17 Giugno 2019
di Direttore Editoriale
Condividi su:
17 Giugno 2019

Pride – Un tema per il professore di latino di di All Together Now: Essere gay è diverso?

Nel mese del Pride il direttore di All Music Italia assegna un tema a Davide Misiano, il professore di italiano e latino di All Together Now

Condividi su:

L’editoriale di oggi è molto particolare, nel mese del Gay Pride ho infatti deciso di assegnare un tema ad un professore! Nei giorni scorsi infatti, tra le centinaia di uscite di questa afosa estate, è arrivato un brano molto interessante per l’argomento che tratta e per il modo in cui lo fa. Mamma credo di essere eterosessuale di Davide Misiano, meglio conosciuto come il Professore di latino di All Together Now.

Misiano infatti, oltre ad esercitare da alcuni anni l’attività di cantante (ve ne abbiamo parlato qui), è un vero professore di italiano e latino. Di conseguenza ogni giorno si ritrova a rapporto con le nuove generazioni tra pagelle, temi e scrutini.

L’occasione del Gay Pride è stato per me un ottimo spunto per soffermarmi su una canzone che genera riflessioni, seppure in chiave ironica, come Mamma credo di essere eterosessuale.

Del resto lo sentiamo dire da sempre: la scuola, al pari dei genitori, è fondamentale nelle sviluppo delle nuove generazioni. Aiutarli nella comprensione in modo che siano migliori di chi li ha preceduti è un compito al tempo stesso importante e difficile.

Per questo ho deciso di improvvisarmi Rettore (non Donatella, tranquilli) e assegnare io stesso un tema al professore (e quando mi ricapita?). La domanda che ho posto è diretta: Essere gay è diverso?

Un quesito semplice ma che apre contemporaneamente la strada a molto interpretazioni e, sopratutto, vuole essere spunto di importanti riflessioni per cercare di far comprendere meglio a chi non capisce, non vuole capire o non ne ha i mezzi.

Il mio pensiero al riguardo lo troverete alla fine di questo articolo. Intanto lascio lo spazio al mio alunno, Davide Misiano.

Massimiliano Longo

DAVIDE MISIANO – ESSERE GAY È DIVERSO?

Mentre mi accingo a scrivere, nell’atto stesso in cui comincio a digitare, faccio i conti con il dilemma eterno che l’alunno medio prova di fronte alla “pagina bianca”: Adesso cosa dico?

E oggi che il Direttore mi fa smettere i panni di Prof e indossare quelli di alunno, oggi che il Longo assegna proprio a me il tradizionale compito-spauracchio, il cupitonante TEMA, oggi riafferro lo stesso senso di smarrimento che mi coglieva in tempi lontani. Ma se all’epoca era paura del vuoto, adesso è coscienza del rischio.

Scrivere significa fissare le cose una volta per tutte, dargli una forma definitiva e immodificabile. Scrivere significa possedere finalmente le cose del mondo, ma allo stesso tempo riconoscere che esse per noi sono irrimediabilmente e unicamente così.

Essere gay è diverso?”, mi chiede Massimiliano Longo. “Che traccia di merda!”, vorrei rispondergli.
Avrei forse preferito una trattazione sul giansenismo manzoniano col rischio di decretare anzitempo l’insuccesso di questo articolo e alienare visualizzazioni al mio videoclip.
Ma come si risponde alla tua domanda, Direttore? Ti rendi conto di che prigione enorme sia la parola? “Diverso”, che cazzo vuol dire?

Eppure io, che di etimologie me ne intendo, so che “diverso” viene dal latino divertere: da dis- e vertere, “volgere altrove”, dirigersi in direzione “diversa”. E intanto non solo ho perso un’altra decina di lettori, ma mi sono incartato in una tautologia: non sono stato in grado di spiegare “diverso” se non con questa stessa parola, “diverso”. Perché qualunque altro sinonimo sarebbe per così dire… “diverso” .

Tra l’altro se rispondessi sì, potrei facilmente incorrere nell’accusa di omofobia o di pensiero discriminatorio latente e nel mese del Pride non mi sembra il caso. Se rispondessi no, non sarebbe diverso, solo per il fatto di aver risposto alla domanda, invischiato in quel facile populismo che a volte è più discriminante della discriminazione. Per di più, ripeto, siamo nel mese del Pride

Appurato ciò, io dovrò pur rispondere al Direttore, perché se il Direttore chiede non puoi non rispondere. E poi l’ho scritta io Mamma, credo di essere eterosessuale, spontaneamente e fuori da ogni assegnazione. Che faccio adesso? Non rispondo a Longo?

Allora prometto solennemente che, alla fine di questo tema, dirò sì o no, senza soluzioni di comodo. Risponderò alla domanda del Direttore, “Essere gay è diverso?”. Lo farò come non conviene a un prof. Risponderò come quando scrivi perché vuoi e il voto non conta.

Ma ai miei alunni, che – se Dio si applica – leggeranno, vorrei prima dire: “Qui scriverà Davide e non il prof”. Le parole saranno sue, saranno figlie del suo legittimo modo di sentire la vita al di là di ogni veste istituzionale. Saranno l’eco della sua storia e di tutte le storie che lo hanno investito, le storie che si porta incise sulla pelle.

Quando ho scritto Mamma credo di essere eterosessuale…

Quando ho scritto Mamma, credo di essere eterosessuale ho voluto davvero volgermi altrove. Nel videoclip, girato dall’ormai insostituibile Claudio Formica, regista anche delle mie esegesi (fine del momento promozionale!), tutto è chiaro: un figlio, nel giorno delle nozze organizzate a sua insaputa, tenta di rivelare alla madre la sua “invertita” eterosessualità.

Ama una donna, mentre invece la madre (interpretata da Sabrina Bambi Antonetti del duo Palla e Chiatta), com’è normale che sia nel mondo che viene rappresentato, gli ha invece procurato una sposa-uomo (Fabrizio Colella), celata sotto un candido e tradizionale velo bianco.

La madre attua il consueto meccanismo di fuga e rimozione, come fa ogni madre che non vuole capire che suo figlio è gay: sviene, finge di non sentire, si dedica alle formalità della cerimonia, ignorando la rivelazione del figlio allo stesso modo in cui ha ignorato, probabilmente, i segnali della sua vera natura. Il figlio insiste, promette discrezione. Ma il finale non te lo svelo, Direttore. Guardalo! Anche perché Chiatta ci regalerà una delle sue massime più riuscite.

Ho messo quindi il mondo sottosopra, ho cambiato la lente con cui osservarlo. Ma ti confesso che non è neppure quello il mondo che vorrei. Perché, se ci pensi, l’unica accezione con cui noi oggi sappiamo intendere la parola coming out è quella per cui l’omosessuale è chiamato a rivelare la sua identità, negando pertanto la propria eterosessualità. Non già il contrario.

Buongiorno, sono Davide Misiano e sono eterosessuale”. La risposta potrebbe oscillare tra una risata scomposta e un allucinato “‘sti cazzi”. Non è un coming out degno di attenzione o considerazione.

Buongiorno, sono Davide Misiano e sono omosessuale” è invece un coming out propriamente inteso. La risposta? Silenzio attonito (se va bene!). Oppure “Oh ma non preoccuparti, non c’è nulla di male, siamo tutti uguali”. E, a dirla tutta, entrambe le reazioni mi fanno abbastanza inorridire.

Non credo, però, di essere contrariato dalle risposte in sé: se nessuna delle due mi va bene, il problema è mio. Il problema è che non riesco ad accettare la necessità del coming out, come non riesco ad accettare che sia necessario dire di avere gli occhi azzurri.

Non riesco ad accettare le condizioni sociali che pongono in essere l’azione di coming out, prima che le eventuali reazioni conseguenti.

Il coming out degli artisti…

Mi spiego, e parto proprio dalla musica che tanto interessa i lettori di questa pagina. Qualche anno fa Tiziano Ferro ha dichiarato la sua omosessualità, rivelando il doloroso travaglio che lo ha portato per anni a occultare la sua identità e a non accettarsi. La sua confessione è stata riconosciuta da tutti come encomiabile ed esemplare, perché capace di essere riferimento per tutti coloro che non sono in grado di vivere serenamente sé stessi. Anche io ho giudicato “grande” il gesto e, come molti, l’ho definito “coraggioso”.

Renato Zero, il pioniere del trasformismo nella musica italiana, colui che ha sdoganato con le sue canzoni la questione dell’identità di genere e che ha fatto della provocazione l’arma per combattere ogni guerra di libertà, negli ultimi anni è stato oggetto di critica da parte della comunità LGBTQ+, che avrebbe voluto un suo coming out.

Serpeggia da tempo sul web e nell’informazione il “sospetto” che Emma possa essere lesbica; lei si difende. Quando su una rivista è apparsa la notizia “Emma è lesbica”, io ho discusso addirittura col Direttore, il quale comprendeva la reazione di Emma e gridava al pericolo delle liste di proscrizione.

Ho compreso la sua visione, ma mi sono sorpreso che nel mondo in cui viviamo Emma dovesse stornare da sé l’appellativo di “lesbica” come un’offesa.

Mahmood ha vinto il Festival di Sanremo ed è stato subito toto-scommesse sulla sua omosessualità: sono uscite foto col suo presunto boy e lui ha evitato di rispondere alla domanda insistente dei giornalisti, rivendicando il suo diritto di parlare di musica. E i fatti di letto di Mahmood, se ci pensiamo, hanno avuto più eco del suo lodevole secondo posto all’Eurovision. Non è mancato poi chi abbia trovato vigliacco quest’atteggiamento.

Io capisco il discorso sull’utilità sociale del coming out, lo capisco e lo sottoscrivo. Ma dirò di più, intuisco che il coming out sia un fatto addirittura politico: nel momento in cui diventi un personaggio pubblico, il tuo coming out o il tuo non coming out diventano un’azione politica. Ed è questo che probabilmente la comunità LGBTQ+ rimprovera al Mahmood di turno, perché il coming out di pochi serve a dire che si è in tanti, e quei pochi che si dichiarano, se “noti”, sono certamente politicamente più rappresentativi.

Ma non sembri io incoerente se preciso che vorrei che il coming out non esistesse, che il mondo non ci ponesse nelle condizioni di doverlo concepire. Mi sono sempre chiesto cosa ci sia dietro la scelta di dire di no alla domanda “sei gay?”, cosa ci sia dietro la scelta di non affrontare l’argomento.

Un po’ mi infastidisce che, nella logica dell’utilità pubblica del coming out, non ci si fermi neppure un secondo a pensare alla storia privata del singolo: d’altronde quando parliamo del travaglio di Tiziano lo facciamo con partecipazione, ma quel travaglio merita partecipazione solo perché ha portato al coming out finale, altrimenti non avrebbe avuto dignità?

Perché siamo capaci di capire la sofferenza che si può provare a sentirsi diversi in alcuni casi e la neghiamo in altri?

Se nella scelta di “non dire” ci fosse una condizione familiare da proteggere o un compagno non altrettanto “libero” da tutelare, perché non dovremmo provare a capire? Perché il bisogno politico del coming out dell’artista dovrebbe venir prima della storia personale? Perché altrimenti niente andrebbe avanti, mi si potrebbe rispondere, ed è vero. Ma io sono prima un artista o prima un uomo? E che contenuto ha l’artista senza l’uomo con il peso delle sue fragilità e contraddizioni?

Allora il marcio è in questo mondo che ci pone ancora nella situazione di dover “proteggere” una famiglia o “tutelare” qualcosa dalla nostra stessa natura. Il marcio è in questo mondo che ha indotto me a definire “coraggiosa” la scelta di Tiziano o “sospetta” l’identità di genere di Emma, quando forse Tiziano, in un mondo giusto, non avrebbe mai dovuto esser posto di fronte alla scelta ed Emma mai avrebbe dovuto sentire l’urgenza di “difendersi” e “difendere”.

È il nostro mondo che pone le condizioni di questa paura. E questo mondo oggi ci dice anche di non dire che “essere gay è diverso”, ci toglie questo vero “coraggio”.

Ormai ci sono più gay che etero…”, “Non ci sono più le discriminazioni di un tempo”, “L’omosessualità è stata abbondantemente sdoganata, i gay sono dappertutto”: è ciò di cui ci vuole convincere questo mondo marcio, che arriva persino a vedere nel Gay Pride una manifestazione anacronistica che adotta delle forme “inutilmente carnevalesche”.

C’è ancora bisogno del Gay Pride se stiamo qui a quantificare le conquiste. C’è ancora bisogno di qualcuno che si vesta da carnevale e che conquisti un diritto di cui io e il lettore possiamo godere “discretamente” e comodamente da casa, in abiti borghesi ben più comodi.

Conclusione

Ma la verità – e arrivo alla traccia del tema – è che, se paradossalmente qualcuno ha dovuto conquistare il diritto di essere sé stesso, allora è doppiamente diverso.

Vogliamo negare che un gay nasca con un cammino meno semplice? Vogliamo davvero credere che un eterosessuale non abbia più spianata la strada dell’espressione di se stesso? Vogliamo negare che LUI, l’etero, per il mondo nasce con le carte in regola?

Un eterosessuale non deve fare COMING OUT. L’omosessuale sì e, se non lo fa, porta anche con sé il peso di una responsabilità sociale, il peso di una lotta non compiuta per se stesso e per tutti. L’eterosessuale non è chiamato a questo. Un gran culo (senza equivoci, eh)!

Ho finito un tema per il quale io stesso mi metterei 4, anzi forse 4+ per premiare il “coraggio”. Ma almeno ho risposto: io ho risposto SÌ, Direttore, l’omosessuale è diverso. Lo sarà fino a che ci sarà il coming out, o meglio fino a che il coming out sarà richiesto. Essere gay è diverso.

Lo decide questo mondo che ancora ci chiede chi amiamo nel nostro letto.

Davide Misiano

 

Nel ringraziare Davide Misiano per essersi prestato a questa profonda riflessione aprendo un’importante finestra su se stesso, non posso che dargli ragione. La natura della mia domanda nascondeva proprio questo, il bisogno di scrivere e imprimere questo concetto, forte ma realistico, essere gay è diverso.

Essere gay comporta un percorso in salita che, tra le tante cose, passa attraverso l’accettazione di se stessi, la ricerca del coraggio di rivelarlo agli altri e infine a chi ci ha generato. Persone a cui in ogni caso, quale e quanta sia la propria apertura, si troveranno a dovere fare i conti su qualcosa che il mondo ancora non accetta, non comprende e che al massimo tollera.

Tolleranza, in questo frangente l’ho sempre trovata una parola di merd*. Nessuno andrebbe tollerato e nemmeno accettato. Nessuno dovrebbe ricevere il permesso o il benestare per essere semplicemente se stesso.

Essere gay è diverso ed è complicato spiegarlo ad un eterosessuale, anche nel mese del Gay Pride, è difficile quanto insegnare ad un ragazzino ricco cosa vuol dire essere povero. Capirà ma non comprenderà.

Massimiliano Longo


In Copertina

MIlva nel giorno del suo compleanno: "Mi piacciono Laura Pausini e Gabbani...". Ai giovani" Siate ambiziosi, rischiate!"

