BIGGIO e MANDELLI: VIDEO casalingo per “Vita d’inferno” con richiami al passato

biggiomandelli_vitadinferno

Biggio e Mandelli, con aria spaesata e stralunata durante tutto il video, mostrano cartelli con il testo della canzone Vita d’inferno, con cui hanno calcato il palco dell’Ariston tra i Big del 65° Festival di Sanremo, dopo esservi passati nel 2012 in veste di ospiti.

Il video, che in dieci giorni ha collezionato 170.000 visualizzazioni su YouTube, interamente girato all’interno di un appartamento, mostra i due attori nascondersi dietro piante, sotto la scrivania, infornare il testo della canzone e apparire nei luoghi più strani, sulla porta del bagno o sdraiati su di un tappeto, intonando e mostrando il testo del loro brano.

In modo scanzonato raccontano le situazioni particolari che possono capitarci quotidianamente “in cerca di un parcheggio ho perso un pomeriggio” o di frasi fatte “se piove è sempre colpa del governo” e poi il succo di tutto “la vita è un’avventura misteriosa, bizzarra, sorprendente, capricciosa…“.

La canzone non è riuscita ad entrare nella finalissima ma ha fatto comunque parlare si sé, per l’interpretazione sullo stile di Cochi e Renato e soprattutto per esser approdata alla manifestazione canora italiana per eccellenza.

L’idea di mostrare su dei cartelli il testo della canzone non è però una novità, questa situazione rimanda alla memoria Subterrenean homesick blues di Bob Dylan, il quale durante tutto il video, quasi impassibile davanti alla telecamera sfoglia con velocità cartelli con le parti salienti del testo.

A Sanremo, invece, in gara altri artisti si sono presentati con dei “supporti” sul palco: da ricordare Enzo Carella, secondo classificato nel 1979 con la canzone Barbara, che portò, cantando in playback, quattro ragazze con dei cartelli poggiati sulle loro spalle con da una parte la stampa di delle labbra rosse e dall’altra passaggi della canzone.

Nel 1995 Daniele Silvestri arrivò decimo nella finale delle Nuove Proposte cantando seduto e sfogliando poster con il testo della sua bella canzone L’uomo col megafono, che non passò inosservata.

Per l’esibizione di Biggio e Mandelli va menzionata anche la presenza di una banda musicale in accompagnamento al testo ironico, tale supporto rende il ritmo più incalzante e simpatico; però anche in questo caso non si tratta di una novità, in quanto altri artisti in passato furono accompagnati sul palco da una banda, tra gli altri Valentina Giovagnini nel Sanremo Giovani del 2001 fu “scortata” dalla banda del suo paese, nel 2007 Tosca fece una memorabile esibizione de Il terzo fuochista ed addirittura i Gemelli DiVersi nel 2009 nella serata della rivisitazione della canzone in gara, fecero una versione originale del loro brano Vivi per un miracolo.

VITA D’INFERNO – BIGGIO & MANDELLI – VIDEO UFFICIALE

TESTO “Vita d’inferno”
(F. Biggio – F Mandelli – M. Ferro)

Lasciatemi vi prego lamentare
di questa vita infame ingenerosa
è un cumulo continuo di fatiche
di stress e patimenti senza posa
ho comperato un tablet col wi-fi
la connessione non funziona mai
e all’ora della Champions League
mio figlio vuol vedere Peppa Pig
in cerca di un parcheggio
ho perso un pomeriggio
la sera al ristorante
m’han lasciato in mutande
ed al mattino…
mi sveglio e m’han fregato il motorino

vita d’inferno
fortuna che non dura in eterno
vita d’inferno
se lo sapevo prima rimanevo dentro l’utero materno
vita d’inferno
si soffre sia d’estate che d’inverno
vita d’inferno
ho voglia di morire e andare a dire due parole al padreterno

è vero che c’è sempre chi sta peggio
chi affoga proprio mentre io galleggio
ma non è poi così rassicurante
se quel che affoga era il tuo galleggiante
mio cugino pensa stamattina
ha portato l’auto in officina
per sostituire il faro posteriore
gli han cambiato tutti i pezzi del motore
la vita è un’avventura misteriosa
bizzarra sorprendente capricciosa
l’essere umano è un dono del creato
ancora di più se penso che son nato
e che son vivo…
per la rottura di un preservativo

vita d’inferno
fortuna che non dura in eterno
vita d’inferno
se lo sapevo prima rimanevo dentro l’utero materno
vita d’inferno
se piove è sempre colpa del governo
vita d’inferno
si soffre come ai tempi degli antichi ma in un modo più moderno
sono milioni di milioni tutte le generazioni
che han vissuto nonostante il giramento di…
convincendosi che il giorno della fine dell’inferno arriverà
sono milioni di milioni tutte le generazioni
che han vissuto nonostante il giramento di…
convincendosi che il giorno della fine dell’inferno arriverà…

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: