20 Dicembre 2017
di
Redazione
Condividi su:
20 Dicembre 2017

L’ANALISI di MAURIZIO SCANDURRA: perchè sempre gli stessi, e a volte gli sconosciuti, al FESTIVAL di SANREMO?

Il giornalista e Maurizio Scandurra cerca di far luce per noi sul motivo per cui al Festival di Sanremo approdano sempre "gli stessi nomi"

di Redazione
Condividi su:

Oggi ospitiamo con piacere sulle pagine di All Music Italia il giornalista e critico musicale Maurizio Scandurra che prova a rispondere ad alcune domande che in molti si pongono: perché al Festival di Sanremo transitano sempre gli stessi nomi in gara? Perché spesso salgono su quel palco degli artisti sconosciuti al grande pubblico?
A lui la parola
Da qualche anno assistiamo – per lo più impotenti, spettatori obbligati – al curioso fenomeno che vede artisti improbabili e altrettanti ricorrenti in più edizioni (anche, consecutive) calcare frequentemente il palco del Festival di Sanremo: per dirla con il titolo di un capolavoro del mai dimenticato Pino Mango (che ricordo a dovere sempre con affetto volentieri), ‘Contro tutti i pronostici’.

E, ben più di qualcuno, infatti, si chiede come sia possibile che nomi di cantanti sconosciuti ai grandi media nazionalpopolari (o meglio, magari stranoti nel circuito cosiddetto ‘indie rap’, ‘indie pop’ o della nuova ‘alternative music’ o ‘sottobosco musicale’ più semplicemente detto), di colpo, possano approdare più che facilmente – con tanta vistosa ed evidente eclatante maniera – a un contesto così ambito. In questo articolo proverò a spiegarvelo.

SEMPRE MENO CASE DISCOGRAFICHE, SEMPRE PIU’ ARTISTI

Tal ‘rito’, se così mi è consentito definirlo, ha iniziato a prendere corposamente e copiosamente piede dal dopo Baudo in poi, in special modo dal 2008 a oggi, contestualmente al consolidarsi di Amici di Maria De Filippi, e all’avvento di altri talent a sfondo canoro.

Complici, in premessa, già intorno ai primi anni 2000, una serie di cambiamenti generali epocali a livello, oltre che di moda e costume, anche e soprattutto di ordine macroeconomico – derivanti dall’impatto, persino in ambito musicale, degli effetti di globalizzazione e new economy – coincisi con la progressiva ‘fusione per incorporazione’ (questo il termine tecnico corretto) tra loro delle principali etichette discografiche presenti sul territorio nazionale.

Nel 1990, in Italia, esistevano, tra le prime e più importanti imprese del comparto musicale, RTI MUSIC, CGD, WEA, CBS/SONY MUSIC, BABY RECORDS, FIVE RECORDS, EMI, FONIT CETRA, SUGAR, POLYGRAM, POLYDOR, MERCURY, EPIC, COLUMBIA, CAROSELLO, BMG, MCA, RCA.

In tutto, circa una ventina di grandi players del settore che, a partire dal 1995 ad oggi, in soli 22 anni si sono via via ridotte a circa 6: SONY, WARNER, UNIVERSAL (sul versante ‘major’) e SUGAR, CAROSELLO e la neonata italiana BMG RIGHTS MANAGEMENT (ovvero, le indipendenti più note).

Sei realtà superstiti – finchè esisteranno (e r-esisteranno ancora, questa è la verità), perché il web e i new social media incombono con potenza sempre più – che, chi più, chi meno, si sono trovate di fronte all’enorme difficoltà di dover far obbligatoriamente proprie le scuderie piene zeppe di artisti che provenivano dalle vecchie storiche etichette inglobate, ma a un prezzo altissimo: quello di aver, di contro, ridotto drasticamente gli organici dei dipendenti, in nome degli obiettivi finanziari e di asset strategici in termini di human resources dettati da Consigli di Amministrazione che, alla definizione di ogni nuovo bilancio a fine anno, riducono sempre più i budget a disposizione.

Chiamare queste aziende ‘major’ perché fa figo, a me – invece – fa sia ridere che pena al tempo stesso per chi c’è al loro interno: conosco infatti rispettabili carrozzerie organizzate che fatturano molto, molto di più, con utili e dividendi che la discografia di oggi si sogna.

Un tempo, sino a 20 anni fa, era il contrario. Basta leggere ed esaminare storicamente i bilanci di queste aziende, anche ben prima del cambio Lira/Euro, per vedere la mala gestione del presente, rispetto al passato.
Forse perché, proprio vent’anni fa, v’erano ancora discografici seri e illuminati? Mentre oggi, chi ha fallito in un’etichetta diventa capo e vertice di un’altra, anziché cambiar mestiere? A rimetterci, intano, sono sempre musica, artisti, fatturato e pubblico.
Ma chi di sano di mente, CHI, per restare in metafora, affiderebbe ancora la cura della propria auto a un carrozziere incapace? Bene, questo è invece quel che accade quotidianamente nel pop-rock italiano.

CASE DISCOGRAFICHE: SEMPRE MENO DIPENDENTI, SEMPRE PIU’ CONTRATTI DA GESTIRE

Quindi, ricapitoliamo: da un lato, troppi artisti da gestire per una stessa casa discografica (per fare un esempio, si pensi all’eccesso di profughi sulla piccola Lampedusa: come fanno a starci tutti?)… e intanto qualcuno viene dimenticato. Qualcun altro, invece, fa causa per ottenere giustizia sul mancato rispetto di un contratto (attendendo magari secoli per avere una liberatoria che sblocchi almeno la carriera)… Mentre qualcun altro ancora, invece, viaggia a gonfie vele, e arriverà a 80 anni a far ancora parte del roster della medesima etichetta con cui ha iniziato la carriera, per sua buona fortuna: pochissimi, forse neanche il 7% del totale.

E gli impiegati e dirigenti lasciati a casa, invece, dove sono finiti? Alcuni – che, per così dire, godono di ottimi rapporti con i cosiddetti ‘poteri forti’ della discografia italiana -, pur cambiando in media ogni 10 anni circa poltrona, ufficio e scrivania, sperano di tagliare l’ambito e altrettanto arduo traguardo della pensione, rischiando in tal senso di farcela.
Altri – i più eroici, intrepidi, impavidi, ma non sempre capaci – o hanno aperto partita Iva, o si sono associati tra loro, svolgendo dall’esterno – in outsourcing – il medesimo lavoro di prima sotto qualche nuova ragione sociale, in nome e per conto delle case discografiche di cui erano prima dipendenti, a costi decisamente inferiori, per lo più, rispetto a quando erano assunti. E non tutti, inoltre, lavorano continuamente: molti, invece, a consulenze spot, sperando in continui rinnovi e altrettante proroghe per sbarcare il lunario.

Gente comunque di cui ovviamente le aziende discografiche – stracolme oltre l’orlo della bottiglia di cantanti da non saper più dove mettere né che cosa far cantare per riuscire a portare a casa due denari di royalties -, hanno ovvia e ragionevole necessità, proprio in quanto costrette ad appoggiarsi a consulenti esterni.

Di qui, dunque, la moltiplicazione – in stile pani e pesci di biblica memoria – del fiorire e proliferare di questa o quella agenzia di promozione che – per acquisire un cliente in più (o, come dice il sottoscritto, per ‘coglionare’ – perdonatemi il neologismo tout court – un emergente o un Big), paventano e millantano molteplici benefit (a cui credono solo loro) per via dei passati (e, spesso, fugaci e tempestosi) trascorsi impiegatizi e/o dirigenziali in questa o quell’etichetta discografica.

GLI ARTISTI DEI TALENT HANNO INTASATO LE MAJOR DEL DISCO

A complicare le cose, infine, ci pensano i talent show, che pesano da almeno 10 anni a questa parte per quasi il 90% delle acquisizioni contrattuali delle case discografiche, sfornando più cantanti da accasare che le panetterie alle prese con brioches e pizza da servire al banco: ma come si può pensare di poter seguire – tutti e bene – una media di circa nuovi 10 artisti l’anno per accordi ciascuno di minimo tre dischi in 5 anni, senza avere almeno un centinaio di addetti al comparto artistico, promozionale, legale e di marketing? Oggi, le case discografiche più fortunate sfiorano in rarissimi casi i 25/40 dipendenti diretti al massimo.

Ecco dunque che, come accade anche nelle migliori toilettes, prima o poi si arriva alla soglia limite. All’intasamento.
Dove mandiamo tutta questa gente” – pensano loro, i discografici, sempre per antonomasia geneticamente più ‘furbi’ degli altri – “cui abbiamo fatto e scritto mille promesse, e dato acconti in denaro a conferma dei contratti sottoscritti, per evitare che qualcuno più incazzoso, magari, ci faccia causa? A Sanremo, ma è chiaro! Problema risolto”.

Svelato così il mistero che fa sì che taluni artisti, in 4 o 5 anni, vadano al Festival in media dalle 2 alle 4 volte ciascuno. Qualcuno anche tre di fila, come nel caso dell’era Carlo Conti. Sconosciuti del sottobosco musicale compresi, anche quando i risultati scarseggiano o latitano del tutto. Pietendo anche supplici in ginocchio la Rai e i Direttori Artistici della kermesse perché prendano in gara i loro accoliti. Ma che tristezza!

CANTANTI STORICI LASCIATI A PIEDI, SENZA PIU’ SPAZIO NELLA MUSICA ITALIANA

Uno scempio perpetrato e reiterato ignominiosamente ai danni della buona Musica. A discapito dei veri Big, costretti per lo più a confluire – i più fortunati – nelle etichette indipendenti – oppure – i più sventurati – al regime dell’autoproduzione nuda e cruda. Fuori da ogni logica commerciale e radiofonica. Emarginati, assenti, impotenti. O, per meglio dire, azzerati. Appare pertanto oggettivamente evidente il fallimento di Claudio Baglioni, ancor prima di aver cominciato.

Cantanti di razza che, magari, oggi, hanno 45-50-55-60 e più anni di età, ma almeno 30 e passa di carriera e tante canzoni di successo alle spalle, che vengono ignobilmente bistrattati e dimenticati dalla ‘discografia ufficiale’, sempre invece più a caccia di ragazzini e adolescenti.

Un’ultima, triste considerazione. La musica, in Italia, fattura appena 160 milioni euro: briciole per affamati, sia chiaro! Con queste premesse, è già anche sin troppo: 7 produttori di campane, in Italia, generano in proporzione un indotto lordo e netto ben maggiore, inteso come valore e ricaduta occupazionale.

Raramente – o meglio, quasi mai, salvo eccezioni – si va in gara a Sanremo per merito della canzone fine a sé stessa. La verità, mio malgrado, è QUESTA.
Parentesi chiusa.
Parola di Maurizio Scandurra.


In Copertina

Achille Lauro torna venerdì con il singolo "C'est la vie"

Dopo il successo di "Rolls Royce" e prima dell'uscita del nuovo album, "1969", Achille Lauro lancia un nuovo singolo.

Gabry Ponte, Edoardo Bennato, Thomas. Esce venerdì "Il Calabrone"

Il trio, sulla carta improbabile, ma che potrebbe riservare molte sorprese, arriverà venerdì con un nuovo singolo.

Ermal Meta live a Torino e poi l'arrivederci dal Forum dopo quasi 200 concerti

Tre anni indimenticabili per il cantautore con quasi 200 concerti e tanti riconoscimenti e, sopratutto, l'affetto crescente del pubblico.

Sanremo 2020 - Amadeus alla conduzione, Carlo Conti direttore artistico

Le trattative sembrano già in stato avanzato e anche Fiorello si è fatto sfuggire che.

Numeri #1 - Gli album al 1° posto delle classifiche di vendita dal 2000 - Settimana 12

Parte una nuova rubrica che, settimana per settimana, andrò a scoprire chi occupava il primo posto delle classifiche di vendita dal 1996 ad oggi.

Marco Mengoni inaugura i live di Apple Music Live. Ecco come partecipare

La splendida cornice del nuovo Apple Store di piazza Liberty a Milano diventa la location per una serie di live. Inaugura Marco Mengoni!.

Cinque anni di All Music Italia. I video auguri degli artisti italiani

Ieri All Music Italia ha festeggiato cinque anni di attività. Oltre 50 artisti italiani ci hanno fatto pervenire i loro video messaggi di auguri... eccoli tutti!.

Da oggi in radio

Le pagelle settimanali del nostro critico musicale ai nuovi singoli in uscita

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2019

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Maryam Tancredi Videointervista: “Oltre la musica? Non ho un piano B...”

Maryam Tancredi, vincitrice dell'ultima edizione di The Voice, è pronta per presentare il suo Ep, così come racconta nella nostra videointervista.

Rkomi Videointervista: “Dove gli occhi non arrivano”, il nuovo album del poeta 2.0

Rkomi, che il 22/3 ha pubblicato l'album "Dove gli occhi non arrivano", ha raccontato una nuova fase musicale e personale durante una videointervista.

Dj Matrix Videointervista: “La musica dance in un format unico e innovativo”

"Musica da Giostra Vol. 6" è il titolo dell'album di Dj Matrix. Un mix tra la dance anni '90 e 2000 e l'attualità, così come racconta nella videointervista.

Nesli Videointervista: “Nell'album ho messo il mio spirito libero e selvaggio!”

Uscirà il 22 marzo "Vengo in Pace", il nuovo album di Nesli, che racconta nella nostra videointervista la sensazione di serenità che si respira dalla prima all'ultima traccia.

Silvia Salemi Videointervista: “Anche in A Casa di Luca c'era un po' di Era digitale”

"Ora o Mai Più" ha fatto riscoprire Silvia Salemi e il singolo "Era Digitale" conferma che la vena artistica è più viva che mai. Ecco l'intervista che racconta quasi 25 anni di carriera.

Le Orme Videointervista: “Sarebbe ora che la musica tornasse ad avere dignità”

"Sulle ali di un sogno" è il titolo del nuovo album de Le Orme. Nella nostra videointervista parliamo di Prog e dell'attualità del messaggio musicale.

Nayt Videointervista: “È ora che l’uomo si rimetta al centro prendendosi le proprie responsabilità”

E' uscito "Raptus 3", la chiusura della trilogia aperta da Nayt nel 2015. Nella videointervista il racconto dell'album e non solo!.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Classifiche e streaming. Nesli e il coraggio di esporsi. A quando gli altri nomi del pop?

Su All Music Italia ci siamo spesso espressi nel corso degli anni sulla situazione Classifiche di vendita / Streaming / Certificazioni. L'opinione di questo sito, e la mia opinione in particolare, è sempre stata chiara. Evviva lo streaming e l'evoluzione che non va contrastata anche se continuo a pensare che chi spende 10/15 euro per...

News

Alessandra Amoroso con Forza e Coraggio è pronta a conquistare le radio

Alessandra Amoroso annuncia l'uscita del nuovo singolo "Forza e Coraggio" che sarà pubblicato in contemporanea con il video diretto da Younuts! e ideato dalla stessa artista.

Achille Lauro torna venerdì con il singolo "C'est la vie"

Dopo il successo di "Rolls Royce" e prima dell'uscita del nuovo album, "1969", Achille Lauro lancia un nuovo singolo.

Gabry Ponte, Edoardo Bennato, Thomas. Esce venerdì "Il Calabrone"

Il trio, sulla carta improbabile, ma che potrebbe riservare molte sorprese, arriverà venerdì con un nuovo singolo.

Premio Amnesty: è “Salvagente” di Roy Poci e Willie Peyote è il miglior brano sui diritti umani

Il miglior brano sui diritti umani è “Salvagente” di Roy Poci con Willie Peyote. Battuta la concorrenza, tra gli altri, di Meta-Moro, Ghali e Carmen Consoli.

Annalisa Minetti con "Più in alto" inizia una nuova fase della sua carriera

Il brano, in radio e negli store dal 18 marzo 2019, fa parte di un progetto (non solo musicale) che l'artista sogna di realizzare da tempo.

CERTIFICAZIONI FIMI – SETTIMANA 12: Ligabue platino in due settimane. Successo per i Maneskin!

Nelle nuova settimana di certificazioni rilasciate dalla Fimi a fare la parte dei leoni sono sopratutto Ligabue, i Maneskin e Lady Gaga.

A-Mare è il titolo del primo album del naufrago Luca Vismara

Sei canzoni in italiano che, attraverso il filo conduttore del mare, mostrano le diverse sfaccettature del giovane artista.

Gli Ex-Otago lanciano in radio "Solo una canzone" feat. Jack Savoretti

Il brano in questa nuova versione è stato presentato sul palco del Festival di Sanremo nella serata dei duetti.

Ermal Meta live a Torino e poi l'arrivederci dal Forum dopo quasi 200 concerti

Tre anni indimenticabili per il cantautore con quasi 200 concerti e tanti riconoscimenti e, sopratutto, l'affetto crescente del pubblico.

Sanremo 2020 - Amadeus alla conduzione, Carlo Conti direttore artistico

Le trattative sembrano già in stato avanzato e anche Fiorello si è fatto sfuggire che.

CLASSIFICHE YOUTUBE – SETTIMANA 12: calma piatta ai vertici con Mahmood e Daddy Yankee

Movimenti solo nelle tendenze dove arrivano Sfera Ebbasta, Takagi & Ketra, GionnyScandal e diverse altre novità.

Achille Lauro si apre con i suoi fan su Telegram e pubblica una sua poesia. Ecco il testo...

Per comunicare con i suoi fan l'artista ha scelto il canale Telegram.

