20 Dicembre 2017
di
Redazione
Condividi su:
20 Dicembre 2017

L’ANALISI di MAURIZIO SCANDURRA: perchè sempre gli stessi, e a volte gli sconosciuti, al FESTIVAL di SANREMO?

Il giornalista e Maurizio Scandurra cerca di far luce per noi sul motivo per cui al Festival di Sanremo approdano sempre "gli stessi nomi"

di Redazione
Condividi su:

Oggi ospitiamo con piacere sulle pagine di All Music Italia il giornalista e critico musicale Maurizio Scandurra che prova a rispondere ad alcune domande che in molti si pongono: perché al Festival di Sanremo transitano sempre gli stessi nomi in gara? Perché spesso salgono su quel palco degli artisti sconosciuti al grande pubblico?
A lui la parola
Da qualche anno assistiamo – per lo più impotenti, spettatori obbligati – al curioso fenomeno che vede artisti improbabili e altrettanti ricorrenti in più edizioni (anche, consecutive) calcare frequentemente il palco del Festival di Sanremo: per dirla con il titolo di un capolavoro del mai dimenticato Pino Mango (che ricordo a dovere sempre con affetto volentieri), ‘Contro tutti i pronostici’.

E, ben più di qualcuno, infatti, si chiede come sia possibile che nomi di cantanti sconosciuti ai grandi media nazionalpopolari (o meglio, magari stranoti nel circuito cosiddetto ‘indie rap’, ‘indie pop’ o della nuova ‘alternative music’ o ‘sottobosco musicale’ più semplicemente detto), di colpo, possano approdare più che facilmente – con tanta vistosa ed evidente eclatante maniera – a un contesto così ambito. In questo articolo proverò a spiegarvelo.

SEMPRE MENO CASE DISCOGRAFICHE, SEMPRE PIU’ ARTISTI

Tal ‘rito’, se così mi è consentito definirlo, ha iniziato a prendere corposamente e copiosamente piede dal dopo Baudo in poi, in special modo dal 2008 a oggi, contestualmente al consolidarsi di Amici di Maria De Filippi, e all’avvento di altri talent a sfondo canoro.

Complici, in premessa, già intorno ai primi anni 2000, una serie di cambiamenti generali epocali a livello, oltre che di moda e costume, anche e soprattutto di ordine macroeconomico – derivanti dall’impatto, persino in ambito musicale, degli effetti di globalizzazione e new economy – coincisi con la progressiva ‘fusione per incorporazione’ (questo il termine tecnico corretto) tra loro delle principali etichette discografiche presenti sul territorio nazionale.

Nel 1990, in Italia, esistevano, tra le prime e più importanti imprese del comparto musicale, RTI MUSIC, CGD, WEA, CBS/SONY MUSIC, BABY RECORDS, FIVE RECORDS, EMI, FONIT CETRA, SUGAR, POLYGRAM, POLYDOR, MERCURY, EPIC, COLUMBIA, CAROSELLO, BMG, MCA, RCA.

In tutto, circa una ventina di grandi players del settore che, a partire dal 1995 ad oggi, in soli 22 anni si sono via via ridotte a circa 6: SONY, WARNER, UNIVERSAL (sul versante ‘major’) e SUGAR, CAROSELLO e la neonata italiana BMG RIGHTS MANAGEMENT (ovvero, le indipendenti più note).

Sei realtà superstiti – finchè esisteranno (e r-esisteranno ancora, questa è la verità), perché il web e i new social media incombono con potenza sempre più – che, chi più, chi meno, si sono trovate di fronte all’enorme difficoltà di dover far obbligatoriamente proprie le scuderie piene zeppe di artisti che provenivano dalle vecchie storiche etichette inglobate, ma a un prezzo altissimo: quello di aver, di contro, ridotto drasticamente gli organici dei dipendenti, in nome degli obiettivi finanziari e di asset strategici in termini di human resources dettati da Consigli di Amministrazione che, alla definizione di ogni nuovo bilancio a fine anno, riducono sempre più i budget a disposizione.

Chiamare queste aziende ‘major’ perché fa figo, a me – invece – fa sia ridere che pena al tempo stesso per chi c’è al loro interno: conosco infatti rispettabili carrozzerie organizzate che fatturano molto, molto di più, con utili e dividendi che la discografia di oggi si sogna.

