Sanremo 2015 Nuove Proposte: KUTSO ed ENRICO NIGIOTTI in semifinale

kutso-nigiotti

La seconda serata del Festival di Sanremo 2015 ha decretato i primi eliminati, e al contempo i primi semifinalisti, della categoria Nuove Proposte.

A contrapporsi in due sfide, subito in partenza durante l’access prime time come detto più volte negli scorsi mesi per dare più attenzione agli emergenti sanremesi, i romani Kutso e Kaligola da un lato, la savonese Chanty e il livornese Enrico Nigiotti dall’altro.

La band romana dei Kutso ha trionfato portando un po’ di pazzia al Festival con la loro Elisa, già molto suonata in radio (parte delle edizioni del pezzo è di proprietà della Ultrasuoni, etichetta del patron di RTL Lorenzo Suraci) battendo con il 59% il rapper 17enne Kaligola con la delicata Oltre il giardino, emozionato e accompagnato dal nonno in veste di direttore d’orchestra.

Ecco il video saluto dei Kutso ad All Music Italia!

La cantante soul Chanty ha purtroppo fatto i conti con i problemi di voce, causati da un’influenza, che non le ha permesso di dare il massimo nella bella Ritornerai, lasciando spazio in semifinale all’ex concorrente di Amici di Maria De Filippi Enrico Nigiotti che ha trascinato il pubblico del teatro Ariston con la sua orecchiabile Qualcosa da decidere conquistando il 52% di voti fra televoto e sala stampa. Gianna Nannini ha già messo gli occhi su di lui e lo porterà con sé in tour.

Durante la terza serata di giovedì 13 febbraio spazio ad altri quattro Giovani. Secondo gli ultimi rumor le sfide sul palco vedranno protagonisti Amara contro Serena Brancale e Giovanni Caccamo contro Rakele. Sarà confermato? Non resta che attendere!

Ricordiamo che venerdì i quattro semifinalisti si sfideranno fra di loro per arrivare a decretare i due finalisti che si contenderanno l’ambito premio.

Vi lasciamo con le nostre interviste a Chanty e Kaligola:

  Laureando in giornalismo, cantante per vocazione, responsabile Officina del Talento qui su All Music Italia, speaker per Radio Stonata, redattore per Eurofestival News. Un ragazzo multitasking direbbero gli inglesi, poiché non riesco a fare una sola cosa in un solo momento. Sento l’esigenza inconscia di incasinarmi la vita con troppi impegni nel mondo della comunicazione e tutti rigorosamente legati alla musica. Vivo costantemente alle prese con file mp3, video Youtube, status su Facebook, hashtag su Twitter, post nei forum. Ma appena possibile stacco il cervello, butto due cose in valigia e parto alla scoperta del mondo.
segui su: