20 Dicembre 2017
Condividi su:
20 Dicembre 2017

L’ANALISI di MAURIZIO SCANDURRA: perchè sempre gli stessi, e a volte gli sconosciuti, al FESTIVAL di SANREMO?

Il giornalista e Maurizio Scandurra cerca di far luce per noi sul motivo per cui al Festival di Sanremo approdano sempre "gli stessi nomi"

Condividi su:

Oggi ospitiamo con piacere sulle pagine di All Music Italia il giornalista e critico musicale Maurizio Scandurra che prova a rispondere ad alcune domande che in molti si pongono: perché al Festival di Sanremo transitano sempre gli stessi nomi in gara? Perché spesso salgono su quel palco degli artisti sconosciuti al grande pubblico?
A lui la parola
Da qualche anno assistiamo – per lo più impotenti, spettatori obbligati – al curioso fenomeno che vede artisti improbabili e altrettanti ricorrenti in più edizioni (anche, consecutive) calcare frequentemente il palco del Festival di Sanremo: per dirla con il titolo di un capolavoro del mai dimenticato Pino Mango (che ricordo a dovere sempre con affetto volentieri), ‘Contro tutti i pronostici’.

E, ben più di qualcuno, infatti, si chiede come sia possibile che nomi di cantanti sconosciuti ai grandi media nazionalpopolari (o meglio, magari stranoti nel circuito cosiddetto ‘indie rap’, ‘indie pop’ o della nuova ‘alternative music’ o ‘sottobosco musicale’ più semplicemente detto), di colpo, possano approdare più che facilmente – con tanta vistosa ed evidente eclatante maniera – a un contesto così ambito. In questo articolo proverò a spiegarvelo.

SEMPRE MENO CASE DISCOGRAFICHE, SEMPRE PIU’ ARTISTI

Tal ‘rito’, se così mi è consentito definirlo, ha iniziato a prendere corposamente e copiosamente piede dal dopo Baudo in poi, in special modo dal 2008 a oggi, contestualmente al consolidarsi di Amici di Maria De Filippi, e all’avvento di altri talent a sfondo canoro.

Complici, in premessa, già intorno ai primi anni 2000, una serie di cambiamenti generali epocali a livello, oltre che di moda e costume, anche e soprattutto di ordine macroeconomico – derivanti dall’impatto, persino in ambito musicale, degli effetti di globalizzazione e new economy – coincisi con la progressiva ‘fusione per incorporazione’ (questo il termine tecnico corretto) tra loro delle principali etichette discografiche presenti sul territorio nazionale.

Nel 1990, in Italia, esistevano, tra le prime e più importanti imprese del comparto musicale, RTI MUSIC, CGD, WEA, CBS/SONY MUSIC, BABY RECORDS, FIVE RECORDS, EMI, FONIT CETRA, SUGAR, POLYGRAM, POLYDOR, MERCURY, EPIC, COLUMBIA, CAROSELLO, BMG, MCA, RCA.

In tutto, circa una ventina di grandi players del settore che, a partire dal 1995 ad oggi, in soli 22 anni si sono via via ridotte a circa 6: SONY, WARNER, UNIVERSAL (sul versante ‘major’) e SUGAR, CAROSELLO e la neonata italiana BMG RIGHTS MANAGEMENT (ovvero, le indipendenti più note).

Sei realtà superstiti – finchè esisteranno (e r-esisteranno ancora, questa è la verità), perché il web e i new social media incombono con potenza sempre più – che, chi più, chi meno, si sono trovate di fronte all’enorme difficoltà di dover far obbligatoriamente proprie le scuderie piene zeppe di artisti che provenivano dalle vecchie storiche etichette inglobate, ma a un prezzo altissimo: quello di aver, di contro, ridotto drasticamente gli organici dei dipendenti, in nome degli obiettivi finanziari e di asset strategici in termini di human resources dettati da Consigli di Amministrazione che, alla definizione di ogni nuovo bilancio a fine anno, riducono sempre più i budget a disposizione.

Chiamare queste aziende ‘major’ perché fa figo, a me – invece – fa sia ridere che pena al tempo stesso per chi c’è al loro interno: conosco infatti rispettabili carrozzerie organizzate che fatturano molto, molto di più, con utili e dividendi che la discografia di oggi si sogna.