Gli 80 anni di Milva tra l'intervista a Il Corriere della sera e gli auguri in video dei colleghi del mondo dello spettacolo.

Festival di Sanremo 2019 Top & Flop: un bagno di sangue da cui si salvano solo Ultimo, Irama e Mahmood

Torna la nostra analisi, a più di cinque mesi dalla fine del Festival di Sanremo, delle vendite dei dischi della kermesse.

Rocco Hunt addio alla musica? "Ho creato tante aspettative che non riesco a mantenere..."

Con un messaggio del rapper sulla sua pagina Instagram l'artista si sfoga con i fan e annuncia l'addio alle scene.

Macchianera Awards 2019 - Candida All Music Italia come miglior sito musicale (scheda di votazione)

Tornano come ogni anno i Macchianera Awards, i premi della rete. All Music Italia nella categoria Miglior sito musicale si è classificato al secondo posto dietro al solo Rolling Stone.

Tiziano Ferro Accetto miracoli. Ecco tutti gli autori del disco canzone per canzone

12 tracce, di cui quatto firmate dal solo Tiziano e 7 autori. Ecco chi ha composto i brani di Accetto miracoli, nuovo album di Tiziano Ferro .

Tormentone Estate 2019 - Vota tu la canzone dell'estate - Sondaggio

Come ogni anno, e mai come quest'anno, All Music Italia apre un mega sondaggio per lasciare scegliere ai nostri lettori il Tormentone Estate 2019.

Classifica dischi più venduti del 2019 - Primo semestre in vetta Ultimo, Fedez e Ligabue

Il giovane cantautore riesce ad entrare in Top 10 con tutti e tre gli album della sua discografia. Tra i risultati più deludenti Eros Ramazzotti e Alessandra Amoroso.

Da oggi in radio

Le pagelle settimanali del nostro critico musicale ai nuovi singoli in uscita

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2019

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Videointervista a Lele Blade: “Vorrei portare una nuova dimensione nel rap campano”

Videointervista di presentazione di "Vice City", l'Ep di Lele Blade che si pone come un punto di partenza verso una nuova forma di rap campano.

Videointervista a Virginio con Live - Da "Davvero" a "Cubalibre"

La prima parte della videointervista sarà in première stasera alle 21 sul nostro canale YouTube. Virginio si esibirà anche live.

Videointervista a Santa Manu: “Nella musica il ruolo della donna è ancora difficile da affermare”

Videointervista a Santa Manu, la giovane cantautrice che, con il suo sound innovativo e testi moderni, sottolinea l'importanza della donna nella società.

Videointervista a Mietta: "Con Milano è dove mi sono persa voglio rimettermi in gioco, come ho sempre fatto..."

Nella sua lunga carriera Mietta ha cambiato spesso pelle. Mai per seguire le mode ma sempre per assecondare la sua innata curiosità musicale.

Intervista a Gianluca Capozzi: Nozze d'argento con la musica per il cantautore

Venticinque anni di carriera. Tanti successi, due Festival di Sanremo sfiorati. Ecco la nostra chiaccherata con Gianluca Capozzi.

Videointervista ai The Jab: “Tutti Manifesti? Parte da un gioco di parole, ma può significare tutto e niente!”

E' uscito "Tutti Manifesti", l'album d'esordio dei The Jab, duo composto da Alessandro De Santis e Mario Francese.

Intervista a NDG - Panamera, un successo da 7 milioni e mezzo di stream in attesa dell'album

Oltre 7 milioni di stream su Spotify e quasi 5 milioni di ascolti del video su YouTube. Questi sono i numeri di Panamera, singolo del giovane rapper NDG.

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Sanremo 2020: giovani in attesa mentre tutti parlano di "Soldi soldi soldi..."

