27 Agosto 2019
di Direttore Editoriale
Condividi su:
27 Agosto 2019

Amadeus Sanremo 2020 ma quale conflitto d’interessi?

Il nuovo direttore artistico del Festival ancora deve iniziare a costruire Sanremo 2020 che già si parla di conflitti d'interesse... e se Sanremo potesse davvero tornare ad essere di "tutti"?

Condividi su:

Sanremo 2020 Amadeus e il conflitto di interessi. Il nuovo presentatore e Direttore artistico della kermesse musicale più seguita e discussa d’Italia ancora deve iniziare a mettere mano al suo primo Festival che qualcuno, sotto forma di consiglio, parla di possibili conflitti di interessi.

E pensare che quando lo scorso anno Michele Monina lanciò, ripreso poi da Striscia la notizia, la questione sul conflitto di interessi tra Claudio Baglioni, il suo manager Ferdinando Salzano e la sua società di booking, F&P Group, nessun giornalista musicale parlò.

Eppure a Sanremo 2019 il conflitto di interessi c’era ed era evidente, ma non volò una mosca, silenzio.

Dal canto nostro noi abbiamo sempre pensato che quel tipo di conflitto, nel momento stesso in cui si sceglie un grande artista che ha come manager il capo della più grande agenzia di booking in Italia, era inevitabile.

Del resto F&P Group gestisce praticamente l’80% dei cantanti più noti in Italia. Se vuoi un cast con nomi forti, in gara o come ospiti, è impossibile non coinvolgerli.

Eppure nonostante questa oggettività il silenzio da parte di certa stampa musicale mentre quest’anno si parte addirittura con ben sei mesi di anticipo a parlare di qualcosa che non esiste.

Del resto la polemica dà visibilità e Amadeus è sicuramente un bersaglio meno scomodo da colpire.

In realtà la Rai, proprio alla luce delle polemiche dello scorso anno, è stata chiara su questo tipo di questioni ancora prima di annunciare il nome di Amadeus:

Scegliere un valido deus ex machina per la kermesse, qualcuno che possa comprendere i meccanismi televisivi ma soprattutto quelli musicali, senza che questi abbia dei collegamenti con addetti ai lavori o artisti creando quindi il sospetto di conflitto di interessi è qualcosa di praticamente impossibile.

La soluzione che la Rai stessa ha dato è semplice: l’azienda si è impegnata a dichiarare fin da subito qualsiasi tipo di conflitto di interessi.

Certo, gli va dato il tempo visto che nella Tv di stato subito dopo l’annuncio del conduttore e direttore artistico sono partiti per le vacanze.

Ma andiamo a capire questi conflitti di interessi di cui si parla…

Amadeus e il conflitto di interessi… anzi i conflitti d’interessi

I tipi di conflitto di interessi in cui Amadeus potrebbe essere coinvolto sembrerebbero addirittura tre: Gli amici, la squadra del suo manager, Lucio Presta e i cantanti di Ora o mai più.

Per amici si intende coloro che fin da subito hanno spalleggiato la candidatura del presentatore: Fiorello e Jovanotti.
I due hanno già confermato la propria presenza all’interno della kermesse per dare manforte all’amico anche se, ad oggi, ancora non si conoscono i dettagli ma Fiorello sarà presente anche su RaiPlay, per dire…

Insomma altro che conflitto di interessi, Amadeus porterà Sanremo 2020 un grande valore aggiunto.

Del resto Fiorello è il presentatore più ambito sulla piazza, da anni corteggiato invano dal Festival, e Jovanotti è un artista di punta del panorama musicale italiano, uno che, come dimostra il successo del recente Jova Beach Party, è sulla cresta dell’onda e non ha certo bisogno di andare a farsi vedere a Sanremo…

Riuscire a portarlo sul palco dell’Ariston, in qualsiasi veste, può solo essere visto come un qualcosa di apprezzato dal pubblico che porterà giovamento alla Rai e alla kermesse.

La mano DI LUCIO PRESTA

Il secondo conflitto di interessi è sicuramente quello più simile a quanto avvenuto lo scorso anno. Del resto Amadeus ha come manager una delle personalità più influenti del dietro le quinte del mondo televisivo, Lucio Presta. Televisivo, non musicale intendiamoci.