Un tempo, sino a 20 anni fa, era il contrario. Basta leggere ed esaminare storicamente i bilanci di queste aziende, anche ben prima del cambio Lira/Euro, per vedere la mala gestione del presente, rispetto al passato.
Forse perché, proprio vent’anni fa, v’erano ancora discografici seri e illuminati? Mentre oggi, chi ha fallito in un’etichetta diventa capo e vertice di un’altra, anziché cambiar mestiere? A rimetterci, intano, sono sempre musica, artisti, fatturato e pubblico.
Ma chi di sano di mente, CHI, per restare in metafora, affiderebbe ancora la cura della propria auto a un carrozziere incapace? Bene, questo è invece quel che accade quotidianamente nel pop-rock italiano.

CASE DISCOGRAFICHE: SEMPRE MENO DIPENDENTI, SEMPRE PIU’ CONTRATTI DA GESTIRE

Quindi, ricapitoliamo: da un lato, troppi artisti da gestire per una stessa casa discografica (per fare un esempio, si pensi all’eccesso di profughi sulla piccola Lampedusa: come fanno a starci tutti?)… e intanto qualcuno viene dimenticato. Qualcun altro, invece, fa causa per ottenere giustizia sul mancato rispetto di un contratto (attendendo magari secoli per avere una liberatoria che sblocchi almeno la carriera)… Mentre qualcun altro ancora, invece, viaggia a gonfie vele, e arriverà a 80 anni a far ancora parte del roster della medesima etichetta con cui ha iniziato la carriera, per sua buona fortuna: pochissimi, forse neanche il 7% del totale.

E gli impiegati e dirigenti lasciati a casa, invece, dove sono finiti? Alcuni – che, per così dire, godono di ottimi rapporti con i cosiddetti ‘poteri forti’ della discografia italiana -, pur cambiando in media ogni 10 anni circa poltrona, ufficio e scrivania, sperano di tagliare l’ambito e altrettanto arduo traguardo della pensione, rischiando in tal senso di farcela.
Altri – i più eroici, intrepidi, impavidi, ma non sempre capaci – o hanno aperto partita Iva, o si sono associati tra loro, svolgendo dall’esterno – in outsourcing – il medesimo lavoro di prima sotto qualche nuova ragione sociale, in nome e per conto delle case discografiche di cui erano prima dipendenti, a costi decisamente inferiori, per lo più, rispetto a quando erano assunti. E non tutti, inoltre, lavorano continuamente: molti, invece, a consulenze spot, sperando in continui rinnovi e altrettante proroghe per sbarcare il lunario.

Gente comunque di cui ovviamente le aziende discografiche – stracolme oltre l’orlo della bottiglia di cantanti da non saper più dove mettere né che cosa far cantare per riuscire a portare a casa due denari di royalties -, hanno ovvia e ragionevole necessità, proprio in quanto costrette ad appoggiarsi a consulenti esterni.

Di qui, dunque, la moltiplicazione – in stile pani e pesci di biblica memoria – del fiorire e proliferare di questa o quella agenzia di promozione che – per acquisire un cliente in più (o, come dice il sottoscritto, per ‘coglionare’ – perdonatemi il neologismo tout court – un emergente o un Big), paventano e millantano molteplici benefit (a cui credono solo loro) per via dei passati (e, spesso, fugaci e tempestosi) trascorsi impiegatizi e/o dirigenziali in questa o quell’etichetta discografica.

GLI ARTISTI DEI TALENT HANNO INTASATO LE MAJOR DEL DISCO

A complicare le cose, infine, ci pensano i talent show, che pesano da almeno 10 anni a questa parte per quasi il 90% delle acquisizioni contrattuali delle case discografiche, sfornando più cantanti da accasare che le panetterie alle prese con brioches e pizza da servire al banco: ma come si può pensare di poter seguire – tutti e bene – una media di circa nuovi 10 artisti l’anno per accordi ciascuno di minimo tre dischi in 5 anni, senza avere almeno un centinaio di addetti al comparto artistico, promozionale, legale e di marketing? Oggi, le case discografiche più fortunate sfiorano in rarissimi casi i 25/40 dipendenti diretti al massimo.

Ecco dunque che, come accade anche nelle migliori toilettes, prima o poi si arriva alla soglia limite. All’intasamento.
Dove mandiamo tutta questa gente” – pensano loro, i discografici, sempre per antonomasia geneticamente più ‘furbi’ degli altri – “cui abbiamo fatto e scritto mille promesse, e dato acconti in denaro a conferma dei contratti sottoscritti, per evitare che qualcuno più incazzoso, magari, ci faccia causa? A Sanremo, ma è chiaro! Problema risolto”.

Svelato così il mistero che fa sì che taluni artisti, in 4 o 5 anni, vadano al Festival in media dalle 2 alle 4 volte ciascuno. Qualcuno anche tre di fila, come nel caso dell’era Carlo Conti. Sconosciuti del sottobosco musicale compresi, anche quando i risultati scarseggiano o latitano del tutto. Pietendo anche supplici in ginocchio la Rai e i Direttori Artistici della kermesse perché prendano in gara i loro accoliti. Ma che tristezza!

CANTANTI STORICI LASCIATI A PIEDI, SENZA PIU’ SPAZIO NELLA MUSICA ITALIANA

Uno scempio perpetrato e reiterato ignominiosamente ai danni della buona Musica. A discapito dei veri Big, costretti per lo più a confluire – i più fortunati – nelle etichette indipendenti – oppure – i più sventurati – al regime dell’autoproduzione nuda e cruda. Fuori da ogni logica commerciale e radiofonica. Emarginati, assenti, impotenti. O, per meglio dire, azzerati. Appare pertanto oggettivamente evidente il fallimento di Claudio Baglioni, ancor prima di aver cominciato.

Cantanti di razza che, magari, oggi, hanno 45-50-55-60 e più anni di età, ma almeno 30 e passa di carriera e tante canzoni di successo alle spalle, che vengono ignobilmente bistrattati e dimenticati dalla ‘discografia ufficiale’, sempre invece più a caccia di ragazzini e adolescenti.

Un’ultima, triste considerazione. La musica, in Italia, fattura appena 160 milioni euro: briciole per affamati, sia chiaro! Con queste premesse, è già anche sin troppo: 7 produttori di campane, in Italia, generano in proporzione un indotto lordo e netto ben maggiore, inteso come valore e ricaduta occupazionale.

Raramente – o meglio, quasi mai, salvo eccezioni – si va in gara a Sanremo per merito della canzone fine a sé stessa. La verità, mio malgrado, è QUESTA.
Parentesi chiusa.
Parola di Maurizio Scandurra.


In Copertina

Achille Idol prende il sopravvento e annuncia "Achille Lauro Tour 2020" (date e biglietti)

Raddoppia la data di Roma e si aggiungono nuovi appuntamenti in giro per l'Italia.

Classifica Radio Earone Settimana #8: Elodie guida un podio tutto sanremese

La classifica radio Earone di questa settimana premia i brani di Sanremo. Sono ben 6 i pezzi reduci da Sanremo presenti nella Top Ten.

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 21 febbraio

Enrico Ruggeri, Young Signorino, Ghemon e tanti, ma proprio tanti, artisti emergenti.

Anteprima Video Il Pesce Parla: la condizione del lavoro giovanile nel singolo “Pos?”

E' uscito "Pos?", il singolo d'esordio della band Il Pesce Parla, vincitrice dell'ultima edizione del contest Rock Targato Italia.

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 21 febbraio

Radio date 21 febbraio 2020.Il radio date di questa settimana soffre nuovamente gli effetti del Festival di Sanremo. Anche oggi i big della musica italiana.

Morgan: la verità sulla partitura insuonabile dall'orchestra e sull'esecuzione dalla D'Urso

Il Maestro Valeriano Chiaravalle svela nuovi dettagli sull'arrangiamento di Morgan per la cover di Endrigo ma non solo, da un filmato di Red Ronnie.

Michele Bravi è pronto a tornare... "La Geografia del buio" è il nuovo album

A tre anni di distanza da "Anime di carta" il cantautore è pronto a tornare con un disco che è un viaggio in un labirinto alla ricerca della luce.

Benji & Fede è finita! C'eravamo tanto amati... e poi?

Benji & Fede hanno annunciato il loro ultimo concerto insieme.Era ora che Benjiamin Mascolo e Federico Rossi avessero vita autonoma. Perché i due sono un.

SANREMO 2020: PREMIO TESTO & ConTESTO. I testi migliori (e i peggiori) del Festival

Quali saranno i testi (e le singole frasi) migliori e peggiori di questo Sanremo 2020 per il Prof. di Latino di All Together Now?.

Radio Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

ALL MUSIC ITALIA promuove la musica, non vende la pubblicazione di articoli!