Sanremo 2020 in alto mare. Come ben sapete durante la conferenza stampa di presentazione dei palinsesti Rai dei giorni scorsi l'Amministratore delegato Fabrizio Salini ha dichiarato che lui e la direttrice di rete, Teresa De Santis, si metteranno al lavoro sul Festival la prossima settimana. Questo ha scatenato un certo scontento da parte del sindaco della città,...

News

MIlva nel giorno del suo compleanno: "Mi piacciono Laura Pausini e Gabbani...". Ai giovani" Siate ambiziosi, rischiate!"

Gli 80 anni di Milva tra l'intervista a Il Corriere della sera e gli auguri in video dei colleghi del mondo dello spettacolo.

Machete Mixtape 4 - Marylean è il singolo per le radio ( Testo e audio )

Mentre le canzoni dell'album firmato Machete continuano a rimanere stabili in vetta alle classifiche streaming viene lanciato in radio il primo singolo, Marylean.

Mostro tour annunciate le prime date di “The Warriors Tour” (Biglietti)

Sono state annunciate le prime date di “The Warriors Tour” di Mostro, che partirà il 6 marzo 2020 dal Teatro della Concordia di Venaria Reale (TO).

Mameli: il nuovo singolo estratto da Inno è Latte di Mandorla

Nel brano, l'ex concorrente di Amici Mameli canta la fine di una storia d'amore.

Eros Ramazzotti live chiude il 18 luglio la seconda edizione di Stupinigi Sonic Park

Eros Ramazzotti Live. Si chiuderà giovedì 18 luglio con un imperdibile concerto di Eros Ramazzotti la seconda edizione di Stupinigi Sonic Park, l’evento che si.

Festival di Sanremo 2019 Top & Flop: un bagno di sangue da cui si salvano solo Ultimo, Irama e Mahmood

Torna la nostra analisi, a più di cinque mesi dalla fine del Festival di Sanremo, delle vendite dei dischi della kermesse.

Milva: Gli 80 anni di una signora artista ma anche di un’artista signora.

Milva, cittadina del mondo, artista capace di passare da repertori colti come quelli di Battiato, Brecht e Alda Merini fino alla musica pop, compie oggi 80 anni.

Concerto del Cuore di GSD Foundation: tra gli ospiti Max Pezzali, Arisa, Virginio ed Enrico Nigiotti

Arisa, Bianca Atzei, Federica Carta, Paola Iezzi, Enrico Nigiotti, The Kolors, Virginio e Max Pezzali saranno gli ospiti del Concerto del Cuore che si svolgerà il 29 settembre a Milano.

Gli Ackeejuice Rockers lanciano il brano Acquagym con Rkomi

I due produttori di musica elettronica aggiungono la collaborazione con Rkomi a quelle con Kanye West, Rick Rubin, Marracash, Mondo Marcio e Jovanotti.

Ron: nuovi appuntamenti live per “Lucio!! Il Tour”, l'omaggio a Dalla

Ron omaggia nuovamente Lucio Dalla con un tour denominato “Lucio!! Il Tour”, in cui racconta l'amico con canzoni, aneddoti, video e foto.

Amedeo Preziosi, Riccardo Dose e Awed: sonorità dance per “Che Disastro”!

"Che Disastro" è il nuovo singolo degli YouTuber Amedeo Preziosi, Riccardo Dose e Awed , firmato con Ludovico Franchitti e prodotto da Ludwig e Daniele Autore.

Rocco Hunt addio alla musica? "Ho creato tante aspettative che non riesco a mantenere..."

Con un messaggio del rapper sulla sua pagina Instagram l'artista si sfoga con i fan e annuncia l'addio alle scene.

Battiti Live 2019 - Il cast della terza tappa a Gallipoli. Benji & Fede, Dolcenera, Emis Killa e...

Dopo Vieste, Brindisi e Trani toccherà a Gallipoli ospitare il 21 luglio la quarta tappa di Battiti Live 2019.