Un tempo, sino a 20 anni fa, era il contrario. Basta leggere ed esaminare storicamente i bilanci di queste aziende, anche ben prima del cambio Lira/Euro, per vedere la mala gestione del presente, rispetto al passato.
Forse perché, proprio vent’anni fa, v’erano ancora discografici seri e illuminati? Mentre oggi, chi ha fallito in un’etichetta diventa capo e vertice di un’altra, anziché cambiar mestiere? A rimetterci, intano, sono sempre musica, artisti, fatturato e pubblico.
Ma chi di sano di mente, CHI, per restare in metafora, affiderebbe ancora la cura della propria auto a un carrozziere incapace? Bene, questo è invece quel che accade quotidianamente nel pop-rock italiano.

CASE DISCOGRAFICHE: SEMPRE MENO DIPENDENTI, SEMPRE PIU’ CONTRATTI DA GESTIRE

Quindi, ricapitoliamo: da un lato, troppi artisti da gestire per una stessa casa discografica (per fare un esempio, si pensi all’eccesso di profughi sulla piccola Lampedusa: come fanno a starci tutti?)… e intanto qualcuno viene dimenticato. Qualcun altro, invece, fa causa per ottenere giustizia sul mancato rispetto di un contratto (attendendo magari secoli per avere una liberatoria che sblocchi almeno la carriera)… Mentre qualcun altro ancora, invece, viaggia a gonfie vele, e arriverà a 80 anni a far ancora parte del roster della medesima etichetta con cui ha iniziato la carriera, per sua buona fortuna: pochissimi, forse neanche il 7% del totale.

E gli impiegati e dirigenti lasciati a casa, invece, dove sono finiti? Alcuni – che, per così dire, godono di ottimi rapporti con i cosiddetti ‘poteri forti’ della discografia italiana -, pur cambiando in media ogni 10 anni circa poltrona, ufficio e scrivania, sperano di tagliare l’ambito e altrettanto arduo traguardo della pensione, rischiando in tal senso di farcela.
Altri – i più eroici, intrepidi, impavidi, ma non sempre capaci – o hanno aperto partita Iva, o si sono associati tra loro, svolgendo dall’esterno – in outsourcing – il medesimo lavoro di prima sotto qualche nuova ragione sociale, in nome e per conto delle case discografiche di cui erano prima dipendenti, a costi decisamente inferiori, per lo più, rispetto a quando erano assunti. E non tutti, inoltre, lavorano continuamente: molti, invece, a consulenze spot, sperando in continui rinnovi e altrettante proroghe per sbarcare il lunario.

Gente comunque di cui ovviamente le aziende discografiche – stracolme oltre l’orlo della bottiglia di cantanti da non saper più dove mettere né che cosa far cantare per riuscire a portare a casa due denari di royalties -, hanno ovvia e ragionevole necessità, proprio in quanto costrette ad appoggiarsi a consulenti esterni.

Di qui, dunque, la moltiplicazione – in stile pani e pesci di biblica memoria – del fiorire e proliferare di questa o quella agenzia di promozione che – per acquisire un cliente in più (o, come dice il sottoscritto, per ‘coglionare’ – perdonatemi il neologismo tout court – un emergente o un Big), paventano e millantano molteplici benefit (a cui credono solo loro) per via dei passati (e, spesso, fugaci e tempestosi) trascorsi impiegatizi e/o dirigenziali in questa o quell’etichetta discografica.

GLI ARTISTI DEI TALENT HANNO INTASATO LE MAJOR DEL DISCO

A complicare le cose, infine, ci pensano i talent show, che pesano da almeno 10 anni a questa parte per quasi il 90% delle acquisizioni contrattuali delle case discografiche, sfornando più cantanti da accasare che le panetterie alle prese con brioches e pizza da servire al banco: ma come si può pensare di poter seguire – tutti e bene – una media di circa nuovi 10 artisti l’anno per accordi ciascuno di minimo tre dischi in 5 anni, senza avere almeno un centinaio di addetti al comparto artistico, promozionale, legale e di marketing? Oggi, le case discografiche più fortunate sfiorano in rarissimi casi i 25/40 dipendenti diretti al massimo.

Ecco dunque che, come accade anche nelle migliori toilettes, prima o poi si arriva alla soglia limite. All’intasamento.
Dove mandiamo tutta questa gente” – pensano loro, i discografici, sempre per antonomasia geneticamente più ‘furbi’ degli altri – “cui abbiamo fatto e scritto mille promesse, e dato acconti in denaro a conferma dei contratti sottoscritti, per evitare che qualcuno più incazzoso, magari, ci faccia causa? A Sanremo, ma è chiaro! Problema risolto”.

Svelato così il mistero che fa sì che taluni artisti, in 4 o 5 anni, vadano al Festival in media dalle 2 alle 4 volte ciascuno. Qualcuno anche tre di fila, come nel caso dell’era Carlo Conti. Sconosciuti del sottobosco musicale compresi, anche quando i risultati scarseggiano o latitano del tutto. Pietendo anche supplici in ginocchio la Rai e i Direttori Artistici della kermesse perché prendano in gara i loro accoliti. Ma che tristezza!

CANTANTI STORICI LASCIATI A PIEDI, SENZA PIU’ SPAZIO NELLA MUSICA ITALIANA

Uno scempio perpetrato e reiterato ignominiosamente ai danni della buona Musica. A discapito dei veri Big, costretti per lo più a confluire – i più fortunati – nelle etichette indipendenti – oppure – i più sventurati – al regime dell’autoproduzione nuda e cruda. Fuori da ogni logica commerciale e radiofonica. Emarginati, assenti, impotenti. O, per meglio dire, azzerati. Appare pertanto oggettivamente evidente il fallimento di Claudio Baglioni, ancor prima di aver cominciato.

Cantanti di razza che, magari, oggi, hanno 45-50-55-60 e più anni di età, ma almeno 30 e passa di carriera e tante canzoni di successo alle spalle, che vengono ignobilmente bistrattati e dimenticati dalla ‘discografia ufficiale’, sempre invece più a caccia di ragazzini e adolescenti.

Un’ultima, triste considerazione. La musica, in Italia, fattura appena 160 milioni euro: briciole per affamati, sia chiaro! Con queste premesse, è già anche sin troppo: 7 produttori di campane, in Italia, generano in proporzione un indotto lordo e netto ben maggiore, inteso come valore e ricaduta occupazionale.

Raramente – o meglio, quasi mai, salvo eccezioni – si va in gara a Sanremo per merito della canzone fine a sé stessa. La verità, mio malgrado, è QUESTA.
Parentesi chiusa.
Parola di Maurizio Scandurra.


In Copertina

Irene Grandi lancia "Grandissimo". Ecco la tracklist e i duetti dalla Berté a Carmen Consoli

Grandissimo, un triplo disco ricco di ospiti per i 25 anni di carriera di Irene Grandi.

Amici 18 - Sondaggio: chi merita la vittoria tra Giordana, Alberto, Rafael e Vincenzo?

Avete tempo fino a venerdì 24 maggio alle 23:30 per scegliere nel nostro sondaggio chi, secondo voi, merita la vittoria ad Amici 18.

Africa Unite & Architorti In tempo reale - recensione

Nel nuovo album gli Africa Unite uniscono la propria musica ad un quintetto di archi, gli Architorti ed il risultato.

Eurovision 2019 vince Duncan Laurence. Mahmood secondo. Classifica e voti

Eurovision 2019. Archiviata anche l'edizione numero 64 dell'Eurovision Song Constest con la vittoria di Duncan Laurence. Mahmood secondo, l'edizione 2020 sarà nei Paesi Bassi.

Tiziano Ferro annuncia il tour negli stadi in diretta Instagram

Tiziano Ferro, nel corso di una diretta Instagram, annuncia le prime date del tour negli stadi dell'estate 2020.

Radio Italia Live Il concerto 2019 - Achille Lauro, Irama, Il volo, Fiorella Mannoia svelato il cast di Palermo

Dopo l'annuncio del cast di Milano svelati anche gli artisti che saranno presenti a Radio Italia Live Il concerto a Palermo.

Music Awards: appuntamento a giugno dall'Arena di Verona ( Cast e Biglietti)

Si svolgerà all'Arena di Verona il 4 e 5 giugno la tredicesima edizione del Music Awards. Sul palco prevista la presenza di una cinquantina di artisti italiani e internazionali.

Da oggi in radio

Le pagelle settimanali del nostro critico musicale ai nuovi singoli in uscita

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2019

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Matteo Macchioni Videointervista tra pop e lirica. Qual è il punto in comune?

Videointervista a Matteo Macchioni, tenore italiano molto popolare all'estero, che qualcuno ricorderà tra i concorrenti di "Amici" qualche anno fa.

Eurovision 2019: videointerviste ai Keiino (Norvegia), Ester Peony (Romania) e Kobi Marimi (Israele)

Da Tel Aviv videointerviste a ai Keiino, Ester Peony e Kobi Marimi, rappresentanti di Norvegia, Romania e Israele.

Eurovision 2019: videointerviste a Tamara Todevska (Macedonia del Nord), Roko (Croazia) e Jurij Veklenko (Lituania)

Dall'Eurovision 2019 di Tel Aviv videointerviste a Tamara Todevska, Roko e Jurij Veklenko, rappresentanti di Macedonia del Nord, Croazia e Lituania.