Ora logica vuole che un manager tuteli il proprio artista e, se questi si trova nella situazione di condurre lo show più ambito e seguito d’Italia, è normale che cerchi di tutelarlo mettendo a disposizione tutte le proprie risorse artistiche per mettere su un Festival che possa essere ricordato positivamente.

A maggior ragione quando nei cinque anni precedenti, tre di Carlo Conti e due di Baglioni, i risultati dal punto di vista degli ascolti, ma non solo, sono stati eccellenti.

Lucio Presta dicevamo non è manager di personaggi musicali ma principalmente televisivi come Antonella Clerici, Lorella Cuccarini, Paola Perego, Belen, Paolo Bonolis, Federica Panicucci, Ezio Greggio per fare qualche esempio.

Ora ancora prima della nomina di Amadeus, quella di Sanremo 2020 è stata annunciata come un’edizione corale visto che sarà la 70esima. Un’edizione che coinvolgerà volti che hanno fatto incrociato in modo significativo la propria storia con quella del Festival.

Quindi se oltre a Pippo Baudo dovessero essere coinvolti Paolo Bonolis (presentatore di due edizioni molto innovative della kermesse, nel 2005 e nel 2009), Lorella Cuccarini (valletta al fianco di Baudo nel ’93 e cantante in gara due anni dopo) e Antonella Clerici, una delle quattro donne ad aver condotto Sanremo (oltre lei Loretta Goggi, Simona Ventura e Raffaella Carrà) a nostro pare non ci sarebbe nulla di male, anzi, onestamente lo diamo quasi per scontato.

Sul resto ovviamente Lucio Presta potrà essere sia criticato che elogiato, dipenderà da come spalleggerà Amadeus.

Le critiche potrebbero arrivare se su quel palco apparissero, tra le sue assistite, personaggi la cui caratura artistica non è al momento da Festival di Sanremo, nomi come Elena Santarelli, Federica Fontana, Melissa Satta, Elenoire Casalegno

Ma se su quel palco arrivasse un altro suo assistito, un numero uno come il Premio Oscar Roberto Benigni e allora ben venga “il conflitto d’interessi”. Parliamo, come per Jovanotti e Fiorello, di un valore aggiunto, di un artista che non insegue la Rai ma che dalla Rai di solo è inseguito.

Archiviate per quel che ci riguarda le polemiche televisive passiamo all’unica musicale…

SANREMO 2020 AMADEUS, IL CONFLITTO D’INTERESSI e ORA O MAI PIÙ

Partiamo da una premessa, la carriera di Amadeus, per chi se lo fosse dimenticato, parte proprio dalla musica.

Il presentatore nasce come Dj nella mitica Radio Deejay dell’epoca Claudio Cecchetto e, in seguito, diventa volto televisivo conducendo tra l’alto per ben cinque anni consecutivi la trasmissione musicale per eccellenza dell’estate italiana, il Festivalbar.

Da due anni a questa parte Amadeus è tornato ad avere a che fare con la musica in tv presentando Ora o mai più, format televisivo che ha l’obbiettivo di provare a dare una seconda chance ad artisti che, dopo un exploit, più o meno lungo, hanno perso il treno del successo.

Va detto che Ora o mai più è stato un programma sbeffeggiato da una parte degli addetti ai lavori del mondo della musica ancora prima della partenza. Il pubblico invece lo ha premiato con ascolti crescenti rendendolo probabilmente il programma rivelazione degli ultimi dieci anni.

Talmente seguito, funzionale e ben condotto da mettere seriamente in difficoltà il dominio incontrastato sul sabato sera televisivo di Maria De Filippi.

Eppure nonostante questo sembra esserci quasi del “bullismo psicologico” nel voler scoraggiare il presentatore dal coinvolgere artisti provenienti da questo programma.

Non si capisce perché vanno bene quelli di Amici di Maria De Filippi, quelli di X Factor (da cui il vincitore per anni, anche nell’epoca Sky, ha avuto accesso diretto alla kermesse) ma non quelli di Ora o mai più no.

Insomma bisogna strizzare l’occhio ai giovani e solo a loro. perché, testuali parole, “al pubblico non interessano le canzoni di un bollito“.

Ora ci piacerebbe soprassedere su questa definizione decisamente offensiva, soprattutto quando arriva da qualcuno che ha sempre criticato chi, come Michele Monina per esempio, di questo linguaggio ne ha fatto una firma, ma non ci riusciamo.

È vero, la maggior parte dei cantanti che hanno partecipato a Ora o mai più difficilmente ritroverà o imboccherà la via del successo. Alcuni di loro però potrebbero ritagliarsi uno spazio, se gliene viene data la possibilità.

Dal programma sono passati artisti con uno storico non trascurabile per quel che concerne le vendite (Massimo Di Cataldo per esempio) o la credibilità (vedi Paolo Vallesi) oppure indiscusse doti vocali, come la vincitrice della prima edizione, Lisa e Silvia Salemi.

I “bolliti” ci sono ovunque, anche tra i giovani, anche tra quelli che escono da Amici di Maria De Filippi, per dire eh! Certo è che se chi si occupa di musica appare in tv più degli artisti stessi…

Tra l’altro fa sorridere come per dare una risposta su quel che il pubblico gradisce viene usato Mahmood, vincitore della scorsa edizione, artista praticamente ignorato per tre anni dalla stampa musicale, fatta eccezione per quella web che ha sempre parlato dei suoi progetti.

Insomma, ci piacerebbe capire perché in un cast di 20/22 cantanti non si potrebbe trovare posto per un artista di Ora o mai più in caso questi presentasse una canzone davvero bella.

In un mondo giusto se qualcuno cade, lo aspetti. E questo Amadeus lo sa perché uno che nella sua carriera è caduto e si è rialzato, a volte aiutato dai colleghi stessi.

SANREMO 2020 È di tutti

Il motto del Sanremo 2020 di Amadeus è molto semplice Sanremo è di tutti.

Qualcuno potrà persino dire che è una frase banale e scontata. Ma chi lavora nell’ambiente musicale non può fingere di non sapere che Sanremo, da diversi anni a questa parte, non è di tutti e, sopratutto, non è per tutti gli artisti.

Eppure con 22 posti in gara si potrebbe cercare di far convivere tutti i generi musicali, dal pop al rap, dal cosiddetto “indie” all’ elettronica, artisti che abbracciano tutte le fasce di età, dal teen idol al cantautore.

Si potrebbe dare spazio a quelli che appaiono regolarmente nelle classifiche di vendita ma anche a chi invece non ci appare, e forse per riprovarci avrebbe bisogno di esposizione.

Questo dovrebbe essere Sanremo, un palco per tutti in cui è la canzone a vincere ed è il pubblico a sceglierla col tempo.

Ma questo non accade. Ci sono nomi che non hanno più accesso al palco del Festival di Sanremo nonostante la bellezza della canzone che presentano; ce ne sono altri che invece vengono considerati troppo big per gareggiare nei giovani e troppo giovani per farlo nei big.

Ecco big/campioni, già il nome stesso della categoria andrebbe rivisto se vogliamo evitare le solite polemiche.

Andiamo sul pratico…

Seguendo questa logica sbagliò Carlo Conti quando prese, a poco tempo dall’esperienza nel suo Tale & Quale Show, Valerio Scanu con un bellissimo pezzo (interpretato magistralmente) scritto da Fabrizio Moro?

E lo stesso Conti sbagliò quando, sfidando questi pregiudizi e regole non scritte, decise di puntare sul nome di Michele Bravi, un ragazzo che a vent’anni era stato già bollato come finito (o “bollito”) dalle discografiche e dalla stampa musicale? Pubblico e i numeri direbbero il contrario.

Sono state scelte coraggiose e controcorrente a fare la differenza per Conti, nel bene e nel male (vedi improbabili accoppiate dei suoi Festival).

Grazie a queste Ermal Meta è stato riconfermato nei big e ha spiccato il volo.

Grazie a queste Paola Turci, da 16 anni tenuta lontana dal Festival nonostante il suo storico, ha potuto rinascere artisticamente sotto gli occhi del pubblico.

Detto questo non facciamo finta di non vedere che anche un cast stellato, osannato e al passo coi tempi come quello dello scorso Festival, ha purtroppo faticato nelle vendite. Solo 3 dei 24 album usciti infatti hanno superato il traguardo delle 25.000 copie (disco d’oro).

Questo perché è la discografia che è in crisi e al momento vive di streaming. E Sanremo non può inseguire solo lo streaming.

Sanremo deve mostrare le nuove tendenze musicali, deve mostrare la tradizione italiana, deve dare nuove possibilità agli artisti, deve trovare giovani di talento come Ultimo… il Festival di Sanremo ha una grande responsabilità essendo l’unica vetrina musicale rimasta nel panorama televisivo italiano.

E Amadeus, tra consigli e critiche, questo lo sa. Sanremo è di tutti.


In Copertina

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 21 febbraio

Radio date 21 febbraio 2020.Il radio date di questa settimana soffre nuovamente gli effetti del Festival di Sanremo. Anche oggi i big della musica italiana.

Morgan: la verità sulla partitura insuonabile dall'orchestra e sull'esecuzione dalla D'Urso

Il Maestro Valeriano Chiaravalle svela nuovi dettagli sull'arrangiamento di Morgan per la cover di Endrigo ma non solo, da un filmato di Red Ronnie.

Michele Bravi è pronto a tornare... "La Geografia del buio" è il nuovo album

A tre anni di distanza da "Anime di carta" il cantautore è pronto a tornare con un disco che è un viaggio in un labirinto alla ricerca della luce.

Benji & Fede è finita! C'eravamo tanto amati... e poi?

Benji & Fede hanno annunciato il loro ultimo concerto insieme.Era ora che Benjiamin Mascolo e Federico Rossi avessero vita autonoma. Perché i due sono un.

Morgan Bugo, Achille Lauro e tutto il trash che c’è vince contro la buona musica. Di chi è la colpa?

Finito il Festival non si parla altro che di Morgan Bugo a discapito della bella musica che abbiamo ascoltato. Ma di chi è la colpa?.

Classifica Spotify Settimana #7: Diodato, Pinguini, Achille Lauro e Fasma portano in trionfo il Festival di Sanremo

Le classifiche Spotify di questa settimana vedono l'approdo in massa dei pezzi che hanno partecipato al Festival di Sanremo con qualche sorpresa.

All Music Italia Awards 2019: ecco i vincitori nelle 6 categorie del premio

Sei categorie, oltre 10.000 voti. Ecco a quali dischi andranno gli All Music Italia Awards 2019.

SANREMO 2020: PREMIO TESTO & ConTESTO. I testi migliori (e i peggiori) del Festival

Quali saranno i testi (e le singole frasi) migliori e peggiori di questo Sanremo 2020 per il Prof. di Latino di All Together Now?.

Radio Date 2020: tutti i singoli italiani in uscita durante l'anno

Da gennaio a dicembre, tutti i brani italiani in uscita settimana per settimana.

ALL MUSIC ITALIA promuove la musica, non vende la pubblicazione di articoli!

A seguito di alcune segnalazioni da parte di artisti emergenti e produttori ci troviamo costretti a ribadire alcuni importanti concetti sulla natura del nostro sito.

Pagelle Nuovi singoli

Le recensioni del nostro critico musicale Fabio Fiume

ALBUM ITALIANI IN USCITA NEL 2020

Ecco tutti i dischi in arrivo nei prossimi mesi

Interviste

Intervista a Edwyn Roberts: "Sono concentrato sul mio percorso autorale ma mi sento anche pronto per Sanremo..."

Edwyn è co-autore di "Fai rumore", brano vincitore del 70esimo Festival di Sanremo. Con lui parliamo del suo percorso d'autore, di quello da cantautore e del sogno ancora nel cassetto.

Videointervista a Mameli: "Sono in una fase in cui sto imparando un sacco di cose"

"Non ci sei più" è il nuovo singolo di Mameli, che anticipa l'album che vedrà la luce nel 2020. Ecco la nostra videointervista di presentazione del progetto. .

Videointervista a Diodato: “Ho fatto tanta gavetta ed è bello che ciò venga riconosciuto”

Videointervista al vincitore del Festival di Sanremo Diodato che con il brano "Fai Rumore" ha conquistato le classifiche. A poche ore dall'uscita dell'album "Che vita meravigliosa".

Videointervista ad Antonio Maggio: da Sanremo a "La Faccia e il cuore"

Antonio Maggio La Faccia e il cuore. Antonio Maggio è tornato quest'anno al Festival di Sanremo dopo la vittoria tra le Nuove proposte del 2013.Quest'anno.

Videointervista a Rancore: “Ho sognato una mela che si stacca dall’albero...”