Concerti al tramonto. Syria conferma alla direzione artistica. Ecco il cast.

Nel cast della nuova edizione Gigi D'Alessio, Lo Stato Sociale, Edoardo Vianello, Ron e Paolo Rossi.

Premio Lunezia 2019 - L'elenco degli artisti premiati e i finalisti delle Nuove proposte

Premio Lunezia 2019. Nel cast Grignani, Virginio, Francesco Renga, Nada, Aiello, Tedua.

Flash News

Salmo Playlist Summer tour - Calendario aggiornato al 14 luglio

Mostro: dopo Milano, anche la data di Roma di The Illest Show è sold out

Gazzelle: posticipata la tappa del tour estivo a Marina di Pietrasanta

Subsonica Live. Un nuovo concerto in calendario a Matera, capitale europea della cultura 2019

Tour Emis Killa. Si aggiungono due nuovi appuntamenti live

Elya Tour nuove date nel calendario estivo del cantautore

Angelica: dopo l'anteprima al Mi Ami Festival, annunciate nuove date del tour estivo

Rancore - Aggiornamenti nel calendario di Musica per Bambini Tour in estate

Rubriche

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 19 luglio

Da oggi in radio

Le Pagelle del critico musicale ai nuovi singoli in uscita il 12 luglio

Sondaggi

Tormentone Estate 2019 - Vota tu la canzone dell'estate - Sondaggio

La mosca Tzè Tzè

La Settimana della Mosca: Cuba Libre, Tequila e altri cocktail per l'estate italiana

L'ANALISI

Eurovision 2019: i risultati di Mahmood e l'analisi delle classifiche europee di vendita!

Emergenti

Tacoma: malinconia e consapevolezza nel singolo agrodolce “Stai Bene Così”

Giulia Mutti: uno sguardo verso ciò che ci circonda nel singolo “L'estate con me”

Anteprima Video: i Martiri raccontano l'importanza di chiedere aiuto in “Soli nel Mondo”

Millon Bwoy: fuori "QVDV", l'album che spiega come... godersi la vita!

Serena De Bari canta l'unione dei popoli nel singolo Mare e batucada

Fosco17 ironizza sui tormentoni estivi in "Una canzone da falò"

Certificazioni FIMI - Settimana 28: Ultimo, Benji & Fede, Ghali, Giordana, Caparezza e molti altri

Classifica Spotify - Settimana 28: Machete Mixtape 4 invade la Top 20

Classifiche di vendita FIMI - Settimana 28: Machete Mixtape da record conquista album e singoli

Classifica Radio Earone Settimana 28: i Thegiornalisti guidano una Top Ten quasi tutta italiana

Certificazioni Fimi - Settimana 27: Vasco Rossi e Luché negli album, nei singoli piove oro e platino per i rapper

Classifica Spotify - settimana 27: Jambo si prende il primo posto. Nella Viral irrompe Alfa

Recensioni

Africa Unite & Architorti In tempo reale - recensione

Achille Lauro 1969 - Recensione

Fiorella Mannoia Personale - Recensione

Fil Bo Riva Beautiful sadness - Recensione

Enrico Nigiotti Cenerentola e le altre storie - Recensione

Romina Falconi Biondologia - Recensione

Video

Virginio Intervista Cubalibre - parte 1

Marco Mengoni Fuori Atlantico Tour - Prima tappa

Mietta intervista Milano è dove mi sono persa

Santa Manu Intervista Coca Cola

The Jab Intervista Tutti Manifesti

Marco Mengoni Il Re Leone il film - Red Carpet Première

Braschi Intervista Il Cuore degli Altri

Alex Polidori Intervista La voce di Spider-Man

La Zero Intervista San Lorenzo

Palla e Chiatta Intervista All Together Now

Giuseppina Torre Intervista Life Book

Axos Intervista Ci Puoi Fare un Film