Eurovision 2019: videointerviste a Filipp Kirkorov, Chingiz (Azerbaijan), Michael Rice (UK), S!sters (Germania)

Videointerviste al compositore Filipp Kirkorov e a Chingiz (Azerbaijan), Michael Rice (UK) e al gruppo S!sters (Germania). .

Eurovision 2019: videointerviste a Luca Hanni (Svizzera), Leonora (Danimarca) e Carousel (Lettonia)

Videointerviste dall'Eurovision Song Contest 2019 a Luca Hanni, Leonora e Carousel, rispettivamente rappresentanti di Svizzera, Danimarca e Lettonia.

Eurovision 2019: videointerviste a Conchita Wurst, Michela (Malta) e John Lundvik (Svezia)

Videointerviste dall'Eurovision 2019 all'icona Conchita Wurst e a Michela e John Lundvik, rappresentanti di Malta e Svezia. .

Eurovision 2019: videointerviste a Sergey Lazarev (Russia), Anna Odobescu (Moldavia), Katerine Duska (Grecia)

Videointerviste a Sergey Lazarev, Anna Odobescu, Katerine Duska, rappresentanti di Russia. Moldavia e Grecia.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Ambra risponde decisa alle critiche sul Concerto Primo Maggio: "Il problema è a monte, nelle classifiche ufficiali ci sono solo due donne!"

Negli scorsi giorni al momento dell'annuncio del cast del Concerto Primo Maggio Roma 2019 è partita una polemica riguardante la scarsa presenza femminile. A lanciarla Michele Monina che già per il Festival di Sanremo (sia nel 2018 che nel 2019) lanciò un discorso simile. Ambra Angiolini, presentatrice della manifestazione con Lodo Guenzi, non ci sta...

News

Emis Killa: annunciate le date del tour estivo, in partenza il 25 maggio

Prenderà il via il 25 maggio il tour estivo di Emis Killa che nel frattempo porta a casa un altro prestigioso riconoscimento.

I Boomdabash partono con le date estive del Per un milione Tour

Dopo il concerto evento Boomdabash & Friends la band è pronta a partire, proprio da stasera, con le prime date del tour estivo.

Malika Ayane torna in tour a giugno con Domino en plain air

Dopo il successo delle date invernali, tra club e teatri, Malika Ayane annuncia i primi live estivi.

Simona Molinari: al via da Napoli il tour che celebra 10 anni di carriera

Prenderà il via dal Teatro Augusteo di Napoli il 22 maggio "Sbalzi d'Amore", il tour in cui Simona Molinari celebra 10 anni di carriera.

Dardust in attesa del nuovo disco parte il tour piano solo "Lost in space"

Continuano i successi per il pianista, compositore, autore e produttore Dardust che, proprio in questi giorni, è partito con un tour piano solo.

Certificazioni Fimi - Settimana 20: Sanremo e X Factor portano nuove certificazioni

Le nuove certificazioni Fimi questa settimana premiano solo singoli. Tra questi quelli di artisti lanciati dal Festival di Sanremo e X Factor.

Irene Grandi lancia "Grandissimo". Ecco la tracklist e i duetti dalla Berté a Carmen Consoli

Grandissimo, un triplo disco ricco di ospiti per i 25 anni di carriera di Irene Grandi.

Raige - rabbia, odio, amore, forza e coraggio nel nuovo disco "Affetto placebo"

Undici nuove tracce e quattro bonus track per "Affetto placebo", nuovo disco di Raige. Annunciate anche le date instore.

Antonio Maggio pubblica il singolo dal titolo ironico "Il maleducato"

Il brano, con l'ironia e la satira che contraddistinguono il cantautore, è un incitamento per i giovani a conquistarsi il loro spazio nel mondo.

Amici 18 - Semifinale: dalla lettera di Alessandra Amoroso per Maria ai finalisti

Ieri ad Amici 18 uno dei talenti in gara ha abbandonato il programma ad un passo dalla finale. Sorpresa per Maria De Filippi da Alessandra Amoroso.

Eurovision 2019 vince Duncan Laurence. Mahmood secondo. Classifica e voti

Eurovision 2019. Archiviata anche l'edizione numero 64 dell'Eurovision Song Constest con la vittoria di Duncan Laurence. Mahmood secondo, l'edizione 2020 sarà nei Paesi Bassi.

Classifiche Streaming Spotify - Settimana 20: Izi ferma Ed Sheeran e Bieber

Nuove classifiche streaming di Spotify e, a sorpresa, IZI ferma persino l'ingresso della coppia Ed Sheeran con Justin Bieber .