Rancore è l'ultimo artista in gara previsto nella scaletta del Festival 2020. Lo abbiamo incontrato a poche ore dalla finale per parlare di "Eden".

Videointervista a Junior Cally e i Viito: “Non tutti riescono a capire la differenza tra fiction e realtà”

Dopo le numerose polemiche, Junior Cally ha deciso di far parlare soprattutto la sua musica. "No Grazie" è il brano in gara, mentre "Vado al massimo" di Vasco Rossi la cover.

Videointervista a Elio Cipri, promoter e discografico, da 53 anni al Festival di Sanremo

Promoter, discografico, direttore artistico di importanti progetti... la storia della discografica italiana corre di pari passo alla figura di Elio Cipri .

L'editoriale del direttore

di Massimiliano Longo

Morgan, la lenta agonia di un artista a favore di camera

Bugo e Morgan. Nell'ultima settimana sui siti internet, nelle riviste e in televisione non si è parlato d'altro. Di Morgan soprattutto (vedi qui).E così, se da una parte abbiamo un artista, Bugo, ferito da quanto successo al Festival di Sanremo, che cerca di far conoscere il suo album, l'ottimo Cristian Bugatti, cercando di lasciar parlare...

News

Galeffi "Settebello" è il titolo del nuovo album in arrivo a marzo

L'album, già anticipato da tre singoli, sarà lanciato con il brano omonimo.

Daniel unisce reggaeton, dance e suoni tribali, nel nuovo singolo "Gonna" (testo e audio)

Dopo il successo degli ultimi due singoli il giovane artista si conferma il principe del reggaeton italiano.

La Rappresentante Di Lista: in partenza il tour tra sold out e nuove date

Dopo gli ottimi riscontri ricevuti per la loro partecipazione al Festival di Sanremo in veste di ospiti di Rancore e Dardust, è tutto pronto per il nuovo tour de La Rappresentante di Lista.

Fausto Leali: dopo Sanremo un tour che lo porterà... in Australia e...

Dopo essere tornato sul palco di Sanremo in qualità di ospite di Michele Zarrillo, Fausto Leali si sta preparando per un tour teatrale che toccherà anche l'Australia!.

Morgan: la verità sulla partitura insuonabile dall'orchestra e sull'esecuzione dalla D'Urso

Il Maestro Valeriano Chiaravalle svela nuovi dettagli sull'arrangiamento di Morgan per la cover di Endrigo ma non solo, da un filmato di Red Ronnie.

Nitro: nel nuovo album feat. con Fabri Fibra, tha Supreme, Dani Faiv e molti altri ancora

Il nuovo progetto discografico rappresenta la prima uscita firmata ARISTA, storica label di Sony Music .

Cordio: annunciate altre date live aspettando... i nuovi brani prodotti da Ermal Meta

Sono passati tre mesi dall'uscita dell'Ep "Ritratti Post Diploma" di Cordio. Ora, in attesa di nuovo brani, sono state annunciate tre date live.

Diodato e Brunori Sas tra i candidati ai David di Donatello 2020

La cerimonia si svolgerà nel mese di aprile e sarà trasmessa in diretta su Rai 1.

Rita Pavone racchiude la sua storia in un doppio album con 37 canzoni

Nel disco anche duetti con Lucio Dalla, Planet Funk, Dario Gay, Paul Anka, Franco Simone.

I Ricchi e Poveri si trasformano in... cartoni animati e lanciano il nuovo videoclip

Dopo la reunion sanremese per i Ricchi e Poveri è il momento del videoclip del brano "L'ultimo amore" che li vede in un'inedita versione... animata!.

DiMaio e la potenza della sua doppia vocalità in "Bianco" scritto da Dardust

"Mi piacciono tanto le sfide che ho deciso di curare anche la direzione artistica dell’album" afferma Dardust.

Michele Bravi è pronto a tornare... "La Geografia del buio" è il nuovo album

A tre anni di distanza da "Anime di carta" il cantautore è pronto a tornare con un disco che è un viaggio in un labirinto alla ricerca della luce.

Cesare Cremonini il nuovo singolo estratto dal Best of è "Giovane stupida"

Da giugno il cantautore sarà impegnato con un tour negli stadi italiani.