A seguito di alcune segnalazioni da parte di artisti emergenti e produttori ci troviamo costretti a ribadire alcuni importanti concetti sulla natura del nostro sito.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Piero Pelù: “Non devo celebrare niente, ma solo festeggiare”

E' uscito "Pugili Fragili", il nuovo album di Piero Pelù. Un viaggio musicale in cui si nota la forte contaminazione tra rock ed elettronica.

Videointervista a Dj Jad e Wlady: "Stiamo realizzando un album... contaminato!"

E' uscito "Rompe", il nuovo singolo di Dj Jad e Wlady, che per l'occasione hanno coinvolto la star colombiana Joy Santos. Aspettando l'album che promette di sorprendere!.

Intervista a Edwyn Roberts: "Sono concentrato sul mio percorso autorale ma mi sento anche pronto per Sanremo..."

Edwyn è co-autore di "Fai rumore", brano vincitore del 70esimo Festival di Sanremo. Con lui parliamo del suo percorso d'autore, di quello da cantautore e del sogno ancora nel cassetto.

Videointervista a Mameli: "Sono in una fase in cui sto imparando un sacco di cose"

"Non ci sei più" è il nuovo singolo di Mameli, che anticipa l'album che vedrà la luce nel 2020. Ecco la nostra videointervista di presentazione del progetto. .

Videointervista a Diodato: “Ho fatto tanta gavetta ed è bello che ciò venga riconosciuto”

Videointervista al vincitore del Festival di Sanremo Diodato che con il brano "Fai Rumore" ha conquistato le classifiche. A poche ore dall'uscita dell'album "Che vita meravigliosa".

Videointervista ad Antonio Maggio: da Sanremo a "La Faccia e il cuore"

Antonio Maggio La Faccia e il cuore. Antonio Maggio è tornato quest'anno al Festival di Sanremo dopo la vittoria tra le Nuove proposte del 2013.Quest'anno.

Videointervista a Rancore: “Ho sognato una mela che si stacca dall’albero...”

Rancore è l'ultimo artista in gara previsto nella scaletta del Festival 2020. Lo abbiamo incontrato a poche ore dalla finale per parlare di "Eden".

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Morgan, la lenta agonia di un artista a favore di camera

Bugo e Morgan. Nell'ultima settimana sui siti internet, nelle riviste e in televisione non si è parlato d'altro. Di Morgan soprattutto (vedi qui).E così, se da una parte abbiamo un artista, Bugo, ferito da quanto successo al Festival di Sanremo, che cerca di far conoscere il suo album, l'ottimo Cristian Bugatti, cercando di lasciar parlare...

News

Baby K torna in veste femme fatale con il singolo "Buenos Aires"

Nel brano la storia di una donna ferita che mostra come le fragilità spesso possano rendere l’essere umano più forte e determinato.

Achille Idol prende il sopravvento e annuncia "Achille Lauro Tour 2020" (date e biglietti)

Raddoppia la data di Roma e si aggiungono nuovi appuntamenti in giro per l'Italia.

Galeffi "Settebello" è il titolo del nuovo album in arrivo a marzo

L'album, già anticipato da tre singoli, sarà lanciato con il brano omonimo.

Daniel unisce reggaeton, dance e suoni tribali, nel nuovo singolo "Gonna" (testo e audio)

Dopo il successo degli ultimi due singoli il giovane artista si conferma il principe del reggaeton italiano.

La Rappresentante Di Lista: in partenza il tour tra sold out e nuove date

Dopo gli ottimi riscontri ricevuti per la loro partecipazione al Festival di Sanremo in veste di ospiti di Rancore e Dardust, è tutto pronto per il nuovo tour de La Rappresentante di Lista.

Fausto Leali: dopo Sanremo un tour che lo porterà... in Australia e...

Dopo essere tornato sul palco di Sanremo in qualità di ospite di Michele Zarrillo, Fausto Leali si sta preparando per un tour teatrale che toccherà anche l'Australia!.

Morgan: la verità sulla partitura insuonabile dall'orchestra e sull'esecuzione dalla D'Urso

Il Maestro Valeriano Chiaravalle svela nuovi dettagli sull'arrangiamento di Morgan per la cover di Endrigo ma non solo, da un filmato di Red Ronnie.

Nitro: nel nuovo album feat. con Fabri Fibra, tha Supreme, Dani Faiv e molti altri ancora

Il nuovo progetto discografico rappresenta la prima uscita firmata ARISTA, storica label di Sony Music .

Cordio: annunciate altre date live aspettando... i nuovi brani prodotti da Ermal Meta

Sono passati tre mesi dall'uscita dell'Ep "Ritratti Post Diploma" di Cordio. Ora, in attesa di nuovo brani, sono state annunciate tre date live.

Diodato e Brunori Sas tra i candidati ai David di Donatello 2020

La cerimonia si svolgerà nel mese di aprile e sarà trasmessa in diretta su Rai 1.

Rita Pavone racchiude la sua storia in un doppio album con 37 canzoni

Nel disco anche duetti con Lucio Dalla, Planet Funk, Dario Gay, Paul Anka, Franco Simone.

I Ricchi e Poveri si trasformano in... cartoni animati e lanciano il nuovo videoclip

Dopo la reunion sanremese per i Ricchi e Poveri è il momento del videoclip del brano "L'ultimo amore" che li vede in un'inedita versione... animata!.

DiMaio e la potenza della sua doppia vocalità in "Bianco" scritto da Dardust

"Mi piacciono tanto le sfide che ho deciso di curare anche la direzione artistica dell’album" afferma Dardust.

Michele Bravi è pronto a tornare... "La Geografia del buio" è il nuovo album

A tre anni di distanza da "Anime di carta" il cantautore è pronto a tornare con un disco che è un viaggio in un labirinto alla ricerca della luce.

Cesare Cremonini il nuovo singolo estratto dal Best of è "Giovane stupida"

Da giugno il cantautore sarà impegnato con un tour negli stadi italiani.

News
dalla discografia

KeepOn LIVE e SCF firmano la prima convenzione sul Diritto connesso per i festival

Club Tenco: il nuovo legale rappresentante è Sergio Staino

Mariano Fiorito nominato direttore generale di SCF Srl, la principale società di collecting dei diritti discografici

FIMI - Arriva il decreto... il videoclip è una forma d'arte

Giulia Anania firma un nuovo accordo in esclusiva con Warner Chappell Music Italiana

Assomusica: il biglietto nominale non risolve il problema del Secondary Ticketing

Lorenzo Vizzini: l'autore firma un contratto in esclusiva con BMG

Malcky G il più giovane rapper italiano firma un contratto con Universal Music Italia

Rubriche

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 21 febbraio

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 21 febbraio

La mosca Tzè Tzè

Benji & Fede è finita! C'eravamo tanto amati... e poi?

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Sondaggi

ALL MUSIC ITALIA AWARDS 2019 – Fase finale

Emergenti

Anteprima Video Il Pesce Parla: la condizione del lavoro giovanile nel singolo “Pos?”

Il flow ipnotico di Anna ci conduce nel suo Bando (testo)

Fumè: il singolo Immenso è dedicato all'amore che resta per sempre

Smiscio: il trauma per la perdita di un amico nel singolo “North Face”

MERIO dopo il duo Fratelli Quintale fuori il singolo "Isola"

Anteprima Video Fake: la ricerca di una risposta che non sempre è puntuale nel singolo “Così”

Classifica Radio Earone Settimana #8: Elodie guida un podio tutto sanremese

Certificazioni Fimi settimana 7: il repack porta i Pinguini Tattici Nucleari all'oro

Classifica Spotify Settimana #7: Diodato, Pinguini, Achille Lauro e Fasma portano in trionfo il Festival di Sanremo

Classifiche di Vendita FIMI settimana 7: tra i Sanremesi vincono i Pinguini Tattici Nucleari e Fasma

Classifica Radio Earone Settimana #7: The Weeknd primi, i Pinguini Tattici Nucleari sul podio

Certificazioni Fimi settimana 6: nuovi riconoscimenti per Salmo e FSK Satellite

Recensioni

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Mina Fossati: Un grande disco che… non mi piace.

Gianna Nannini: La Differenza è ritornare all’essenzialità.

Video

Tananai Intervista Piccoli Boati

Generic Animal Intervista Presto

Egreen Intervista Fine Primo Tempo

Piero Pelù Intervista Pugili Fragili

Simona Molinari Intervista Aspettando il Blue Note...

Dj Jad e Wlady Intervista Rompe

Diodato Intervista Sanremo 2020 Fai Rumore

Valentina Parisse Intervista Sanremo 2020 Nell'estasi e nel fango

Sanremo 2020 Testo & Contesto di Davide Misiano - I testi migliori e i peggiori del Festival

Rancore Intervista Sanremo 2020 Eden

Junior Cally Viito Intervista Sanremo 2020 No Grazie

La Rappresentante di Lista Intervista Sanremo 2020