Davide Van De Sfroos annuncia le date del tour estivo

Dopo il tour teatrale Davide Van De Sfroos torna live con uno spettacolo rinnovato per l'estate 2019.

Irama - "Arrogante" è il titolo del nuovo singolo che si candida a tormentone dell'estate

Dopo aver dominato l'estate 2018 con "Nera", Irama si prepara a lanciare un'altra hit, "Arrogante".

Classifiche di vendita FIMI - Settimana 20: IZI spodesta Ultimo dalla prima posizione

Nei singoli irrompono Ed Sheeran e Justin Bieber mentre nei vinili la vetta appartiene a Mezzosangue.

Flash News

Einar rinviati a data da definirsi i due concerti previsti per questo mese

Gazzelle - Si aggiungono due nuove date al Punk Tour Estate 19

Martina Attili - Cancellato il concerto del 9 maggio a Torino

Fil Bo Riva: special guest dell'unica data europea degli Imagine Dragons

Raf-Tozzi: debutto del tour rinviato. Il nuovo calendario.

Jack Savoretti: annunciata l'unica tappa italiana del suo tour estivo (Biglietti)

Il Volo - Due nuovi appuntamenti nel tour estivo del trio

Irama: rimandata la data di Padova del #GiovaniPerSempre Tour

Rubriche

Sondaggi

Amici 18 - Sondaggio: chi merita la vittoria tra Giordana, Alberto, Rafael e Vincenzo?

Da oggi in radio

Da oggi in radio - Le Pagelle dei nuovi singoli in uscita oggi, 17 maggio 2019

Radio Date

Radio Date: Tutti i Nuovi Singoli in Uscita il 17 maggio

L'ANALISI

Eurovision 2019: la guida e i video delle 41 canzoni in gara. Parte 4 di 4

La mosca Tzè Tzè

La Settimana della Mosca: J-Ax, Elettra Lamborghini, Vasco e... il solito Fedez

Emergenti

Lelio Morra lancia il singolo "Chissà perché", a fine mese anche in 45 giri

Silvia Flores & Sud Sound System lanciano il singolo Nell'azzurro

Elya dal 31 maggio lancia il nuovo singolo e torna in tour

Anteprima Video: il ritratto di un'adolescenza turbolenta nel singolo “Irene” dei Nylon

Nuovo singolo per Valentina Parisse, dal Primo maggio ad All Together Now

Bucha canta le relazioni fugaci nel nuovo singolo "Ti ho vista dove"

Certificazioni Fimi - Settimana 20: Sanremo e X Factor portano nuove certificazioni

Classifiche Streaming Spotify - Settimana 20: Izi ferma Ed Sheeran e Bieber

Classifiche di vendita FIMI - Settimana 20: IZI spodesta Ultimo dalla prima posizione

Classifica Radio Earone - Settimana 20: ancora una volta in vetta The Kolors feat. Elodie

Certificazioni FIMI - Settimana 19: riconoscimenti per Sfera Ebbasta, Boomdabash e tanti altri

CLASSIFICHE STREAMING SPOTIFY – SETTIMANA 19: Calipso ancora prima in attesa di Ed Sheeran e Justin Bieber

Recensioni

Africa Unite & Architorti In tempo reale - recensione

Achille Lauro 1969 - Recensione

Fiorella Mannoia Personale - Recensione

Fil Bo Riva Beautiful sadness - Recensione

Enrico Nigiotti Cenerentola e le altre storie - Recensione

Romina Falconi Biondologia - Recensione

Video

Jurij Veklenko Lituania Eurovision Song Contest 2019 Intervista

Kobi Marimi Israele Eurovision Song Contest 2019 Intervista

Roko Croazia Eurovision Song Contest 2019 Intervista

S!sters Germania Eurovision Song Contest 2019 Intervista

Ester Peony Romania Eurovision Song Contest 2019 Intervista

KEiiNO Norvegia Eurovision Song Contest 2019 Intervista

Michael Rice UK Eurovision Song Contest 2019 Intervista Orange Carpet

Chingiz Azerbaijan Eurovision Song Contest 2019 Intervista Orange Carpet

Filipp Kirkorov Eurovision Song Contest 2019 Intervista Orange Carpet

Tamara Todevska Macedonia del Nord Eurovision Song Contest 2019 Intervista Orange Carpet

Jurij Veklenko Lituania Eurovision Song Contest 2019 Intervista Orange Carpet

Roko Jacques Houdek Croazia Eurovision Song Contest 2019 Intervista Orange Carpet