Metrò: la quotidianità di una coppia che vuole capire nel singolo “Giove”

Il nuovo singolo della band non avrà un videoclip, ma sarà accompagnato da un videogame.

Dopo X Factor Leo Gassmann torna con il singolo "Cosa sarà di noi?" (testo e audio)

Il brano scritto dallo stesso Leo è stato arrangiato dal giovane producer Matteo Costanzo, anche lui visto nel talent show di Sky.

Senhit lancia il nuovo singolo elettro-pop Dark Room

La cantante torna a cantare in italiano, dopo l'EP in lingua inglese Hey Buddy e l'esperienza live nei club d'Europa.

Flash News

Nayt: on line il video della live session di “Brutti Sogni”, nuovo onirico singolo

Gazzelle - Annullato il concerto di Perugia. Ecco il calendario aggiornato

The Kolors - Slittano in autunno le date del tour. Ecco i nuovi appuntamenti

Rancore: dopo il sold out di Roma, due nuove date del “Musica per Bambini Tour”

Finley: si aggiunge una nuova data al tour che anticipa l'album live

Ultimo annuncia una nuova data del "Colpa delle favole Tour" a Locarno

TheGiornalisti: sold out anche la seconda data di Milano e la terza di Roma

Zoda: fuori “Comete” feat. Side Baby, prodotto da Sick Luke (Jive Records)

Rubriche

Da oggi in radio

Da oggi in radio - le pagelle dei nuovi singoli in uscita il 22 marzo

Radio Date

Radio Date: Tutti i Nuovi Singoli in Uscita il 22 marzo

La mosca Tzè Tzè

Ora o Mai Più: And The Winner Is... (risultati del sondaggio)

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2019: ecco come Mahmood ha trionfato e Loredana Berté è stata esclusa dal podio

Sondaggi

Sanremo 2019 - Sondaggio - Risultati: ecco la classifica per i nostri lettori

Emergenti

La Municipal: dopo il singolo “Finirà tutto quanto”, in arrivo l'album “Bellissimi Difetti”

Patrizio Santo lancia in duetto con Luca Abete di Striscia la notizia, "Non ci ferma nessuno"

Carlo Belmondo, attore e musicista, debutta prodotto da Massimo Di Cataldo

2ME: la contrapposizione tra gioie e dolori, bene e male nel singolo “Fuori”

Il cantautore Lorenzo Girotti pubblica il primo EP Testa Altrove

Esposito: una visione nostalgica, vintage, ma moderna nell'album “Biciclette Rubate”

CERTIFICAZIONI FIMI – SETTIMANA 12: Ligabue platino in due settimane. Successo per i Maneskin!

CLASSIFICHE YOUTUBE – SETTIMANA 12: calma piatta ai vertici con Mahmood e Daddy Yankee

Classifiche Streaming Spotify – Settimana 11: Sfera ancora primo. Ingresso tiepido per Ghali

Classifiche di vendite Fimi Settimana 12: Ligabue resiste 1°. Ottimo ingresso per Nayt e Coma_Cose

Classifica Radio Earone Settimana 12: Ligabue ancora primo, ma Mahmood resta in scia

CERTIFICAZIONI FIMI – SETTIMANA 11: Mengoni, Ligabue, Mahmood e Irama ma non solo...

Recensioni

Enrico Nigiotti Cenerentola e le altre storie - Recensione

Romina Falconi Biondologia - Recensione

Ex-Otago - Corochinato - Recensione

Mahmood Gioventù bruciata - Recensione

Arisa Una Nuova Rosalba in città - Recensione

Anna Tatangelo La Fortuna sia con me - Recensione

Video

Simone Cheri L'Artista Official Videoclip

#URBANSTRANGERS... le domande dei fan - #AskUrbanStrangers

Matteo Markus Bok BACKSTAGE VIDEO Just One Lie

Ultimo - Intervista in attesa del verdetto di Sarà Sanremo

Sanremo 2019 Ultimo intervista da I Tuoi particolari a Colpa delle favole

#ErmalMeta presenta il tour teatrale con #GnuQuartet

Ermal Meta e Fabrizio Moro - Intervista - Sanremo 2018

Marco Masini - Almeno tu nell'universo CIAO MIMI´ 2015

#Nitro - Intervista di presentazione dell'album #NoComment

#Caparezza racconta il nuovo disco #Prisoner709 - Intervista

#WindSummerFestival 2018 - #FabrizioMoro - Intervista

Noyz Narcos - Intervista - Enemy sarà il mio ultimo album?