difficile e dalla quasi totale assenza di live.Lo abbiamo detto più volte sulle nostre pagine, quella che ci aspetta sarà...

News

LINECHECK 2020 MUSIC MEETING AND FESTIVAL: ecco il cast e i dettagli per assistere

Un'edizione va vista come una delle possibili risposte di una filiera che più che Resiliente deve diventare coesa, proiettata verso il futuro.

I Top e Flop di Amici di Maria De Filippi tra i gli artisti vincitori

Chi tra i vincitori del talent show di Canale 5, ballerini a parte, ha realmente concretizzato il proprio successo?.

Achille Lauro: disponibile in edizione limitata in picture disc “1969 Achille Idol Rebirth”

Il 25 ottobre Achille Lauro sarà ospite al Lovers Film Festival di Torino e sui social ha svelato qualche news.

AmaSanremo: in giuria Piero Pelù, Luca Barbarossa e Beatrice Venezi

Al via il 29 ottobre AmaSanremo, il format che selezionerà 10 artisti che parteciperanno il 17 dicembre a Sanremo Giovani. .

Sfera Ebbasta: dal 27 ottobre su Amazon Prime Video il film “Famoso”

Sarà disponibile in 5 lingue su Amazon Prime Video dal 27 ottobre "Famoso" il film di Sfera Ebbasta, diretto da Pepsy Romanoff.

Stefano Sala: parole di fuoco contro l'esclusione da Sanremo Giovani

Stefano Sala, personaggio televisivo, attore, modello e cantante noto per la partecipazione al GF Vip, è stato escluso da Sanremo Giovani e non l'ha presa bene!.

ESCLUSIVA: torna Marco Guazzone. Il nuovo singolo è con Elisa

La cantautrice già negli anni passati ha condiviso il suo palco con Guazzone.

Morricone segreto: 27 canzoni, tra cui 7 inediti, per omaggiare il lato noir del Maestro

Una "raccolta" speciale che esplora il lato più psichedelico del Maestro.

Milano Music Week 2020: torna la settimana dedicata alla musica

Sostegno al lavoro ed eventi in digitale saranno al centro della manifestazione.

Martina Beltrami torna "griffata" Rigonat con il singolo "Ti vengo a cercare"

Il brano arriva dopo il successo su Spotify di "Luci accesse", oltre 2 milioni di stream.

Giordana Angi: imminente l'uscita del nuovo singolo, "Siccome sei"

Il brano potrebbe segnare il ritorno ad atmosfere più cantautorali dopo il pop di "Amami adesso".

Sport e Musica: quali sono le canzoni preferite degli atleti della Coppa del Mondo di sci?

Il connubio tra sport e musica e imprescindibile. Ne abbiamo parlato con Marta Bassino, Federica Brignone e Sofia Goggia in occasione dell'opening della Coppa del Mondo di sci.

Cordio: finalmente in cd le 14 tracce dell'album d'esordio “Ritratti Post Diploma” prodotto da Ermal Meta

Dopo aver pubblicato le 14 tracce in due Ep, è ora uscito in cd Ritratti Post Diploma, l'albrum d'esordio di Cordio prodotto da Ermal Meta.

Moreno risponde al dissing di Gemitaiz: "Ci possiamo sfidare se vuoi... io ho aperto una strada con Amici"

Il rapper parla della sua esperienza ad Amici e lancia un suo consiglio ai giovani artisti.

Gemitaiz contro Moreno: "Non andate ai talent, poi fate un doppio platino, e solo quello nella vita"

Il rapper parte da una lite del 2013 con Moreno per dare il suo personale consiglio a chi vuole fare musica.

News
dalla discografia

Soundreef: dal 2021 la gestione per l'online dei Big del rap e della trap

Concerti: 12 milioni agli organizzatori per ripianare parte delle perdite subite in questi mesi difficili

Ticketmaster comunica le nuove iniziative per il ritorno al live

Orchestra Sinfonica di Sanremo: finalmente avrà una sua sede, il Palafiori

La musica che gira: il punto della situazione e due grandi risultati ottenuti

Sugar Music Publishing & Warp Publishing siglano un accordo di sub edizione

Rubriche

La mosca Tzè Tzè

Morgan nuovo Sindaco di Milano: sì o no?

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 16 ottobre

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 16 ottobre

(s)cambio generazionale

Daniel Ek, CEO di Spotify: rilasciare un album ogni tre anni funziona ancora?

Sondaggi

Sondaggio: scegli tu il tormentone dell'estate 2020

Testo & ConTESTO

TESTO & CONTESTO SPRITZ CAMPARI: IL TORMENTONE DI MIETTA CI INSEGNA A DIRE "VATTENE, AMORE" CON STILE

W la mamma

Festa della musica, sì, ma se la facciamo #senzaMusica, chi se ne accorge?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Emergenti

Aka 7even lancia il singolo "CoCo" in duetto con Biondo

Morris Gola ritorna al rap attento al sociale in "Plexiglas"

Alpaca ci porta nel suo mondo con garbo e gentilezza in "Non siamo più bambini"

Torna con la sua indole punk il giovane Blanco. Il nuovo singolo è "Ladro di fiori"

Deiv: sfumature di blues, funk e soul nel nuovo singolo “DM” prodotto da Salmo

La Scapigliatura live a Parigi! In anteprima i brani dell'album “Coolturale”

Certificazioni FIMI settimana #42: Ultimo, Salmo, Mahmood, Adriano Celentano e...

Classifica Spotify Settimana #42: prosegue il dominio Bloody Vinyl, ma Ernia non demorde!

Classifiche di Vendita Fimi Settimana #42: Bloody Vinyl ferma l'ingresso di Carl Brave e dell'omaggio a Guccini

Classifica Radio Earone Settimana #42: Dua Lipa ancora prima, ma sul podio irrompe Fedez!

Certificazioni Fimi Settimana #41: riconoscimenti per Emis Killa & Jake La Furia, Random, tha Supreme, Salmo, Fedez e...

Classifica Spotify Settimana #41: dominio Bloody Vinyl! 9 brani nella Top Ten!

Recensioni

Ghemon: "Scritto Nelle Stelle" e con una grafia bella chiara e leggibile… anche per altre voci svogliate

Francesca Michielin: Feat e il suo stato di natura… ribelle.

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Video

Highsnob Intervista Yang

Senz'r Intervista Modem

Francesco Bianconi Intervista Forever

Il Master “Fare Radio” si gemella con I love my radio

Matteo Alieno Intervista Astronave

Bauli in Piazza – La protesta a Milano

Samuele Bersani Intervista Cinema Samuele

Francesco Guccini e Mauro Pagani Note di Viaggio Capitolo 2

Michele Morrone Intervista Dark Room

Roby Facchinetti Intervista Katy per Sempre

Jamil Intervista Rap Is Back

Vale Lambo Intervista Come il Mare