Eurovision Song Contest 2020: nel brano dei belgi Hooverphonic c'è un po' di Italia

Si avvicina l'Eurovision Song Contest. E' stato presentato il brano dei belgi Hooverphonic che ha tra gli autori un noto ptoducer italiano.

Matteo Markus Bok: parte per la Florida per vivere il sogno, musicale, americano

Il giovane e talentuoso Matteo Markus Bok è partito per Miami per realizzare il suo sogno, grazie anche alla firma con 21 Entertainment e 21 Sunshine Records.

News
dalla discografia

KeepOn LIVE e SCF firmano la prima convenzione sul Diritto connesso per i festival

Club Tenco: il nuovo legale rappresentante è Sergio Staino

Mariano Fiorito nominato direttore generale di SCF Srl, la principale società di collecting dei diritti discografici

FIMI - Arriva il decreto... il videoclip è una forma d'arte

Giulia Anania firma un nuovo accordo in esclusiva con Warner Chappell Music Italiana

Assomusica: il biglietto nominale non risolve il problema del Secondary Ticketing

Lorenzo Vizzini: l'autore firma un contratto in esclusiva con BMG

Malcky G il più giovane rapper italiano firma un contratto con Universal Music Italia

Rubriche

Radio Date

Radio Date: tutti i nuovi singoli in uscita nella settimana del 21 febbraio

La mosca Tzè Tzè

Benji & Fede è finita! C'eravamo tanto amati... e poi?

Pagelle Nuovi singoli

Le pagelle del critico musicale ai nuovi singoli italiani in uscita il 14 febbraio

L'ANALISI

Analisi Sanremo 2020: ecco come Diodato ha conquistato la vittoria

Sondaggi

ALL MUSIC ITALIA AWARDS 2019 – Fase finale

Emergenti

Smiscio: il trauma per la perdita di un amico nel singolo “North Face”

MERIO dopo il duo Fratelli Quintale fuori il singolo "Isola"

Anteprima Video Fake: la ricerca di una risposta che non sempre è puntuale nel singolo “Così”

Il nuovo singolo di Voodoo Kid è "Tempi alterni"

Camilla Magli omaggia I Cani con una sua personale rivisitazione de "Il posto più freddo"

I Disarmo trasformano le Instagram stories in una canzone con "Pillole 2D"

Certificazioni Fimi settimana 7: il repack porta i Pinguini Tattici Nucleari all'oro

Classifica Spotify Settimana #7: Diodato, Pinguini, Achille Lauro e Fasma portano in trionfo il Festival di Sanremo

Classifiche di Vendita FIMI settimana 7: tra i Sanremesi vincono i Pinguini Tattici Nucleari e Fasma

Classifica Radio Earone Settimana #7: The Weeknd primi, i Pinguini Tattici Nucleari sul podio

Certificazioni Fimi settimana 6: nuovi riconoscimenti per Salmo e FSK Satellite

Sanremo 2020 classifica passaggi radio Earone: in vetta Elodie, Achille Lauro e Diodato

Recensioni

Diodato – Che Vita Meravigliosa… se sai osservarla, capirla, viverla

Elodie This Is Elodie: Ante dell’armadio aperte, ecco tutto il suo guardaroba.

Marracash Persona: recensione di uno dei migliori dischi rap degli ultimi 10 anni

Tiziano Ferro Accetto Miracoli: Venti di cambiamento per un artista che si ha ancora il piacere di attendere… ancora ed ancora.

Mina Fossati: Un grande disco che… non mi piace.

Gianna Nannini: La Differenza è ritornare all’essenzialità.

Video

Simona Molinari Intervista Aspettando il Blue Note...

Dj Jad e Wlady Intervista Rompe

Mameli Intervista Non ci sei più

Diodato Intervista Sanremo 2020 Fai Rumore

Valentina Parisse Intervista Sanremo 2020 Nell'estasi e nel fango

Sanremo 2020 Testo & Contesto di Davide Misiano - I testi migliori e i peggiori del Festival

Rancore Intervista Sanremo 2020 Eden

Junior Cally Viito Intervista Sanremo 2020 No Grazie

La Rappresentante di Lista Intervista Sanremo 2020

Antonio Maggio Intervista Sanremo 2020 La faccia e il cuore

Elettra Lamborghini Intervista Sanremo 2020 Musica (E il resto scompare)

Ricchi e Poveri Intervista Sanremo 2020 Reunion